Esistono due tipologie di conoscenza: personale e codificata



Scaricare 41.79 Kb.
21.12.2017
Dimensione del file41.79 Kb.

Esistono due tipologie di conoscenza: personale e codificata.

La conoscenza personale è quella che costruiamo noi nella nostra vita; la conoscenza codificata è quella resa disponibile, per cui la usiamo così com’è.

La conoscenza codificata rispetto alla personale diventa universalmente acquisibile, può dare origine eventualmente alla scienza.

La scienza non può per definizione basarsi su conoscenza personale, quindi la scienza è sempre conoscenza codificata (tradotta in un codice), essa può essere sottoposta a prova.

Quando si accede alla conoscenza codificata essa può essere: scientifica, autorevole, anedottica (si usa nelle fiabe per fare traslazioni), diffusiva.

Il concetto è rappresentazione mentale di un fenomeno.

L’evento è un fatto singolo, irripetibile nel tempo.

La proposizione unisce i concetti dando loro un significato.

La struttura di una teoria è una sequenza logica di concetti, costruita per interpretare fenomeni.
TEORIA

Le teorie sono soluzioni di problemi.

Un problema scientifico si definisce tale quando c’è un vuoto di interpretazione rispetto ad un elemento della realtà. Se l’elemento della realtà ha effetti negativi, ci sarà una produzione di scienza applicativa. Se il problema è solo un vuoto di conoscenza nell’interpretazione, allora ci sarà ricerca di base.

La teoria viene prodotta per interpretare la causa, risolverla, poiché interpreta un certo tipo di problema.

La diagnosi è una teoria applicativa.

La funzione della teoria è di risolvere l’ambiguità, di ridurre l’irregolarità ad uniformità, di dimostrare che l’evento è comprensibile e prevedibile.

Per risolvere l’ambiguità, il primo passo è classificare.

Una teoria è più importante di un’altra quando risolve le conseguenze di un problema importante.


LIVELLI DI AMPIEZZA DELLA TEORIA

Il livello di ampiezza di una teoria è dato dall’astrattezza dei concetti che tratta; più i concetti sono astratti, più la teoria è ampia.

Il massimo livello di ampiezza si ha nell’astrattezza della filosofia. La filosofia non è mai verificabile

Una teoria generale tende ad interpretare l’intero dominio, essa viene prodotta per definire i limiti. La teoria generale ha questi limiti: è rigida e non può essere applicata nella prassi.

Le teorie specifiche hanno un campo di applicazione limitatissimo e servono a gestire specifici fenomeni (prevenzione della piaga da decubito è una teoria specifica); sono specifiche perché nell’interpretare uno specifico fenomeno possono anche cambiarlo. Le teorie specifiche danno origine a protocolli, procedure, linee guida.

Indicatore è l’aspetto della realtà direttamente osservabile con i sensi, che mi indica la presenza o l’assenza di una cosa; (es. pulsazione cardiaca: come mi indica che il cuore batte?; l’indicatore del cuore che batte è l’espansione di un’arteria).


FILOSOFIA

E’ un errore pensare che la filosofia sia un mero esercizio di astrazione, in quanto essa è rigorosamente logico-razionale.

Qual è la differenza tra filosofia e modello?.

Il modello descrive la teoria in modo tale che sia totalmente rappresentata nelle sue caratteristiche. Per rappresentare un modello si possono usare forme simboliche quali frecce, cerchi, quadrati.

Il paradigma è il modello generale che interpreta tutte le possibili variazioni (es. paradigma del verbo essere: presente - imperfetto – passato – trapassato); se si pensa all’infermieristica i possibili paradigmi corrispondono a: salute, ambiente, nursing, infermiere che insieme costituiscono i metaparadigmi. I metaparadigmi servono per comparare più concetti del nursing e trovare i punti critici.

L’epistemologia del nursing richiede due elementi:



  • qual è l’oggetto di studio del nursing, cioè di cosa si occupa il nursing, non come prassi ma come struttura;

  • quanto vale sul piano di scientifico l’oggetto di studio del nursing.

Il nursing ha come fine ultimo l’indipendenza, rendere il soggetto (o famiglia, caregiver) autonomo.
STORIA MODERNA DELLA FILOSOFIA DELLA SCIENZA

La possibilità di confrontare due teorie, permette di tenere quella migliore.

In generale è preferibile quella che spiega un fenomeno senza usare artifici, cioè in modo semplice. Una teoria ben scritta è immediatamente comprensibile.

CARTESIO (RAZIONALISTA): dopo di lui si crea il modo di dire: “questa è una visione cartesiana”, intesa come visione dualistica mente separata dal corpo. Con Cartesio quello che veramente emerge è l’importanza del metodo (della metodologia), infatti il suo testo fondamentale è “Il discorso sul metodo”.

Secondo Cartesio la RES EXTENSA cioè la materia occupa spazio, mentre la RES COGITA cioè il pensiero non occupa spazio, quindi l’universo delle cose è composto da due dimensioni: una materiale e una immateriale, l’essere umano si estende in entrambe: il pensiero e la materia.

DILTHEY (STORICISTA) cerca di trovare la risposta ai quesiti su base storica, cioè attraverso la storia, in quanto il passato fornisce elementi per la conoscenza.

DEWEY (PRAGMATISTA) dice che non bisogna perdere tempo su cose dal punto di vista ideologico, ma bisogna collegare le azioni e le decisioni ai probabili effetti, cioè non si può valutare la scelta in sé, se non in base agli effetti che produce.

Con Dewey nasce la logica degli obiettivi; tutto è finalizzato al risultato atteso.

POPPER (POSITIVISTA CRITICO) dà origine ad una corrente di pensiero fondamentale nella scienza moderna: egli prende il vecchio approccio classico del positivismo (che aveva dei limiti, poiché era troppo rigido, secondo cui tutta la natura è basata su meccanismi lineari causa-effetto).

Il punto di vista classico del positivismo è quello dell’illuminista: si possono osservare gli eventi con la capacità di rilevare le cause e gli effetti, poiché tutta la natura si basa sulla relazione causa-effetto.

La definizione storica di Popper è questa: dietro ad ogni effetto c’è sempre una causa.

Qualsiasi evento accada ha una causa, quindi con un metodo adeguato possiamo identificarla, l’essere umano può scoprire tutte le regole che governano la natura.

Nella visione positivistica che riprende quella Illuminista, la scienza sarà la luce che scaccerà le tenebre dell’ignoranza.

Per Popper ciò che conta, non è tanto trovare una teoria che spieghi una causa, quanto produrre ipotesi che permettano di superare la falsificazione della stessa; tentare di valicare teoria confermandola è metodologicamente sbagliato.

La teoria supera la prova quando non si riesce a dimostrare che è falsa, ovvero quando non si riesce a farla fallire è una buona teoria.

Se si osserva la natura, le evidenze empiriche (quelle rilevabili con i sensi) confermerebbero tutte le false teorie. Il test è l’evento utilizzabile come verifica, mette alla prova la teoria: individua se supera o no la verifica.

Per Popper raccogliere dati è un’attività assolutamente stupida, perché colui che raccoglie dati non ha nessuna possibilità interpretativa.
FILOSOFIA DELLA SCIENZA

Perché Kuhn è importante per il nursing?.

Per Kuhn la scienza procede per rivoluzioni (compie un giro di 180° - ciò che sta sopra va sotto e viceversa). Kuhn più che un epistemologo è uno storico della scienza, egli legge la scienza nella storia.

Egli scopre che la scienza procede per gradi di assestamento: c’è un momento di crescita e poi si normalizza.

Kuhn capisce che il nursing vuole imporsi come disciplina, intuisce che non c’è sviluppo nella prassi se non c’è sviluppo nella teoria. Per avere uno sviluppo nella teoria, deve avere una dimensione disciplinare.

Una disciplina si definisce per il suo oggetto di interesse.

La disciplina ha due caratteristiche:


  1. un insieme di soggetti che hanno uno stesso interesse di studio;

  2. stesso oggetto di interesse.

Thomas Kuhn (discepolo di Freud), afferma che dopo Freud la scienza viene normalizzata, si riallinea, il ricercatore (lo scienziato) teme di sfidare i paradigmi dominanti, quindi non si hanno sviluppi in questo periodo, si ha solo un affinamento del sapere.

Quando un paradigma viene accettato da una comunità scientifica di riferimento in un ambito, è indicatore stesso dell’esistenza della comunità scientifica.

Quindi se esiste un paradigma dominate, esiste una comunità scientifica, se esiste una comunità scientifica esiste la disciplina specifica (è un processo logico-deduttivo).

Se si applica tale processo all’infermieristica (nursing), il tentativo che fa Kuhn è quello di verificare se nelle teorie del nursing emerge un paradigma comune/dominante, quello che poi verrà definito metaparadigma.

Quello che interessa alla comunità infermieristica è di essere riconosciuta come disciplina.

Il tentativo di Kuhn è dimostrare che il nursing ha un metaparadigma, che esiste la disciplina del nursing, la quale ha come oggetto d’interesse l’assistenza alla persona.

E’ un tentativo più politico che scientifico, in quanto è stato un momento storico in cui l’infermieristica cercava di farsi accreditare, di imporsi come disciplina.
FENOMENOLOGIA

Il nursing ha un approccio filosofico basato sulla fenomenologia.

Nella fenomenologia la soggettività è il valore aggiunto; c’è una dimensione che non si presta alla misura fisica, bensì dà valore all’essenza dell’essere umano, offre aiuto, mantiene il rapporto umano.

E’ errato definire che un approccio è quello giusto e quindi portare questo discorso sull’evidence, poiché l’evidence dimostra qual è il livello di prova, è su base statistica. E’ un elemento a cui tendere sulle dimensioni quantitative, su cui c’è certamente una relazione causa-effetto, quando questa viene a mancare, non esiste l’evidenza scientifica.


CONOSCENZA IN NURSING

Carper B. è un’infermiera che studia le forme di conoscenza degli infermieri; quando un infermiere assiste, che tipologia di conoscenze usa?.

Carper classifica 4 tipologie di conoscenza:


  1. Conoscenza riferibile a studi scientifici;

  2. Conoscenza estetica: è la capacità che ha l’infermiere di cogliere significato dalle apparenze, dalle forme;

  3. Conoscenza personale: è la percezione che il soggetto ha di se stesso, in relazione al contesto in cui si colloca;

  4. Conoscenza etica: si rifà ad una base morale di riferimento, ad una struttura di comportamento, tale conoscenza permette all’infermiere di scegliere azioni, valutandole anche dal punto di vista del bene e del male, del giusto e dello sbagliato.

Permette di scegliere linee di comportamento valutandole sul piano morale.

Un infermiere quando assiste possiede tutte le 4 forme di conoscenza?. Uno studio inglese ha analizzato se queste conoscenze sono in rapporto all’impegno professionale degli infermieri: tale studio ha appurato che più l’infermiere possiede una formazione avanzata più usa le 4 forme di conoscenza; meno l’infermiere è formato, maggiormente si baserà sulla conoscenza personale.


LEGGE SCIENTIFICA

Cos’è una legge scientifica?.

E’ una teoria su cui esiste la massima fiducia della comunità scientifica.

Anche le leggi scientifiche sono teorie, quindi risentono del fatto che, come tutte le teorie non sono la verità finale, quindi verranno migliorate, elaborate.

La struttura di una legge scientifica per definirsi tale, deve essere rigorosamente deduttiva, razionale, logica.

In una legge scientifica con poche frasi io dichiaro un’interpretazione di un fenomeno.

Una buona legge scientifica, dà il senso di comprensione, ovvero quando si legge si ha il senso di averla compresa, capisco perché avvengono quei fenomeni.

Nell’infermieristica più che esserci una teoria originale, vengono finalizzate altre teorie, cioè messe assieme più teorie per costruirne una (che sembra originale).

Affinché l’infermieristica si possa definire una professione autonoma, deve dimostrare di avere una base disciplinare, o meglio deve dimostrare che la propria prassi è guidata da teoria.
LIVELLI DEL CONCETTO

COSTRUTTO: è il più grande concetto che la scala vuole misurare; è un insieme di grandi concezioni al cui interno stanno più concetti astratti.

Nell’ambito del nursing il costrutto viene definito come metaparadigma.

Nel metaparadigma del nursing, ogni singola teoria va a dare un significato proprio, le teorie che lo costituiscono trattano il concetto di salute.

La filosofia usa costrutti come: l’essere, la vita, il bene, il male, l’esistenza.

Sul piano epistemologico, perché un costrutto non è verificabile?

Perché qualsiasi cosa può entrarci dentro, anche il suo contrario. La regola aurea dice che: la verifica non si fa tanto nel dimostrare che, quanto nel dimostrare come.

ASTRATTO: può essere un componente del costrutto. Cosa rende astratto un concetto?. La sua dipendenza dal tempo e dallo spazio.

CONCRETO: è sicuramente un componente dell’astratto, è una parte della realtà collegata al concetto, il concetto quindi diventa ancorato/legato ad una dimensione spazio-temporale.

Quando un concetto è concreto, non si usa nelle teorie, si usa solo se diventa applicativo della teoria.

L’infermiere fa la prassi, quando applica la teoria su un elemento concreto.

Esempio: concetto astratto di piaga. L’infermiere osserva un paziente, vede in lui un qualcosa che corrisponde alla struttura concettuale della piaga e la riconosce, attribuisce un concetto applicativo sul paziente.

PRIMITIVO: è un concetto direttamente rilevabile con i sensi = è empirico. I concetti empirici sono indicatori. Il modo più preciso per definire un concetto empirico è quello di indicarlo, esempio: il bianco (indicandolo), tutti coloro che guardano il bianco, ricevono la stessa impressione sensoriale.
FORME DI TEORIA SCIENTIFICA

Quando si costruisce una teoria, prima di tutto si parte da una buona idea, che sia riferita a dei fenomeni che non sono ben spiegati e poi bisogna avere un metodo per scriverla.

Una teoria scientifica ha una solida base che non è solo filosofica (basi solide su cui appoggiarsi) ma anche un metodo di indagine per studiare la realtà.

Ci sono tre strategie per scrivere una teoria scientifica:



  1. SET DI LEGGI: si cerca di utilizzare il più possibile le migliori teorie presenti; tali teorie le posso collegare in modo originale, oppure le uso come base per impiantarci sopra la mia (quindi avere solide fondamenta);

  2. ASSIOMATICA: è una teoria totalmente logico – deduttiva; si parte da delle idee molto generali. Prima si dichiara un concetto generale, poi produco una conseguenza, riprendo la conseguenza e ne deduco un’altra.

La struttura è tipicamente logico-deduttiva: DATO CHE – E CHE – ALLORA, prende anche il nome di struttura primitiva poiché dalla premessa se ne estrae la conclusione. La regola assoluta perché sia valida è questa: la conclusione deve essere totalmente contenuta nella premessa.

I limiti delle teorie assiomatiche sono questi:

- possono essere assolutamente corrette ma false;

- rendono rigida la conoscenza.



  1. PROCESSI CAUSALI: il processo causale descrive il funzionamento stesso. Si usa questo tipo di teoria nell’analisi del rischio, analisi degli errori.


VIE DI COSTRUZIONE DI TEORIA

METATEORIA: teoria che spiega come dovrebbero essere organizzate le teorie, sarebbe la teoria delle teorie.

TEORIE GENERALI DEL NURSING: si definiscono generali perché racchiudono l’intero campo della disciplina; non sono mai direttamente applicabili nella prassi, però sono un punto di partenza per la prassi.

TEORIE A MEDIO RAGGIO del nursing prendono in considerazione degli aspetti specifici/precisi, quindi tendono a dare interpretazioni utilizzabili su specifiche casistiche. Nel nursing per casistica si intende il profilo dei soggetti. Le teorie a medio raggio sono teorie applicative, quindi debbono essere sostenute da sperimentazione.

TEORIE SPECIFICHE sono teorie di tipo prescrittivo e vanno a finire sui protocolli e linee guida, quindi un protocollo ben organizzato è una teoria specifica di tipo prescrittivo – descrive il comportamento da adottare. Il protocollo per considerarsi tale, deve essere argomentato dalla ratio e dalla comprensione, non deve contenere solo un insieme di regole (fai questo, fai quello).

Più specifico del protocollo, che è una teoria specifica, è L’ELEMENTO EMPIRICO che sono i singoli eventi che possono essere osservati, quelli che cogliamo con i sensi = empirico.

Tutti gli eventi, che sarebbero realtà caotiche, difficili da interpretare, ognuno diverso dall’altro, trovano un ordine e una interpretabilità attraverso l’applicazione di teorie.

Le teorie hanno un unico scopo = dare un senso alla realtà osservabile, o anche a quella non osservabile.

Per l’essere umano è possibile non costruire teorie?. E’ impossibile, poiché attraverso la teoria rende interpretabile ciò che percepisce.

Quando si fa analisi critica di una teoria, si parte dall’identificazione dei concetti elementari che vi sono compresi – metodo analitico.

Le teorie tracciano relazioni, collegano ipotesi, quindi per fare l’analisi critica bisogna aver ben chiaro i concetti e i legami logici che tengono uniti i concetti, danno alla teoria una struttura.

Esiste sempre un punto di partenza, la premessa, che consiste nel termine: DATO, PREMESSO CHE, ASSUNTO CHE, questi termini strutturali, definiscono un ruolo sulla prima affermazione, questo ruolo è la premessa.

E, E CHE, definiscono le condizioni/inclusioni che completano l’esistenza di una teoria, le condizioni/inclusioni permettono di comprimere l’intero fenomeno.

NE CONSEGUE, ALLORA, PERTANTO, SI CONCLUDE, NE DERIVA, definiscono le conclusioni.

Quando si hanno: premessa, condizioni/inclusioni, conclusioni si ha la struttura di una teoria.

Esistono due tipologie di legami logici: legami relazionali e legami d’esistenza.

Se si usano frecce, si hanno sempre legami relazionali; quando si ha una struttura concettuale basata su frecce, significa che tutta la teoria è relazionale.

A B C

agisce agisce
Sono tutte relazioni unidirezionali, che costituisce il limite dell’analisi quantitativa, in quanto deve assumere che ci sia sempre una direzione.

Per definire le relazioni, si deve spiegare l’esistenza di queste, usando le affermazioni di esistenza.

I concetti non si possono valutare giusti o sbagliati, mentre le relazioni sono giuste o sbagliate, perché non possono affermare ciò che non esiste in natura, sul piano della realtà, della fisica.

Le relazioni causali invece, rendono possibile il controllo sperimentale. La teoria scientifica utilizzabile nella prassi si costruisce partendo dal problema (che è un vuoto di conoscenza).

Le relazioni causali sono date dai termini SE – ALLORA; tali relazioni permettono di rappresentare la teoria dal punto di vista causa – effetto, di darle linearità, di identificare le cause nella loro sequenza. Successivamente bisogna verificare se c’è una logica.

Esempio di analisi di relazione causale:

L’educazione pre - operatoria ha evidenziato una riduzione dell’ansia nel 50 % dei soggetti che l’hanno ricevuta, rispetto a chi non l’ha ricevuta.

Questa relazione causa – effetto non può esistere, poiché l’educazione non può modificare l’ansia. L’educazione è un’attività che si fa per apprendimento, mentre l’ansia è uno stato emotivo di un soggetto. Cosa lega un’attività di apprendimento con uno stato emotivo?. Deve esserci un processo che il soggetto attua partendo dall’educazione, per cui lui va a variare la propria ansia.


CARATTERISTICHE DELLA CONOSCENZA SCIENTIFICA

In cosa è superiore la conoscenza scientifica rispetto a quella personale?.

E’ superiore per:

Astrattezza (si intende un concetto indipendente da tempo e luogo specifico)

Rilevanza empirica (si intende il criterio di comparare aspetti delle affermazioni scientifiche, di solito predizioni o spiegazioni, con i dati oggettivi dei risultati di ricerca)

Intersoggettività (si intende l’accordo condiviso tra individui di riferimento)


CRITICA ALL’ARTICOLO di Kim Atkins sulla “teoria relazionale dell’autonomia” (Meyers Diana, 1989).

L’articolo definisce il concetto di autonomia, come un insieme di competenze pratiche, socialmente acquisite nella conoscenza del sé e nell’autodeterminazione.

Questi elementi spieganoo la distinzione fra scelte che esprimono non riflessivamente le norme sociali.

Se l’autonomia è un insieme di capacità critiche, come deve essere applicata affinché diventi utile?. Il problema viene applicato all’autonomia nella competenza, cioè quando il soggetto è autonomo nella sua conoscenza?.

Cosa rende possibile all’infermiere essere per il paziente agente di autonomia?; in che modo l’infermiere può agire sull’autonomia delle competenze del paziente?.

L’autonomia riguarda quelle attività inerenti il controllo della propria vita.

La consapevolezza è il presupposto soggettivo della persona per porlo nella condizione di curare se stesso. Non deve venire dall’operatore il trattamento (tipico dell’agire medico).

Il nursing ha l’idea della persona che può cambiare, quindi è la persona la protagonista del cambiamento.

Questo concetto è ripreso dalla fenomenologia: il soggetto è autore e protagonista, la conoscenza è sempre il prodotto della soggettività, che andrà a definire l’approccio qualitativo.

Per l’infermiere è importante non cadere nella trappola della metodologia priva di riflessione critica, ciò che conta è il pensiero critico.

Conclusioni: E’ ancora necessario costruire teorie generali o è meglio costruire teorie a medio raggio?.

Le teorie generali, di carattere filosofico comportano la visione del nursing attraverso il pensiero fenomenologico, positivista, razionalista e quindi mantengono aperti ampi dibattiti.



Le teorie a medio raggio trattano aspetti precisi che poi diventano utili nella pratica, perché sono aspetti oggettivi, determinano metodologia, si basano sull’evidence, comportano aggancio diretto alla sperimentazione.

Nel nursing odierno è utile mantenere entrambe le teorie, in quanto se si mantenessero solo quelle applicative (cioè a medio raggio), si perderebbe di vista la dimensione culturale che la regge (tipico delle teorie generali).



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale