Diritto amministrativo Usi civici e Governo del territorio Moreschini Ivano 13 settembre 2007



Scaricare 84.75 Kb.
Pagina8/8
28.03.2019
Dimensione del file84.75 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8
Commerciabilità dei terreni soggetti ad uso civico, Studio n.777 della Commissione Studi del Consiglio Nazionale del Notariato, in: www.notarlex.it

A.Borzì, La disciplina della tutela e della valorizzazione del paesaggio alla luce del D.Lgs. n.157 del 2006 e della recente giurisprudenza costituzionale , in: www.federalismi.it

G.Di Genio,Le amministrazioni separate dei beni demanialiinwww.jus.unitn.it

M.Renzulli, Tutela dell’ambiente e proprietà privata, in: www.lexitalia.it

AA.VV. Il codice dei beni culturali e del paesaggio: pianificazione territoriale e nuovi condoni, in www.lexambiente.it

ATTI DI CONVEGNI



Terre Collettive ed usi civici tra Stato e Regione, Atti del convegno della Regione Lazio, Fiuggi 25-26-27 ottobre 1985, , Roma, Iger, 1986

OPERE SULLA REGIONE LAZIO

C.Zannella: Le Denunce, una fonte documentaria per lo studio dei diritti civici e delle proprietà collettive, Rubbettino, Soveria Mannelli (Cz), 2001

[1] Si indicano a titolo esemplificativo: A. M.Sandulli, Manuale di diritto amministrativo, Jovene, Napoli, ed.1984, pag.793 e seg.; V.Cerulli Irelli, Corso di diritto amministrativo, Giappichelli, Torino, ed.2002, pag.630; M.S.Giannini,Istituzioni di diritto amministrativo, Giuffrè, Milano, ed.2000, pag. 615.

[2] L.Fulciniti, I beni d’uso civico, Cedam, Padova, 2000,pag.263.

[3] Confronta in tal senso la sentenza della Corte Costituzionale n.210 del 28 maggio 1987, citata in M.Renzulli, Tutela dell’ambiente e proprietà privata, in www.lexitalia,it.

[4] Commerciabilità dei terreni soggetti ad uso civico, Studio n.777 della Commissione Studi del Consiglio Nazionale del Notariato, in www.notarlex.it, pag.2

[5] G.Cervati, Ancora dei diritti delle popolazioni, usi e terre civiche e competenze regionali, in: Terre Collettive ed usi civici tra Stato e Regione, Atti del convegno della Regione Lazio, Fiuggi 25-26-27 ottobre 1985, cit., pag.62

[6] V.Cerulli Irelli, Terre Collettive ed usi civici tra Stato e Regione , in: Terre Collettive ed usi civici tra Stato e Regione, Atti del convegno della Regione Lazio, Fiuggi 25-26-27 ottobre 1985, cit., pag.11

[7] V.Cerulli Irelli, Proprietà pubblica e diritti collettivi, Cedam, Padova, 1983, pag.265

[8] Così Petronio, voce Usi Civici, Enc.Diritto, Vol.XLV, 1992, pag.952, rinvio ripreso da: Commerciabilità dei terreni soggetti ad uso civico, cit., pag.8

[9] V.Cerulli Irelli, Proprietà pubblica e diritti collettivi, cit., pag.383

[10] V.Cerulli Irelli, Proprietà pubblica e diritti collettivi, cit., pag.212

[11] Su questo specifico argomento confronta: A.Benedetti, M.L. Messeri,Guida agli usi civici, ed.Dei-Tipografia del Genio Civile, Roma, 1991, pag. 75 e seguenti

[12] Una ricerca su questa operazione nell’ambito territoriale della Regione Lazio è: Regione Lazio, Assessorato Cultura Spettacolo Sport e Turismo, Centro regionale per la documentazione dei beni culturali e ambientali, Le Denunce, una fonte documentaria per lo studio dei diritti civici e delle proprietà collettive, a cura di C.Zannella, Rubbettino, Soveria Mannelli (Cz), 2001

[13] Per un approfondimento di questo aspetto si rinvia a: AA.VV., Guida Normativa per gli enti locali 2006, EDK editore, 2006, pag.1831 e seg.

[14] Confronta sull’argomento: AA.VV. Il codice dei beni culturali e del paesaggio:pianificazione territoriale e nuovi condoni, in www.lexambiente.it

[15] Confronta B.Caravita di Toritto, Lineamenti di diritto costituzionale federale e regionale,Torino, Giappichelli, 2006

[16] Confronta sul decreto legislativo 24 marzo 2006, n.157: A.Borzì, La disciplina della tutela e della valorizzazione del paesaggio alla luce del D.Lgs. n.157 del 2006 e della recente giurisprudenza costituzionale , in www.federalismi.it

[17] Vedi per la Regione Lazio la legge regionale n. 24 del 1998, che ha approvato i piani paesistici divisi per sub-ambiti, la cui procedura di approvazione era iniziata nel 1986. Attualmente è in corso l’approvazione del nuovo Piano Paesistico Regionale, che è stato adottato dalla Giunta regionale il 26 luglio 2007

[18] “La presenza dei beni d’uso civico nei piani paesistici in forma cartografica non sempre compare. Compare invece l’astratta previsione della normativa d’uso. La desolante circostanza rimarca due rilevanti problemi e compiti del paesaggista: 1) l’identificazione dell’area in base allo speciale regime giuridico dell’appartenenza; 2) la localizzazione dell’area. Entrambe le operazioni sono di non facile attuazione.”, L.Fulciniti, I beni d’uso civico, Padova, Cedam, 2000, pag.269

[19] L.Fulciniti, I beni d’uso civico, cit., pag.276.

[20] Si rinvia per un approfondimento a: L.Fulciniti, I beni d’uso civico, cit., pag.280 e seg.

[21] Sentenze n.67 del 1957; n.78 del 1961; n.18 del 1965; n.99 del 1969; n.193 del 1970. Vedi per un approfondimento L.Fulciniti, I beni d’uso civico, cit., pag.284 e seg..



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale