Diocesi di roma


La gioia condivisa prima ancora del Battesimo



Scaricare 190.5 Kb.
Pagina7/55
29.03.2019
Dimensione del file190.5 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   55
4. La gioia condivisa prima ancora del Battesimo. Già la nascita di un bambino - soprattutto in questo tempo di “culle vuote” - è un evento che rallegra non solo la famiglia in cui il bimbo è nato, ma anche l'intera comunità. Anche se il Battesimo verrà celebrato successivamente, la parrocchia può manifestare attenzione e premura verso il neonato e i suoi genitori.

Se la comunità cristiana è radicata nel quartiere non mancherà occasione di venire a sapere che in un palazzo è nato un bambino. Il fiocco azzurro o rosa - tradizione ancora presente nella nostra città - è un segno pubblico che la famiglia porge di questo evento gioioso.

L’arrivo di un neonato in una casa (soprattutto del primo), segna un grande cambiamento nella vita quotidiana della sua famiglia. I genitori concentrano tutta la loro attenzione - pensieri, parole, orari, luoghi - sul nuovo venuto. Questo periodo di grande gioia e di entusiasmo non è privo di tensioni, preoccupazioni, fatiche. I genitori percepiscono più o meno consapevolmente di essere davanti ad un evento più grande di loro e necessitano di sostegno.

Se nella Messa domenicale sono presenti bambini appena nati, ma non ancora battezzati, si può dare, se le famiglie stesse lo gradiscono, l’annuncio in chiesa della nuova nascita perché tutti possano simbolicamente stringersi con affetto intorno ai neonati ed alle loro famiglie. È un primo segno di accoglienza ancor prima della celebrazione del Battesimo.





Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   55


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale