Dissertazione filosofica



Scaricare 108.92 Kb.
15.12.2017
Dimensione del file108.92 Kb.


LA DISSERTAZIONE FILOSOFICA

a cura di Paolo Quintili

IL METODO DI LAVORO
Il lavoro dovrà essere effettuato in tre fasi:



  1. Lettura e comprensione del testo.

  2. Il reperimento delle informazioni utili.

  3. La dissertazione scritta.




1. LETTURA DEL TESTO


La filosofia è costruzione di concetti. Il concetto è una raccolta (da concipere, « raccogliere ») di idee o rappresentazioni mentali tenute insieme dalle leggi della logica formale generale. La dissertazione filosofica è l'esercizio tecnico che meglio permette – a partire da un testo di riferimento, legato a una questione che già contiene raccolte in sé adeguate collezioni di concetti – di esercitare la mente al lavoro di costruzione di concetti. Occorre partire dunque da un testo, che prenderemo come punto di riferimento concettuale. Nel nostro caso i due classici: Rousseau e Hume.

Avete anzitutto un testo da commentare, analizzare e discutere… e già vi lasciate prendere dal panico! Questo perché, in primo luogo, il senso vi sembra oscuro, in quanto non riuscite a distinguerne il nocciolo concettuale e i nuclei di forza del testo. Una buona lettura, il più delle volte, sarà sufficiente per sgombrare il terreno da tali incomprensione. Matita alla mano e un dizionario di lingua italiana aperto (INDISPENSABILE), occorre procedere con metodo nella lettura. Anzitutto, iniziare con una lettura CORSIVA (ossia rapida) di tutto il testo, per sondare le prime difficoltà, i luoghi opachi alla comprensione (DA CERCHIARE A MATITA), l'architettura generale, i temi essenziali. Poi, frase per frase, rileggete i nodi critici, individuandone i termini oscuri e quelli di cui dovrete specificare il senso: usare il dizionario di lingua e scrivete per esteso le spiegazioni possibili.


Noterete da soli che il senso non emerge immediatamente, anche se capite ogni parola del testo. Dovrete infatti passare ad un'altra fase della lettura, più attiva e più dinamica, che consisterà nello strutturare il testo per UNITA' SEMANTICHE, in base ai concetti-chiave e alle articolazioni logiche che li collegano. In questo modo, col vostro schema otterrete una specie di scheletro concettuale che sarà necessario «rimpolpare» con le vostre riflessioni personali e che incornicerà così la vostra riflessione.


Durante questa lettura dovrete individuare e sottolineare



  • le parole-chiave

  • i connettori logici


La scrematura del testo e il reperimento dei concetti-chiave
L'operazione è costituita dall'eliminazione delle parole vuote (o prive di importanza), i connettori non-logici, cioè gli elementi che non sono essenziali per il significato fondamentale del testo. Così individuerete, allo stesso tempo, i termini significativi inessenziali e i ricorrenti, ossia quei termini che costituiscono l'essenza del problema, in particolare all'inizio del vostro testo e nella relativa conclusione.

Tali concetti-chiave dovranno essere delucidati perfettamente: il che non vuol dire dover ridefinire per esteso ogni parola chiave, ma dovrete avere ben chiari in mente il loro significato linguistico e concettuale (ordinari) e la loro importanza filosofica per afferrare la posta in gioco nel dibattito.



L'articolazione logica del testo attraverso la descrizione dei connettori
Ogni concetto-chiave è collegato al relativo contesto e agli altri concetti dai nessi logici: i cosiddetti connettori che possono essere:


  • congiuntivi: la coordinazione (E), che associa semplicemente un concetto a un altro, in un rapporto di coesistenza. Se l'enunciato della Dissertazione è costituito da un tale rapporto – come ad esempio: «Libertà e costrizione ecc. ?» – dovrete pensare e riflettere su questo rapporto di coordinazione congiuntiva. Molte opere filosofiche pensano tali rapporti: ad esempio: L'essere e il nulla (Sartre), Ragione e violenza (Marcuse) ecc.

  • alternativi: coordinazione (O) : «Progresso o verità...?»

  • di subordinazione, di appartenenza dei membri: DI,

  • d'implicazione: DUNQUE

  • di necessità : PERCIÒ, CONSEGUENTEMENTE, NECESSARIAMENTE ecc.

  • di circostanza o condizione: SE

  • di circostanza necessaria e sufficiente: SE e soltanto se
    il nesso condizionale è seguito normalmente da un nesso d'implicazione… qui abbiamo a che fare con le diverse figure del sillogismo della logica classica (Aristotele).

  • di negazione: … NON, NON, NESSUNO… NÉ, NÉ...

I connettori vanno individuati anche attraverso l'espressione diretta avverbiale che li traduce implicitamente, e ciò risulta essere necessario alla comprensione analitica del testo.

Il nostro metodo prende come punto di partenza le tecniche di analisi strutturale del testo usate (ad es. in documentologia) per elaborare degli abstract (riassunti) o un'indicizzazione obiettiva dei testi. Se ne ricava uno schema elementare, una struttura minima che può essere illuminante per la comprensione. Va da sé che il lavoro non si limita a questo e che la vostra dissertazione non consisterà nella semplice riproduzione di tale schema. Questa è soltanto una prima fase di lettura strutturante, essenziale alla comprensione, utile per l'analisi, ma non sufficiente per la riflessione creativa.


Esempio:

la liberazione dell'uomo e infine la sua libertà passano inevitabilmente per la conoscenza dei suoi determinismi?

In questo problema si isolano le due parole chiave che sono antagonistiche: liberazione (libertà) --- determinismo


I concetti che sono collegati:

  • uomo

  • conoscenza

  • liberazione --- dell' --- uomo

  • conoscenza --- del --- determinismo

Notate fin dal principio che dovrete pensare i concetti di libertà e di determinismo, ma che dovrete tener conto anche di che cosa è libero, o suscettibile di liberazione, cioè l'uomo, e del fatto che si tratta della conoscenza del suo determinismo. Non si tratterà perciò semplicemente di discutere di un'opposizione o del paradosso fra la nostra volontà libera e le determinazioni che guidano l'esistenza, ma piuttosto del rapporto che stabiliamo, in quanto uomini, con entrambi.

L'articolazione centrale sarà il verbo: «passare per» e, in particolare, l'avverbio «inevitabilmente», che indica un rapporto necessario fra la conoscenza del determinismo e la libertà umana. Tale rapporto e la sua necessità dovranno essere discussi.


Liberazione --- dell'uomo

passa inevitabilmente per

la conoscenza --- del determinismo


Notare il chiasmo (disposizione in forma speculare dei rapporti) tra libertà e determinismo.




2. IL REPERIMENTO DELLE INFORMAZIONI

Una dissertazione non è solo una prova della capacità di argomentazione e concettualizzazione di un problema filosofico, ma è anche un modo di valutare e pesare la relativa cultura generale e filosofica di chi scrive. Perciò, si rivela spesso necessario svolgere delle ricerche documentarie preliminari.

Queste si riferiranno all'autore dell'enunciato messo a tema della dissertazione, ma anche ai concetti-chiave che avrete individuato nel testo. Se la dissertazione si riferisce a una dottrina, a una corrente o a una scuola filosofica, dovrete conoscere con precisione i punti essenziali di tale pensiero. Di conseguenza, i dizionari, le enciclopedie e i manuali di storia della filosofia saranno di grande aiuto. Due sono dunque i metodi di accesso ai materiali utili per la dissertazione:


  • Ricerca in biblioteca : A. Ferretti, Metodologia. Avviamento alla tecnica del lavoro scientifico, Roma, LAS, 1982.




  • Ricerca sul Internet :

Esistono molti lavori utili per orientarsi nella ricerca documentaria sulla rete, tra questi : M. Gasperetti, Computer e scuola (Apogeo), V. Pasteris, Internet per chi studia (Apogeo); F. Metitieri-R. Ridi, Ricerche bibliografiche in Internet (Apogeo).


L'utilizzo dei materiali
Lo scopo del reperimento delle informazioni è di raccogliere i materiali utili per la realizzazione della dissertazione.

Tali materiali possono essere :



  • riferimenti bibliografici

  • citazioni dagli autori

  • definizioni dei termini

  • articoli

  • estratti delle opere

ecc…

Questa raccolta è un lavoro costante, effettuato in stretta relazione con il vostro corso di filosofia.


I MATERIALI
Lo studio sul vocabolario: è la prima tappa. Si dovrà distinguere, nel termine da definire, il significato fondamentale, etimologico, primario e il suo o i suoi relativi sensi derivati e specifici (filosofici). Si dovrà prestare attenzione alle parole derivative, i sinonimi, gli antonimi. Un buon dizionario di lingua, come ad es. lo Zingarelli, sarà sufficiente, nella maggior parte dei casi.

I dizionari filosofici, a causa della loro forte specializzazione, richiedono un addestramento preliminare o almeno una chiarificazione perfetta delle idee e del problema che ci si è proposti di analizzare. Lo studio sul vocabolario di lingua è dunque lo strumento migliore, che deve permettere di delucidare più facilmente la questione.


La storia della filosofia. Si tratta qui di situare il tale autore, il tale pensiero o dottrina nel relativo contesto storico, nello sviluppo generale del pensiero. In nessun caso si tratterà di imparare meccanicamente «la dottrina» di un autore (il «che cosa ha veramente detto X»), per tentare di renderne conto altrettanto meccanicamente. Piuttosto, sarà una questione di collocazione del problema particolare che ci viene proposto in un quadro più generale. Una conoscenza globale della storia della filosofia permetterà anche di situare l'autore nel suo contesto, biografico e culturale al tempo stesso, e di considerare come le dottrine si succedono, si rispondono, si oppongono o si completano l'una con l'altra.

I testi filosofici. Nella formazione filosofica universitaria, nella preparazione degli esami, i testi affrontati saranno complessi e spesso non accompagnati da un commento esplicativo adeguato. Nelle vostre ricerche bibliografiche sarà dunque necessario compiere tale commento/interpretazione autonomamente, leggendo ogni opera «trasversalmente», dalla fine: partendo dall'indice, dalle tavole analitiche degli argomenti (se ce ne sono) alla ricerca dei concetti-chiave di cui andiamo in cerca, pertinenti in relazione al nostro problema. E' dunque meglio conoscere con precisione un testo, un estratto o un articolo precisi, piuttosto che squadernare a caso le dottrine di un autore che non avete ancora letto.

Le opere «tecniche» o di cultura generale. Possono essere necessarie, nella misura in cui determinate domande – in filosofia della scienza, della storia, della religione, questioni di bioetica ecc. – non potranno essere trattate se non si dispone di una conoscenza precisa del campo e del contesto cui si riferiscono (dizionari di bioetica, di storia delle religioni ecc.).
Le opere letterarie, poetiche, teatrali, artistiche. Importanti sul piano della cultura generale e perché questa cultura umanizza il pensiero e lo radica nel concreto. Ma questi riferimenti sono utili per la riflessione filosofica soltanto se vengono considerati e pensati in termini filosofici e non soltanto «vissuti» e «sentiti» sul piano estetico. Nell'atto di scrivere una dissertazione siete filosofi e non critici d'arte, scrittori o letterati. Un'opera di finzione può illustrare, esemplificare, corroborare una tesi, ma non la può sostenere sul terreno dell'argomentazione.
Gli eventi della vita, l'esperienza concreta. Il pensiero si nutre talora dell'esperienza concreta, esistenziale: è il caso, ad es., di S. Kierkegaard o di J.-P. Sartre. Ma l'esperienza quotidiana, il vissuto, gli eventi segnalati dalla stampa ecc. assumono valore solo attraverso un lavoro di messa a distanza. Una dissertazione non può essere un diario personale, una rassegna di ricordi intimi… ma può essere utile, se si ritiene di avere talento introspettivo, tenere un proprio diario, che utilizzeremo solo con molta prudenza in un lavoro universitario, ma che affinerà, gradualmente, la consapevolezza di sé e del mondo.

IL TRATTAMENTO DEI MATERIALI
L'elaborazione delle schede documentarie. Senza una specie di catalogo documentario i vostri riferimenti bibliografici, la citazione annotata a margine di un libro, l'articolo letto in una rivista ecc. saranno presto introvabili.
Ecco dunque alcuni «trucchi del mestiere», per chi non dispone ancora di un computer portatile da utilizzare direttamente in una biblioteca:
Schede bibliografiche. Le schede cartacee di formato 7 x 11 cm sono sufficienti per i riferimenti bibliografici di LIBRI e dovrebbero essere presentate come segue:


RICHIAMO

titolo/autore; traduttore; curatore dell'introduzione. -
luogo d'edizione, editore, anno d'edizione. - (collana). -
pagine. -
Note varie concernenti il libro, il suo contenuto ecc. -

Altri descrittori logici (parole-chiave).

Collocazione bibliotecaria
(per ritrovare l'opera)

Nel richiamo:



  • Nome (nome e cognome) dell'AUTORE e/o

  • un DESCRITTORE principale - parola-chiave

Il richiamo permette di ritrovare la scheda fra altre che concernono il medesimo argomento.
Se si tratta di un ARTICOLO di rivista :

RICHIAMO

Titolo dell'articolo/autore. - (separati da virgola)
«in», seguito dal titolo del periodico: numero - mese, anno - pagine -
riassunto - note personali -

Descrittori.

Collocazione bibliotecaria
(per ritrovare l'opera)

Nel RICHIAMO : AUTORE e/o DESCRITTORE

Lo stesso principio può essere applicato alle schede che si riferiscono agli estratti di opere (specificare bene i numeri di pagina e i riferimenti bibliografici completi), e a tutte le annotazioni personali. Queste schede saranno collocate in ordine alfabetico, secondo i richiami.

Le cartelle, i classificatori, le cartelline di plastica da ufficio, schedate per collocazioni di classificazione che stabilirete voi in modo personale (parole-chiave, richiami), saranno utili per l'ordinamento delle fotocopie, delle annotazioni scritte a mano e di altri materiali in formato A4.


* * *


3. LA DISSERTAZIONE FILOSOFICA


La dissertazione è l'esercizio del pensiero per eccellenza. Almeno tale era nell'insegnamento tradizionale della Filosofia nelle grandi Università, in cui il controllo della lingua scritta testimoniava tanto il rigore del ragionamento quanto la buona integrazione nell'élite culturale. Non è questo il luogo per giudicare la validità della prova, in termini di selezione sociale o professionale: si può osservare che le nostre società tecnologiche, dominate dagli imperativi tirannici del mercato, non favoriscono certo coloro che “dissertano” più brillantemente.

Resta nondimeno il fatto che le nostre società funzionano secondo la forma democratica, cioè le decisioni fondamentali che interessano i cittadini sono prese al termine di un dibattito che si svolge nella sfera pubblica. Ciascuno, secondo le proprie competenze, è chiamato a parteciparvi. Ciò richiede uno spazio di discussione in cui si possa discutere e difendere il proprio punto di vista e riflettere – in modo critico e distaccato – sulle poste delle decisioni da prendere. Capiamo bene che al giorno d'oggi, tanto quanto nella Grecia antica, la democrazia si coniuga, in un modo o nell'altro, con il controllo dell'argomentazione, del ragionamento e con l'esercizio del senso critico. La dissertazione è volta a sviluppare e ad affinare tale senso critico.


Da ciò deriva l'importanza dell'esercizio tecnico della dissertazione. Tale esercizio mobilita senz'altro il linguaggio, ma anche il ragionamento. Mobilita, inoltre, le risorse indispensabili alla persuasione del proprio interlocutore. Non basta soltanto comprendere il problema, né dar prova del sapere richiesto per tale comprensione. La scrittura elegante e il ragionamento corretto, inoltre, non sono gli unici criteri di verifica del successo: occorre anche la forza della convinzione, quindi il controllo delle procedure retoriche.


Esercizio tradizionale della filosofia, la dissertazione ha i suoi “codici”, le sue regole, le relative tecniche. Abbiamo preparato il terreno avvicinandoci alla lettura attiva del testo, la ricerca delle informazioni; non resta che metterci al lavoro, per utilizzare i materiali che abbiamo raccolto e SCRIVERE.



Codici e regole della dissertazione.

Affrontiamo qui le principali questioni concernenti la pratica della dissertazione. Si riferiscono al senso dell'esercitazione, al ruolo del pregiudizio o della reazione spontanea alla domanda, alla dialettica e al confronto delle diverse tesi, allo stile e alle tecniche dell'argomentazione. Per i primi due punti abbiamo ripreso e tradotto – ricapitolandole – alcune indicazioni pratiche tratte dall'opera:



Andrée Pouyanne, Philosophie, Ed. Magnard, Paris – (coll. Organibac)


1. L'Interrogazione filosofica
L'enunciato della dissertazione si presenta, nella maggior parte dei casi, sotto forma di una domanda. Il primo errore sarebbe quello di considerarla precisamente come una semplice domanda, a cui dovremmo rispondere in maniera concisa e immediata, per il si o per il no. In realtà, la domanda posta richiede un'altra procedura, diversa dalla pura e semplice risposta di fatto (alla maniera del senso comune). Contrariamente alle scienze esatte, al contrario anche delle situazioni concrete della vita di tutti i giorni, l'interrogazione filosofica non è mai chiusa. Se in matematica o in fisica il problema posto richiede l'esecuzione esplicita del sapere tecnico necessario alla relativa risoluzione, al termine della quale si enuncerà appunto la soluzione trovata, in filosofia l'interrogazione rimane una procedura aperta. Non c'è nessuna «soluzione finale», definitiva, in modo che qualunque sia la risposta data, il cammino percorso, gli argomenti offerti ecc., la contestualizzazione del problema ha altrettanta importanza quanta ne ha l'eventuale esattezza in termini di persuasione (sempre relativa, per ciò che concerne una tesi filosofica) della risposta.

La filosofia si rivela dunque essere un'interrogazione incessante, alla reiterata ricerca di un obiettivo che non dipende dalla dimensione dell'avere, bensì dell'essere. La ricerca porta in sé stessa il proprio oggetto. Il suo scopo: l'affermazione di una tesi e il raggiungimento di una verità condivisa, persuasiva e universale.


2. L'enunciato della dissertazione dovrà dunque essere contestualizzato e problematizzato.


  • Contestualizzato, per quello che necessariamente si riferisce ad un punto problematico filosofico, a presupposti che si dovranno esplicitare a partire dai termini stessi della domanda (analisi dei termini col sussidio del vocabolario di lingua).

  • Problematizzato, nella misura in cui la domanda – situata in relazione ad una tesi filosofica - deve essere messa a confronto con il problema filosofico che la sottende.

La problematizzazione presuppone dunque una cultura filosofica, quella che avrete acquisito o state acquisendo nei vostri corsi e con le vostre letture. La soluzione che proponete di fornire deve essere messa imperativamente alla prova, nel confronto con la sua (o le sue) antitesi, anche attraverso le varie soluzioni possibili. Si procederà perciò come segue:

  • Verranno messi in rilievo e spiegati (nel loro significato corrente, tratto dal senso comune) i termini-chiave che devono essere associati ai diversi aspetti della problematica proposta.

  • Si cercherà, nella storia della filosofia, gli autori che affrontano il problema e le risposte che hanno dato.

  • Esaminando ciascuna tesi, se ne cercheranno i presupposti e se ne dedurranno le conseguenze.

  • Alle tesi verranno opposte le antitesi, le quali verranno allo stesso modo discusse e messe in questione.



3. Partire dalle reazioni spontanee: un elogio del pregiudizio
In molti casi, non potremo fare a meno di prendere le mosse da una risposta spontanea. Questo modo di procedere può essere utile, come punto di partenza, a condizione di poterne prendere poi le distanze. Infatti, ogni conoscenza, ogni giudizio è possibile solo se si considera l'orizzonte – storico, culturale, filosofico – della nostra procedura filosofica. Il pregiudizio – o giudizio preconcetto offerto dal senso comune, giacché di questo si tratta – tanto giustamente condannato e combattuto dall'Illuminismo, diventa in tal modo indispensabile, in quanto consente di consolidare e fondare la conoscenza nuova sul substrato culturale da cui sorge l'autentica interrogazione filosofica. È dunque legittimo iniziare dalla nostra risposta spontanea, quella che deriva dall'opinione (dòxa, da cui dògma), un'opinione che si confronterà naturalmente altrettanto bene con l'eredità della tradizione filosofica e con l'antitesi che un interlocutore qualsiasi potrebbe opporvi.

Ma è essenziale tenere presente che restando sul terreno del pregiudizio, accontentandosi di un atteggiamento tutto e solo soggettivo, che consisterebbe nell'esprimere un «parere personale» (dogmatico, appunto), non si potrà mai giungere ad una risposta filosofica. La procedura richiesta, e che è necessario acquisire, è di partire da un terreno particolare: quello delle vostre conoscenze, delle vostre esperienze, della vostra cultura, della vostra condizione esistenziale, per attingere ad un universale, cioè ad un approccio che può essere condiviso da ogni essere umano ragionevole (persuasione). Tale distinzione – tra pregiudizio e procedura critica tendente all’universale – presuppone ovviamente che un linguaggio comune esista e in filosofia questo linguaggio è quello della ragione, dell'argomentazione razionale, che ha le sue regole, i suoi metodi e le sue modalità espressive.


3.1. La risposta spontanea è affermativa o negativa

Interrogatevi sulle ragioni di questa o quella risposta che contiene sempre una parte di verità (un errore totale del senso comune è contrario alla natura della ragione umana, direbbe Kant), poi prendete la tesi contraria e provate ad argomentare a partire da quella tesi, cercando di entrare nei suoi meccanismi logici e concettuali.



3.2. La risposta è dubbia o condizionale

Radicalizzate la vostra risposta, prendendo in considerazione volta a volta le alternative. Se non sapete cosa pensare, la soluzione migliore sarebbe di prendere arbitrariamente una tesi e tentare di dedurne le conseguenze logiche, quando questa è spinta all'estremo. Prendete infine anche la tesi contraria.



3.3. La risposta è un'alternativa

Vi sono casi in cui l'enunciato spinge a prendere in considerazione i due termini di un'alternativa. Prestate attenzione al nesso fra questi due termini: sono esclusivi ? complementari ? L'uno condiziona l'altro ?



4. Questioni di stile
Un filosofo, nella maggior parte dei casi, è anche uno scrittore. Lo scritto filosofico può essere, in alcuni casi, anche un’opera letteraria; e ci si rende conto facilmente che ogni filosofo ha il suo stile. Nietzsche non scrive come Kant; la scrittura di Wittgenstein non ha nulla in comune con quella di Heidegger; un testo di Sartre si riconosce alla prima lettura… Nel contesto di una dissertazione, due scogli devono essere evitati: l'astrazione vaga – quella valanga di generalità vuote che costituiscono altrettanti luoghi comuni privi di senso filosofico – e l'oscurità gergale, che mima gli stili dei filosofi più à la page.

La lingua italiana ha il merito della malleabilità e della versatilità concettuale, che s'inscrivono, inoltre, nella grande tradizione filosofica greco-latina propria della nostra cultura. E' una lingua classica, povera di neologismi filosofici (ma, ahinoi! soffocata dagli anglicismi), ed è più che sufficiente per esprimere la maggior parte dei concetti filosofici. Userete i termini tecnici («ontologia», «gnoseologia», ecc.) con parsimonia, solo se sarete assolutamente certi del loro significato e della loro adeguatezza al contesto. Lo studente dispone, in genere, di poco tempo per svolgere la dissertazione, preso dal lavoro quotidiano per la preparazione degli esami. Di conseguenza, adotterà uno stile conciso, che eviterà di dilungarsi nelle considerazioni secondarie, negli aneddoti superficiali, nelle illustrazioni ridondanti. La metafora può essere utile, ma si non dovrebbe conferire a questa procedura il posto riservato normalmente all'argomentazione teorica e concettuale. Quest'ultima sarà strutturata con cura e con metodo, cercando di andare dritto all'essenziale.


5. Questioni di logica

Uno dei requisiti della dissertazione filosofica è il rigore del ragionamento e l'onestà intellettuale nella scelta delle procedure retoriche di argomentazione. Il primo punto è determinante nella valutazione di lavoro. Il secondo è la misura della maturità intellettuale generale dello scrivente.







ALCUNI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
ENCICLOPEDIE E DIZIONARI

L'Enciclopedia Italiana “Treccani

E' la migliore opera generalista disponibile in commercio in Italia. Costantemente aggiornata, dispone anche di un sito web, accessibile a studenti e insegnanti :



http://www.treccani.it/site/www/index.htm

Saggio a cura dello scrivente:



http://www.treccani.it/site/Scuola/Zoom/faraday/9.htm.

Lo Zingarelli

Ricco e preciso a livello lessicografico, molte le citazioni degli autori, le menzioni dei sinonimi e degli antonimi.



Il De Mauro della lingua italiana

Questo dizionario è il più completo ed esaustivo strumento d'uso della nostra lingua pubblicato in Italia. Ricostruisce adeguatamente anche la storia dell’italiano e gli usi più rari e lontani nel tempo. Esiste un utile sito web per la consultazione in rete:



http://www.demauroparavia.it/

Grande Antologia Filosofica, diretta da Umberto Antonio Padovani , coordinata da Andrea Mario Moschetti, di vari autori (35 voll., Marzorati).

E' la più ampia collezione di testi filosofici (introdotti e commentati) disponibile in lingua italiana, dall'Antichità fino alla metà del Novecento.



Il Dizionario di filosofia, di Nicola Abbagnano (UTET)

Recentemente riedito in edizione ampliata, è il più noto strumento “tecnico” per la filosofia esistente in lingua italiana. E' segnato dalla prospettiva filosofica esistenzialistica e tardo-idealistica del suo autore.



La “Garzantina” di Filosofia, a cura di numerosi autori.

Testo noto per l'agilità di consultazione e la varietà dei punti di vista filosofici che offre, considerata la numerosità dei collaboratori.



Dizionario di Filosofia. Gli autori, le correnti, i contetti, le opere, Bur Rizzoli, a cura di Remo Cantoni, Giulio Giorello, Cesare Luporini, Enzo Paci, Pier Aldo Rovatti, Antonio Santucci e Carlo Sini.

Atlante illustrato di filosofia. - di Ubaldo Nicola (Demetra)

E' la sola opera in Italia che affronti in maniera semplice, esaustiva e relativamente corretta, la filosofia per nozioni e concetti-chiave, dall'antichità all'età contemporanea.



OPERE DI STORIA DEL PENSIERO FILOSOFICO

Storia della filosofia: 3 volumi, di F. Adorno, T. Gregory, V. Verra.

Il miglior manuale di Storia della filosofia per i licei, insieme al G. Giannantoni, Profilo di Storia della filosofia (3 voll., Loescher), all'Abbagnano, Protagonisti e testi della filosofia (3. voll., Paravia), e al Reale-Antiseri, Il pensiero occidentale, dalle origini ad oggi (La Scuola).



Storia del pensiero filosofico e scientifico, 9 volumi, a cura di Ludovico Geymonat.

L'opera di consultazione più completa di storia della filosofia disponibile in italiano, opera di un grande filosofo e intellettuale italiano, di levatura internazionale, del secondo dopoguerra.



La Filosofia, a cura di Paolo Rossi (4 voll., Garzanti)

Opera a più voci, coordinata da uno dei massimi storici italiani del pensiero filosofico, fa il punto dello stato degli studi nel campo della filosofia contemporanea, per 4 grandi aree: 1. Le filosofie speciali; 2. La filosofia e le scienze; 3. Le discipline filosofiche; 4. Stili e modelli teorici del Novecento.



Novecento filosofico e scientifico. I Protagonisti, a cura di Antimo Negri (5 voll., Marzorati)

Opera di storia antologica del pensiero novecentesco, articolata per autori-chiave, tradotti, introdotti e commentati.



Enciclopedia Filosofica di Gallarate, diretta da Virgilio Melchiorre, di autori vari, tra cui lo scrivente (12 voll., Bompiani).

Altra opera di consultazione, di grande ricchezza e ampia varietà di punti di vista filosofici, recentemente riedita, arricchita di numerose aggiunte e contributi (2006).




CONSIGLI PER LA DISSERTAZIONE

Quali sono le qualità essenziali di una dissertazione filosofica?


  1. È logica, rigorosa e coerente: le parole hanno un senso strettamente definito, le frasi si susseguono in modo tale che il lettore comprende la concatenazione delle idee e il ragionamento nel suo insieme1. Perciò è consigliabile evitare le giustapposizioni d'idee, come anche gli pseudo-collegamenti (l'esperienza dimostra che in determinati lavori i connettori “ma”, “quindi”, “in effetti”, “inoltre”, “perciò”, “conseguentemente” ecc. sono usati quasi sempre per mascherare l'assenza di veri e propri collegamenti fra due idee successive.

  2. Segue un programma, un piano di lavoro, forma un tutto: la struttura dell'elaborato può essere afferrata immediatamente.

  3. E' scritta per intero con coerenza: tutte le frasi sono complete; può contenere titoli di paragrafi, sottoparagrafi numerati; la sintassi, l'ortografia, la scrittura sono accurate, anche nella presentazione grafica al computer.

  4. È SEMPRE argomentata: un'asserzione, anche immediatamente vera, è per sé stessa priva di valore se non è accompagnata dalle ragioni che la fondano. In filosofia e in particolare nel contesto di una dissertazione di 15-20 pagine (di 30 righe per 60 battute), non si tratta tanto di pretendere di dire La Verità, quanto di riflettere in maniera efficace, a partire dalla propria esperienza e dalla propria cultura (acquisite entrambe). Ecco perché si tratta di evitare le due seguenti procedure, entrambe erronee:

- il soggettivismo (peggiorativo): “a mio parere", “da parte mia”, “io penso che”, “ritengo che”, “concluderei dicendo che”, ecc. In Filosofia ha valore solo ciò che può essere ammesso da tutti, in virtù di una comunità di cultura e dell'accessibilità a tutti e a ciascuno delle ragioni invocate ad argomento;

- La “sfilata” dei punti di vista, persino quelli degli autori considerati come più filosofici («per Platone… d'altra parte per Descartes… », ecc.); lo stesso vale per le citazioni, e a maggior ragione quando pretendono di sostituirsi alla riflessione che ci si attende dall’autore.
Solo partendo da voi stessi e dai problemi contenuti nei testi con i quali vi confrontate, cioè dalla vostra esperienza e dalla vostra cultura, e riflettendo a partire da esse (ma spersonalizzandole, in funzione dell’universale da raggiungere) avrete una buona chance di produrre qualcosa che sia degno di interesse, nei due sensi:


  • a) interesse per voi: riflettere, anche a un livello modesto, ma in maniera onesta e disciplinata, è fonte di grande soddisfazione personale;

  • b) interesse per i potenziali lettori: che è l'unico pegno di successo, anche se il successo non è immediato; è del tutto comprensibile iniziare incontrando delle difficoltà. Di fronte ad esse, è possibile adottare una procedura intellettualmente illusoria e sempre frustrante che consiste nel ricopiare qualcosa di preso in prestito qui e là, nel riprodurre delle intere frasi che non abbiamo realmente compreso, perché non le abbiamo realmente pensate noi, ma che ci appaiono più o meno “ispirate”. Una simile procedura, radicalmente anti-filosofica perché nega come soggetto capace di riflessione la persona stessa che vi si consacra, sarà decisamente scoraggiata e censurata ( voto = 0, o vicino a 0).

La natura dell'esercizio verrebbe male interpretata se si pensasse che il correttore attende una risposta, una procedura, un percorso determinato in anticipo, sia nel caso di un argomento in forma di domanda o di un oggetto-testo da leggere e interpretare.


Tutto può essere detto, ma alle seguenti condizioni :


  • Non si affronta la questione proposta senza cercare di comprenderla sul serio, cioè sforzandosi di sviluppare, di costruire un problema attorno ad essa in quanto realmente lo solleva. Il malinteso più comune al riguardo è costituito qui dal fatto che troppi studenti pensano di avere a che fare – qualunque sia l'argomento proposto – con «una questione del corso», considerandone il senso come già bene acquisito, completo o evidente, senza aver capito che tale questione rimane ancora tutta da porre;

  • Si evita di dare alla questione proposta un senso che non può avere nella nostra lingua;

  • Non ci si limita ad affermare o, peggio, a suggerire, senza argomentare (l'errore più grave);

  • Cercare le ragioni di ciò che si propone come argomento, la qual cosa presuppone già che la materia in esame venga esplicitata, che venga fatto almeno uno sforzo in tal senso;

  • Oltre alla ricchezza di contenuti (in rapporto alla riflessione effettivamente svolta), le buone dissertazioni sono riconoscibili da questa capacità del loro autore di prendere una certa distanza critica in relazione alla questione posta, senza estenderla, né ridurla, ma sforzandosi di dimostrare a quali condizioni o da quale punto di vista (che poi si potrà dunque discutere) essa può prendere legittimamente tale o tal'altro senso. E' la qualità che più manca in troppe dissertazioni…


Alcune raccomandazioni
Sulla base di ciò che precede, ecco alcune raccomandazioni di natura tecnica (e quindi meno importanti rispetto a ciò che precede) sulle diverse parti che compongono la dissertazione:
1. L'INTRODUZIONE
Si tratta qui :

a) d'introdurre il problema, di svolgerlo e condurlo a un’esplicitazione chiara, a partire da un'opposizione, un paradosso, una difficoltà ecc. È preferibile non riprendere immediatamente l'intitolazione della questione proposta. È necessario evitare le introduzioni formali e convenzionali, del tipo: « da tempo immemorabile gli uomini si sono domandati se… » (il che è certamente falso); « Dacché l'uomo è uomo, non è stata mai proposta una questione più importante di… »;  « gli eventi recenti, qui o là, dimostrano l'interesse che c'è a interrogarsi su… », ecc.

b) Individuare con precisione il problema posto, evitando, per far questo, di moltiplicare inutilmente gli interrogativi o gli approcci alla stessa domanda;

c) Evitare di anticipare la propria soluzione in ogni modo, qualunque essa sia, destando al contrario l'interesse del lettore per lo sviluppo dell'elaborato, mostrando per che cosa una riflessione approfondita s'impone alla persuasione.
L'introduzione deve mantenere in bella vista il problema e non il tema o il semplice concetto. Il problema è la forma della contrapposizione dialettica di due o più risposte possibili alla questione, egualmente, in certa misura, legittime. Si può scegliere di mostrare la posta in gioco nella questione stessa, che può essere distinta molto bene rispetto alla posta messa in gioco nella propria riflessione (= ciò che autorizza la formulazione della questione è da distinguersi rispetto a ciò che fonda tale o talaltro modo di considerarla), di mostrare il partito preso della questione (= che cosa è ammesso in anticipo, nella maniera stessa di porla) e ciò che la questione elude (= che cosa non è detto, e potrebbe contraddirne il partito preso), o ancora la difficoltà che solleva, ciò che fa problema e al tempo stesso costituisce la sua ragion d'essere in quanto questione filosofica ecc.

2. LO SVILUPPO
Non esiste un numero obbligatorio di parti della dissertazione. Tuttavia, occorre sapere che gli elaborati troppo rapidi e sbrigativi, nei quali la riflessione è povera, dove all'argomentazione non è data una sufficiente ampiezza, si rivelano essere molto spesso costruite in due sole parti, non organizzate in paragrafi distinti.
È significativo iniziare definendo i termini importanti della questione; e ciò in stretta relazione con il suo contenuto, per iniziare a trattare il problema, e non a fini di “riempitivo”. I dizionari d'uso corrente, come abbiamo detto, possono risultare tanto utili quanto nocivi, a tal riguardo, se le definizioni che vi troviamo non permettono di dare un senso pertinente, cioè efficace e relativo prettamente alla questione proposta.
La riflessione inizia qui.
Al di là di tali definizioni, si può riflettere sui termini stessi del problema facendo ricorso a delle categorie di pensiero quali «diritto/fatto», «teoria/pratica», «mezzo/fine», «forma/contenuto», «causa/effetto», «condizione necessaria/condizione sufficiente», ecc. o al contrario tentando di superarle (la qual cosa non autorizza affatto ad ignorarle).

Questo lavoro di definizione e di riflessione, in linea di principio, deve servire ad individuare il problema con tutta la precisione auspicabile. È quello che chiamiamo lo sviluppo di una problematica, il cui obiettivo è di trasformare gli enunciati del senso comune in problemi, le abitudini mentali e le idee solitamente ammesse, in atteggiamenti critici2.


Per «problematica», in Filosofia e in un senso più ampio, s'intende anche un’interrogazione particolare propria di un pensatore, di una scuola o di una corrente di pensiero, di un periodo della storia delle idee, ecc. Definizione, riflessione costituente che istituisce una problematica, queste possono servire ad aprire una prima parte della dissertazione (ad es. 5/6 pagine).

Una precisazione importante a questo proposito: poiché il problema non è dato immediatamente dall'intitolazione dell'argomento (è il caso più frequente), il lavoro di sviluppo di una problematica (necessariamente precedente rispetto ad ogni redazione) deve essere almeno iniziato nell'introduzione. Altrimenti questa a che cosa servirebbe propriamente?


Per la continuazione dello sviluppo, non ci sono (purtroppo?) ricette-miracolose di piani-tipo della dissertazione che permetterebbero di risolvere in anticipo tutte le difficoltà che si possono presentare, a partire da qualsivoglia argomento3. La riflessione svolta, al contrario, è sempre particolare rispetto alla questione proposta.


Qui saranno importanti :
a) il punto precedente (la riflessione logica concernente gli stessi termini del problema);


b) la riflessione a partire dall'esperienza acquisita (perché si tratta, in filosofia, di pensare il proprio oggetto, ben reale);


c) la propria cultura.
Alcuni argomenti assumono il loro vero significato solo sulla base della cultura che presuppongono. Per esempio: « Quale insegnamento si può trarre dall'esperienza ? »; sarebbe illusorio pensare che una riflessione condotta anche metodicamente attorno ai termini del problema possa qui colmare l'assenza di una cultura epistemologica minima (è in questione qui soprattutto l'esperienza scientifica).

È consigliabile riflettere veramente, senza pregiudizi e in tutta umiltà, non esprimere arbitrariamente un parere pro o contro, né improvvisare liberamente intorno ad un soggetto, ma, tenendo conto della questione posta, cercare con metodo che cosa può essere ammesso da ogni spirito conoscente e le ragioni per le quali lo si deve ammettere (cogenza).


Il primo requisito di ogni lavoro filosofico è il seguente: tutto ciò che si scrive deve essere effettivamente pensato (e ripensato = onestà intellettuale) e deve esserlo in maniera coerente, e ciò significa che si deve assolutamente evitare di accontentarsi di riprodurre qualsivoglia cosa, persino i materiali di un corso o di una spiegazione del professore: si tratta soprattutto di non cadere nella modalità narrativa-recitativa dell' “esposizione di filosofia” (di altri).


Ne consegue :
– E’ perfettamente possibile riappropriarsi, ma in modo personale, di un corso di filosofia, sfruttarlo, usarlo in molti modi, ma sempre al servizio di una riflessione autentica propria.
– La stessa osservazione vale per il “pensato” (analogo al “pescato”) degli autori: non bisogna accontentarsi di servirlo, neanche sotto forma di citazioni più o meno esatte, e ancor meno di parafrasarlo, bensì tentare di ripensarlo per conto proprio e in funzione della questione, come pure del contesto, determinato dall'orientamento preso dalla propria riflessione
– Le citazioni non sono vietate, ma è bene che siano brevi, esatte e adeguate a ciò che si ha intenzione di ricavarne (rispondere sempre alla domanda: «a che serve ciò?»).
– Neanche gli esempi sono vietati, tratti dalle situazioni della vita quotidiana, dall'università o dall'attualità (più difficili da sfruttare: occorre essere capaci di afferrare le poste in gioco reali dell'evento, il che richiede una presa di distanza e un'ampia prospettiva, cioè una solida cultura…), ma non si tratta di raccoglierle per fini di pura e semplice illustrazione di un argomento; è consigliabile inoltre di proscrivere ogni luogo comune, volgarità quotidiana, il non-concettuale…

Troppi lavori scritti – i più manchevoli – testimoniano, di solito, la confusione nella testa dei loro autori, i quali confondono la dissertazione di filosofia con l'elaborato di storia, riducendola ad un esercizio di cultura generale, o considerandola addirittura come un invito a consegnare alla carta i propri stati d'animo, ad annunciare la propria indignazione dinanzi all'evento recente, a prendere il proprio lettore a testimone, ad affermare in maniera perentoria « le proprie idee », ecc. Si tratta invece di trasformare, con metodo e pazienza, quelle « proprie idee » in qualcosa di « non proprio », ma di universale e di condivisibile.


– Pensare in maniera coerente, cioè in coerenza con se stessi, senza contraddirsi. Ci si contraddice quando si afferma l'opposto di ciò che si è detto, in modo diretto o indiretto, nelle parti precedenti dell'argomentazione. Ciò può derivare da un difetto della comprensione del piano dialettico dell'argomentazione (tesi-antitesi, terzo termine ecc…), il quale va programmato in anticipo (su un foglio, con uno schema abbozzato ecc.), da mezzi linguistici insufficienti (difetti di linguaggio e di scrittura che andrebbero colmati preventivamente: la difesa consueta dello studente consiste nell'affermare : « ...ma non è quello che intendevo dire qui… »), da un'attenzione insufficiente al proprio oggetto; vi può infine essere contraddizione fra un'asserzione e le conseguenze che si pretende (indebitamente) di trarne, o fra un'asserzione e le sue reali implicazioni, che lo scrivente stesso ignora.
In tutti i casi relativi alla forma, sarà consigliabile curare il proprio lavoro in quegli aspetti tecnici, nei difetti più comuni, che qui risultano paralizzare la persuasione, per quanta indulgenza il correttore sia disposto ad accordare al vostro scritto: presentazione, piano di lavoro, costruzione del problema, correttezza di linguaggio, stile, scrittura, ortografia, sintassi, ecc.
Un'osservazione di natura generale: gli argomenti di Filosofia pongono problemi di principio e non dei semplici problemi empirici.
Ad esempio: «è possibile un mondo umano senza violenza?». Si tratta di riflettere sull'essenza dell'uomo, sul carattere più o meno sociale e dunque storicamente variabile delle cause della violenza e ciò in maniera generale (la riflessione si aggancia a dei concetti) e non di profetizzare, sotto questa prospettiva, attorno allo sviluppo del mondo avvenire.

3. LA CONCLUSIONE
Si devono fare due cose :
a) ricapitolare brevemente la propria argomentazione, facendone apparire le diverse articolazioni. È la cosa più importante: se non siete riusciti ad essere chiari come desideravate nelle pagine precedenti, è questa l'occasione per mostrare al lettore del vostro lavoro che avevate pure svolto un'argomentazione coerente e chiara, che vostra la riflessione non è partita per la tangente in tutte le direzioni, ma ha seguito una linea ben precisa;

b) rispondere in maniera esplicita, ma con tutte le riserve critiche che qui s'impongono, al problema individuato ed esplicitato nelle due parti precedenti. Il che significa non rispondere ad una questione in maniera assertoria, per l'affermativo o il negativo: può essere che la risposta verso la quale vi siete incamminati sia più complessa di quella che state dando; può essere anche che concludiate di essere stati condotti infine a pensare che il problema, in sé stesso, sia stato inizialmente posto male.

Contrariamente forse a quanto avrete imparato al Liceo, non è necessario « aprire » la conclusione verso un'altra questione, per procedere ad un'estensione della domanda stessa. Occorre farlo solo se la logica della riflessione indica che sarebbe necessario sollevare un'altra questione per poter risolvere il problema precedente. Questa situazione è eccezionale. E l'esperienza dimostra, d'altronde, che la procedura inversa fornisce generalmente risultati disastrosi.


Insomma, qui come in tutto ciò che precede, si tratta anzitutto di capire che le esigenze filosofiche sono esigenze logiche e non di ordine puramente retorico. Quello che ci interessa è il pensiero all'opera. Un suggerimento, per concludere: se il vostro lavoro non ha interessato voi stessi, in prima persona, è assai probabile che non interesserà neanche il vostro correttore...

ESEMPIO DI DISSERTAZIONE FILOSOFICA

IL PIANO DI LAVORO




« La cultura umana è necessariamente un fattore di progresso ? »
1. Introduzione
Tenere anzitutto ben conto dell'avverbio « necessariamente » : è necessario ciò che non può non essere così. Prendere il termine nel senso di : « in ogni caso ». Definire i concetti successivi, essenziali, di « cultura », a partire dal senso concreto (cultura agricola, della terra ecc.), fino al senso astratto e filosofico; e di « progresso », anche qui con un'ascesa dal concreto all'astratto e all'universale, secondo quanto appreso nel corso di quest’anno accademico.
-> Essendo la cultura ciò che l'uomo aggiunge alla natura, per opera sua e delle sue mani, dovete prendere « cultura » nel senso più ampio e, in particolare, nel senso di scienze e tecniche...

Ad esempio, le scienze e le arti sembrano essere necessariamente un fattore di progresso. Eppure nel Discorso sulle scienze e le arti, Rousseau si propone di dimostrare il contrario ! Sulla base di quali argomenti ? Prendere in considerazione le ragioni di Rousseau, non solo « quello che ha veramente detto... ». Nel Discorso sull'origine delle disuguaglianze lo stesso autore attribuisce all'invenzione della proprietà i crimini, le lotte fratricide, le guerre... come conseguenze.



Inventando la proprietà (e il diritto di proprietà che la salvaguarda), l'uomo s'è incamminato per una strada che è quella della scissione, dell'ineguaglianza e dell'infelicità.
-> Non si può forse rispondere che è piuttosto l'uso della cultura – legato alla distinzione dei rapporti di proprietà – ad essere buono o cattivo ?
-> E necessario constatare che molto spesso l'intelligenza (e la cultura, che ne è una conseguenza) si sviluppa in funzione delle passioni, degli slanci, dell'interesse o della cupidigia dei soggetti e perciò quello che chiamiamo progresso morale è solo il frutto di una generosità « ristretta »: ad esempio l'abolizione della schiavitù non è il frutto della coscienza morale universale che ordina di compiere questo gesto indipendentemente dalla sensibilità concreta, ma nella realtà di ciò che accade realmente, l'abolizione ha origine da un interesse che la cultura soddisfa (invenzione delle macchine agricole), rendendo inutili gli schiavi. Da ciò l'abolizione della schiavitù nel Nord degli USA, possessore delle macchine, che vuole vendere le proprie macchine...
-> In una prima parte dell'Introduzione potreste sviluppare il punto di vista del senso comune, dell'opinione della coscienza immediata: la cultura sembra essere necessariamente un fattore di progresso in ogni caso. Già la cultura di un terreno agricolo produce beni in abbondanza e non più secondo la casualità dell'incontro di questo o quell'albero o frutto... Quello che permette di irrigare il terreno è l'invenzione degli argini, grazie ai quali si evitano le inondazioni che distruggono il terreno e insieme l'aridità che fa seccare i giovani germogli.
-> La scienza medica, considerando il corpo umano un semplice meccanismo, non ha forse fatto progressi favolosi ? Oggi si cambia un cuore, un rene, un fegato come semplici pezzi di ricambio... ecc.
-> 2. Seconda parte. Sviluppo. Non avrete difficoltà, tuttavia, a trovare delle conseguenze di tale progresso che sono dei veri e propri regressi o perdite secche di felicità per gli uomini. Ad esempio, all'uguaglianza naturale si sostituiscono delle stridenti disuguaglianze le quali fanno si che l'uomo diventa, di fatto, il padrone di un altro uomo, lo riduce in condizioni di schiavitù economica, lo sfrutta attraverso il lavoro precario ecc. La divisione del lavoro, la sua meccanizzazione spinta non hanno già alienato il lavoratore, fin dal secolo XIX ? L'economia che porta con sé la razionalizzazione e rende ciechi alla dimensione qualitativa delle cose, non produce delle pratiche mediche che considerano il paziente come una semplice macchina che occorre riparare e ignorano che il malato chiede anzitutto comprensione nei riguardi della propria sofferenza morale, affinché venga alleviata e non semplicemente da rimedi meccanici o tramite una cura dei suoi dolori fisici ecc.
-> Dopo aver ascoltato con cura i due « avvocati » delle parti avverse, i loro argomenti, come un buon giudice dovrete proporre con prudenza una possibile soluzione che conservi ciò che risulta esservi di incontestabile nelle ragioni delle due parti (una per il si, l'altra per il no) e le metta in un ordine di rapporto tale da togliere la contraddizione che sembrava opporle.
-> Una terza parte dipende dalla vostra scelta, illuminata alla luce delle prime due parti (introduzione e sviluppo): in queste avrete pensato, pesato, misurato il pro e il contro. Nella terza parte si valorizza il lavoro concettuale svolto fin qui; essendo dei « principianti » in filosofia, poiché alcuni argomenti sembrano richiedere un'articolazione in due parti, l'essenziale di una terza parte (vostra scelta) apparirà dunque nella Conclusione.
-> Ecco un esempio (che è solo un esempio, e si può far meglio):

Terza parte = la cultura è necessariamente un fattore di progresso se si prende il significato di « progresso » nel senso più ampio (quantitativo o qualitativo). Ma come la lingua del favolista Esopo, la cultura chiede di essere controllata e dominata, insieme, dalla coscienza morale dell'individuo nella sua vita pratica, e dall'etica che si richiama costantemente ai fini giudicati validi e stimabili dalla società intera, cioè alle Istituzioni e alle norme che permettono di approvare o biasimare le azioni degli uomini (vedi l'approccio di D. Hume, che va qui evocato) : di approvarle quando corrispondono ai fini ritenuti stimabili dalla società e biasimarle quando non sono ben conformi e adattabili a tali fini o, addirittura, li contraddicono.
-> Per (o in vista di) una Conclusione = in un rapido bilancio di ciò che avete stabilito in ciascuna delle parti della dissertazione, facendo apparire chiaramente il movimento argomentativo del vostro elaborato, dovrete mostrare che la soluzione da voi proposta è stata possibile grazie, ad esempio, alla distinzione fra un progresso quantitativo e un progresso qualitativo. Se ogni progresso quantitativo rende ciechi al qualitativo e se il progresso delle scienze passa per la riduzione alla pura misura, al quantitativo... allora... ecc.
-> Non dimenticate, nella Conclusione, di analizzare il concetto di lavoro alienato: inventato/creato/goduto da altri, organizzato da altri, i cui benefici vanno ad altri.
* * *
LA MEDESIMA PROCEDURA ARGOMENTATIVA VA ADOTTATA PER I SOGGETTI DI DISSERTAZIONE PROPOSTI NEL QUADRO DEL CORSO DI STORIA DELLA FILOSOFIA DELL'ILLUMINISMO (A.A. 2007-2008) :


  1. « Le passioni e i sentimenti sono fattori di libertà? »

  2. « Il linguaggio delle passioni e le regole della ragione sono necessariamente conflittuali? »




1La qual cosa presuppone che si sappia almeno:

- dove si va a parare;

- che cosa si dice e perché lo si dice;

- confrontarsi direttamente con le difficoltà, senza rifugiarsi in un discorso prefabbricato;

- riconoscere l'essenziale di ciò che va detto;

- rivolgersi, senza sotterfugi o giri di parole, alla ragione altrui.



2 L'elaborazione di una problematica, in via preliminare rispetto ad ogni redazione, permette di fondare l'ordine della ricerca, preparando i momenti attraverso i quali la riflessione andrà davvero a confrontarsi con la questione proposta. La dissertazione di Filosofia non lascia spazio alcuno all'improvvisazione. Ecco perché può essere utile anzitutto mettere in discussione, con metodo, la stessa questione, in modo da essere sicuri di averla capita, senza omettere o trascurare nulla.

La preparazione di un dettagliato piano di lavoro potrà essere effettuata a partire dalla questione posta; e ciò facilita la messa a punto dell'introduzione e la redazione definitiva. In seguito, si potrà cercare di :




  • A. sapere che cosa si chiede = identificare l'oggetto della questione, cioè soddisfare il contenuto esplicito dell'enunciato. Il senso della domanda.

Bisogna sapere che in Filosofia non si viene giudicati tanto dalla risposta data alla domanda, cioè dal contenuto, quanto piuttosto dall'attitudine testimoniata di aver capito bene il senso della questione proposta. L'esame consiste anzitutto nel verificare l'intelligenza della questione. Di conseguenza si tratterà di restare sempre attenti alla sua specificità.
La precipitazione è qui prova d'ignoranza.
1) Leggere con attenzione l'argomento per determinare gli elementi di conoscenza che possono essere utili; annotarli, riformulare in brutta copia quello che si pensa di aver compreso della questione, può aiutare molto, ma solo a condizione di non perdere di vista la formulazione iniziale.

2) Determinare, per liberarsene, i falsi accostamenti (le genericità inutili, le opinioni preconcette, le false evidenze, ecc.), prendere coscienza qui di che cosa deve essere criticato o evitato.

3) Definire i limiti dell'argomento e, per farlo, individuare il senso di ogni termine nel relativo contesto, cioè considerando la totalità dell'enunciato, renderlo comprensibile senza estenderlo o restringerlo.

4) Analizzare i termini dell'argomento: secondo il senso comune, secondo il senso proprio (nominale o letterale), secondo l'etimologia, secondo il senso tecnico (pensiero di un autore, scienza, diritto, ecc.), per determinare le varie letture possibili dell'argomento.





  • B. Sapere che cosa si presuppone = riconoscere il partito preso della questione, cioè il contenuto implicito dell' enunciato

Si tratta qui di attenersi alla questione posta, come ad una proposizione ricevuta senza giustificazione e di metterla in discussione; per cercare i presupposti dell'enunciato, i suoi sottintesi. Per far ciò possiamo porci alcune domande, come queste:


- in rapporto a che cosa s'afferma ciò che appare nella questione proposta?

- in che direzione la riflessione si trova orientata dalla formulazione stessa della questione ?

- che cosa giustifica la questione, com'è proposta ?

- qual è la parte di opinione che l'enunciato contiene o suggerisce?

- quali ne sono i difetti ?

- a quale tesi o argomento celebre ci si riferisce implicitamente nella formulazione stessa della questione ?

- quale difficoltà si nasconde dietro l'apparente semplicità dell'enunciato ? (E' QUESTA UNA DELLE QUESTIONI PIU' PERTINENTI, se la formulazione lo permette)

- che cosa resta di non detto nell'enunciato ? ecc. [la lista non è restrittiva]




  • C. Riconoscere la posta in gioco della questione = cercare il contenuto fondamentale o eluso dall'enunciato

Si tenterà di determinare la linea direttrice dell'argomento, il punto di vista secondo il quale veniamo noi stessi invitati ad affrontare l'argomento, come anche quelli che vengono elusi, e così le prospettive nelle quali ci collocheremo per rispondere veramente alla questione proposta. Bisogna poter tendere verso la fondatezza di quanto viene enunciato, liberi di andare nello stesso senso dell'argomento. L'obiettivo è di evitare gli approcci arbitrari, per determinare quelli che realmente si aprono verso un senso efficace e relativo all'enunciato.

Qui ancora una volta potremo porci un certo numero di domande:
- fino a che punto si può accettare o rifiutare l'affermazione presupposta dall'enunciato?

- che cosa fonda o autorizza questo presupposto? la formulazione stessa della domanda?

- fino a che punto la dichiarazione sarà sempre fondata?

- quale(i) posta(e) sono in gioco nel fatto stesso di rispondere (in tale modo) ad una tale domanda?

- quale(i) giudizio(i) di valore si è invitati a formulare ?

- quale può essere l'interesse filosofico della questione? quali sarebbero le sue implicazioni filosofiche? ecc.




  • D. Formulare il problema filosofico

Si tratta di capire che ogni enunciato contiene un punto di vista che fa problema, essendo al tempo stesso totalitario (impone una determinata concezione delle cose) e lacunoso (ciò facendo, evacua aspetti, elimina determinati modi d'interpretazione, non dice determinate cose): è sempre pertinente in un senso e non pertinente in un altro, ha in un certo modo ragione e in un altro torto. Si tenterà di esprimere in una stessa formulazione che cosa autorizza o legittima la questione proposta e che cosa la rende difficile da ammettere quale essa è, evidenziando una contraddizione importante attorno alla quale potremo darci da fare per risolverla.



3 Cfr. al contrario C. Lévi-Strauss, Tristi tropici, Paris, Plon, 1980, pp.54-55; trad. it. a cura di B. Garufi, Milano, Il Saggiatore, 1986, p. 49 : «Là [nella mia classe di filosofia], ho cominciato allora a capire che tutti i problemi, gravi o futili, possono essere liquidati applicando un metodo sempre identico, che consiste nel contrapporre due punti di vista tradizionali sulla questione; introdurre cioè il primo con le giustificazioni del senso comune, per distruggerlo poi con il secondo; infine rigettarli uno da una parte e uno dall'altra adottando invece un terzo punto di vista che riveli il carattere ugualmente parziale di entrambi gli altri, ricondotti con artifici di vocabolario agli aspetti complementari di una stessa realtà: forma e sostanza, contenente e contenuto, essere e apparire, continuo e discontinuo, essenza ed esistenza ecc. Queste esercitazioni diventano presto del tutto verbali, fondate come sono su giochi di parole elevati ad arte che prendono il posto della riflessione; mentre le assonanze fra i termini, le omofonie e le ambiguità forniscono progressivamente la materia di queste teatralità speculative, dalla cui ingegnosità si riconoscono i buoni lavori filosofici. Cinque anni di Sorbona si riducevano al tirocinio di questa ginnastica evidentemente pericolosa...».






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale