Dipartimento di lingua inglese



Scaricare 126.88 Kb.
14.11.2018
Dimensione del file126.88 Kb.

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE
Programmazione generale

Finalità dell'insegnamento della lingua straniera


  • L'acquisizione di una competenza comunicativa che renda capaci gli studenti di affrontare situazioni di comunicazione gradatamente più complesse e varie a seconda del contesto;

  • La conoscenza della dimensione culturale della civiltà di cui si studia la lingua;

  • L'acquisizione, tramite il confronto con diverse realtà socio-culturali, di sentimenti di rispetto e di pari dignità per usi e costumi diversi dai propri;

  • Lo sviluppo di attività intellettive, quali analisi, sintesi, induzione,deduzione;

  • Una maggiore consapevolezza del funzionamento della L1, e analisi delle differenze con la L2.

  • Promozione di un atteggiamento critico e problematico capace di favorire la comprensione della realtà nel suo aspetto linguistico, letterario, storico e sociale.



Metodologia


  • L'approccio metodologico è prioritariamente di tipo comunicativo, puntando più ad una competenza d'uso che a una conoscenza morfosintattica della lingua;

  • Lo studente deve non solo ”conoscere”, ma anche “saper fare”. Egli acquisisce conoscenze e competenze tramite attività da cui estrapola e stabilisce regole e modelli che vengono poi strutturati in un adeguato quadro di riferimento.

  • Le quattro abilità (listening/speaking/reading/writing) vengono sviluppate in modo integrato. La lingua usata in classe sarà prevalentemente, e in modo progressivamente più intenso nell'arco del quinquennio, la lingua straniera.



Obiettivi trasversali


  • Acquisire un comportamento corretto e responsabile verso gli altri e verso l'ambiente scolastico;

  • Acquisire interesse e motivazione allo studio;

  • Acquisire capacità espositive sempre più ricche e corrette;

  • Acquisire capacità di affrontare argomenti nuovi in modo autonomo e, infine, di rielaborarli personalmente;

  • Imparare ad utilizzare, in modo consapevole e critico, appunti,testi, dispense;

  • Acquisire consapevolezza delle proprie conoscenze e competenze al fine di una corretta autovalutazione.



Competenze trasversali di cittadinanza


  • Imparare a imparare ( apprendere una lingua vuol dire imparare ad utilizzare strategie, tecniche, conoscenze in modo personale e originale);

  • Progettare (i punti focali e la sequenza logica nel discorso orale o nel testo scritto);

  • Risolvere problemi ( per raggiungere l'obiettivo di comunicare in modo efficace);

  • Individuare collegamenti e relazioni (nella comprensione orale e scritta);

  • Acquisire e interpretare informazioni (da testi scritti, orali multimediali);

  • Comunicare (la lingua è lo strumento per eccellenza della comunicazione)

  • Collaborare e partecipare ( ogni lezione richiede la partecipazione degli alunni che leggono, traducono, rispondono a domande, riassumono, esprimono opinioni);

  • Agire in modo autonomo e responsabile (acquisire una buona padronanza linguistica vuol dire utilizzare le conoscenze e le abilità per produrre discorsi orali e scritti, coerenti e coesi, operando scelte e compensando le incertezze e le lacune così che il prodotto finale risponda allo scopo).



Obiettivi specifici del primo biennio


  • Comprendere messaggi orali riguardanti situazioni di vita quotidiana e rispondere in modo adeguato anche tenendo conto della pronuncia e dell'intonazione;

  • Sostenere semplici conversazioni in situazioni comunicative ricorrenti arrivando progressivamente a distinguere tra registro formale e informale. Saper riassumere un brano, un film, un evento, ed esprimere il punto di vista personale.

  • Comprendere, nelle loro linee essenziali e particolari, testi scritti progressivamente più elaborati.

  • Redigere brevi testi (lettere, descrizioni, messaggi, riassunti ecc.) in modo sostanzialmente corretto.

  • Riutilizzare il lessico e le strutture apprese in situazioni comunicative progressivamente più complesse.

  • Riflettere sulle strutture grammaticali, saperne esplicitare il funzionamento e applicarle in contesti diversi.


Articolazioni delle competenze in abilità e conoscenze:


CONOSCENZE
Conoscere le strategie per la comprensione globale e selettiva di testi e messaggi scritti, orali, multimediali e le tecniche d'uso dei dizionari;
Conoscere le strutture grammaticali di base della lingua, il sistema fonologico, il ritmo e l'intonazione della frase, ortografia, punteggiatura, lessico, fraseologia idiomatica relativi ad argomenti di vita quotidiana
Conoscere le varietà di registro.

ABILITA'
Saper interagire in conversazioni su argomenti di interesse personale, quotidiano.

Saper produrre discorsi e testi semplici e coerenti su tematiche di interesse personale, quotidiano.

Saper utilizzare un repertorio lessicale semplice e adeguato per esprimere bisogni quotidiani, descrivere esperienze, narrare avvenimenti personali o relativi alla propria esperienza.

COMPETENZE
Utilizzare la lingua inglese per i principali scopi comunicativi.


Produrre discorsi e testi scritti appropriati ai principali scopi comunicativi.


Raggiungere il livello

B1del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere.



Livello B1 C. E. F. R . (soglia o intermedio) (utente autonomo):
L'alunno è in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard riguardanti argomenti familiari, che affronta frequentemente al lavoro, a scuola, nel tempo libero ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una zona dove si parla la lingua. Sa produrre un testo semplice relativo ad argomenti che siano familiari o di interesse personale. E' in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti.
Obiettivi specifici del secondo biennio


  • Curare l'approfondimento linguistico delle abilità ricettive e produttive

  • Dare risalto all'abilità di lettura anche attraverso l'uso di materiali autentici.

  • Curare l'abilità di scrittura tramite la produzione di varie tipologie di testo, stimolando la capacità di sintesi e di rielaborazione.

  • Potenziare la comprensione di testi orali diversificati per difficoltà, registro, contesto.

  • Sviluppare la produzione di testi orali adeguati a contesti diversi, con particolare attenzione alla fluency e ad un uso del lessico pertinente e progressivamente più ampio.

  • Avviare allo studio sistematico del testo letterario o scientifico- tecnologico, avendo come fine non solo le conoscenze ma anche sviluppare l'interesse e la curiosità degli allievi per la lettura e far loro acquisire la consapevolezza dell'interdipendenza tra testo e contesto.

  • Potenziare la comprensione di testi diversi con priorità per i generi e le tematiche che risultano motivanti per lo studente e per le tematiche e i linguaggi propri dell'epoca moderna e contemporanea.




  • Confrontare i testi letterari provenienti da lingue e culture diverse.

  • Utilizzare le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione per approfondire argomenti di studio.



Articolazione delle competenze in abilità e conoscenze:


CONOSCENZE
Conoscere gli aspetti socio-linguistici e paralinguistici dell'interazione orale, in relazione al contesto e all'interlocutore, conoscere le strutture morfo-sintattiche accento, ritmo, intonazione, punteggiatura, e divisione in paragrafi), il lessico e la fraseologia idiomatica; gli aspetti socio-culturali della lingua inglese e dei paesi anglofoni.
Conoscere le caratteristiche delle varie tipologie di testo, soprattutto quelle professionali, di coerenza e coesione del discorso; le strategie di comprensione globale e selettiva di testi; le tecniche d'uso del dizionario e della grammatica.
Conoscere i contenuti delle aree professionali

ABILITA'
Saper interagire in modo spontaneo e appropriato nelle varie situazioni, anche professionali.

Saper comprendere e utilizzare varie tipologie testuali, anche professionali, individuando idee principali e dettagli; saper esprimere opinioni, intenzioni, ipotesi: saper utilizzare il dizionario e la grammatica in autonomia.

Saper redigere testi professionali utilizzando il lessico specifico; saper comprendere globalmente e analiticamente opere letterarie.


COMPETENZE
Padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio per interagire in contesti professionali.

Produrre discorsi e testi scritti appropriati ai contenuti e ai registri richiesti.


Produrre discorsi e testi di analisi di opere letterarie o relazioni tecnico-scientifiche.





Obiettivi specifici del quinto anno


  • Saper riconoscere i molteplici rapporti tra L1 e L2 e stabilire raffronti.

  • Saper trasporre in lingua italiana brevi testi scritti in inglese relativi all’ambito di studio e di lavoro, e viceversa.

  • Padroneggiare gli strumenti espressivi indispensabili per gestite l’interazione comunicativa verbale in contesti di studio e di lavoro.

  • Utilizzare la lingua straniera nello studio di argomenti di discipline non linguistiche (CLIL).

  • Saper utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (team working) per operare in contesti di studio e di lavoro.

  • Acquisire un metodo di studio sempre più autonomo.

  • Esprimersi creativamente nella comunicazione linguistica.



Articolazione delle competenze in abilità e conoscenze:


CONOSCENZE
Conoscere il lessico necessario per comunicare le proprie idee, le proprie ipotesi interpretative e critiche; conoscere la micro-lingua letteraria scientifica/ tecnica

Conoscere le strutture complesse della lingua (sequenze tempi verbali, uso dei modals, connettori logici, phrasal verbs)

Conoscere le caratteristiche testuali dei vari generi letterari/ relazioni tecniche/ lettere formali



ABILITA’
Utilizzare strategie di ascolto differenti e adeguate al compito da svolgere(skimming/scanning) e tecniche di inferenza

Padroneggiare a livello orale e scritto il lessico adeguato e le strutture morfo-sintattiche complesse della lingua

Utilizzare in modo consapevole i registri linguistici e risorse differenti (cartacee e multimediali) per svolgere compiti complessi e fare ricerche


COMPETENZE
Comprendere messaggi orali e testi scritti di argomento anche complesso( letterario/scientifico/tecnico) non semplificati

Saper riflettere sulle analogie e le differenze L1/L2 e operare confronti tra la cultura italiana e straniera



Esprimersi in maniera corretta, sia all’orale che allo scritto, su argomenti letterari e di indirizzo, dimostrando discrete capacità di analisi, di collegamento e di rielaborazione
Riflettere sulle proprie modalità e strategie di apprendimento, strategie di soluzione dei problemi, i propri “punti forti e punti deboli”
Raggiungere il livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere


LIVELLO B2 C. E. F. R. ( Vantage o intermedio superiore):
L'alunno comprende le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. Può comunicare con un grado di spontaneità e scioltezza affinché l'interazione con un parlante nativo si sviluppi, senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un'ampia gamma di argomenti e spiegare un punto di vista su un argomento d'attualità, indicando vantaggi e svantaggi delle diverse opzioni.
Competenze minime
Classe prima

Comprensione: gli alunni dovranno saper cogliere il senso generale e i particolari più significativi di un breve testo scritto o orale contenente lessico e strutture coerenti coi testi proposti nel corso dell'anno.

Produzione: gli alunni dovranno saper comunicare oralmente in modo comprensibile, pur con qualche incertezza formale, in situazioni concrete e quotidiane corrispondenti a quelle incontrate durante l'anno, e dovranno saper produrre semplici testi scritti di ambito quotidiano ( descrizioni, risposte a questionari, brevi lettere, e-mails, messaggi) pur con qualche inesattezza.
Classe seconda

Comprensione e produzione orale: lo studente dovrà essere in grado di cogliere l'argomento essenziale di un discorso anche se non il significato di ogni singolo elemento; dovrà saper interagire con un parlante di L2, dando e chiedendo informazioni su argomenti familiari e personali, pur con qualche imprecisione formale.

Comprensione e produzione scritta: lo studente dovrà essere in grado da un lato di individuare il messaggio centrale di un testo e le principali informazioni esplicite, e dall'altro di rielaborare strutture e modelli linguistici proposti durante l'anno, prendere appunti e comporre, pur con qualche incertezza lessicale o strutturale, testi quali lettere informali, semplici descrizioni e sintesi.
Classe terza

Comprensione e produzione orale: l'alunno dovrà comprendere, per lo meno nelle linee essenziali, testi, a volte anche autentici, riferiti ad argomenti trattati e dovrà saper svolgere, in modo il più possibile autonomo, conversazioni in una lingua globalmente corretta ed appropriata al contesto.

Comprensione e produzione scritta: l'alunno dovrà essere in grado di comprendere, anche con l'ausilio del dizionario, testi di varia tipologia, cogliendone le linee essenziali ed i particolari più significativi; dovrà saper produrre testi globalmente corretti, riuscendo a distinguere ed utilizzare vari registri ed a riformulare, anche in forma di riassunto, testi precedentemente affrontati.
Classe quarta

Comprensione e produzione orale: l'alunno dovrà saper interagire in L2 esprimendosi con efficacia comunicativa su vari argomenti, inclusi quelli letterari per il liceo e di indirizzo per l'Itis, pur incorrendo in qualche imprecisione, che non sia però tale da compromettere la comprensione del messaggio.

Comprensione e produzione scritta: l'alunno dovrà comprendere anche con l'ausilio del dizionario, testi di vario genere inclusi quelli di tipo letterario per il liceo e di indirizzo per l'Itis, cogliendone le intenzioni di base e le principali componenti stilistiche e tecniche. Dovrà saper produrre, con linguaggio appropriato ai vari ambiti e sostanzialmente corretto, testi di varia tipologia.
Classe quinta

Comprensione e produzione orale e scritta: l'alunno dovrà comprendere testi orali e scritti su argomenti di letteratura/ di indirizzo e dovrà sapersi esprimere in maniera sostanzialmente corretta, dimostrando sufficienti capacità di analisi, di operare collegamenti e di rielaborazione dei testi presi in esame, al fine di raggiungere l'autonomia necessaria ad affrontare agevolmente l'esame finale, e il mondo del lavoro / i successivi studi.
Strategie didattiche
Lezione frontale (presentazione di contenuti e dimostrazioni logiche unidirezionale)

Lezione interattiva (discussione sui libri o a tema, interrogazioni collettive)

Lezione multimediale (utilizzo di audio-video)

Lezione/applicazione (simulazione d'esame)

Lettura skimming/scanning

mappe concettuali

Brainstorming (libere associazioni riferite ad un tema specifico)

Lettura e analisi diretta dei testi

Cooperative learning (lavoro collettivo guidato o autonomo)

Peer to peer (educazione tra pari- gruppi d'aiuto)

Problem solving (apprendimento per scoperta, definizione collettiva)

Flipped classroom (classe capovolta)

Attività di laboratorio (esperienza individuale o di gruppo)
Strumenti
Libri di testo

Testi cartacei di varia tipologia

Lavagna

Appunti e mappe concettuali

Articoli di riviste

Ricerche da varie fonti

filmati e materiali audiovisivi e multimediali

Dizionari

Fotocopie

Postazioni mobili/ pc

Laboratorio
Progetti curriculari
Madrelingua in classe

Proiezione di films in lingua inglese in laboratorio

Ore di recupero ULPS nelle classi

Attività CLIL (classi quinte)

Abbonamento a riviste (Speak Up, Learn Hot English )
Progetti extra-curriculari
Corsi di preparazione per esami Ket/Pet/First Cambridge

Mini vacanza-studio in UK

Viaggio delle classi quinte in una città europea

Teatro in lingua inglese

Madrelingua in classe

Partecipazione a gite e viaggi di istruzione finalizzati al contatto con realtà culturali legate al mondo anglofono o comunque europeo.
Progetto misto
Europe: yesterday,today,tomorrow (Inglese-Storia-Informatica-Diritto)
Modalità di verifica
- di tipo diagnostico (test d'ingresso)

- verifica formativa (per adeguare la programmazione in itinere)

- verifica sommativa ( per valutare i risultati raggiunti)

- verifica finale (alla fine del trimestre, pentamestre, dell'anno scolastico)

- verifica di comprensione o produzione

- verifica scritta o orale

- verifica strutturata (true/false, a scelta multipla)

- verifica semi strutturata ( a risposta aperta)

- verifica di produzione libera

- verifica di revisione o recupero
Griglie di valutazione
Nelle prove scritte strutturate ogni item ha un punteggio fisso. La somma totale viene fatta corrispondere ad un voto finale, calcolato attraverso una proporzione matematica.

GRIGLIA VALUTAZIONE PROVA SCRITTA SEMISTRUTTURATA


DESCRITTORI

INDICATORI

PUNTI

Correttezza Linguistica e Lessico Appropriato


L’alunno scrive frasi ben strutturate utilizzando un lessico appropriato


L’alunno fa qualche errore ma l’espressione linguistica è fluida

L’alunno si esprime in modo semplice con qualche incertezza. Gli errori grammaticali non ostacolano la comunicazion
L’alunno fa sistematicamente errori grammaticali e ortografici che ostacolano la comunicazione

3

2,5


2

1,5


(1)

Contenuto


Conoscenze complete


Conoscenze adeguate
Conoscenze essenziali
Conoscenze superficiali
Conoscenze gravemente lacunose

5
4
3


2
1

Organizzazione e rielaborazione


L’alunno rielabora in modo efficace e personale il discorso che risulta coerente e coeso


L’alunno organizza il discorso in maniera semplice, pur con qualche difficoltà nella rielaborazione
L’alunno non riesce ad organizzare e rielaborare il discorso in modo efficace

2

(1,5)



1

0,5



TOTALE ________
Fuori griglia: risposta non data o non pertinente p.0.

GRIGLIA VALUTAZIONE PRODUZIONE SCRITTA



DESCRITTORI

INDICATORI

PUNTI


Correttezza grammaticale sintattica e ortografica


Non fa errori grammaticali né ortografici

Fa qualche errore ma l'espressione linguistica è fluida

Fa pochi errori grammaticali o di ortografia che non ostacolano la comunicazione

Fa sistematicamente errori grammaticali e ortografici che ostacolano la comunicazione

L'elaborato presenta frasi incomplete e non di senso compiuto



3

2.5

2
1.5
1


Contenuto e appropriatezza

lessicale



Scrive frasi ben strutturate utilizzando unlessico appropriato; il registro è adatto alla funzione; la conoscenza degli argomenti è completa

Si esprime in modo chiaro con frasi compiute coerenti e coese; buona la conoscenza di tutti gli argomenti

Si esprime con lessico e sintassi adeguate, le conoscenze sono essenziali

Si esprime in modo semplice con qualche

incertezza nei contenuti

Esprime conoscenze limitate, il lessico e la sintassi sono limitate

Utilizza un lessico inadeguato ed esprime concetti confusi


4
3

2.5
2

1.5

1

Originalità e rielaborazione

Efficaci e complete

essenziali

parziali

superficiali e/o limitate


3

2

1

0.5


TOTALE ________

Fuori griglia: prova non svolta o non pertinente p.2


GRIGLIA VALUTAZIONE PROVA ORALE


DESCRITTORI

INDICATORI

PUNTI

Conoscenza dell'argomento

Completa

Adeguata con qualche imprecisione

Corretta ed essenziale

Parzialmente corretta

Lacunosa e limitata

5

4

3

2

1

Capacità espressiva

Linguaggio fluido ed appropriato

Linguaggio scorrevole e corretto

Linguaggio semplice

Linguaggio parzialmente corretto

Linguaggio confuso e frammentario

Linguaggio scorretto

3

2,5

2

1.5

1

0,5

Capacità di analisi e sintesi

Efficaci e complete

Adeguate

Essenziali

Superficiali

2

1,5

1

0,5


TOTALE _____________

Fuori griglia: rifiuto di sottoporsi al test: voto 2

Criteri di valutazione
( Per la valutazione saranno adottati i criteri stabiliti dal PTOF d'istituto)
Si terrà conto di:

  • livello individuale di acquisizione di conoscenze

  • livello individuale di acquisizione di abilità e competenze

  • progressi compiuti rispetto al livello di partenza

  • interesse

  • impegno

  • partecipazione

  • frequenza

  • metodo di studio acquisito

  • utilizzo del linguaggio specifico appropriato al contesto

  • capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e collegarle nell'argomentazione

  • capacità di discutere e approfondire gli argomenti



Per gli alunni con disabilità, disturbi di apprendimento, con PEI o PDP vengono adottate le strategie elaborate dal Gruppo di sostegno.




VADEMECUM DA UTILIZZARE PER GLI ALUNNI CON BISOGNI
EDUCATIVI SPECIALI

ALUNNI CON DISABILITA’ CERTIFICATA
Gli alunni diversamente abili seguiranno un Piano Educativo Individualizzato che verrà redatto, dopo un periodo di osservazione, dall’insegnante di sostegno in collaborazione con i docenti curricolari.

Il PEI potrà essere:



  • Per obiettivi minimi qualora le capacità cognitive ed il livello di partenza dell’alunno siano tali da consentirgli l’interiorizzare dei contenuti previsti all’interno delle programmazioni di classe; in questo caso verranno concordati (dall’insegnante di sostegno e della disciplina) gli obiettivi che il ragazzo dovrà necessariamente raggiungere per ottenere una valutazione positiva e le modalità con le quali proporre e semplificare gli argomenti oggetto di studio.

  • Differenziato nel caso in cui il livello cognitivo dell’alunno non consenta il raggiungimento degli obiettivi fondamentali; solo sulla base di queste premesse, si procederà ad una programmazione differenziata che, laddove opportuno, dovrà trattare gli stessi argomenti previsti dalle programmazioni di classe ma in maniera estremamente semplificata (al fine di farlo sentire come gli altri), oppure, qualora ciò non sia possibile per la complessità degli argomenti trattati, si procederà alla previsione di obiettivi completamente staccati dalla programmazione di classe ma indispensabili per l’acquisizione di abilità che lo rendano, in futuro, il più possibile autonomo nella vita di tutti i giorni.

E’ di fondamentale importanza ponderare bene la possibilità di ricorrere all’uno o all’altro tipo di PEI in quanto, nel primo caso, lo studente conseguirà il diploma relativo al corso di studi seguito, nel secondo caso otterrà semplicemente un attestato di crediti formatiti certificante le conoscenze, competenze ed abilità acquisite durante l’intero percorso di studi.

ALUNNI CON DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI E SVANTAGGIO SOCIO CULTURALE
Per tali alunni, non è più previsto l’affiancamento dell’insegnante di sostegno, di conseguenza è l’intero CDC che se ne fa carico. Infatti, in presenza di apposite certificazioni attestanti determinate problematiche, oppure qualora il CDC rilevi difficoltà particolari, in accordo con i genitori, si procederà alla stesura di un Piano Didattico Personalizzato.
Nel caso in cui si ricorrerà ad un PEI o ad un PDP le verifiche (preferibilmente strutturate con quesiti a risposta multipla, vero/falso) dovranno essere redatte tenendo conto del livello di partenza dell’alunno, degli obiettivi e delle misure compensative/dispensative previste all’interno delle succitate programmazioni. Risulta altrettanto opportuno sottoporre gli alunni con BES alla stessa tipologia di verifica scritta proposta per il resto della classe evitando le parti più complesse.

ERRORI DA EVITARE NELLA VALUTAZIONE DI ALUNNI CON BES


  • Non dare eccessiva importanza agli errori formali che non recano pregiudizio all’esito finale in termini di acquisizione di contenuti disciplinari.

  • Non proporre compiti superiori alle effettive capacità dell’alunno.

  • Non rilevare errori durante la prestazione valutativa.


ASPETTI DA FAVORIRE DURANTE LA FASE VALUTATIVA


  • Considerare le competenze fondamentali tralasciando gli aspetti marginali di ogni disciplina.

  • Valutare il rapporto tra sforzo richiesto e risultato ottenuto.

  • Accontentarsi di risultati parziali confidando in un apprendimento completo a fine ciclo permettendogli di ripetere la stessa verifica quando si sente di aver superato gli ostacoli iniziali.

  • Nel commento ad una verifica, evidenziare sempre prima gli aspetti positivi e poi quelli negativi, dimostrandosi ottimisti quanto alle possibilità di recupero a fine modulo di apprendimento.

  • Valutare in modo costruttivo, separando l’errore dal contenuto (es. segnare in modo diverso gli errori legati all’oggetto della verifica da quelli di tipo strumentale).

  • Consentire sempre l’utilizzo delle misure compensative e dispensative previste nel PDP.


GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER GLI ALUNNI CON PDP O PEI PER OBIETTIVI MINIMI


Conoscenze

Orale

Comportamenti

Voto/10

Gravemente lacunose



Non comunica le conoscenze minime seppur supportato

Partecipazione : nulla o non valutabile

Impegno: nullo o non valutabile

Metodo: da acquisire


2

Frammentarie e gravemente lacunose

Comunica in modo scorretto ed improprio

Partecipazione: minima

Impegno: quasi nullo

metodo: appena organizzato


3

Superficiali e lacunose

Comunica in modo inadeguato e non compie operazioni di analisi

Partecipazione: scarsa

Impegno:debole

Metodo: ripetitivo


4

Superficiali ed incerte

Comunica in modo non sempre coerente. Ha difficoltà a cogliere i nessi logici. Compie analisi lacunose

Partecipazione: dispersiva

Impegno: discontinuo e superficiale

Metodo: non sempre organizzato


5

Complessivamente accettabili. Ha ancora lacune ma non estese e/o profonde e non sui contenuti essenziali.

Comunica in modo semplice ma non del tutto adeguato. Coglie aspetti fondamentali ma in modo poco approfondito.

Partecipazione: dietro sollecitazioni

Impegno: sufficiente e diligente

Metodo: organizzazione del lavoro non del tutto adeguata


6

Essenziali con eventuali approfondimenti guidati

Comunica in modo abbastanza e corretto. Effettua analisi, coglie gli aspetti fondamentali, incontra qualche difficoltà nella sintesi.

Partecipazione: attiva

Impegno: soddisfacente

Metodo: abbastanza organizzato


7

Sostanzialmente complete con qualche approfondimento autonomo

Comunica in modo efficace ed appropriato. Compie analisi corrette ed individua collegamenti. Rielabora autonomamente e gestisce situazioni nuove e non complesse.

Partecipazione: attiva

Impegno: notevole

Metodo: organizzato


8

Complete ed organiche

Comunica in modo efficace ed articolato

Partecipazione: attiva

Impegno: notevole

Metodo: molto organizzato


9

Articolate e con approfondimenti autonomi

Rielabora in modo personale e critico. Documenta il proprio lavoro. Gestisce situazioni nuove e complesse

Partecipazione: molto attiva Impegno: eccellente

Metodo: elaborativo



10



GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER PEI DIFFERENZIATI



RISULTATO DI PROVE SCRITTE, ORALI O PRATICHE

VOTO

  • Rifiuta di svolgere la consegna

2

  • Non ha dimostrato alcun impegno o volontà a partecipare al dialogo educativoi

3

  • Ha svolto parzialmente la consegna mostrandosi svogliato ed insofferente

4

  • Ha svolto la consegna guidato dall’insegnante ma non ha partecipato attivamente e costantemente

  • Non ha portato a termine la consegna in autonomia

  • Ha dimostrato un' attenzione parziale e/o discontinua

5

  • Ha portato a termine la consegna guidato dall’insegnante

  • Ha partecipato attivamente

  • Ha dimostrato un impegno sufficiente

6

  • Ha portato a termine la consegna in parziale autonomia

  • Ha risposto, in modo corretto alla maggior parte dei quesiti

7

  • Ha portato a termine la consegna in autonomia

  • Ha risposto, in modo corretto alla maggior parte dei quesiti

8

  • Ha portato a termine la consegna in autonomia

  • Ha risposto, in modo corretto a tutti i quesiti

9

  • Ha portato a termine la consegna in autonomia

  • Ha risposto, in modo corretto a tutti i quesiti ed ha approfondito il lavoro pro- posto

10

La griglia è da considerarsi come uno strumento di valutazione in itinere dei processi cognitivi dell'alunno che segue una programmazione differenziata.



Se l'alunno non raggiunge gli obiettivi minimi prefissati, bisogna adeguare la programmazione alle sue reali capacità e pertanto la proposta di voto di fine anno non potrà essere inferiore al 6.




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale