Franco Mengoli cosmesi naturale: IL significato dei termni ed IL loro corretto utilizzo



Scaricare 98.95 Kb.
21.12.2017
Dimensione del file98.95 Kb.


ANNO DELLA CHIMICA


LA CHIMICA TI FA BELLA

COSMESI NATURALE E ALIMENTAZIONE:

UNO STRETTO LEGAME

Franco Mengoli

COSMESI NATURALE: IL SIGNIFICATO DEI TERMNI ED IL LORO CORRETTO UTILIZZO



COSMESI NATURALE (O A BASE NATURALE ?)

Prodotto naturale = dicitura quasi

sempre scorretta,

trattandosi di prodotti a base naturale

Prodotto vegetale = deve identificare

esclusivamente una materia prima vegetale

(erba aromatica, estratto, olio, ecc.)

semplice o composta, ma vegetale al 100 %





INGREDIENTI Gli ingredienti devono essere riportati in etichetta in ordine decrescente identificandoli coi codici INCI, secondo quanto previsto dalla direttiva 96/335/CEE del 14 Giugno 1993 e dalla successiva decisione di modifica 2006/257/CE. Ma ora mi chiedo: la massaia sa cosa significhi Helianthus annus, centaurea cyanus, solanum lycopersicum o rubus idaeus ?! Ebbene, come sanno gli operatori del settore, il primo è l’olio di girasole, il secondo il fiordaliso, poi il pomodoro, e infine il lampone. Ma nulla vieta, rispettando la legge, di riportare in etichetta anche le denominazioni correnti, comprensibili a tutti gli acquirenti, anche alla massaia che, guarda caso, vuole essere informata per poter scegliere in maniera intelligente: questa è chiarezza, non a parole, ma nei fatti. Occorre informare sempre, tanto, ma correttamente.



ADDITIVI Gli additivi sono ingredienti a tutti gli effetti, ma allora perché vengono spesso considerati non una materia prima ma semplicemente qualcosa di accessorio, di poca importanza, sminuendo quella che invece è una loro funzione ben precisa: conferire al prodotto finale particolari funzioni? Semplicemente perché, per alcuni produttori, gli additivi servono solo per arricchire la formula numericamente: più aumenta il numero di ingredienti riportati in etichetta e maggiore sarà l’impatto commerciale, facendo credere al consumatore di acquistare un prodotto assai ricco di componenti. In sintesi: quantità non qualità. E allora un suggerimento ai formulatori seri: valutate attentamente l’apporto degli additivi, controllate le loro proprietà, verificate la loro affinità con la vostra ricetta di base, poi fate la scelta più adeguata e prendete la decisione: gli additivi devono essere un valore aggiunto altro che accessorio !! Questo significa ADDITIVO.



ESTRATTI VEGETALI Gli estratti si possono ottenere fondamentalmente utilizzando cinque diversi liquidi di supporto: a) acqua, b) alcool + acqua, c) olio, d) glicole propilenico, e) acqua + glicerolo vegetale. A seconda dei casi si parla rispettivamente di: a) estratto idrato o idrosolubile, b) estratto fluido o idroalcolico, c) estratto lipolico o liposolubile, d) estratto glicolico, e) estratto idroglicerico. Alcune annotazioni: l'estratto fluido può essere usato in miscele cosmetiche ma non per l'applicazione tal quale sul corpo, potendo provocare arrossamenti o reazioni secondarie; l'estratto lipolico può essere usato come un normale olio da massaggio o come veicolante della crema direttamente sull'epidermide.



LA COSMESI CON INGREDIENTI BIOLOGICI Questa nuova frontiera è sicuramente interessante e avvincente, soprattutto perché crea uno stretto legame tra i prodotti per uso esterno e quelli per uso interno; fin dai tempi antichi si parlava dell’assorbimento di una crema o di un latte sulla pelle, degli effetti di una lozione sul cuoio capelluto, ed altro ancora. Tutti ricordiamo i famosi bagni di latte di Poppea nell’antica Roma o di Cleopatra in Egitto. Definire un prodotto cosmetico solo per uso esterno è assai riduttivo e quindi ben venga questa nuova idea, che può sicuramente dare un valore aggiunto al cosmetico data la sua incidenza sulla salute complessiva del nostro corpo. Ma … attenzione: anche in questo caso fondamentale la correttezza nei termini.



COSMETICO CON INGREDIENTI PROVENIENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA Questa è la corretta dicitura da usare sulle etichette, sugli astucci, nelle pubblicità. Scrivere COSMETICO BIOLOGICO è falso nella maggior parte dei casi; lo si potrà fare solo ed esclusivamente se tutto il cosmetico contiene ingredienti alimentari provenienti da agricoltura biologica, nel rispetto del primo Regolamento Europeo Reg. (CEE) n. 2092/91 pubblicato nel 1991, e successive modifiche. Due esempi per maggiore chiarezza. Una crema che contiene cellulosa, glicerina, profumo, olio di oliva biologico, estratto vegetale biologico di camomilla, sarà una crema con ingredienti provenienti da agricoltura biologica; un olio da massaggio che contiene solo olio di oliva biologico, olio di girasole biologico, estratto di camomilla biologico, estratto di calendola biologico, si potrà definire COSMETICO BIOLOGICO.



RAPPORTO COSTI BENEFICI I cosmetici ottenuti con ingredienti di origine naturale, vegetale, oli essenziali, estratti vegetali, additivi naturali impiegati nel settore agricolo e alimentare, conservanti di tipo farmaceutico, ecc., hanno sicuramente un costo apparentemente più elevato rispetto alla maggioranza dei prodotti in commercio. Ma fermiamoci a riflettere. Se al costo del prodotto acquistato si aggiungono i costi legati ai problemi dermatologici, che successivamente possono insorgere, quelli legati alle cure sanitarie per riparare danni altrimenti irreversibili causati da un utilizzo errato di un prodotto, quelli legati all’inquinamento ed al degrado ambientale che spesso ne deriva, quale prezzo paghiamo in realtà ? Quale costo ulteriore dovremmo aggiungere a quello esposto in negozio o nel supermercato ?



Questi costi enormi, spesso difficilmente calcolabili, si ripercuotono su tutta la collettività, ma non se ne parla. Quando però arrivano le misure restrittive per la circolazione, l’accumulo e lo smaltimento dei rifiuti urbani ed industriali, con il conseguente diffondersi di allergie o intolleranze, allora si vorrebbe correre ai ripari; non ci si rende conto che i provvedimenti tampone o di emergenza non risolvono i problemi alla radice, e soprattutto non fanno cambiare le cattive abitudini. Occorre usare meno acqua e produrre soprattutto cosmetici ad alta concentrazione, eliminare imballi, volantini superflui e astucci multipli, impiegare contenitori in vetro riciclabili (o in plastica velocemente biodegradabile) e tappi dosatori, per un utilizzo intelligente del prodotto. Soltanto questa è la strada da seguire per rendere un servizio a tutta l’umanità e contribuire in maniera sostanziale a preservare la nostra salute ed il nostro ambiente, anche per le generazioni future.







Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale