Economia e finanza pubblica



Scaricare 235.25 Kb.
Pagina1/2
22.05.2018
Dimensione del file235.25 Kb.
  1   2










Università degli Studi di Perugia

Facoltà di

Giurisprudenza

Anno Accademico 2012-2013




ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA


Corso di Laurea MAGISTRALE

&

Corso Teledidattico





1. Introduzione
Per la terminologia economica:


  • Dizionario dell’Economist Economics A- Z (IN INGLESE)




  • Dizionario di Economia (IN ITALIANO)




  • in Wikipedia: ECONOMIA ed ECONOMICS




  • Un altro Dizionario di termini economici: AmosWeb

Lo studio dell’economia non pare richiedere doti particolari. Si tratta di una disciplina molto semplice in confronto alle altre branche più elevate della filosofia e delle scienze pure. Una disciplina molto facile nella quale solo in pochi riescono ad eccellere. Sembra un paradosso, ma si spiega, forse, nel senso che un grande economista deve possedere una rara combinazione di doti:

- deve essere allo stesso tempo matematico, storico, politico, filosofo;

- deve saper decifrare i simboli e pesare le parole; deve saper risalire dal particolare al generale e saper passare dall’astratto al concreto nello stesso processo mentale;

- deve essere in grado di studiare il presente alla luce del passato, per le finalità del futuro;

- deve concentrarsi sugli obiettivi da raggiungere e, al tempo stesso, deve essere personalmente disinteressato, in quanto deve pensare ed agire in modo oggettivo, tenendo conto degli effetti che ogni azione economica avrà sugli altri.


J.M. Keynes

INDICE



1. Economia (politica)

Pag. 3

2. Le ‘definizioni’ di Economia

Pag. 4

3. Agenti/operatori

Pag. 8

4. I beni ed i servizi

Pag. 9

5. Il circuito economico

Pag. 16

6. I fattori di produzione

Pag. 21

7. I settori

Pag. 23

8. I redditi

Pag. 24

9. I mercati

Pag. 25

10. La moneta

Pag. 27

11. I sistemi economici

Pag. 32

12. Il ‘metodo’ in economia

Pag. 33


1. Economia (politica)





Senofonte
Atene, 430 ?– Corinto, 355 ? a.C.



Οκονομικός

L'Economico (gr.Οκονομικός, da οκος, casa, e νόμος, norma o legge) o Governo della casa è un dialogo dello scrittore greco Senofonte, datato tra il 384 ed il 360 a.C., tradotto come Oeconomicus da Cicerone. Socrate racconta al giovane Critobulo una conversazione avuta con un ricco proprietario terriero, Isimaco, sul modo di amministrare i beni.
Criteri di gestione per il governo della casa e di amministrazione del patrimonio familiare.

Come accrescere le sostanze con l’organizzazione dei beni, delle attività e delle persone della famiglia, dei servi, dei contadini, con incentivi, punizioni, divisione dei compiti.
Arthaśāstra (intorno al 350 a.c.), scritto da Kautilya, è un antico testo indù che tratta di strategia militare, di amministrazione dello Stato e di economia.

Dalla versione araba [Kitab Tadbir al-Manzil (il libro della gestione domestica)] di un manoscritto greco forse attribuibile a un filosofo neopitagorico, i filosofi mussulmani tradussero (VIII sec. D.C.) oikonomia come ilm tadbir al-manzil. .






Antoine de Montchrestien

(1575-1621)

Il termine Economia Politica (della πoλις, l’aggregato della comunità politica e civile) appare forse per la prima volta (1615) nel Traicté de l'œconomie politique, di Antoine de Montchrestien: è definita come scienza dell’acquisizione, della produzione e della distribuzione della ricchezza per lo sviluppo della nazione.




Altri termini:

  • Economia civile

  • Economia pubblica

  • Economia nazionale



Da Economia Politica a ECONOMIA (seconda metà sec. XIX)

  1. Le ‘definizioni’ di Economia

Nel 1849 definita Dismal science (Scienza triste, in opposizione alla Scienza gaia di Nietzsche) da Thomas Carlyle, storico scozzese del sec. XIX.


Studio di comportamenti e di decisioni di famiglie, imprese, governi.
Alcune definizioni correnti:

  • WWWebster Dictionary A social science concerned chiefly with description and analysis of the production, distribution, and consumption of goods and services

  • the study of how human beings coordinate their wants and desires, given the decision-making mechanisms, social customs, and political realities of the society.




  • a social science that deals with the study of how people can be influenced by the economic system around them.

  • the science that deals with the production, distribution, and consumption of wealth, and with the various related problems of labor, finance, taxation, etc.

  • economics examines that part of individual and social action which is most closely associated with the attainment and with the use of the material requisites of wellbeing.




  • Classici (seconda metà sec. XVIII- inizio sec. XIX):

L’economia riguarda la ricchezza nazionale e lo sviluppo.


  • Neoclassici (dalla seconda metà sec. XIX):

L’economia è una teoria pura delle scelte e delle decisioni.

Da massimizzazione (di utilità, profitto, produzione, ricavi)

a scelte razionali

a scelte anche irrazionali



  • Scienza sociale (sociologia, storia)




  • Scienza astratta rigore logico-matematico


Scienza positiva (interpretazione)
Scienza normativa (dal sec. XIX) Politica economica

Alcune definizioni


Jacob Viner (1940): Economics is what economists do (Le azioni sono preferibili alle definizioni).
Adam Smith (1776): A branch of the science of a statesman or legislator. Per Smith

l’ Economia è intesa come Scienza della ricchezza.


Jean-Baptiste Say (1803): Science that treats the production, distribution, and consumption of wealth.
John Stuart Mill (1844): The science which traces the laws of such of the phenomena of society as arise from the combined operations of mankind for the production of wealth.
Dato che la ricchezza (wealth) è composta di valori scambiabili era semplice il passaggio allo scambio come fenomeno fondamentale: di qui l’economia come catallattica, così come suggerì Richard Whately (1832): science of exchanges.

L’idea rimane tuttora piuttosto diffusa: ad es. James Buchanan (1964) riprende la definizione dell’economia come Scienza dei contratti (the study of the whole system of exchange relationships).


Williams S. Jevons (1871): A calculus of pleasure and pain, the mechanics of utility and self interest.
Philip Wicksteed (1910): The general principles of administration of resources, whether of an individual, a household, a business, or a State.
Lionel Robbins nell’ Essay on the Nature and Significance of Economic Science (1932), ha definito l’economia come “the science which studies human behaviour as a relationship between ends and scarce means which have alternative uses”.
Milton Friedman (1962): The science of how a particular society solves its economic problems; … an economic problem exists whenever scarce means are used to satisfy alternative ends.
Frank Knight (1933): Economics deals with the social organization of economic activity via the price system or under free enterprise.
Paul Samuelson (1976): Economics is the study of how people and society end up choosing, with or without the use of money, to employ scarce productive resources that could have alternative uses, to produce various commodities and distribute them for consumption, now or in the future, among various persons and groups in society. It analyzes the costs and benefits of improving patterns of resource allocation.
Kenneth Arrow (1951): an axiomatic approach to economic theory, focused on rational action, which is explicitly distanced from utility maximization subject to a budget constraint and the various limitations that it posed as a theory of choice. Rationality is a more encompassing notion than maximization.
Ronald Coase (1977): Economics involves the study of the social institutions that bind together the economic system.

George Bernhard Shaw: Economics … is the art of making the most of life… Economists never agree.

Robert Solow: Economics becomes the study of the consequences of greed, rationality and equilibrium. Explaining unemployment, economic fluctuations and so on in terms of non-rational and even irrational motivations is not accepted as economics. The focus moves away from the study or processes and towards comparative statistics on equilibrium outcomes. Although the focus on self-interest need not be limited to material self-interest, actual practice has often done so.

Karl Polanyi: Though human society is naturally conditioned by economic factors, the motives of human individuals are only exceptionally determined by the needs of material want-satisfaction.

Definizioni di economia come metodo:



John M. Keynes: The theory of economics does not furnish a body of settled conclusions immediately applicable to policy. It is a method rather than a doctrine, an apparatus of the mind, a technique of thinking, which helps it possessors to draw correct conclusions. ………

Gary Becker (1976): The combined assumptions of maximizing behavior, market equilibrium, and stable preferences, used relentlessly and unflinchingly, form the heart of the
economic approach.

Richard Posner (1977): Economics ... explores and tests the implications of assuming that man is a rational maximizer of his ends in life, his satisfactions - what we shall call his self-interest.……………………………………………

La definizione di Marshall riguarda l’economia come materia di studio, con dei contenuti propri e non come un metodo. L’economia dovrebbe avere fondamenti nella psicologia, per scoprire come vengono effettuate realmente le scelte umane, senza assumere che tali scelte siano razionali.



Alfred Marshall (1890): Political Economy or Economics is a study of mankind in the ordinary business of life; it examines that part of individual and social action which is most closely connected with the attainment and with the use of the material requisites of wellbeing. . . . Thus it is on the one side a study of wealth; and on the other, and more important side, a part of the study of man.

James Duesenberry: Economics is all about how people make choices. Sociology is about why there isn't any choice to be made.

John Maurice Clark: An economist is a man with an irrational passion for dispassionate rationality.

I termini Economia ed economista sono stati oggetto di definizioni critiche ed umoristiche

Si rinvia a Humor in the dismal science JokEc Economic Jokes EconJoK

Alcune definizioni sono le seguenti:


  • Economie… art de compliquer les questions simple (A. Turgot)

  • Economics is the only field in which two people can get a Nobel Prize for saying exactly the opposite thing.

  • Economists are trained and paid professionals who’ll figure out tomorrow why the forecast they made yesterday wasn’t realized today.

  • J.K. Galbraith: An economist is one who: 1. Knows more about money than people who have it; 2. Takes a lot of unwarranted assumptions and reaches a foregone conclusion; 3. Tells you what to do with your money after you have already done something with it; 4. Knows the price of everything and the value of nothing (taken from O. Wilde); 5. Compensates for great uncertainty and knowledge with great certainty of statement.


3. Agenti/operatori
Sono raggruppamenti di unità istituzionali che hanno autonomia e capacità di decisione in campo economico-finanziario. Le unità istituzionali si distinguono in base alle funzioni ed alle attività (definizioni del sistema europeo dei conti SEC - ESA 95)


  1. - Famiglie e istituzioni senza fini di lucro al servizio delle famiglie

Comprende gli individui o i gruppi di individui nella loro funzione di consumatori o in quella di produttori particolari di beni e servizi (imprese individuali con meno di 5 addetti, imprese famigliari, organizzazioni senza fini di lucro, ecc.)


  1. - Imprese

Svolgono le funzioni di produzione (industriale) e di vendita (commerciale) di beni e servizi.

Si distinguono

2a) Imprese non finanziarie (imprese industriali e commerciali)

2b) Imprese finanziarie (banche)

2c) Imprese di assicurazione


  1. - Settore pubblico

Svolge funzioni di redistribuzione del reddito e della ricchezza e della produzione di beni e servizi pubblici. Comprende:

3a) Amministrazioni pubbliche (Amministrazioni centrali; Amministrazioni locali; Enti di previdenza ed assistenza sociale): offrono beni e servizi non destinabili alla vendita ed effettuano operazioni di redistribuzione del reddito e della ricchezza;

3b) Imprese pubbliche: producono e vendono beni e servizi.


  1. - Resto del mondo

Comprende famiglie, imprese, settori pubblici di altri paesi.

4. I beni ed i servizi
Beni
Come bene si intende qualsiasi oggetto disponibile in quantità limitata (scarso), reperibile ed utile cioè idoneo a soddisfare un bisogno umano.

Il bisogno è uno stato di carenza (sensazione di mancanza e di insoddisfazione) che spinge un soggetto ad agire al fine di colmarlo.

Si distinguono:


  • Bisogni privati (individuali e soggettivi) e

  • Bisogni collettivi avvertiti dall'individuo solo in quanto appartenente ad una collettività. Esempi di bisogni collettivi sono la giustizia e l'ordine pubblico.

Sono liberi i beni disponibili in natura in quantità illimitata per tutti (aria, sole). Si definiscono economici quei beni ottenibili mediante l'attività umana o disponibili in quantità limitata.

A seconda dell'uso che se ne fa i beni si suddividono in:



  • Beni di consumo (beni finali o diretti):

- Beni di consumo immediato (o ad utilizzo singolo o a “a fecondità semplice”): vengono utilizzati direttamente per soddisfare un bisogno e si esauriscono in un solo atto di consumo (es. beni alimentari).

- Beni di consumo durevole (o a utilizzo ripetuto o a “a fecondità ripetuta”):
sono utilizzabili con atti ripetuti di consumo (es. un vestito, un libro, una casa).

  • Beni strumentali (o intermedi o di investimento): sono utilizzati per produrre altri beni (es. macchinari, impianti, energia, materie prime, ecc.).


  • Beni mobili: si possono spostare e trasportare.

  • Beni immobili: non si possono muovere (terreni, edifici).


  • Beni succedanei (o sostituti o concorrenti): possono sostituire altri beni per soddisfare lo stesso bisogno (ad es. auto e treno) o per un impiego nel consumo (un bene di consumo al posto di un altro) o nella produzione dello stesso bene (una tecnologia al posto di un’altra).

  • Beni complementari: si utilizzano congiuntamente e contemporaneamente, in combinazione (automobile e carburante, caffè e zucchero).…………………


  • Beni materiali: hanno consistenza fisica (merci).

  • Beni immateriali: non hanno consistenza fisica (ad es. la felicità, ed anche i diritti).


  • Beni privati: possono essere acquistati e venduti separatamente, hanno un prezzo e sono appropriabili da chi li acquista, che può escludere gli altri dall’utilizzo.
     

  • Beni pubblici: devono essere consumati congiuntamente e contestualmente da tutti; non si può escludere nessuno dal consumo; non si possono vendere perché non appropriabili e senza prezzo (giustizia, ordine pubblico, difesa nazionale).

 Servizi

I servizi sono benefici temporanei (beni immateriali), prodotti da combinazioni di attività umane e di beni, offerti ad imprese, famiglie e persone. La caratteristica dell’intangibilità distingue i servizi dai beni. I servizi devono essere consumati contestualmente alla loro produzione e non possono essere conservati.

Esempi: servizi di trasporto, di istruzione, servizi postali, sanitari, radiotelevisivi, bancari, assicurativi, servizi culturali e di spettacolo, di ristorazione, di commercio, di consulenza, di pulizia, ecc.


LE CARATTERISTICHE
Nella teoria economica i beni sono stati considerati come combinazioni (o insiemi) di caratteristiche diverse in quote variabili. I consumatori non vogliono i beni di per sé, ma per le caratteristiche contenute nei beni stessi e scelgono quindi tra caratteristiche e non tra beni. Tali caratteristiche sono le proprietà e le possibilità di uso, le funzioni, i servizi ottenibili con quei beni. Nelle economie meno sviluppate (primitive) ci sono meno beni che caratteristiche, mentre in quelle più sviluppate (sofisticate) si trovano più caratteristiche che beni ed i consumatori hanno maggiori possibilità di scelta dei beni stessi. La domanda di nuovi beni è condizionata alla presenza di nuove caratteristiche o a nuove combinazioni di caratteristiche esistenti.

Le disponibilità dei consumatori ad acquistare un bene, preferendolo ad altri, dipende dai valori attribuiti alle singole caratteristiche. Le caratteristiche differenziano i beni. Si hanno:

la DIFFERENZIAZIONE VERTICALE, quando un bene ha qualità migliori rispetto agli altri e si stabilisce un ranking qualitativo per i consumatori ed il bene migliore è quello con le caratteristiche migliori per tutti i consumatori
La DIFFERENZIAZIONE ORIZZONTALE se beni differenti includono diverse combinazioni di caratteristiche, i consumatori hanno preferenze diverse (e sono disposti a pagare somme diverse) rispetto alle caratteristiche incluse nei diversi beni;

a parità di prezzo, alcuni consumatori scelgono una tipologia del bene ed altri consumatori una tipologia differente.




BENI PRIVATI e BENI PUBBLICI
La distinzione tra beni e servizi pubblici e privati non si trova nella qualità, pubblica o privata, di un soggetto proprietario di un bene o gestore di un servizio, ma è oggettiva, in quanto si fonda sulla tecnologia del consumo o della produzione.
Si classificano:


    • Beni pubblici (di consumo o di produzione): sono beni fisici, in particolare immobili, come opere ed infrastrutture pubbliche, impianti per il tempo libero, strutture culturali, ma anche beni immateriali (ordine pubblico, pace, benessere sociale);

    • Servizi pubblici: si tratta di attività complesse, costituite da beni fisici e da personale, che generano output assimilabili a beni pubblici (difesa, polizia, giustizia, sanità, istruzione). Come i beni pubblici sono offerti anche se non sono domandati.

    • Servizi di pubblica utilità: come le forniture di energia elettrica, gas, acqua, telefoni, comunicazioni, trasporti, servizi postali. Sono servizi prodotti e venduti da imprese pubbliche o da imprese private regolate e pagati a tariffa in base alla domanda.

I beni ed i servizi pubblici e di pubblica utilità possono essere prodotti e gestiti sia da soggetti pubblici che privati. Beni e servizi pubblici sono definiti nella contabilità nazionale come beni e servizi non destinabili alla vendita.


Le caratteristiche distintive di beni privati e pubblici sono nelle modalità di accesso e di consumo. Sono distinguibili e classificabili i beni pubblici e privati in base a:


  • consumo congiunto/disgiunto;

  • escludibilità/non escludibilità,

  • rivalità/non rivalità,

  • esternalità/non esternalità.




  • I beni privati sono beni a consumo disgiunto. I beni sono consumati separatamente. Si sommano le diverse quantità dei beni consumate dai singoli individui per avere il consumo totale. Ogni individuo paga un prezzo uguale e distinto. La spesa complessiva per beni privati si ottiene sommando i prezzi uguali pagati da singoli.

Un esempio è dato da un bene di consumo alimentare.


  • I beni pubblici sono beni a consumo necessariamente congiunto. Si distinguono dai beni privati a consumo ripetibile ma distinto (beni di consumo durevole), per i quali è possibile un consumo da parte di individui diversi, ma in successione temporale distinta (prima Tizio, poi Caio, poi Sempronio). I beni pubblici sono caratterizzati da contemporaneità nel consumo da parte di più individui. Si sommano gli individui che possono consumare la stessa quantità di bene pubblico. Il pagamento per il costo della stessa quantità di bene pubblico può essere frazionato, in quote diverse, tra più consumatori. I consumatori pagano somme individuali differenziate per la stessa quantità.

L’esempio più antico di consumo congiunto gratuito è quello del faro o
lampione.


  • I beni privati sono beni escludibili: se Tizio consuma un bene privato X, dopo averlo acquistato e pagato, impedisce a Caio di consumare lo stesso bene X.




  • I beni pubblici sono beni non escludibili: se Tizio consuma Y non può impedire a Caio di consumare la stessa quantità di Y. La non escludibilità implica che chi non può essere escluso possa tentare di approfittare per non pagare la sua quota di costo e comportarsi in modo opportunistico (free rider).




  • I beni privati sono beni rivali: non è possibile aggiungere altri consumatori della stessa quantità di X. La rivalità si definisce anche concorrenza nel consumo e sottraibilità (un consumatore aggiuntivo sottrae una parte del consumo agli altri).




  • I beni pubblici sono non rivali: è possibile aggiungere altri consumatori della stessa quantità di Y senza ridurre il livello di consumo per altri.




  • I beni privati non producono esternalità. I beni pubblici producono esternalità.



L’esternalità è un effetto, positivo o negativo, che consegue ad un’attività di produzione e di consumo e che è consumato da soggetti estranei, senza che questi lo abbiano richiesto e che non devono pagare un corrispettivo come prezzo (esternalità positiva: un beneficio, un incremento di reddito, di patrimonio, di utilità e di benessere) o senza che possano ricevere un indennizzo (esternalità negativa, che è un danno, un costo aggiuntivo, una diminuzione di utilità). Dato che non è un effetto contrattato o concordato si dice che l’esternalità non passa dal mercato.




  • Un esempio di esternalità positive: Tizio ascolta buona musica, Caio ha utilità nell’ascoltarla senza dover pagare. Per i beni/servizi pubblici: quando sono offerti a Tizio sono contemporaneamente consumati da Caio e questi ne beneficia senza pagare e senza averli richiesti. Inoltre, per i beni ed i servizi pubblici: un’opera pubblica può ridurre i costi di produzione delle imprese; l’istruzione e la sanità possono migliorare la qualità della vita; i servizi di giustizia e di polizia possono dare sicurezza, proteggere l’attività contrattuale ed i patrimoni.

  • Un esempio di esternalità negativa: è il caso dell’inquinamento ambientale o acustico derivante da produzione o uso di beni o servizi privati. Un soggetto produce un bene o un servizio e contemporaneamente danneggia un soggetto terzo estraneo a rapporti contrattuali, che non riceve indennizzo/risarcimento.

Esistono beni pubblici che producono sia esternalità positive che negative (ad es. un impianto di smaltimento rifiuti, una centrale elettrica, un’opera pubblica con forte impatto ambientale).

Si definiscono esternalità di rete le situazioni nelle quali i benefici per un consumatore dipendono sono funzione crescente del numero di altri soggetti che consumano lo stesso bene o servizio: più questo viene domandato più è venduto. Queste generano i c.d. beni anti-rivali: non solo non c’è congestione, ma più persone usano un bene o un servizio tanto maggiore è il beneficio individuale che se ne trae. Gli esempi comuni sono quelli dell’open source e del software in libera disponibilità, e si può trovare nei sistemi di telecomunicazione (telefono, internet …) e nei social network.


Alcuni servizi pubblici sono a domanda individuale, ma l’accesso non può essere precluso (ad es. nei servizi di pubblica utilità). Alcuni consumi di servizi pubblici sono obbligatori (ad es. nell’istruzione, sanità, giustizia, difesa).

Il grado in cui sono presenti le caratteristiche è variabile. Sono tutte presenti al massimo grado nei beni privati puri e nei beni pubblici puri. Ma esistono un gran numero di casi intermedi (beni privati non puri e beni pubblici non puri).
Ad es.: per alcuni beni e servizi pubblici quando aumenta il numero di utenti oltre un certo livello non sono più beni pubblici puri. Si presentano fenomeni di congestione che limitano il consumo degli utenti (la non rivalità si attenua: ad es. un’autostrada, i servizi sanitari). Per altri (un teatro, uno stadio) è possibile l’esclusione (la limitazione degli ingressi), ma rimane il consumo congiunto.

Le risorse comuni o beni ad accesso libero sono beni non escludibili ma rivali. Si tratta di beni patrimoniali, per lo più immobili, che generano flussi di beni o servizi che i consumatori hanno diritto ad utilizzare, senza discriminazione, in parte, senza danneggiare i beni. Esempi: i diritti gratuiti di attingere acqua per uso domestico o per irrigazione, i diritti di pesca, di raccogliere prodotti agricoli, legname, materiali, una biblioteca pubblica. Sono soggetti al rischio di eccessi di uso, che possono impoverire o annullare le risorse se si ha una congestione di consumatori e mancanza di incentivi alla manutenzione ed alla conservazione del patrimonio di uso comune. Questi beni (ad es. gli usi civici) sono caratterizzati da non escludibilità, ma non da consumo congiunto né da non rivalità. Di solito sono autogestiti da comunità locali.

I beni di club sono beni escludibili, ma non-rivali proprio in quanto escludibili. Si può limitare l’accesso dei consumatori, ma quelli che sono ammessi al club hanno un consumo congiunto in cui il consumo da parte di un soggetto non limita il consumo da parte di altri. L’esclusione di alcuni garantisce che non si verifichi congestione (rivalità) nel consumo. L’uso congiunto del bene o del servizio è ristretto ai soggetti che pagano l’accesso al club. La ricerca della dimensione ottima del club comporta un confronto tra:

- i benefici ricevuti dal pagamento per l’accesso: quanto maggiore è il numero di aderenti tanto più si può ridurre la quota individuale, ed

- i costi: il numero crescente di consumatori impone costi crescenti di gestione e di manutenzione e costi derivanti dal presentarsi in grado crescente della rivalità nel consumo.

Aumentando il numero di soci si hanno minori pagamenti individuali ma, da un certo livello, rappresentato dalle dimensioni e dalla capacità di un impianto (impianto sportivo, cinema, circolo di tennis o di golf) minori benefici individuali.


Il club comporta un’autorità collettiva che decide sull’ammissione al club e sulla gestione. Diversi beni e servizi pubblici locali, offerti da amministrazioni locali, hanno le caratteristiche dei beni di club.

Gli esempi che approssimano i beni di club sono quelli di un teatro, di uno stadio, di una piscina comunale, di un museo.


Beni escludibili ma non rivali, a domanda individuale. Esistono beni e servizi che hanno la caratteristica dell’escludibilità nell’accesso, ma non sono rivali, per quanti consumatori possano aggiungersi. Pertanto l’esclusione dipende solo dalla volontà di assicurare un accesso individuale a pagamento. L’esempio comunemente richiamato è quello della televisione criptata con decoder o della tv via cavo, dove esiste un sistema per far pagare i consumi individuali, escludendo chi non paga. Una televisione non criptata è invece non escludibile e non rivale, ma il consumo può essere individualmente rifiutato. La differenza rispetto ad un bene o servizio pubblico puro risiede nel tipo di non escludibilità. Nel caso di beni e servizi pubblici puri come la difesa, la polizia, la giustizia non è possibile al singolo individuo autoescludersi dal consumo, che è imposto ed obbligatorio. Nel caso della televisione il consumo o il non consumo dipendono da una scelta individuale.
L’informazione può essere classificata come bene pubblico particolare vicino a questa tipologia. Da una parte l’informazione può essere:

    • ad accesso costoso ed escludibile quando un individuo o un’impresa hanno difficoltà a reperire informazioni e devono impiegare risorse (misurate in moneta e tempo) per acquisirle, anche da soggetti specializzati che pretendono un pagamento; in questo caso la domanda individuale è preminente, l’informazione è un investimento privato ed è finalizzata a conseguire guadagni privati (ad es. nei mercati finanziari o in altri mercati); in tale ipotesi si costituiscono le asimmetrie informative;

    • ad accesso gratuito e non escludibile quando l’informazione è diffusa senza necessità di pagamento e i soggetti privati non sono rivali e difficilmente escludibili (è il caso della pubblicità, dell’informazione politica, del software gratuito), ed in questo caso le caratteristiche pubbliche sono più evidenti.




  • I beni e servizi di merito sono beni e servizi a consumo imposto. Non sono riconosciuti immediatamente utili dai consumatori (che sono costretti a consumarli) e si rivelano utili con il passare del tempo (ad es. l’istruzione obbligatoria, le vaccinazioni e le terapie obbligatorie, le misure contro le droghe). L’autorità pubblica interferisce nelle scelte dei privati correggendo errori e difficoltà nelle loro scelte individuali quando queste sono basate su mancanza di informazione e su errori di previsione degli effetti, lontani nel tempo, di comportamenti. Beni e servizi di merito non hanno caratteristiche di non rivalità e di non escludibilità, ma generano esternalità positive.


5. Il circuito economico

FAMIGLIE
IMPRESE

Mercato del risparmio

Mercato dei beni di consumo privato

Mercato dei beni di investimento

IL CIRCUITO ECONOMICO

IN ECONOMIA CHIUSA

- OPERATORI: Famiglie ed Imprese
- MERCATI: Beni di consumo privato, Beni di investimento,
Risparmio
- OPERAZIONI:
le Famiglie:

  • offrono lavoro alle imprese;

  • ricevono dalle imprese redditi di lavoro;

  • domandano e pagano (prezzi, canoni di locazione) per beni di consumo;

  • portano risparmio al mercato del risparmio;

  • prelevano risparmio indebitandosi.


le Imprese:

  • domandano lavoro alle famiglie:

  • pagano redditi di lavoro alle famiglie;

  • producono e vendono (incassano) beni di consumo e beni di investimento;

  • domandano e pagano (prezzi e canoni) per beni di consumo e beni di investimento:

  • portano risparmio al mercato del risparmio;

  • prelevano risparmio indebitandosi.


FAMIGLIE
IMPRESE

Mercato interno del risparmio

Mercato dei

beni di


consumo

IL CIRCUITO ECONOMICO

IN ECONOMIA APERTA
RESTO

DEL

MONDO

Mercato dei



beni di investimento


- OPERATORI: Famiglie, Imprese e Resto del mondo
(operatori di altri paesi)


- MERCATI: Beni di consumo privato, Beni di investimento,
Mercati esteri dei beni di consumo, dei beni di investimento,

del risparmio (nel Resto del mondo)
- OPERAZIONI, in aggiunta alle operazioni in economia chiusa:

le Famiglie:

  • offrono lavoro al resto del mondo;

  • ricevono redditi di lavoro dal resto del mondo;

  • domandano (e pagano) beni di consumo prodotti all’estero (importazioni);

  • portano risparmio ai mercati esteri del risparmio;

  • prelevano risparmio indebitandosi con i mercati esteri del risparmio.


le Imprese:

  • domandano lavoro a famiglie del resto del mondo;

  • pagano redditi di lavoro a famiglie del resto del mondo;

  • producono e vendono (incassano) all’estero beni di consumo/investimento (esportazioni);

  • domandano (e pagano) beni di consumo/investimento prodotti all’estero (importazioni);

  • portano risparmio ai mercati esteri del risparmio;

  • prelevano risparmio indebitandosi con i mercati esteri del risparmio.

SETTORE PUBBLICO

Beni e servizi pubblici

Investimenti pubblici
IMPRESE
FAMIGLIE

RESTO

DEL

MONDO

IL CIRCUITO ECONOMICO CON IL SETTORE PUBBLICO

Mercato del risparmio

- OPERATORI: Famiglie, Imprese, Resto del mondo e Settore

Pubblico

- MERCATI: Beni di consumo privato, Beni di investimento,
Risparmio, Beni e servizi pubblici

- OPERAZIONI, in aggiunta alle operazioni in economia aperta:

Il Settore Pubblico:

  • domanda lavoro alle famiglie (dipendenti pubblici);

  • paga redditi di lavoro alle famiglie;

  • produce beni e servizi pubblici per famiglie ed imprese;

  • produce beni di investimento pubblico per le imprese;

  • preleva imposte da famiglie ed imprese;

  • preleva imposte dal mercato del risparmio;

  • effettua trasferimenti (sussidi, pensioni, contributi) a famiglie ed imprese;

  • si indebita sul mercato del risparmio (debito pubblico);

  • paga interessi a famiglie ed imprese;

  • paga canoni per beni di famiglie ed imprese;

  • acquista/vende titoli del settore privato;

  • riceve canoni da famiglie ed imprese per uso di beni pubblici.


le Famiglie:

  • offrono lavoro al settore pubblico;

  • domandano beni e servizi pubblici;

  • pagano imposte al settore pubblico;

  • ricevono retribuzioni, trasferimenti, sussidi ed interessi dal settore pubblico;

  • acquistano titoli del settore pubblico;

  • ricevono canoni per locazioni al settore pubblico;

  • pagano canoni per locazioni dal settore pubblico.


le Imprese:

  • pagano imposte al settore pubblico;

  • producono beni e servizi pubblici e beni di investimento pubblico;

  • vendono beni e servizi al settore pubblico;

  • ricevono pagamenti dal settore pubblico per produzioni e vendite;

  • ricevono sussidi e contributi dal settore pubblico;

  • utilizzano beni, servizi pubblici e strutture pubbliche per produrre, vendere ed acquistare;

  • acquistano titoli dal settore pubblico;

  • ricevono canoni per locazioni al settore pubblico;

  • pagano canoni per locazioni dal settore pubblico.


6. I fattori di produzione


  • La terra

Fattore non riproducibile agricoltura





  • Il lavoro



Forze di lavoro (popolazione attiva): totale delle persone occupate e di quelle in cerca di occupazione. Sono una quota della popolazione complessiva.
Occupati: Persone (residenti in un paese) in età lavorativa (15 anni e oltre) che hanno un’occupazione Secondo la posizione professionale gli occupati possono essere:

      1. dipendenti, se esercitano un lavoro alle dipendenze altrui e percepiscono una retribuzione sotto forma di salario o stipendio;

      2. indipendenti o autonomi, se svolgono un’attività lavorativa assumendo il rischio economico che ne consegue.


Persone in cerca di occupazione

Persone tra i 15 e i 65 anni di età alla ricerca di un lavoro. Sono suddivise in:



- disoccupati: sono coloro che hanno perduto una precedente occupazione alle dipendenze;

- persone in cerca di prima occupazione: non hanno mai esercitato un’attività lavorativa, oppure l’hanno esercitata in proprio;

- altre persone in cerca di occupazione: sono in condizioni non professionale (studenti, casalinghe, ritirati dal lavoro), ma sono immediatamente disponibili a lavorare.


  • Il tasso di occupazione è il rapporto tra il numero degli occupati e la popolazione; ci si può anche riferire ad occupati e popolazione in una classe di età;

  • il tasso di disoccupazione è il rapporto tra il numero delle persone in cerca di occupazione e il totale delle forze di lavoro; anche qui ci si può riferire a disoccupati e forza lavoro in una classe di età;

  • il tasso di attività o di partecipazione è il rapporto tra il totale delle forze di lavoro (popolazione attiva) e la popolazione totale (si può misurare anche per classi di età). Misura l’offerta di lavoro nel breve periodo. Dipende dall’evoluzione demografica della popolazione.

  • il tasso di inattività è il rapporto tra il numero delle persone che non lavorano (la popolazione non attiva: studenti, casalinghe, anziani, inabili, ritirati dal lavoro,ecc,) ed il totale della popolazione.




  • Il capitale




    1. Il capitale fisico: è costituito da beni strumentali durevoli (impianti, macchinari, materie prime, immobili) impiegati per la produzione e la vendita di beni e servizi.




    1. Il capitale finanziario comprende risorse monetarie e finanziarie (moneta, titoli e strumenti finanziari diversi).




    1. Il capitale umano è costituito dall'insieme delle facoltà e delle risorse (conoscenza, istruzione, informazione, capacità tecniche, ecc.) che generano la capacità umana di svolgere attività di trasformazione e di creazione di beni e servizi. Si costruisce, nel tempo, con investimenti (pubblici e privati) nell’istruzione e nella ricerca. E’ un elemento fondamentale per lo sviluppo economico di un paese.




    1. Il capitale sociale , in senso sociologico, è  il valore delle relazioni e del ruolo della cooperazione e dei rapporti di fiducia, realizzati attraverso i network, che permettono di ottenere risultati economici. E’ un insieme di relazioni interpersonali formali ed informali. 

Altri fattori di produzione sono stati considerati:


  • l’organizzazione

  • lo Stato



7. I settori
Distinti in base alle attività.

  • Settore primario: estrazione e produzione di materie prime (settore minerario, l’agricoltura, la selvicoltura, la pesca)


  • Settore secondario: trasformazione dei prodotti del primo settore e dei beni intermedi in beni finali (settore manifatturiero, edilizia, artigianato)


  • Settore terziario o dei servizi: produzione dei servizi a consumatori
    ed imprese.


  • Settore quaternario: ricerca e sviluppo per la produzione, comprende l’istruzione.

Il grado di sviluppo di un paese si vede dal rapporto tra i settori.

Altre definizioni di settori:



  • settore privato (delle famiglie e delle imprese private)

  • settore pubblico (delle amministrazioni e delle imprese pubbliche)

  • settore sociale o settore del volontariato




ONU: classificazione ISIC delle attività economiche 21 ‘sezioni’
ISTAT: Classificazione delle attività economiche (Ateco 2007)

NACE: Classificazione delle attività economiche UE UE metadata

Settori Economici (l'ESCAP) United Nations 20 settori




8. I redditi
Il reddito è la remunerazione di un fattore di produzione.
- Rendita della terra (rendita fondiaria) (o di fattori non riproducibili)
- Reddito di lavoro


  • Dipendente (salario, stipendio)

  • Autonomo


- Reddito di capitale



  • Profitto (del capitale proprio)

  • Interesse (del capitale dato a prestito)

I redditi sono FLUSSI (sono misurati in un periodo, un intervallo di tempo).


Il capitale (o patrimonio o ricchezza) è una CONSISTENZA (STOCK)misurato in un momento specifico).
Tasso di profitto: rapporto tra profitto (flusso) e capitale proprio (stock).
Tasso di interesse: rappporto tra interesse (flusso) e capitale preso a prestito (stock).


  • Relazione tra tasso di interesse (r, in %), capitale (K, in valore assoluto), reddito di capitale (R, in valore assoluto)


R = rK K = R r = R

r K
Se K = 1000 e r = 10% R = 10% di 1000 = 100

Se R = 200 e r = 5% K = 200/5% = 20000


Se R = 180 e K = 3000 r = 180/3000 = 6%
Nota 10% si scrive 10  oppure 0,1 ; 5% si scrive 5 oppure 0,05

100 100
9. I mercati


Mercato: il termine deriva da merce (bene scambiabile e vendibile, così come mercante, mercanzia, mercanteggiare, mercificare, mercimonio … commercio = trattare merci in comune): luogo/struttura/organizzazione di distribuzione e scambi dei prodotti, con contratti sulle transazioni che comportano acquisti e vendite, prestazioni e controprestazioni,

impegni, ordinazioni, pagamenti.

Da fiere e sagre (sulla ‘piazza’) ai mercati telematici globalizzati.
Fasi o Passaggi (ciascuna, a sua volta, divisibile in più fasi):
Produzione (formazione di prodotti in fabbriche, officine, cantieri, laboratori,

terreni agricoli, ecc.).




Distribuzione: nei mercati: passaggi di acquisti/rivendite di prodotti finiti; ci

sono vendite all’ingrosso (i grossisti comprano dai produttori e rivendono

ad altri conpratori) e vendite al dettaglio (i dettaglianti sono compratori

dai grossisti e, a loro volta, vendono ai consumatori finali).


Nei servizi tendono a coincidere produzione e distribuzione.
Molteplicità dei mercati: di beni di consumo, di beni di investimento, di fattori di produzione (es. mercato del lavoro), del risparmio, dei prodotti finanziari, dei servizi.

La Borsa



Il termine "Borsa" deriva dalle riunioni per determinare il valore delle merci che si tenevano nel 1400 in Olanda, a Bruges, nella casa di una famiglia di ricchi mercanti, Van der Burse, una famiglia veneta, dal cognome originario Della Borsa.

Le prime Borse furono istituite ad Anversa (1531) ed a Lione (1548). In Italia a Trieste (1775), Milano e Firenze (1808), Napoli (1810, Venezia (1875), Genova (1885).





  • Borse valori (titoli, prodotti finanziari, valute) mercati finanziari internazionali.

  • Borse merci (beni reali: metalli, petrolio, gas, cereali, ecc.).


Ordine di importanza delle attuali borse valori (o ‘piazze’) in base ai volumi delle contrattazioni
1. New York Stock Exchange

2.   NASDAQ

3 Borsa di Tokio

4 Euronext

5 Borsa di Londra

6 Borsa di Shangai

7   Borsa di Hong Kong

……….


22   Borsa italiana Milano
Borsa merci Borsa Merci Telematica Italiana bmti

Alcuni esempi:



  • CME Group (Chicago Merchantile Exchange): la Borsa merci ed il mercato dei futures Usa, risalgono al 1848

  • TOCOM - Tokio Commodity Exchange

  • DCE - DaLian Commodity Exchange Cina

  • MCX-Multi Commodity Exchange India

  • LMC-London Metal Exchange metalli

  • ICE petrolio



Esempio di un mercato speciale: il mercato dell’ energia

  • Gestore dei mercati energetici (Italia)

  • Epex (Francia, Germania, Austria e Svizzera),

  • Omel (Spagna e Portogallo)

  • Nord Pool (paesi scandinavi).





Etimologie

comprare distribuire produrre vendere

borsa
merce mercato mercante lex mercatoria



10. La moneta

Relazioni umane scambi baratto moneta contratti

La moneta nasce ed evolve come strumento per facilitare gli scambi, i.e. per ridurre i costi delle transazioni economiche.
Nell’evoluzione storica della moneta si sono distinti diversi concetti:


  • Moneta strumento (poteva essere utilizzata come strumento, es. aratri, zappe, fucili, ecc.).

  • Moneta merce: la componente (es. metallo prezioso) ha un valore intrinseco.

  • Moneta segno: non ha valore intrinseco, può essere usata solo come moneta (es. banconota).

  • Moneta metallica > Moneta divisionale (metallica: nichel, rame, acciaio) di piccolo taglio.

  • Moneta cartacea: si sviluppa dalle ‘fedi di deposito’e dalle ‘note di pegno’ (prima di merci, poi di metalli preziosi) presso depositi specializzati (di orafi-bancheri, poi di banche: ‘banconota’ da nota del banco), che rilasciano ricevuta dei depositi: tali ricevute circolano, sono scambiate e sono convertibili (prima in merci, poi in metalli preziosi).

  • Moneta legale: ha valore stabilito ex lege, mezzo per estinguere debiti, deve essere accettata obbligatoriamente).

banconota convertibile (in metallo prezioso)

corso forzoso (obbligo di accettazione,

senza convertibilità)


La moneta è


  • un bene speciale

  • un denominatore generale degli scambi

  • è accettata generalmente

  • serve per estinguere obblighi contratti (debiti, risarcimenti, ecc.)




  • strumento di giustizia distributiva (Aristotele)

  • pecunia stercus diaboli (moralisti medievali)

  • money makes the world go round (Cabaret)



Giunone mons, monere (dal tempio sul Campidoglio, vicino all’officina che batteva moneta romana)

moneta monetazione

- Monetazione al martello - Conio


-
Monetazione fusa
-
Monetazione meccanica (dalla seconda metà del sec. XVII)
-
Moneta elettronica
ZECCA Officina che conia moneta metallica, con un suo costo di

produzione. [ Zecca in Italia]


SIGNORAGGIO : quello che guadagnano un governo (per finanziare sue spese) e la banca centrale stampando moneta:

differenza tra costo di produzione di una moneta metallica (o banconota) ed il suo valore nominale.



Funzioni della moneta


  • Unità di misura del valore (e di conto): confronto tra valori di beni e servizi.



  • Mezzo di scambio e di pagamento (nelle transazioni): svolge la funzione di intermediazione degli scambi (accettata, valore legale, estinzione di obbligazioni).



  • Riserva di valore (risparmio da spendere successivamente).



  • Funzione di speculazione: trasformazione della moneta in un bene, rivendita e ritrasformazione in moneta. (Speculare = guardare avanti, prevedere). Comprare un bene (un bene fisico, un titolo finanziario) X a 100 e rivenderlo a 120, guadagnando 20. Si acquista un bene solo se si pensa che il suo prezzo futuro potrà aumentare e lo si potrà rivendere ad un prezzo superiore a quello di acquisto.




  • Funzione finanziaria: gli imprenditori tengono a disposizione moneta liquida per garantirsi l’acquisto di beni capitali e realizzare investimenti.




  • Funzione assicurativa: la moneta è utilizzata per cautelarsi e per far fronte ad eventi imprevisti.



Per svolgere tali funzioni la moneta dovrebbe essere:

- omogenea;

- semplice da trasferire tra operatori;

- conservabile;
- divisibile;
- con valore stabile nel tempo


etimologie

moneta conio denaro ducato lira fiorino franco oncia quattrino soldo spicciolo svanzica tallero tornese valuta zecca




  1   2


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale