Dislessia e lateralizzazione La situazione



Scaricare 33.5 Kb.
Pagina1/5
26.03.2019
Dimensione del file33.5 Kb.
  1   2   3   4   5


Dislessia e lateralizzazione


La situazione
Oltre alle mie 18 ore di Educazione fisica ho accettato 3 ore aggiuntive di sostegno per seguire F. che si sarebbe presentata in I media con un marcato problema di dislessia e disgrazia.

F. è seguita da Centro Regionale per le Disabilità Linguistiche di Bologna, utilizza il supporto del programma “Carlo” per la riproposizione vocale dei contenuti, va anche a lezione 2 volte la settimana nei giorni nei quali non c’è il ‘prolungato’, ma il compito che deve affrontare è sempre sproporzionato alle sue capacità.

L’alunna ha una volontà di ferro ! Non vuole sconti. Desidera fare tutto come i suoi compagni, comprese due lingue straniere (inglese e francese) che nella loro forma scritta sono, a dir poco, improponibili.

La classe gode di 5 ore di compresenza nelle quali io e la collega di sostegno sintetizziamo e schematizziamo per lei e i compagni. storia , matematica e italiano e la seguiamo nella scrittura dei testi, degli esercizi e del diario.

All’inizio dell’anno, sul versante della socializzazione, le cose non andavano molto bene: la sua “diversità” era motivo di pregiudizio, i vissuti di inadeguatezza venivano sofferti ed elaborati in cocciutaggine ed estraniazione nei giochi e nei momenti di ricreazione, la scoordinazione motoria e la mancata lateralizzazione erano la premessa degli insuccessi nei giochi con la palla.

Osservando la sua motricità rimasi colpito dal suo scavalcare ostacoli di 20 cm. a piedi pari, dal lanciare a volte con la mano Dx a volte con la Sx, dal suo modo di correre tenendo le braccia distese lungo i fianchi, come fossero un tutt’uno con il busto, sui suoi quaderni i caratteri erano 2-3 cm.

Mi dissi: “Se è vero quanto sostiene Piaget che la fase senso-motoria crea le premesse alle operazioni mentali, questo suo ritardo nella sviluppo psico-motorio può precludere la possibilità di memorizzare la sequenza delle lettere che compongono le parole dal momento che seguono una direzionalità (da Sx a Dx ), una successione cronologica che richiede orientamento ritmico-temporale che è, pure, un’abilità percettivo-motoria e condizionare negativamente il riconoscimento di simboli grafici che, ruotando nello spazio, cambiano suono e significato ( p-b-d-q)”.




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale