Fonti energetiche non rinnovabili IL metano



Scaricare 273 Kb.
03.06.2018
Dimensione del file273 Kb.


Fonti energetiche non rinnovabili Il metano


Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno; la sua formula chimica è CH4, e si trova in natura sotto forma di gas.

  • Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno; la sua formula chimica è CH4, e si trova in natura sotto forma di gas.

  • La molecola ha forma tetraedrica; l'atomo di carbonio è al centro di un tetraedro regolare ai cui vertici si trovano gli atomi di idrogeno.



Il metano è il principale componente del gas naturale, ed è un eccellente combustibile poiché produce il maggior quantitativo di calore per massa unitaria.

  • Il metano è il principale componente del gas naturale, ed è un eccellente combustibile poiché produce il maggior quantitativo di calore per massa unitaria.

  • Bruciando una molecola di metano in presenza di ossigeno si forma una molecola di CO2 (anidride carbonica), due molecole di H2O (acqua) e si libera una quantità di calore:

  • CH4 + 2O2 → CO2 + 2H2O [+ 891 kJ/mol]

  • Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8.940 Kcal).

  • 1 m3 di metano ha perciò un contenuto energetico pari a quello di 1,2 chilogrammi di carbone e di 0,83 chilogrammi di petrolio.



Il gas naturale è un combustibile fossile, come il petrolio e il carbone. E' costituito da una miscela di idrocarburi, in massima parte metano, e da altre sostanze gassose come anidride carbonica, azoto, idrogeno solforato e, in qualche caso, elio.

  • Il gas naturale è un combustibile fossile, come il petrolio e il carbone. E' costituito da una miscela di idrocarburi, in massima parte metano, e da altre sostanze gassose come anidride carbonica, azoto, idrogeno solforato e, in qualche caso, elio.

  • Le miscele che contengono soprattutto metano si dicono secche, mentre quando sono presenti anche idrocarburi come il propano e il butano sono umide.

  • Prima di essere avviato all'utilizzo, il gas naturale viene trattato in modo da eliminare l'anidride carbonica e l'azoto che lo rendono poco infiammabile, e l'idrogeno solforato che è un gas tossico e corrosivo.

  • Ciò che resta è prevalentemente metano.



Come il petrolio, il metano si è formato per lenta decomposizione anaerobica di sostanze organiche.

  • Come il petrolio, il metano si è formato per lenta decomposizione anaerobica di sostanze organiche.

  • Deriva infatti dai resti di organismi animali e vegetali che, una volta morti, si depositarono sul fondo marino. Ricoperti da sabbia, fango e detriti che isolarono i loro resti dal contatto con l’aria e con l’acqua, le sostanze organiche vennero attaccate e decomposte da microrganismi.

  • Si formarono così il metano e il petrolio, due combustibili che si trovano spesso negli stessi giacimenti.



Spesso, anche se non sempre, il gas naturale si estrae dagli stessi giacimenti di petrolio. Come il petrolio, infatti, il gas naturale è il risultato delle trasformazioni subite dalla sostanza organica depositatasi sul fondo di antichi mari e laghi (bacini sedimentari).

  • Spesso, anche se non sempre, il gas naturale si estrae dagli stessi giacimenti di petrolio. Come il petrolio, infatti, il gas naturale è il risultato delle trasformazioni subite dalla sostanza organica depositatasi sul fondo di antichi mari e laghi (bacini sedimentari).

  • Non vi è dunque una ricerca di gas naturale distinta da quella del petrolio, ma un'unica attività di ricerca degli idrocarburi: solo dopo la perforazione di pozzi esplorativi è possibile accertare la natura del deposito.

  • Si parla di "gas associato" quando il gas naturale è disciolto nel petrolio o costituisce lo strato di copertura del giacimento petrolifero; e di "gas non associato", quando il giacimento è costituito quasi esclusivamente da gas naturale (ad esempio, i grandi giacimenti del Mare del Nord e dell'Olanda).



Estrarre il gas naturale dal sottosuolo è abbastanza facile. Quasi sempre si trova intrappolato insieme al petrolio sotto uno strato di roccia.

  • Estrarre il gas naturale dal sottosuolo è abbastanza facile. Quasi sempre si trova intrappolato insieme al petrolio sotto uno strato di roccia.

  • Date le grandi pressioni, non appena si finisce di trivellare il gas schizza fuori da solo e occorre solamente “infilarlo” in un tubo e indirizzarlo verso le sue destinazioni finali o nei centri di stoccaggio.

  • Questi ultimi, spesso, non sono serbatoi come quelli che si costruiscono per contenere il petrolio, ma giacimenti naturali esauriti dove un tempo c’era gas naturale, olio o acqua e che vengono oggi riutilizzati come veri e propri “magazzini” per il gas.



Se il gas che esce dal giacimento è umido, lo si sottopone a un trattamento preliminare per separare il metano dagli altri idrocarburi gassosi come propano, butano ed etano.

  • Se il gas che esce dal giacimento è umido, lo si sottopone a un trattamento preliminare per separare il metano dagli altri idrocarburi gassosi come propano, butano ed etano.

  • La separazione viene agevolata dal fatto che il metano ha una temperatura critica (al di sopra della quale un gas non può passare allo stato liquido) molto più bassa.

  • La quantità di gas umidi disponibili sul mercato è molto elevata perché il gas che esce insieme al petrolio è sempre umido.

  • Una volta resi liquidi, i gas umidi vengono immessi in bombole per uso domestico da 10-15 chilogrammi o più grandi per uso industriale.

  • Il metano, invece, viene distribuito attraverso la rete dei metanodotti.



Anche se raramente, in alcuni giacimenti il metano ha bisogno di essere depurato.

  • Anche se raramente, in alcuni giacimenti il metano ha bisogno di essere depurato.

  • La più dannosa tra le impurità è senz'altro lo zolfo, che bruciando produce anidride solforosa e in presenza di umidità provoca il fenomeno delle piogge acide, responsabili di malattie polmonari, della rovina delle piante e del deterioramento di qualsiasi cosa sia esposto all'aria aperta.

  • Talvolta il gas estratto contiene anche sostanze preziose, come l'elio, utilizzato per far volare gli aerostati ed elemento indispensabile da mischiare all'ossigeno nelle bombole per subacquei.



Il metano in natura è abbastanza distribuito: le regioni con minori riserve sono quelle americane, le maggiori ancora le regioni dell'area del Golfo Persico, dove sono concentrati più di un terzo dei giacimenti accertati.

  • Il metano in natura è abbastanza distribuito: le regioni con minori riserve sono quelle americane, le maggiori ancora le regioni dell'area del Golfo Persico, dove sono concentrati più di un terzo dei giacimenti accertati.

  • Dati in migliaia di miliardi di N m³



Oltre alle riserve certe il metano può derivare anche da produzioni "artificiali", in qualche misura può essere una fonte rinnovabile derivante dalla fermentazione anaerobica di sostanze organiche

  • Oltre alle riserve certe il metano può derivare anche da produzioni "artificiali", in qualche misura può essere una fonte rinnovabile derivante dalla fermentazione anaerobica di sostanze organiche

  • In seguito all'aumento della produzione zoo-agricola e al conseguente aumento di scarti e deiezioni, unitamente alla maggior sensibilità nei confronti della produzione di energia da fonti diversificate, sono stati messi a punto digestori anaerobici che permettono di produrre effluenti gassosi (principalmente metano) da liquami, utilizzando alcuni microrganismi in grado di metabolizzare i composti organici. Per esempio da 120 tonnellate di liquami animali al giorno (equivalente alle deiezioni di 12.000 maiali) si possono ottenere 200 N m³ di metano.





Nel giugno del 1959 in Italia, presso Lodi, una perforazione dell'ENI (Ente Nazionale Idrocarburi), allora presieduta da Enrico Mattei, scopre il primo giacimento profondo dell'Europa Occidentale.

  • Nel giugno del 1959 in Italia, presso Lodi, una perforazione dell'ENI (Ente Nazionale Idrocarburi), allora presieduta da Enrico Mattei, scopre il primo giacimento profondo dell'Europa Occidentale.

  • Successivamente si iniziano i rilevamenti nel Mare Adriatico, ma le prime due perforazioni dettero esito negativo, così l'Eni abbandonò l'idea preferendo destinare le risorse a perforazioni nel Mar Rosso.

  • In attesa delle autorizzazioni da parte del governo egiziano, l'ENI decise di compiere una terza trivellazione al largo di Ravenna, che diede esito positivo.

  • Nel 1959 entrò in funzione la prima piattaforma metanifera.

  • L’estrazione di metano in Italia ha raggiunto il suo massimo a metà anni novanta ed attualmente è in fase di sensibile decrescita come mostrato nel grafico che segue.





I primi 10 paesi consumatori di gas naturale sono (in miliardi di metri cubi l'anno):

  • I primi 10 paesi consumatori di gas naturale sono (in miliardi di metri cubi l'anno):

  • Stati Uniti 652,9

  • Russia 438,8

  • Iran 111,8

  • Canada 94

  • Gran Bretagna 91,4

  • Giappone 90,2

  • Germania 82,7

  • Italia 77,8

  • Arabia Saudita 75,9

  • Cina 67,3





Il metano è utilizzato principalmente come combustibile, sia industriale che domestico, dato il suo elevato potere calorifico (da 10.000 a 12.000 kcal/m³ secondo la purezza) e la possibilità di trasporto abbastanza economico dai pozzi di raccolta ai centri di consumo mediante una rete di tubazioni (metanodotti).

  • Il metano è utilizzato principalmente come combustibile, sia industriale che domestico, dato il suo elevato potere calorifico (da 10.000 a 12.000 kcal/m³ secondo la purezza) e la possibilità di trasporto abbastanza economico dai pozzi di raccolta ai centri di consumo mediante una rete di tubazioni (metanodotti).

  • Reagisce violentemente col cloro alla luce solare dando origine ad acido cloridrico e nerofumo. La reazione avviene senza esplosione alla luce diffusa e conduce ai prodotti di sostituzione:

    • cloruro di metile CH3Cl,
    • cloruro di metilene CH2Cl2,
    • cloroformio CHCl3
    • e infine tetracloruro di carbonio CCl4
  • Altri impieghi riguardano l'industria chimica per la produzione di acido cianidrico.

  • Per ossidazione fornisce metanolo, aldeide formica, acetilene, etilene.



Per il suo potenziale termico relativamente elevato il Gas Naturale Compresso (GNC) viene utilizzato per autotrazione e distribuito a circa 220 bar in veicoli dotati di appositi sistemi di trasporto e stoccaggio (bombole).

  • Per il suo potenziale termico relativamente elevato il Gas Naturale Compresso (GNC) viene utilizzato per autotrazione e distribuito a circa 220 bar in veicoli dotati di appositi sistemi di trasporto e stoccaggio (bombole).

  • Inizialmente ebbe una notevole diffusione in Italia negli anni 30, per sopperire alla mancanza di petrolio nazionale. Oggi viene promosso in tutto il mondo come combustibile ecologico da utilizzarsi preferibilmente in aree urbane particolarmente inquinate.

  • Oltre all’Italia, sono da annoverare fra i paesi a più alta concentrazione di veicoli a GNC l’Argentina e la Nuova Zelanda.



Il metano diventa liquido a una temperatura critica di -83 gradi centigradi, quando è sottoposto a una pressione di 45 atmosfere.

  • Il metano diventa liquido a una temperatura critica di -83 gradi centigradi, quando è sottoposto a una pressione di 45 atmosfere.

  • Il passaggio allo stato liquido può avvenire diminuendo la temperatura o aumentando la pressione. Ad esempio, a -161 gradi centigradi il metano diventa liquido anche a pressione ambiente.

  • I gas naturali umidi, come il propano e il butano, invece, rispettivamente con 3 e 4 atomi di carbonio, hanno una temperatura critica superiore alla temperatura ambiente e, quindi, diventano liquidi per effetto di un semplice aumento di pressione.



Per ottenere la liquefazione del metano si ricorre a tre stadi successivi di raffreddamento, utilizzando come liquidi refrigeranti idrocarburi sempre più volatili.

  • Per ottenere la liquefazione del metano si ricorre a tre stadi successivi di raffreddamento, utilizzando come liquidi refrigeranti idrocarburi sempre più volatili.

    • Il primo stadio il raffreddamento è effettuato con propano (che bolle a ­37 °C), il quale è poi inviato a un turbocompressore che, dopo averlo liquefatto, lo rinvia in ciclo. In questo stadio, dal gas naturale si separa per prima l'acqua, a 0 °C, e poi via via si separano come condensati gli idrocarburi più pesanti.
    • Il secondo stadio, simile al primo, utilizza come mezzo refrigerante a ­100 °C l'etilene.
    • Infine nel terzo stadio si raggiungono i ­161 °C (temperatura di liquefazione del metano) utilizzando il metano stesso come refrigerante.
  • Il gas liquefatto viene immesso in serbatoi frigoriferi, poi inviato, per mezzo di navi metaniere, ai centri di rigassificazione, dai quali il metano viene inviato attraverso metanodotto fino agli utenti.



Attualmente il metano viene trasportato allo stato gassoso per mezzo di metanodotti, oppure con navi metaniere sulle quali viene caricato allo stato liquido (GNL o Gas Naturale Liquefatto).

  • Attualmente il metano viene trasportato allo stato gassoso per mezzo di metanodotti, oppure con navi metaniere sulle quali viene caricato allo stato liquido (GNL o Gas Naturale Liquefatto).

  • I metanodotti permettono il trasporto di ingenti quantità di metano direttamente dal luogo di produzione a quello di consumo, senza bisogno di alcuna operazione di carico e immagazzinamento.

  • Individuato il tracciato più comodo e più sicuro, si scava una trincea, dove vengono calati i tubi d'acciaio del condotto precedentemente saldati tra loro. Per prevenire eventuali perdite, su ogni saldatura viene effettuata una radiografia, controllando che sia ben fatta.

  • Contro la corrosione del metallo, la tubatura viene rivestita con bitumi, catrami e resine sintetiche e protetta con apposite apparecchiature elettriche.

  • Infine il metanodotto viene interrato e il terreno viene riportato alle condizioni originarie.



La presenza del condotto viene segnalata da una speciale segnaletica. Ogni 100-200 chilometri vengono installate stazioni di compressione che ristabiliscono la pressione sufficiente a far muovere il metano a una velocità di 20-30 chilometri all’ora.

  • La presenza del condotto viene segnalata da una speciale segnaletica. Ogni 100-200 chilometri vengono installate stazioni di compressione che ristabiliscono la pressione sufficiente a far muovere il metano a una velocità di 20-30 chilometri all’ora.

  • Le reti dei metanodotti comprendono anche stazioni di stoccaggio, nelle quali parte del metano viene tenuto a disposizione per eventuali situazioni di emergenza.

  • Come depositi vengono usati preferibilmente i giacimenti esauriti situati presso le aree di maggior consumo. Le loro stesse caratteristiche geologiche garantiscono la massima sicurezza contro eventuali perdite.

  • Tutta l’Europa è attraversata da lunghi gasdotti di cui non si nota la presenza perché il loro tragitto è sotterraneo, e in questo modo il paesaggio non viene deturpato.



Quando non è possibile effettuare il trasporto tramite metanodotto (perché le distanze da superare sono eccessive o bisogna attraversare un tratto di mare troppo lungo) il metano viene liquefatto e trasportato con navi metaniere.

  • Quando non è possibile effettuare il trasporto tramite metanodotto (perché le distanze da superare sono eccessive o bisogna attraversare un tratto di mare troppo lungo) il metano viene liquefatto e trasportato con navi metaniere.

  • Attualmente il 25% del metano viene trasportato con questo mezzo. Il metano, liquefatto a -161 gradi centigradi, ha un volume circa 600 volte minore del gas naturale originario.

  • Una metaniera trasporta mediamente 130.000 metri cubi di metano liquefatto che corrispondono a 78 milioni di metri cubi allo stato gassoso.



I costi di trasporto con le metaniere sono più elevati perché occorre effettuare diversi trasbordi.

  • I costi di trasporto con le metaniere sono più elevati perché occorre effettuare diversi trasbordi.

  • Il primo consiste nel trasporto dal giacimento alla costa con un metanodotto.

  • Poi il gas viene liquefatto e caricato su una metaniera dotata di serbatoi isolati termicamente.

  • Infine, una volta scaricato dalla nave, esso viene nuovamente gassificato e immesso in un metanodotto.

  • Durante il trasporto per mare una parte del metano evapora contribuendo a mantenere bassa la temperatura; in parte quest’ultimo viene utilizzato come combustibile dalla nave stessa.



Dai tubi di grande diametro della rete di trasporto nazionale si diramano migliaia di chilometri di tubazioni più piccole dette "di allacciamento", che trasportano il metano alle industrie e alle abitazioni.

  • Dai tubi di grande diametro della rete di trasporto nazionale si diramano migliaia di chilometri di tubazioni più piccole dette "di allacciamento", che trasportano il metano alle industrie e alle abitazioni.

  • Nelle reti cittadine, gestite dalle aziende distributrici, la pressione del metano viene mantenuta a livelli più bassi rispetto alle grandi reti di trasporto per motivi tecnici e di sicurezza.

  • Attualmente, più del 30% del metano distribuito in Italia viene utilizzato nel settore civile.



Prima di essere immesso nella rete di distribuzione, il metano viene "odorizzato", cioè mescolato con una sostanza dall'odore molto forte denominata "mercaptani“ (spesso si tratta del tetraidrotiofene).

  • Prima di essere immesso nella rete di distribuzione, il metano viene "odorizzato", cioè mescolato con una sostanza dall'odore molto forte denominata "mercaptani“ (spesso si tratta del tetraidrotiofene).

  • In questo modo, l'utente si accorge subito anche di una minima perdita. Infatti, in ambienti confinati (ad esempio in una stanza) il metano, miscelandosi con l'aria e in presenza di un innesco (una fiamma o una scintilla provocata dall'accensione di una luce) si incendia provocando pericolose esplosioni.

  • Miscelato con l'aria, il metano è infiammabile solo se la sua concentrazione è compresa tra il 5% e il 15%. Sotto il 5%, la quantità di gas naturale non è sufficiente ad alimentare la combustione, mentre sopra il 15% non c'è abbastanza ossigeno.



L’uso più comune del gas naturale è quello residenziale (cucine a gas, riscaldamento, acqua calda), in quanto non soltanto è il più pulito di tutti i combustibili fossili, ma anche quello più conveniente grazie a costi di gestione delle apparecchiature significativamente più bassi.

  • L’uso più comune del gas naturale è quello residenziale (cucine a gas, riscaldamento, acqua calda), in quanto non soltanto è il più pulito di tutti i combustibili fossili, ma anche quello più conveniente grazie a costi di gestione delle apparecchiature significativamente più bassi.

  • Le previsioni future indicano un incremento del 30% del consumo residenziale di gas nel 2020.

  • Il principale uso residenziale del gas naturale riguarda il riscaldamento di ambienti.

  • Il 35% delle famiglie italiane usufruisce di sistemi di riscaldamento centralizzato che forniscono calore a più unità immobiliari.



Le industrie fanno ricorso al gas naturale non solo per scaldare o rinfrescare gli ambienti, ma anche per rendere più efficienti, economici ed ecologici i processi di produzione.

  • Le industrie fanno ricorso al gas naturale non solo per scaldare o rinfrescare gli ambienti, ma anche per rendere più efficienti, economici ed ecologici i processi di produzione.

  • I più importanti impieghi produttivi sono:

  • industria alimentare: tostatura del malto e del caffè, lavorazione della carne (cottura, stagionatura dei salumi), cottura di prodotti da forno (pane, grissini, dolciumi)

  • industria metallurgica: le applicazioni più frequenti riguardano il comparto del ferro e delle sue leghe, ghisa e acciaio; viene utilizzato nei forni per trattamenti termici, nelle lavorazioni in cui vengono richieste atmosfere controllate, ecc.



laterizi e ceramica: il gas è diffuso soprattutto nella produzione di piastrelle da rivestimento e da pavimento nonché di vasellame e ceramica artistica; nell’ambito dei laterizi (mattoni, tegole) i forni di essiccazione e di cottura a gas naturale consentono di conferire ai prodotti un aspetto estetico più gradevole di quello ottenibile con altre tecniche; l’impiego del gas ha reso possibile lo sviluppo del ciclo “a cottura rapida”, che consente una notevole riduzione dei tempi produttivi

  • laterizi e ceramica: il gas è diffuso soprattutto nella produzione di piastrelle da rivestimento e da pavimento nonché di vasellame e ceramica artistica; nell’ambito dei laterizi (mattoni, tegole) i forni di essiccazione e di cottura a gas naturale consentono di conferire ai prodotti un aspetto estetico più gradevole di quello ottenibile con altre tecniche; l’impiego del gas ha reso possibile lo sviluppo del ciclo “a cottura rapida”, che consente una notevole riduzione dei tempi produttivi

  • tessitura:il gas naturale fornisce l’energia necessaria alla rasatura del pelo o delle pezze e al termofissaggio

  • carta: si ricorre al metano per l’essiccamento veloce degli inchiostri



vetro: l’assenza dei residui di combustione e la facilità di regolazione della temperatura rendono il gas particolarmente adatto all’alimentazione dei forni  a ciclo continuo per la produzione vetraia sia “a lastre” sia “cava”

  • vetro: l’assenza dei residui di combustione e la facilità di regolazione della temperatura rendono il gas particolarmente adatto all’alimentazione dei forni  a ciclo continuo per la produzione vetraia sia “a lastre” sia “cava”

  • oreficeria: in virtù della sua flessibilità di utilizzo e purezza di fiamma, il gas naturale è ampiamente utilizzato per la costruzione e la saldatura di oggetti preziosi



Il consumo commerciale del gas riguarda il raffreddamento (condizionamento e refrigerazione), i servizi di ristorazione (nella cucina), i motel e gli hotel (riscaldamento di ambienti), gli ospedali, i cantieri edili pubblici e le vendite al dettaglio.

  • Il consumo commerciale del gas riguarda il raffreddamento (condizionamento e refrigerazione), i servizi di ristorazione (nella cucina), i motel e gli hotel (riscaldamento di ambienti), gli ospedali, i cantieri edili pubblici e le vendite al dettaglio.

  • In virtù dei loro elevati standard di efficienza energetica, i condizionatori a gas naturale costituiscono l’alternativa più valida ai tradizionali sistemi elettrici e vengono impiegati tanto per garantire alti livelli di comfort negli edifici civili (abitazioni, ospedali, alberghi, palazzi-uffici) quanto per assolvere alle diverse necessità del settore industriale (condizionamento degli ambienti di lavoro, processi produttivi, conservazione degli alimenti, ecc.).

  • Le cucine a gas sono molto diffuse nei servizi di ristorazione; con esse è possibile dosare in modo ottimale il calore variando l’intensità della fiamma; inoltre, durante la cottura in forno la combustione del metano libera vapore acqueo, che ammorbidisce gli alimenti evitandone l’essiccazione.

  • Tali caratteristiche, oltre alla garanzia di continuità della fornitura, fanno del metano il combustibile più apprezzato sia nell’uso domestico sia in quello professionale.



Il gas naturale conosce un sempre crescente successo anche come combustibile per gli autoveicoli.

  • Il gas naturale conosce un sempre crescente successo anche come combustibile per gli autoveicoli.

  • Oggi nel mondo circolano oltre un milione di vetture a gas naturale e le case automobilistiche investono sempre maggiori risorse nella progettazione di nuovi modelli con questo tipo di alimentazione.

  • Il gas naturale presenta un certo numero di vantaggi rispetto agli altri combustibili per autotrazione:

    • brucia in modo pulito,
    • costa meno,
    • ha un indice di sicurezza provato,
    • è una fonte di energia abbondante e sicura,
  • L’Italia è dotata della rete di rifornimento di metano per autotrazione più vasta di tutta l’Unione Europea.



Il funzionamento del sistema a metano per autotrazione è semplice.

  • Il funzionamento del sistema a metano per autotrazione è semplice.

  • I veicoli sono solitamente costruiti per essere alimentati sia a metano sia a benzina.

  • Il metano viene caricato allo stato gassoso “compresso” ad alta pressione (200 bar) in bombole apposite situate nel veicolo.

  • Esso arriva, tramite una speciale tubazione, a un riduttore che alimenta gli iniettori  del motore a scoppio a bassa pressione.

  • Vi è poi un sensore di pressione che invia il segnale all’indicatore della quantità di metano ancora disponibile e alla centralina elettronica che comanda gli iniettori di carburante e le valvole di apertura/chiusura delle bombole.

  • La vettura è provvista di un commutatore metano-benzina che può essere attivato quando si vuole.



Il veicolo funziona normalmente a metano, ma se durante la marcia la pressione del gas nelle bombole scende sotto la pressione minima, il controllo elettronico del motore commuta automaticamente il funzionamento a benzina.

  • Il veicolo funziona normalmente a metano, ma se durante la marcia la pressione del gas nelle bombole scende sotto la pressione minima, il controllo elettronico del motore commuta automaticamente il funzionamento a benzina.

  • Quando, a seguito del rifornimento, si ripristina la pressione nelle bombole, l’auto riprende a funzionare a metano.

  • Per assicurare il massimo beneficio di riduzione delle emissioni allo scarico, i veicoli a metano devono impiegare un catalizzatore sviluppato appositamente per abbattere gli idrocarburi residui della combustione del metano.

  • Infatti, il metano si ossida con maggiore difficoltà rispetto agli altri idrocarburi ed è pertanto necessario adottare un catalizzatore caratterizzato da un quantità di metalli nobili (che fungono da catalizzatori)  più elevata rispetto ai comuni standard.



Il gas naturale può essere utilizzato come combustibile nelle centrali elettriche a vapore per produrre il vapore che, ad alta pressione, mette in moto la turbina che a sua volta fa girare l’alternatore.

  • Il gas naturale può essere utilizzato come combustibile nelle centrali elettriche a vapore per produrre il vapore che, ad alta pressione, mette in moto la turbina che a sua volta fa girare l’alternatore.

  • Per creare vapore ad alta pressione si surriscalda l’acqua in una caldaia: chiudendo ermeticamente il recipiente, il vapore aumenta di pressione per poi fuoriuscire con violenza diretto verso la turbina.

  • Per quanto riguarda il rendimento di tali centrali, circa il 40% dell’energia contenuta nel combustibile viene trasformato in elettricità; il restante 60% viene perso nelle conversioni di energia  da chimica a termica, a meccanica, a elettrica.



Il gas naturale può essere utilizzato anche nelle centrali elettriche a turbogas.

  • Il gas naturale può essere utilizzato anche nelle centrali elettriche a turbogas.

  • Queste sono centrali termoelettriche in cui si sfrutta direttamente l’energia prodotta dalla combustione di metano (o gasolio) e funzionano senza la caldaia per trasformare acqua in vapore e senza condensatore per ritrasformare il vapore in acqua.

  • Le parti che compongono una centrale a turbogas sono:

  • compressore: aspira l’aria dall’atmosfera, la comprime e la invia alla camera di combustione

  • camera di combustione: dove avviene la combustione tra l’aria e il combustibile (metano o gasolio)



turbina a gas: la miscela di aria e gas ad alta temperatura entra in una turbina dove l’espansione dei gas combusti mette in rotazione le pale del rotore che a sua volta mette in rotazione l’alternatore generando elettricità.

  • turbina a gas: la miscela di aria e gas ad alta temperatura entra in una turbina dove l’espansione dei gas combusti mette in rotazione le pale del rotore che a sua volta mette in rotazione l’alternatore generando elettricità.

  • I vantaggi delle centrali a turbogas sono i costi ridotti dell’impianto, la rapidità di avviamento anche in caso di mancanza di energia dalla rete e il fatto che non necessitano di acqua di raffreddamento: è quindi possibile costruire in qualsiasi zona, anche lontano da fiumi e dal mare.

  • Lo svantaggio è il bassissimo rendimento (circa il 30%) e quindi l’altissimo costo dell’energia.



I sistemi a ciclo combinato e quelli di cogenerazione  sono le tecnologie più efficienti per produrre l’elettricità da gas naturale.

  • I sistemi a ciclo combinato e quelli di cogenerazione  sono le tecnologie più efficienti per produrre l’elettricità da gas naturale.

  • Entrambi utilizzano il calore che normalmente viene perso.

  • Le centrali a ciclo combinato sfruttano il calore generato per produrre elettricità.

  • In tali sistemi vengono associate una centrale a turbogas e un gruppo a vapore: il calore residuo dei fumi in uscita del gruppo turbogas viene utilizzato per produrre vapore, facendo così aumentare il rendimento fino al 56%.

  • Inoltre le centrali a ciclo combinato hanno minori costi di costruzione e manutenzione, e hanno un’affidabilità di funzionamento maggiore.



La cogenerazione è l’uso combinato di un’energia primaria, come il gas naturale, per produrre in sequenza il calore e l’elettricità.

  • La cogenerazione è l’uso combinato di un’energia primaria, come il gas naturale, per produrre in sequenza il calore e l’elettricità.

  • Il concetto è basato sul recupero e sull’uso dei residui di calore prodotti durante la generazione di elettricità che nelle altre centrali elettriche sarebbero perse, con conseguente riduzione dell’efficienza rispetto alla cogenerazione.

  • Ad esempio, un motore alimentato a metano produce elettricità e i fumi di scarico sono poi impiegati come fonte termica, ad esempio per riscaldare l’acqua.

  • Vengono così prodotte in modo combinato energia elettrica ed energia termica che, se invece venissero prodotte da processi di produzione separati, richiederebbero quantità ben maggiori di energia primaria.

  • Si tratta quindi di un processo che ottimizza l’impiego delle risorse energetiche con notevoli benefici economici e ambientali.



Il gas naturale è il combustibile economicamente preferibile nelle applicazioni di cogenerazione industriale e commerciale, soprattutto a causa dei costi fissi e di gestione più bassi e perché è il combustibile fossile più pulito.

  • Il gas naturale è il combustibile economicamente preferibile nelle applicazioni di cogenerazione industriale e commerciale, soprattutto a causa dei costi fissi e di gestione più bassi e perché è il combustibile fossile più pulito.

  • Vi sono in commercio piccole unità preimballate che comprendono tutti i componenti necessari per un sistema di cogenerazione.

  • Grazie allo sviluppo tecnologico di nuove e più efficienti turbine e macchine alimentate a gas naturale, la cogenerazione, un tempo sfruttata solo nella grande industria, sta oggi diffondendosi anche nella piccola e media industria e nel terziario.

  • In particolare, i sistemi di cogenerazione rappresentano una soluzione efficace per ridurre i costi di energia elettrica e di riscaldamento nell’industria cartiera, farmaceutica, alimentare, tessile, nella raffinazione del petrolio, ed   in alcune industrie petrolchimiche, così come negli ospedali, nelle università, negli hotel, nei centri di calcolo e nei centri commerciali.





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale