Diritto e legislazione turistica



Scaricare 12.99 Kb.
30.12.2017
Dimensione del file12.99 Kb.

DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA
Si sviluppa la formazione giuridica, iniziata nel biennio, attraverso lo studio degli istituti fondamentali del diritto italiano e comunitario di valenza generale e, specificatamente, di quelli connessi all’attività turistica.

Finalità dell’insegnamento

- Sviluppare la capacità di analisi dei fenomeni sociali e di progettualità operativa nel rispetto degli interessi generali inderogabili;

- far cogliere i principi fondamentali del sistema giuridico italiano, anche nel raffronto con altri sistemi, sia analizzandone i grandi mutamenti in atto, sia evidenziandone gli aspetti di internazionalizzazione;

- sviluppare la capacità di indagare la realtà e, attraverso il processo di astrazione e formalizzazione proprio della logica giuridica, sviluppare la capacità di sintesi e di sistematizzazione in categorie generali;

- cogliere i nessi costanti tra realtà e costruzione giuridica, evidenziando l’imprescindi-bilità della norma e la relatività delle scelte politiche che questa hanno concorso a determinare;

- sviluppare la consapevolezza dell’Europa attraverso la conoscenza del sistema normativo comunitario.



Obiettivi di apprendimento
Al termine del corso, lo studente sarà in grado di:
- esporre con linguaggio tecnico-giuridico adeguato e ragionato i concetti appresi;

- utilizzare, trasversalmente, i procedimenti logici propri del pensiero giuridico;

- riconoscere le essenziali categorie giuridiche che sistematizzano la realtà economico-sociale

- riconoscere gli istituti fondamentali di diritto pubblico e di diritto privato;

- inquadrare gli istituti studiati nella dimensione europea;

- operare collegamenti stabili con le altre discipline, cogliendo la necessarietà della norma giuridica;

- interpretare la norma, problematizzandone l’interpretazione nella considerazione degli interessi individuali e collettivi protetti, in particolare nel settore del Turismo.

Articolazione dei contenuti

Classe terza

Diritto civile

- La norma giuridica: caratteri, fonti, interpretazione

- I soggetti del diritto

- Il rapporto giuridico

- Istituti fondamentali del diritto di famiglia

- I diritti reali: la proprietà, la comproprietà, la multiproprietà

- Il possesso

- I diritti di obbligazione: elementi, tipologia, adempimento, responsabilità per inadempimento

- L’autonomia negoziale

- Il contratto: teoria generale

- Il fatto illecito: teoria generale

- La responsabilità contrattuale ed extracontrattuale

- I contratti civili e commerciali: compravendita, locazione, mandato, mutuo, deposito, assicurazione, i principali contratti bancari.

Classe quarta

Diritto commerciale

- L’impresa, l’imprenditore, l’azienda.

- L’impresa turistica.

- Le società commerciali.

- Le associazioni senza scopo di lucro.

- I contratti di rilevanza turistica: franchising. factoring, trasporto, noleggio tipico ed atipico.



  • I titoli di credito ed i documenti di legittimazione.



Classe quinta

Legislazione turistica

Il turismo e le problematiche ad esso sottese

L’amministrazione pubblica del turismo:

- organi ed enti preposti al turismo

- enti autonomi territoriali: funzioni istituzionali generali e relative al turismo

- attività ricettiva turistica

- legislazione pubblicistica

- legislazione privatistica

Le agenzie di viaggio e turismo:

- legislazione pubblicistica

- legislazione privatistica

Le professioni turistiche:

- legislazione pubblicistica

- legislazione privatistica

L’intervento della Comunità europea nel turismo:

- gli atti comunitari relativi a finanziamenti delle attività turistiche

- il Regolamento comunitario sull’overbooking nel trasporto aereo di linea

- le Direttive Comunitarie nei viaggi, vacanze, circuiti “tutto compreso”



INDICAZIONI METODOLOGICHE
È essenziale motivare gli allievi esplicitando il progetto didattico complessivo (finalità, obiettivi, metodi di valutazione, contenuti disciplinari), e coinvolgendoli nella determinazione dei tempi e delle modalità operative di realizzazione.
È altresì essenziale integrare la lezione frontale con attività che promuovano l’autonomia degli allievi e consentano loro, seppure progressivamente, di affrontare discussioni documentate sulle tematiche affrontate.
L’insegnamento dovrà essere basato su:
- informazioni aggiornate e testualmente documentate (manuali, testi di legge, sentenze, scritture private, ecc.);

- consultazione guidata delle fonti normative italiane e comunitarie anche attraverso strumenti informatici.


È didatticamente qualificante:
- mettere in evidenza la peculiarità della prospettiva giuridica e delle sue categorie logiche e sistematiche rispetto ad altre prospettive;

- far seguire all’informazione la problematizzazione;

- storicizzare gli istituti fondamentali cogliendone l’evoluzione in atto, anche comuni-taria;

- individuare i rapporti tra casistica e fattispecie astratta, evidenziando la funzione.




MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE

Si prevedono, per le prove di valutazione in itinere, anche verifiche scritte, test, questionari, esercitazioni, relazioni, brevi composizioni. Le verifiche orali non si limiteranno alle interrogazioni tradizionali, ma comprenderanno dibattiti allargati alla classe, discussione di gruppo, brevi relazioni su temi assegnati. Per la rilevazione degli apporti individuali, saranno utilizzate, laddove possibile, griglie di osservazione sistematica.



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale