Dipartimento di sostegno



Scaricare 341.45 Kb.
Pagina2/7
29.12.2017
Dimensione del file341.45 Kb.
1   2   3   4   5   6   7

ATTIVITÀ N. 1

UN ORTO IN LABORATORIO


La coltivazione di semi e piantine offre molteplici spunti per la riflessione sul tempo: durante lo svolgimento di queste attività è facile evidenziare le nozioni di Prima e dopo e di successione, anche ad un livello molto semplice di acquisizioni. L’insegnante avrà cura di far registrare giornalmente, o anche con cadenza settimanale, le fasi dell’accrescimento della piantine, che potranno essere documentate da una serie di fotografie scattate durante l’esperienza. Per focalizzare meglio l’attenzione sull’attività proposta, sarà utile, inoltre, far illustrare in sequenza le trasformazioni delle piantine dagli allievi stessi.
1° Esperimento
Occorrente: Semi di fagioli, fave, piselli, zucca e lenticchie; un barattolo di vetro per ciascun tipo di seme; terra; acqua.

Procedimento:

  • Esamina i vari tipi di semi, sezionane alcuni, osservali, poi esegui alcuni disegni sui quali indicherai i nomi delle parti che riesci a riconoscere.

  • Incolla su ciascun barattolo un’etichetta con la data e il nome del seme, poi poni i semi nel relativo contenitore riempito di terra.

  • Effettua ogni tanto qualche osservazione facendo alcuni disegni, in modo da cogliere i vari momenti della germinazione. Ogni disegno deve essere datato e portare il nome della pianta cui si riferisce.

  • Eseguii un semplice schema per annotare il tempo che ciascun tipo di seme impiega per germinare.


2° Esperimento
Occorrente: Semi di lenticchie; un bicchiere; una scatolina metallica; muschio; acqua.

Procedimento:

  • Con l’aiuto dell’insegnante, fora in vari punti il fondo della scatolina metallica con un chiodo.

  • Metti nella scatola del muschio e qualche seme.

  • Appoggia la scatolina metallica sopra un bicchiere vuoto e innaffia spesso. L’acqua cadrà nel bicchiere sottostante.

  • Dopo alcuni giorni, quando spunteranno le radici, le vedrai uscire dai fori della scatolina e dirigersi verso l’acqua delle annaffiature, raccoltasi sul fondo del bicchiere.


Scheda di controllo

Descrivi in sequenza le azioni che avvengono in successione, indicando quelle che sono avvenute prima e quelle che sono avvenute dopo.


Attività

Dopo aver fatto le esperienze sulla germinazione dei semi, metti in ordine i disegni della scheda di controllo, numerandoli.



ATTIVITÀ N. 2

LE OSSERVAZIONI METEOROLOGICHE


Il lavoro di registrazione dei dati relativi ai cambiamenti dovuti ai fenomeni atmosferici e all’alternanza delle stagioni, consente di far apprendere come la luce, il calore e le precipitazioni cambino l’ambiente nelle varie stagioni. E’ bene che i dati vengano raccolti sistematicamente durante l’anno scolastico, così da possedere un quadro completo per documentare i dati relativi all’andamento stagionale e a paragonarli fra loro.

L’insegnante solleciterà quotidianamente la registrazione dei fenomeni meteorologici su una tabella opportunamente predisposta. Con l’aiuto di due termometri, uno da mettere dentro il laboratorio e uno all’aperto, si potranno inoltre annotare la temperatura interna e quella esterna. È consigliabile ripartire il lavoro assegnandolo a diversi gruppi di alunni, facendo alternare periodicamente i loro ruoli. Ogni mese si potrà riempire un grafico del tempo e delle temperature. Si riveleranno utili per la raccolta dei dati i cartelloni murali con molti simboli, per trasmettere un messaggio visivo immediato.

II° LIVELLO

Competenza

Saper percepire e valutare la durata di azioni ed eventi

Obiettivi Formativi

  • Acquisire il concetto di tempo vissuto

  • Conoscere il concetto di durata

  • Acquisire il concetto di irreversibilità



Contenuti

Il libro della storia personale; realizzazione di una ricetta culinaria.

Indicazioni Metodologiche

Tra i concetti temporali utilizzati dagli storici, quello di “cronologia” ci permette di ordinare gli eventi in rapporti di successione e, come tutti gli indicatori di tempo, va formato con gradualità. Il senso del tempo si fonda sul concetto di “durata”, che pur essendo una riflessione astratta non è un concetto inaccessibile ai ragazzi: per costruirlo può essere utile partire dal “tempo vissuto” e spiegare che la valutazione percettiva di una durata dipende sempre da vari fattori che interferiscono sul nostro giudizio. Potremo così far notare che ad esempio l’attesa di un regalo o di una punizione coinvolge emotivamente in maniera diversa. Durante lo svolgimento delle attività proposte sarà facilmente evidenziabile il concetto di “irreversibilità” del tempo che passa.


ATTIVITÀ N. 1

LA MIA AUTOBIOGRAFIA


Un’occasione per avviare l’alunno ad organizzare il proprio tempo vissuto, cioè a rappresentare gli eventi che riguardano il suo passato, può essere offerta dalla costruzione del libro della propria storia personale. In questa attività il tempo sarà rappresentato in maniera lineare.

Ogni alunno potrà ricostruire la propria autobiografia chiedendo notizie agli adulti, ordinando gli eventi secondo rapporti di contemporaneità e successione, raccogliendo quanti più documenti ed informazioni possibili di quando era piccolo, ad esempio fotografie, vecchi indumenti, giocattoli.

Avrà dunque bisogno di testimoniare il suo passato

Le storie personali costituiscono così un esempio di come sia possibile ricostruire eventi passati attraverso documenti e testimonianze si costruisce una striscia del tempo composta da fogli incollati l’uno all’altro e piegati “a fisarmonica”

Partendo dal primo anno di vita, si rappresenta un anno per pagina, sulla quale viene scritto un titolo (ad esempio Primo anno: “Sono nato”; Secondo anno: “Imparo a camminare”; Terzo anno: “Vado sul triciclo”; Quarto anno: “Inizio la Scuola dell’Infanzia”; ecc.); poi si aggiunge un semplice testo esplicativo ed infine si arricchisce la pagina con disegni degli oggetti di uso comune utilizzati nell’anno che si vuole rappresentare.

La copertina del libro si può rifinire in cartoncino colorato, aggiungendovi il titolo, il nome dell’alunno e qualsiasi altro arricchimento (es: un piccolo orologio a calendario che indichi il mese e l’anno di nascita, una linea del tempo da colorare…).



ATTIVITÀ N. 2


1   2   3   4   5   6   7


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale