Effetto fotoelettrico esperienze varie


E = h∙ f dove : h = quanto d’ azione



Scaricare 31.42 Kb.
Pagina3/8
14.02.2020
Dimensione del file31.42 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8
E = h∙ f dove : h = quanto d’ azione = 6,62 ∙ 10-34 (J∙s) ; f = frequenza (s-1)
Applicando all’ effetto fotoelettrico il principio di conservazione dell’ energia e il quanto

di luce o fotone possiamo scrivere :


Energia fotone = lavoro di estrazione + En. cin. Elettroni

h∙f = φ + KMAX .
Un fotone porta un’ energia h∙f sulla superficie dove viene assorbito da un solo elettrone.

Parte di questa energia, acquistat dall’ elettrone, va ad eguagliare φ, dove φ è detto lavoro di

Estrazione dalla superficie emittente.. La parte rimanente dell’ energia (h∙f –φ) è l’ energia

cinetica degli elettroni KMAX, energia cinetica massima che il fotoelettrone può avere al di

fuori della superficie

Possiamo indicare φ con h∙fS dove fS frequenza di soglia ed ottenere la legge dell’ effetto

fotoelettrico :




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale