Disciplina dei concorsi



Scaricare 217.61 Kb.
Pagina4/4
01.06.2018
Dimensione del file217.61 Kb.
1   2   3   4

CAPO VII


Procedure per la nomina - stipulazione del contratto individuale di lavoro.
Art. 38. Comunicazione in merito all’esito della selezione.
1. I concorrenti dichiarati vincitori sono invitati ad assumere servizio in via provvisoria, sotto riserva di accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la nomina, e sono assunti in prova nel profilo professionale di qualifica per il quale risultano vincitori.
2. Unitamente alla suddetta comunicazione, i concorrenti dichiarati vincitori sono invitati a presentare la documentazione prescritta dalle disposizioni regolanti l'accesso al rapporto di lavoro (indicata nel bando di concorso) con assegnazione, a tale scopo, di un termine non inferiore a trenta giorni, che puo' essere incrementato di ulteriori trenta giorni in casi particolari.
3. Nello stesso termine i destinatari, sotto la propria responsabilita', devono dichiarare di non avere altri rapporti di impiego pubblico o privato e di non trovarsi in nessuna delle situazioni di incompatibilita' richiamate dall'art.53 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165. In caso contrario, unitamente ai documenti, deve essere espressamente presentata la dichiarazione di opzione per assumere l'incarico presso la nuova Amministrazione.
4. La presentazione della suddetta documentazione e dichiarazioni entro il termine previsto e' presupposto per la stipulazione del contratto individuale di lavoro. Il contratto in ogni caso produce i medesimi effetti dei provvedimenti di nomina di cui agli artt.17 e 28 del D.P.R. 9 maggio 1994 n.487.
5. La predetta documentazione non e' richiesta quando la stessa risulti comunque già in possesso dell'Amministrazione per essere l'interessato già dipendente di ruolo dell'Ente, oppure per essere già stata rimessa in allegato alla domanda di partecipazione alla selezione e sia tuttora valida oppure nel caso in cui la documentazione stessa debba essere rilasciata dall'ente medesimo, oppure acquisita d'ufficio.

Art. 39. Contratto individuale di lavoro.
1. Il rapporto di lavoro è costituito e regolato dal contratto individuale, stipulato secondo le modalità indicate dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, tra l’Amministrazione e il soggetto dichiarato vincitore che abbia ottemperato agli obblighi previsti dal precedente articolo.
2. Il dipendente e' obbligato ad assumere servizio alla data di decorrenza del rapporto come convenuta. In caso di inadempimento del suddetto obbligo senza giustificato motivo, da comunicarsi all'Amministrazione entro i 2 giorni successivi dalla data di decorrenza medesima adeguatamente comprovato, il contratto stipulato ai sensi dell'art.1456 del codice civile e dell'art. 2, comma 3, del decreto legislativo n.165/2001, si risolvera' di diritto e l'Amministrazione stessa sara' libera di attivare le procedure di assunzione con altri candidati.
3. Gli effetti giuridici ed economici della nomina decorrono dal giorno di effettiva presa di servizio.
Art. 40. Periodo di prova.


  1. Il dipendente assunto in servizio, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato, è soggetto ad un periodo di prova la cui durata è stabilita dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro vigente.


Capo VIII


Selezione per assunzioni ai sensi dell’art.16 della Legge 56/87.
Art. 41. Campo di applicazione.
1. L'Amministrazione effettua le assunzioni per le categorie, le qualifiche ed i profili professionali per i quali e' richiesto il solo requisito della scuola dell'obbligo, sulla base di selezioni tra gli iscritti nelle liste di collocamento formate ai sensi dell'art. 16 della legge 28 febbraio 1987, n. 56 e successive modifiche ed integrazioni con particolare riferimento al D.P.C.M. 27/12/1988 e alla legge 160/88, che abbiano la professionalita' eventualmente richiesta ed i requisiti previsti per l'accesso, secondo l'ordine di graduatoria risultante dalle liste delle sezioni circoscrizionali per l'impiego territorialmente competenti.


  1. Le procedure per l’avviamento a selezione, lo svolgimento della selezione e le modalità di assunzione avvengono secondo le disposizioni della normativa vigente e della presente disciplina.

IX

Chiamate e riscontro di idoneità per assunzioni



di appartenenti a categorie protette.

Art. 42. Campo di applicazione e procedure.
1. Le assunzioni obbligatorie presso l'Amministrazione dei soggetti di cui all'art. 1 della legge 12 marzo 1999, n. 68, avvengono secondo le modalita' prescritte dalle vigenti disposizioni di legge, a cui la presente disciplina rinvia, previa chiamata numerica rivolta dall'Amministrazione al competente ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione.
2.Le procedure riguardanti l’accertamento dell’idoneità e l’inserimento al lavoro, sono quelle disciplinate dalla normativa attualmente in vigore e dalla presente regolamentazione.

CAPO X


Assunzioni di personale a tempo determinato.

Art. 43. Istituzione di rapporti di lavoro a termine.
1. Per l’istituzione di rapporti di lavoro a termine, la presente disciplina rinvia a quanto previsto dalla legge 230/1962, dall’art. 23, comma 1, della legge 56/87, dal Contratto Collettivo Nazione di Lavoro vigente.

Art. 44. Modalità di selezione del personale tempo determinato per esigenze temporanee o stagionali
1. Qualora si debba procedere ad assunzioni di personale a tempo determinato per esigenze temporanee o stagionali, si applica la procedura semplificata di cui al presente articolo.
2. E’ sufficiente la pubblicazione del bando di selezione solo all'albo pretorio dell'ente per una durata di quindici giorni, entro i quali è ammessa la presentazione delle domande di ammissione. Il bando verrà reso pubblico anche mediante affissione di manifesti nel territorio comunale, nonché mediante lettere ai Comuni limitrofi.
3.Le domande devono pervenire mediante presentazione al protocollo dell’ente entro il termine di cui al comma 2, ovvero a mezzo raccomandata A/R, con esclusione di qualsiasi altro mezzo. Le istante presentate a mezzo posta devono comunque pervenire entro lo stesso termine, a prescindere dalla data del timbro postale accettante.
4.Le prove, oltre ai casi previsti nel presente regolamento, possono articolarsi in una singola prova, ovvero in due prove di cui una scritta o pratica ed una orale, in relazione alla specifica professionalità del posto.
5.Le date delle prove possono essere indicate già nel bando di selezione, ovvero semplicemente pubblicate all’Albo Pretorio in luogo delle comunicazioni personali a ciascun candidato. Il bando di selezione stabilisce i termini della procedura selettiva in deroga a quelli previsti nella presente disciplina.
6. Tutti i candidati sono ammessi con riserva alle prove, in assenza di ogni diversa comunicazione.
7. Nella formulazione della graduatoria, in caso di parità valgono i criteri di preferenza di cui ai commi 4 e 5 dell’art. 18 del presente regolamento.
8. Restano ferme in ogni caso la pubblicità delle prove, la necessaria predeterminazione dei contenuti e dei criteri per la valutazione delle medesime, nel rispetto dei principi di imparzialità e buon andamento dell’amministrazione pubblica stabiliti dalla legislazione vigente.

Art. 45. Composizione delle commissioni

1. Le commissioni esaminatrici per le assunzioni a tempo determinato sono composte dal Dirigente del Settore cui appartiene la figura professionale per cui si istituisce il rapporto di lavoro a termine, due membri esperti scelti dal Presidente fra il personale interno appartenente almeno alla categoria professionale immediatamente superiore a quella del posto selezionando, un segretario scelto dal Presidente fra i dipendenti ascritti almeno alla categoria professionale “C”.




CAPO XI

Rapporto di lavoro a tempo parziale.

Art.46. Istituzione di rapporti di lavoro a tempo parziale.
1. La procedura per le assunzioni a tempo parziale è uguale a quella prevista per le assunzioni a tempo pieno.

CAPO XII


Disposizioni finali.
Art. 47. Pubblicità della disciplina.
1. Tutti i concorrenti partecipanti ai concorsi ed alle altre procedure di assunzione possono prendere visione, in qualsiasi momento, della presente disciplina.

Art. 48.Abrogazione di norme.


  1. Le disposizioni concernenti la materia dell’accesso agli impieghi presso il comune di Porto Sant’Elpidio, contenute in precedenti atti deliberati dagli organi comunali in ottemperanza ai riferimenti normativi intervenuti nel tempo, conservano la propria efficacia soltanto se e nella misura in cui esse non contrastino con le disposizioni di legge e con la presente disciplina.



Art.49. Periodo transitorio.
1. I concorsi eventualmente indetti alla data di entrata in vigore della presente disciplina restano soggetti alle norme regolamentari vigenti alla data in cui ne venne deliberata l’indizione.

Art. 50. Entrata in vigore.
1. Il presente regolamento entra in vigore contestualmente all’esecutività della deliberazione approvativa.

ALLEGATO “A” – Titoli di studio per l’accesso

AREA DIRIGENZIALE




Art. 41, comma 2 Regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei sevizi

L’accesso alla qualifica di dirigente avviene esclusivamente a seguito di concorso per esami.

Fatto salvo quanto previsto dalla lett. a) del medesimo comma, i titoli di studio richiesti per l’accesso dall’esterno sono:


Categoria

Profilo professionale

Titolo di studio per l’accesso

Q.U.D.

Direttore Area 1


Diploma di Laurea in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economia e Commercio, nonché diploma di specializzazione o dottorato di ricerca rilasciato da Facoltà titolari di uno dei predetti corsi di Laurea,

oppure i predetti diplomi di laurea e attestato di servizio per incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a tre anni



Q.U.D.

Direttore Area 2

Diploma di Laurea in Economia e Commercio, Scienze economiche nonché diploma di specializzazione o dottorato di ricerca rilasciato da Facoltà titolari di uno dei predetti corsi di Laurea,

oppure i predetti diplomi di laurea e attestato di servizio per incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a tre anni



Q.U.D.

Direttore Area 3

Diploma di Laurea in Architettura ed Ingegneria Civile indirizzo edile nonché diploma di specializzazione o dottorato di ricerca rilasciato da Facoltà titolari di uno dei predetti corsi di Laurea,

oppure i predetti diplomi di laurea e attestato di servizio per incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a tre anni


PERSONALE DEI LIVELLI

Gabinetto del sindaco


Categoria

Mansioni

Titolo di studio per l’accesso

D.1

Istruttore direttivo

Laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio, ed equipollenti

B3

Collaboratore professionale

Diploma di istruzione di primo grado e attestato di formazione o qualificazione professionale
Area 1 “Affari istituzionali, sociali e scolastico culturali”

Categoria

Mansioni

Titolo di studio per l’accesso

D.3

Funzionario amministrativo

Settore Affari generali



Laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio

D.3

Funzionario amministrativo

Settore servizi sociali



Diploma di laurea in sociologia, psicologia, scienze politiche con indirizzo sociologico, economia e commercio

D.3

Funzionario amministrativo

Settore cultura



Laurea in giurisprudenza, Lettere e Filosofia, economia e commercio

D.1


Istruttore direttivo

Settore Affari Generali



Laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio

D.1




Istruttore direttivo

Settore servizi sociali



Diploma di laurea in sociologia, psicologia, scienze politiche con indirizzo sociologico, economia e commercio, diploma di assistente sociale di cui al D.P.R. n. 14/87

D.1

Istruttore direttivo

Settore cultura



Laurea in giurisprudenza, Laurea in Lettere e Filosofia, economia e commercio

C


Istruttore

amministrativo


Educatrice



Diploma di scuola media superiore;

per il servizio Ced diploma in informatica;

per le educatrici diploma maturità magistrale (quinquennale), maturità liceo socio psicopedagogico, Istituto prof.le tecnico servizi sociali ed assistenti comunità infantili


B.3

Autista
Collaboratore professionale

Diploma di scuola media inferiore:

e la patente di guida adeguata per l’incarico di autista; e attestato di formazione o qualificazione professionale per il profilo amministrativo



B


esecutore




Diploma scuola dell’obbligo



A

Operatore

Diploma scuola dell’obbligo
Settore Vigilanza



categoria

Profilo professionale

Titolo di studio per l’accesso

D.3

Funzionario amministrativo

comandante



Diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche

D.1



Istruttore direttivo

Vice comandante




Diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche

C


Istruttore

Sottufficiale




Diploma scuola media superiore e corso regionale

C

Operatore

agente


Diploma scuola media superiore

A

operaio

Diploma scuola dell’obbligo


Area 2 - Programmazione e sviluppo

categoria

Profilo professionale

Titolo di studio

per l’accesso

D.3

Funzionario amministrativo


Laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio

D.1

Istruttore direttivo


Laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio

C

Istruttore Amministrativo


Diploma di scuola media superiore per il settore personale e per il settore attività produttive

Diploma di Ragioneria



B 3

Collaboratore Amministrativo

Diploma di istruzione di primo grado e attestato di formazione o qualificazione professionale


Area 3 – Gestione del territorio



categoria

Profilo professionale

Titoli di studio per l’accesso

D.3

Funzionario amministrativo


Laurea in Ingegneria civile indirizzo edile e, per il settore Pianificazione territoriale, anche Laurea in Architettura

D

Istruttore direttivo


Laurea in Ingegneria;

per il servizio Ambiente laurea in Ingegneria, Geologia, Scienze ambientali, Scienze naturali

C


Istruttore amministrativo

Diploma di geometra o perito industriale

B.3


Capo Operaio
Collaboratore Amministrativo

Diploma di istruzione di primo grado ed attestato di formazione o qualificazione professionale

B

Operaio provetto


Diploma di scuola dell’obbligo e la patente di guida se richiesta per la conduzione di macchine operatrici.

A

operaio

Diploma di scuola dell’obbligo










1   2   3   4


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale