Diritto commerciale Gr. A-k: Prof. Giuseppe Benedetto Portale; Gr. L-z: Prof. Pietro Abbadessa



Scaricare 36 Kb.
01.06.2018
Dimensione del file36 Kb.

. - Diritto commerciale

Gr. A-K: Prof. Giuseppe Benedetto Portale; Gr. L-Z: Prof. Pietro Abbadessa

Gr. A-K: Prof. Giuseppe B. Portale


OBIETTIVO DEL CORSO

Consentire all’allievo di conseguire una conoscenza delle linee generali della vigente disciplina in materia di imprenditore, di società e di titoli di credito; di individuare gli interessi tutelati dalla disciplina; di acquisire i rudimenti di un metodo di analisi ed interpretazione della medesima.



PROGRAMMA DEL CORSO

Parte prima

L’imprenditore. La fattispecie generale. Imprenditore agricolo e commerciale; lo statuto dell’imprenditore commerciale. Il piccolo imprenditore e l’artigiano. Acquisto della qualità di imprenditore e imputazione dell’attività. Gli ausiliari dell’imprenditore. L’impresa sociale (cenni). L’azienda. Consorzi tra imprenditori, GEIE.



Parte seconda

Le società. Nozione. Il contratto di società. Società semplice, in nome collettivo, in accomandita semplice. La società per azioni: costituzione; nullità; azioni ed altri strumenti finanziari; obbligazioni; organi (assemblea, modelli amministrativi, collegio sindacale); revisione; controllo giudiziario; libri sociali, contabilità e bilancio; modificazioni statutarie (diritto di recesso); società controllate ed esercizio della attività di direzione e coordinamento. Le società quotate. La società a responsabilità limitata. Scioglimento e liquidazione delle società. Trasformazione, fusione e scissione. Le società cooperative (cenni).



Parte terza

Nozioni essenziali sulle procedure concorsuali: fallimento (presupposti, dichiarazione, organi, effetti, cessazione); fallimento delle società; liquidazione coatta amministrativa; amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi; misure urgenti per la ristrutturazione industriale di grandi imprese in stato di insolvenza; concordato preventivo e accordi di ristrutturazione dei debiti; l’amministrazione controllata.

Parte quarta

I titoli di credito. Funzione e nozione. Letteralità e autonomia. Titoli astratti e titoli causali. I titoli rappresentativi. La dematerializzazione dei titoli di credito. Titolarità e legittimazione. Eccezioni reali e personali. In particolare: la cambiale e gli assegni.



BIBLIOGRAFIA

Per tutti gli studenti (sia del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche, che di quella magistrale in Giurisprudenza a ciclo unico, che di quella quadriennale in Giurisprudenza):

Per le parti prima, terza e quarta del programma:

G. Auletta-N. Salanitro, Diritto commerciale, Giuffrè, Milano, 2009, 17a ed. [Introduzione; Parte prima (Sezione prima: cap. I, cap. II fino al n. 24, cap. III n. 40; cap. IV); Parte seconda (capp. I, II, III, IV); Parte quarta (tutta)].

oppure


G. Presti-M. Rescigno, Corso di diritto commerciale. I. Impresa - Contratti - Titoli di Credito Fallimento. Zanichelli, Bologna, 2007, 3a ed. (o successiva) [lezioni I, II, III, IV (solo cap.1) per l’impresa; lezioni da XI a XVI (comprese) per le altre parti del programma].

In alternativa, il diritto dell’impresa può essere studiato su: G. F. Campobasso, Diritto commerciale. I. Diritto dell’impresa, Utet, Torino, 2008, 6a ed. [Introduzione; capp. I, II, III, IV, V, IX, X, XI].

Per la seconda parte del programma, tenuto conto delle molteplici modifiche legislative intercorse, è necessario lo studio di un manuale aggiornato. A tal fine gli studenti potranno consultare, in alternativa:

G. F. Campobasso (a cura di M. Campobasso), Diritto commerciale. 2. Diritto delle società, Utet, Torino, 2009, 7ª ed. (il volume sarà disponibile entro la fine del 2009).

oppure


G. Presti-M. Rescigno, Corso di diritto commerciale. II. Società, Zanichelli, Bologna, 2009, 4a ed.

La stessa bibliografia considerate le riforme legislative che hanno interessato la disciplina delle società di capitali e delle procedure concorsuali è raccomandata agli studenti ancora in debito d’esame:

– del corso di laurea quadriennale in Giurisprudenza, che sono tenuti al programma stabilito per l’anno accademico 2001-2002;

– del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche che hanno maturato la frequenza dell’esame nell’anno 2005/2006;

– del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche che hanno maturato la frequenza dell’esame nell’anno 2004/2005 e che sono passati alla laurea magistrale;

– del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche che hanno maturato la frequenza dell’esame nell’anno 2004/2005 e che sono passati alla laurea magistrale, per i quali non è previsto lo studio della parte terza del programma relativa alle procedure concorsuali.



DIDATTICA DEL CORSO

Data la natura istituzionale del corso e l’ampiezza della materia, il corso verrà svolto esclusivamente mediante lezioni in aula.

Su richiesta potranno essere indicate agli studenti, che lo desiderassero, letture integrative, su una delle quali lo studente potrà brevemente riferire al docente nel corso di apposite ore di esercitazione da concordare.

METODO DI VALUTAZIONE

Esame orale.



AVVERTENZE

I candidati sono vivamente consigliati di non presentarsi all’esame prima di aver superato l’esame di Istituzioni di diritto privato. Essi devono utilizzare edizioni del Codice Civile pubblicate non prima del giugno 2009.



Orario e luogo di ricevimento

Il Prof. Giuseppe Benedetto Portale riceve gli studenti il mercoledì dalle ore 11,00 alle ore 12,30 presso l’Istituto giuridico.


Gr. L-Z: prof.Pietro Abbadessa


OBIETTIVO DEL CORSO

Consentire all’allievo di conseguire una conoscenza delle linee generali della vigente disciplina in materia di imprenditore, di società e di titoli di credito; di individuare gli interessi tutelati dalla disciplina; di acquisire i rudimenti di un metodo di analisi ed interpretazione della medesima.



PROGRAMMA DEL CORSO

Parte prima

L’imprenditore. La fattispecie generale. Imprenditore agricolo e commerciale; lo statuto dell’imprenditore commerciale. Il piccolo imprenditore e l’artigiano. Acquisto della qualità di imprenditore e imputazione dell’attività. Gli ausiliari dell’imprenditore. L’impresa sociale (cenni). L’azienda. Consorzi tra imprenditori, GEIE.

Parte seconda

Le società. Nozione. Il contratto di società. Società semplice, in nome collettivo, in accomandita semplice. La società per azioni: costituzione; nullità; azioni ed altri strumenti finanziari; obbligazioni; organi (assemblea, modelli amministrativi, collegio sindacale); revisione; controllo giudiziario; libri sociali, contabilità e bilancio; modificazioni statutarie (diritto di recesso); società controllate ed esercizio della attività di direzione e coordinamento. Le società quotate. La società a responsabilità limitata. Scioglimento e liquidazione delle società. Trasformazione, fusione e scissione. Le società cooperative (cenni).



Parte terza

Nozioni essenziali sulle procedure concorsuali: fallimento (presupposti, dichiarazione, organi, effetti, cessazione); fallimento delle società; liquidazione coatta amministrativa; amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi; misure urgenti per la ristrutturazione industriale di grandi imprese in stato di insolvenza; concordato preventivo e accordi di ristrutturazione dei debiti; l’amministrazione controllata.



Parte quarta

I titoli di credito. Funzione e nozione. Letteralità e autonomia. Titoli astratti e titoli causali. I titoli rappresentativi. La dematerializzazione dei titoli di credito. Titolarità e legittimazione. Eccezioni reali e personali. In particolare: la cambiale e gli assegni.



BIBLIOGRAFIA

Per gli studenti della laurea triennale in Scienze giuridiche e di quella magistrale in Giurisprudenza a ciclo unico.

Per le parti prima, terza e quarta del programma:

G. Auletta-N. Salanitro, Diritto commerciale, Giuffrè, Milano, 2008, 16a ed. (o successiva) [Introduzione; Parte prima (capp. I, II fino al n. 24, cap. IV); Parte seconda (capp. I, II, III, IV); Parte quarta: tutta].

oppure


G. Presti-M. Rescigno, Corso di diritto commerciale. I. Impresa - Contratti - Titoli di Credito - Fallimento, Zanichelli, Bologna, 2007, 3a ed. (o successiva) [lezioni I, II, III, IV (solo cap.1) per l’impresa; lezioni da XI a XVI (comprese) per le altre parti del programma].

In alternativa, il diritto dell’impresa può essere studiato su:



G.F. Campobasso, Diritto commerciale. 1. Diritto dell’impresa, Utet, Torino, 2006, 5a ed. (o successiva) (Introduzione; capp. I, II, III, IV, V, IX, X, XI).

Per la seconda parte del programma, tenuto conto delle molteplici modifiche legislative intercorse, è necessario lo studio di un manuale aggiornato. A tal fine gli studenti potranno consultare, in alternativa:



G.F. Campobasso (a cura di M. Campobasso), Diritto commerciale. 2. Diritto delle società, Utet, Torino, 2009, 7a ed. (il volume sarà disponibile entro la fine del 2009).

oppure


G. Presti-M. Rescigno, Corso di diritto commerciale. II. Società, Zanichelli, Bologna, 2009, 4a ed.

La stessa bibliografia considerate le riforme legislative che hanno interessato la disciplina delle società di capitali e delle procedure concorsuali è raccomandata agli studenti ancora in debito d’esame:

– del corso di laurea quadriennale in Giurisprudenza, che sono tenuti al programma stabilito per l’anno accademico 2001-2002;

– del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche che hanno maturato la frequenza dell’esame nell’anno 2005/2006;

– del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche che hanno maturato la frequenza dell’esame nell’anno 2004/2005 e che sono passati alla laurea magistrale;

– del corso di laurea triennale in Scienze giuridiche che hanno maturato la frequenza dell’esame nell’anno 2004/2005 e che sono passati alla laurea magistrale, per i quali non è previsto lo studio della parte terza del programma relativa alle procedure concorsuali.



DIDATTICA DEL CORSO

Data la natura istituzionale del corso e l’ampiezza della materia, il corso verrà svolto esclusivamente mediante lezioni in aula.

Su richiesta potranno essere indicate agli studenti, che lo desiderassero, letture integrative, su una delle quali lo studente potrà brevemente riferire al docente nel corso di apposite ore di esercitazione da concordare.

METODO DI VALUTAZIONE

Esame orale.



AVVERTENZE

I candidati sono vivamente consigliati di non presentarsi all’esame prima di aver superato l’esame di Istituzioni di diritto privato. Essi devono utilizzare edizioni del Codice Civile pubblicate per il 2009/2010.



Orario e luogo di ricevimento

Il Prof. Pietro Abbadessa riceve gli studenti il giovedì dalle ore 11,30 alle ore 12,30.
elenco: upl -> proguc
proguc -> Metodi e tecniche dei test (con laboratorio) Prof. Stefania Balzarotti; Prof. Francesco De Ambrogi; Prof. Emanuela Bonelli
proguc -> Metodi e tecniche dei test Prof ssa Eleonora Maino
proguc -> Programma del corso I semestre “La lirica di Osip Mandel’štam. Anni Trenta”. II semestre “L’opera di A. P. Čechov”. Bibliografia
proguc -> Lingua russa 3 (Lingua e comunicazione professionale) Prof. Anna Bonola
proguc -> Lingua russa 3 (Lingua e comunicazione professionale) Prof. Anna Bonola
proguc -> Prof. Serena Vitale; Prof. Maurizia Calusio 1
proguc -> Diritto penale I gr. A-k: Prof. Gabrio Forti; Gr. L-z: Prof. Marta Bertolino
proguc -> Diritto civile I gr. A-k: Mauro Orlandi; Gr. L-z: Prof. Andrea Nicolussi
proguc -> Linguistica generale Prof. Giovanni Gobber
proguc -> Diritto penale I gr. A-k : Prof. Gabrio Forti; Gr. L-z : Marta Bertolino


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale