Giampaolo Dossena



Scaricare 1.3 Mb.
Pagina1/31
03.06.2018
Dimensione del file1.3 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   31

Giampaolo Dossena


DIZIONARIO DEI GIOCHI CON LE PAROLE

Scansione di Paolo Giacomoni paolo.giacomoni@fastwebnet.it


N.B.: per gli utilizzatori di sintesi vocale. In questo libro è spesso importante che una lettera sia maiuscola. A volte, senza usare lo spelling lettera per lettera, la cosa può sfuggire.

ho messo un segno di radice davanti ad ogni gioco, dopo il numero progressivo.

in questa trascrizione mancano le illustrazioni e i rimandi bibliografici.
\Prefazione
Per chi ama giocare con le parole non c'è bisogno di prefazione: basta il titolo, basta aprire il libro a caso.

Per chi non ama giocare con le parole non c'è prefazione che tenga:

questo libro non è per lui, non gli potrà piacere (se non qua e là, dove riporto i pareri di altri, che se la son presa coi giochi di parole).

Restiamo fra noi. Parlando con voi, che amate giocare con le parole,

ecco: non dimenticate che qualcuno ha una cattiva opinione di voi e

dei vostri giochi (forse dei giochi in generale). Gli fa ribrezzo vedere

gente intenta a leggere la Settimana enigmistica, preferisce non sapere

cosa sia lo Scrabble-Scarabeo, cova forti riserve per i classici che hanno scritto sestine. I bambini giocano con le parole, "la parola era una

caramella": e lui preferisce girare alla larga dei bambini. Al nemico

dei giochi con le parole le cose stivate in questo libro non sembrano

cose da persone normali: gli sembrano cose da lasciare ai bambini, ai

provenzali e ai barocchi, ai carcerati e ai pazzi.

Io son normale fino a un certo punto: non mi sarei mai occupato di

questi giochi per venticinque anni se non avessi avuto l'occasione di

tenere certe rubriche su certi giornali toccando con mano, con la posta dei lettori, quanta quanta quanta gente ama giocare al "pescegatto" o alle "aiuole". C'è chi ama scrivere ancora sonetti e ottave come

chi ama giochi di recente invenzione distribuiti nei supermercati da

ditte specializzate. Giochi da fare a voce o con carta e matita o con

attrezzi speciali, giochi impossibili e inimmaginabili, giochi enigmistici e giochi letterari, giochi facili, facilissimi, e giochi difficili, difficilissimi, giochi per creature che non hanno ancora imparato a leggere e

giochi per adulti (eventualmente spregiudicati). Nel libro li ho messi

tutti: giochi che possono essere utilizzati a scuola in appoggio alle lezioni d'italiano (come lingua madre o come lingua straniera) e giochi

che possono essere usati per maltrattare la lingua italiana (in quanto

lingua madre), per sbeffeggiare la tradizione scolastica ottocentesca

(paterna); giochi di fredda intelligenza matematica e giochi magici,

superstiziosi; giochi di Dante Alighieri e di Italo Calvino e giochi da

osteria, da accompagnare con canzoni, canzoncine, canzonacce; giochi da giocare da soli o in coppia o in compagnia, per dieci minuti o

per un finesettimana o per una lunga vacanza o un lungo viaggio.


E, oltre ai giochi con le parole, cose da imparare sul conto delle parole per sapere a che gioco giochiamo, a che gioco giocavano Freud

nel 1901 e Saussure nel 1902, Eraclito e i pitagorici, i primi cristiani

perseguitati, e i cabalisti ebraici, e i barbari delle rune.

A questo proposito ringrazio Cristina Cappa Legora, che ha seguito i

lavori di preparazione del libro (costruito utilizzando tanti materiali

eterogenei, lasciando inutilizzati per ora tanti materiali preziosi) e mi

ha spinto a metterci dentro quanto più possibile panna montata, giochi soffici e dolci da giocare subito per divertimento, ma mi ha permesso di guarnire la panna montata con cialde e biscotti secchi, cose

dure e insapori di linguistica, di retorica, di metrica ecc., da sgranocchiare dopo.

Ringrazio i lettori che per venticinque anni hanno giocato con me su

tanti giornali: il libro è più loro che mio, per le soluzioni che hanno

trovato, per i problemi che hanno inventato. Le note e le sigle bibliografiche rimandano alle vecchie carte dove sono stampati i loro nomi. Travasarli tutti nel libro ne avrebbe raddoppiato la mole. Ma loro

sanno che io li ricordo.

Ringrazio Jolanda Lopopolo, Edy Motta, A1berto Agazzani, Mario

Mosconi, perché la rifinitura di questo libro è stata, anche tecnicamente, non tanto facile.


g.d.

1 \abaco zuzzurullone - Nei vocabolari della lingua italiana e nei dizionari enciclopedici "abaco" è una tra le prime parole in ordine alfabetico (ce ne sono ben altre: uno di questi giorni, andatevele a guardare). una tra le ultime è zuzzurullone.

Si chiama "abaco zuzzurullone" un gioco che si può fare a voce in

due persone, a turno sfidante (a) e sfidato (b). Mi spiego con un


esemplo.

Lo sfidante (a) pensa una parola che sia su un vocabolario: il vocabolario scelto, se necessario, come "giudice di gara"; se necessario scrive questa parola su un foglietto. Vocabolario e foglietto son necessari

se i due giocatori sono pedanti e accattabrighe (o se lo è uno dei

due). Facciamo che (a) pensi "stambecco". Dialogo:


(b) Mamma.

(a) Fra Mamma e Zuzzurullone.

(b) Partita.

(a) Fra Partita e Zuzzurullone.

(b) Trapano.

(a) Fra Partita e Trapano.

(b) Stabile.

(a) Fra Stabile e Trapano.

(b) Stampa.

(a) Fra Stabile e Stampa.

(b) Stalla.

(a) Fra Stalla e Stampa.

(b) Stambecco.

(a) Giusto.


Lo sfidato (b) ha indovinato in 7 tentativi. ora lo sfidato diventa sfidante. Vince la partita chi indovina in meno tentativi.

In più di 2 persone (ideale 4 o 5 persone) un giocatore sceglie una

parola e gli altri, a turno, girando in senso orario o antiorario, restringono il campo come sopra.

Variante: non bisogna indovinare la parola, bensì evitare di dirla. Chi

la dice segna un punto negativo. Si fanno più giri, fin che uno dei
giocatori arriva a 3 punti negativi. Ha perso e fa penitenza (dire, fare,

baciare, lettera, testamento) oppure paga pegno.


2 \abafava - Nella Cronica dell'Anonimo Romano si legge che Cola di

Rienzo "abafava onne perzona" cioè stupiva ogni persona.

"Abafava" è una parola che ha tutte le lettere vocaliche uguali, come

assatanata, e ha le lettere consonantiche in ordine alfabètico

(mentre accèffino ha in ordine alfabètico tutte le lettere, consonàntiche e vocàliche).

"Abafava" non si trova sui vocabolari perché è una flessione del

verbo "abafare"; "abafare" non si trova su tutti i vocabolari perché è

una parola disusata, ma per giocare con le parole è essenziale tener

conto anche delle parole difficili.
3 \abbecedario - Questa parola può indicare due cose diverse: ha due

significati.

1. Si chiama "abbecedario" il libretto per imparare a leggere compitando, cioè cominciando a distinguere lettera da lettera. Il falegname Geppetto vende la giubba per comprare l'abbecedario al figlio

Pinocchio. Ma Pinocchio è un burattino o una marionetta? E il suo

libro è un abbecedario o un sillabario? Ne riparliamo alla voce sillabario. Per ora basta tenere a mente che il primo significato di "abbecedario" è "libretto per imparare a leggere".

2. Si chiama "abbecedario" anche il "carme alfabètico", componimento poetico in cui i versi o le strofe si susseguono in ordine alfabètico. Qui considereremo l"'abbecedario" in questo senso, di "carme

alfabètico". è una variante dell' acròstico.

Le enciclopedie raccontano storie meravigliose sugli abbecedari della

Bibbia e di mille autori latini come Agostino, Paolo Diacono, e altri

meno famosi; molti abbecedari latini del Medio Evo ci sono giunti

anonimi. Raccomanderei di dare un'occhiata almeno all'Inno acatisto

in onore della Madre di Dio. è un capolavoro greco bizantino.

Limitandoci alla letteratura italiana, abbiamo abbecedari strofa-per-strofa, nonché, più complessi, abbecedari strofa-per-strofa-e-verso-per-verso.

Un esempio di abbecedario strofa-per-strofa: l'Alfabeto dei villani di

Anonimo Pavano (1520?).

Due esempi di abbecedario strofa-per-strofa-e-verso-per-verso: quello

di ser Garzo dell'Incisa, bisnonno del Petrarca, e quello di Teofilo

Folengo nella Zanitonella (dove manca la Z, perché Zanina è fuggita).

Chi, studiando la storia della letteratura italiana, incontra questi abbecedari non ha molto da stupirsi (come dicevamo, la tradizione

dell'abbecedario risale a testi biblici) né molto da divertirsi (dato

che, come prova di abilità, questo è un gioco modesto).

C'è da divertirsi e da stupirsi se si fa un gradino in più, arrivando a

un altro gioco, che si chiama abbecedario tautogrammàtico.

Facendo un gradino in meno, si può giocare al miniabbecedario.


4 \abbecedario tautogrammàtico - L' abbecedario è un componimento poetico in cui i versi si susseguono in ordine alfabetico.

L"'abbecedario tautogrammàtico" applica all'abbecedario il principio del tautogramma:

- nell'abbecedario il primo verso comincia per A, cioè la prima parola del primo verso ha per iniziale A;

- nell'abbecedario tautogrammàtico tutte le parole del primo verso

hanno per iniziale A.

Tra gli anglòfoni di una certa età non pochi sanno a memoria i 2

versi (con varianti) della poesia anonima intitolata The Siege of Bel

grade. Comincia così: "An Austrian Army, Awfully Arrayed...".

In italiano hanno scritto abbecedari tautogrammàtici autori contemporanei come Edoardo Cacciatore, Paolo Memmo, Edoardo Sanguineti.

Scrivere un "abbecedario tautogrammàtico" sembra un'impresa difficile, ma può riuscire se si segue liberamente il filo di un pensiero

privato, se si ragiona a ruota libera. L'impresa diventa veramente difficilissima se ci si pone una costrizione in più: svolgere un tema

preciso, per esempio fare il riassunto di un libro. In questi 21 versi di Adriana Castello trovate un riassunto del romanzo di Alessandro Manzoni, I promessi sposi.


Assatanato assedia angelicata

baluardeggiato da baffuti bravi

che, congelando un complice curato,

dividono i donzelli disperati.

Errano entrambi, eccoli esiliati:

fa fuggir la fanciulla il fiero frate,

giustizia giura il giovane, gettato

(hidalgo, oh horribilis hyaena!)

incontro a immeritati incastramenti.

Langue Lucia; le lacrime lucenti

mai molceranno monache e malvagi?

Nonostante nereggi la nottata,

oltre orribili ore, occultamenti,

paurosa pestilenza, il paradiso.

Qual quiete!

Renzo ritrova risanato e reso.

Spiran satiri e santi, il senzanome

tristo in timorato si trasforma.

Udiranno l'uffizio dell'unione,

vincolo vagheggiato ch'è vittoria,

zufoli, zefiri, zagare e zampogne.
5 \abracadabra Per noi è una parola omovocàlica come assatanata.

Per i cabalisti è una parola magica. Si scrive o incide in amuleti, su

undici righe parallele a lettere decrescenti, disposte a triangolo isoscele col vertice in basso così da significare la progressiva riduzione

del male (per esempio la febbre terzana). Vedi illustrazione n.1

Potrebbe essere un'idea come un'altra, quella di mettere qui alla voce "abracadabra" qualche notizia in pillole sui significati mistico-magici attribuiti alle lettere dell'alfabeto nel giudaismo e nelle sette gnostiche non senza influssi dell'astrologia e del pitagorismo.' Le 7 lettere vocàliche dell'alfabeto greco (alfa, èpsilon, eta, iota, òmicron, ypsilon, oméga) rappresentano i 7 toni dell'eptacordo, che insieme formano armonie celesti, o dei 7 pianeti ecc. Nel tardo giudaismo si

parla di lettere celesti e terrestri, maschili e femminili, collegate con

sostanze spirituali che sarebbero servite a Dio per creare il mondo

(l'alfabeto preesiste al mondo e forse preesiste a Dio; lo scritto vien

prima del parlato).

"Abracadabra" viene dall'ebraico "ha-berakah daberah, pronunciare

la benedizione". Parole magiche correlate: "ablanathabla, abraxas".
ABRACADABRA

ABRACADABR

ABRACADAB

ABRACADA


ABRACAD

ABRACA


ABRAC

ABRA


ABR

AB
Illustrazione n. 1


6 \accèffino - Da "acceffare", congiuntivo presente terza persona plurale. Tutte le 9 lettere, consonàntiche e vocàliche, si susseguono in ordine alfabetico. Alcune lettere però sono ripetute. Rientrano in questa famiglia "abbello" e "fiiiuuu", 7 lettere. Un sottocaso a parte è

abafava.


Sembra che la più lunga parola italiana le cui lettere si susseguono in

ordine alfabetico senza ripetizioni sia "beghino", 7 lettere. Seguono

"Adelmo, chintz",b lettere. Di 5 lettere: "acino, egilo, degno". operazione di tutto agio trovarne di 4 lettere.

Si potrebbe dire che "accèffino", "beghino" ecc. sono parole "ortoalfabètiche" . I

In ordine alfabetico inverso, dalla Z alla A, sembra che il livello massimo sia di b lettere: "solida, sponda, tromba, tronca, volgèa". Si potrebbe arrivare a 7 lettere con "uronica" sempre che si possa fare il

femminile di "uronico". Le pectine sono uroniche?

(Le parole della chimica ci han sempre dato grandi soddisfazioni.

Per allitterazione iniziale il Magnesio è un Metallo Molto Malinconico).


7 \acròstico - Si chiama così il gioco di cui parliamo alla voce vespa.E un nome letterario, che viene dal greco; è un nome un po' òstico.

Nella presente voce consideriamo alcuni aspetti letterari, òstici,

dell'acròstico, ma il gioco è sempre lo stesso, come quello puerile

della vespa.


(E allora, che differenza c'è? Differenza di atteggiamento mentale, e differenza quantitativa: i giochi come quello della vespa stanno in una riga, questi che stiamo per vedere sono più lunghi; là

sono in gioco "parola singola e alcune parole", o "alcune parole e

parola singola", qui vedremo in gioco "alcune parole e molte parole " ) .

Per prendere il la, guardate la voce notariqòn e poi guardate una

enciclopedia alla voce "acròstico". C'è da spaventarsi. Salta fuori,

mezzo greco e mezzo siciliano, un Epicarmo che avrebbe inventato

l'acròstico nel VI-V secolo a.C. Salta fuori, mezzo greco e mezzo latino, l"'akrostichon ad carmen", acròstico che aiuta a tener in piedi

una poesia. Ne fecero a bizzeffe greci e latini, e poi italiani. Livello

massimo, sembra, l'Amorosa visione di Giovanni Boccaccio, che è

composta in terzine. Con le iniziali di queste terzine si formano tante

parole. A scriverle ordinatamente, queste parole vengono a costituire

tre poesie introduttive per un totale di 58 versi. Fa un po' senso, come le gare a chi mangia più uova sode, come certe prodezze postribolari.


Senza mai più toccare, per quel che ne sappiamo, il livello del Boccaccio, la tradizione dell'"akrostichon ad carmen" arriva viva e vegeta fino ai nostri giorni. Eugenio Montale ha nascosto il nome di una

sua morosa, per acròstico, nella poesia Da un lago svizzero.

Edoardo Sanguineti ha fatto delle poesie il cui acròstico rende palesemente il nome del destinatario o parole-chiave (landscape, maggio,

Pci) o frasi (Sanguineti amat). Le ha pubblicate in volume nel 1980.

Fin dal 1975 Giulio Stocchi recitava poesie politiche nelle fabbriche,

nelle università, nelle piazze: e alcune di queste poesie erano acròstici

che rendevano frasi del tipo Con l'Unidal in lotta oppure Votiamo

contro Fanfani e tutti i nemici del popolo italiano. Si son viste in volantini, manifesti, tatzebao (dazebao). Le han pubblicate in volume

pure nel 1980.

Un mio lettore si è accorto di una cosa alla quale non avevo mai badato: il mio nome-e-cognome son 16 lettere, 16 diviso 2 fa 8, e quindi per me si può fare un acròstico di due ottave. Due ottave di Enrico Chiaves Marchesi sono state pubblicate sulla sussiegosa Stampa:

due ottave acròstiche, con l'acròstico del mio nome e cognome. Un

nuovissimo senso del pudore mi trattiene dal ripubblicarle qui, e dal

ripubblicare i 16 versi acròstici di identico argomento che mi ha

scritto Antonio Siligato.

Si tratta di farvi vedere come l'elaborazione di un acròstico non sia la

fine del mondo. C'è un acròstico in mantovano, con traduzione a

fronte, in un libro di Camilla Cederna. Essendo "Camilla Cederna"

14 lettere, l'acròstico è svolto in un sonetto. Nomi-e-cognomi di 14

lettere sono frequenti. Guardatevi attorno. Anche l'amica di Matteo

Maria Boiardo, come si chiamava? Antonia Caprara,14 lettere. Così

lui ci poté fare qualche sonetto (detto "capitalis" per le lettere iniziali maiuscole che evidenziano l'acròstico).

C'è chi per gusto della difficoltà va un passo più in là. Si può fare

l'acròstico tautogrammàtico, aggiungendo alla costrizione

dell'acròstico quella del tautogramma. Guardate questi tre versi

latini:
Sol se sidereos super

orbes omnil3us ocior

Lustrato Latio locat.
Le prime lettere di ciascun verso, lette dall'alto in basso, formano la

parola sol, e le parole di ciascun verso cominciano tutte con la stessa

lettera.
Sono acròstici tautogrammàtici certe poesie di Edoardo Sanguineti

che sembrano semplici acròstici:


Se Sa Sedurti Soltanto un Sonetto,

Archetipo d'Amaro Amore Assente,

Nasconderò Nei tuoi Nomi il mio Niente,

Golfo mio, mia Girandola, mio Ghetto...


Un passo ancora più in là si può fare l'acròstico anagrammàtico, aggiungendo alla costrizione dell'acròstico quella dell' anagramma.

Nei seguenti 16 versi di Sandro Dorna le prime lettere di ciascun

verso, lette dall'alto in basso, formano un nome-e-cognome, e le parole di ciascun verso sono anagramma dello stesso nome e-cognome:
Già odo il nome. Passa

idea. Pongo la mossa

a mago pensoso. Da lì

mosse al Dio pagano.

Poso il segno a dama,

a domino. Passa. Lego,

osando. Il mago pesa

la mossa. Dopo, negai

ogni passo. Ama lode.

"Da Giano o amplesso".

"oda: son empio" - "Salga".

"Sì". Eolo manda spago

sapendo solo magia.

E ogni dama lo sposa.

Ne goda poi la mossa.

A passo odo l'enigma.


Ancora, ancora, altri passi giganteschi più in là: si possono fare acròstici multipli. Leggete questo sonetto:
A febbre, a fame, a stenti in preda io verso;

te sentir però allegra spero, e presto;

e render lieto in tal pensier mio verso

ommetter non potrai; or pur mi presto;


né ombra ti fien le lagrime ch'io verso!

Al rovesciar dei troni io fede presto:

t'arride Iddio, che a te rivolto inverso

i forti accenna: a vendicar son presto,


ve' d'onde pei tiranni il fulmin parte?

ode potente... e le nazioni sole

si destano in un punto, e d'ogni parte
un urto sol dai re salvarle sole;

o moto impreme all'Io che certo parte

le lenti muove onde specchiarsi al sole.
Non state a cercar di capire tutto, e non siate severi con certi versi

con certi giri di pensiero. Non fate caso alle rime (rime equivoche

e rime identiche). La bellezza, l'unicità del sonetto è nascosta. Per

vederla, leggete dall'alto in basso la prima lettera di ogni verso, e poi

la seconda e poi la terza, e poi la quarta.

Penso che vi si debba aiutare. Se leggete dall'alto in basso, come già

vi avevo raccomandato, ma come probabilmente non avete fatto ottenete quattro settenari di quattordici lettere ciascuno che stan linascosti nei quattordici endecasillabi:
A te, o nativo suol,

ferm'è la fed'in me:

e se morrò de duol,

bene morrò per te.


Questo sonetto acròstico quadruplo, "sonetto quattro volte acròstico", l'ha scritto un signore che si chiamava Luigi Pastro.

Nacque a Selva di Volpago (quella frazione di Volpago che ora si

chiama Selva di Montello; siamo in provincia di Treviso; vicini a Venegazzù, nota per un suo vino). Nacque nel 1822, morì a Venezia nel 1915.

Di famiglia povera, studiò con sacrifici medicina a Padova. Nella prima guerra d'indipendenza si arruolò nei Cacciatori del Sile, e combatté alla difesa di Porto Marghera. Affiliato alla Giovine Italia, tenne i collegamenti fra il comitato di Treviso e quello di Mantova. Scoperto, arrestato nel 1851, passò per le carceri di Venezia, Mantova,

Josephstadt. Amnistiato nel '56, non partecipò alla seconda guerra

d'indipendenza; dopo l'armistizio di Villafranca (Villafranca di Verona, luglio 1859), entrò a far parte del corpo sanitario militare. Ultraottantenne, per suggerimento e insistenza di Giovanni Visconti Venosta (padre del Prode Anselmo) pubblicò un libro di ricordi in cui ricordò il sonetto che ci sta a cuore. Nel 1910 fu nominato senatore.

Il libro del Pastro s'intitola Ricordi di prigione; ne fu editore nel 1905

il Cogliati: quello stesso Cogliati che l'anno prima, nel 1904, aveva

pubblicato i Ricordi di gioventù del Visconti Venosta; lo stesso Cogliati nel 1911 tradurrà dall'inglese quella Enciclopedia dei ragazzi che poi, per i tipi di Mondadori, sarà il libro più importante di tutta

la vita per tanta gente.

Il sonetto acròstico quadruplo fu composto dal Pastro in carcere, a

Mantova, nel 1852, Nel Palazzo Ducale. Dove ancora si può salire,

dalla Scaletta dei Martiri, al Camerino delle Bastonature. In una delle

celle adiacenti il Pastro compose il sonetto, e dico che lo compose,

non che lo scrisse, perché non aveva l'occorrente per scrivere. Fece

tutto a memoria. E tutto questo è stato raccontato per accennare come certi giochi di parole abbiano matrici eccezionali, per esempio carcerarie.

Chi andrà a leggersi i Ricordi del Pastro troverà acute osservazioni,

con parole notevoli:

"Il prigioniero, specialmente se ha la sventura di restar lungamente in

carcere, e solo [...] si ineBetisce, o suBlima sentimenti e affetti. Il prigioniero politico diventa quasi necessariamente monomaniaco.


Non dico che i Ricordi del Pastro debbano andare accanto a Cella

d'isolamento di Christopher Burney e alla Novella degli scacchi di Stefan Zweig; dico che nei suoi Ricordi ci sono altri sonetti acròstici, e altri acròstici quadrupli.

E posso dire che nel 1989 Roberto Morraglia ha scritto un altro sonetto acròstico quadruplo; nel 1990 Ponzio Letterio ha scritto un sonetto acròstico quintuplo e Goretto Rossi ne ha scritto uno sestuplo. Il 20 settembre 1993 ("il 159O giorno del mio 88esimo anno") Ponzio Letterio mi ha spedito un acròstico ottuplo.

Anche le altre varietà di acròstico hanno avuto cultori recenti: Marco

Santagata ha scritto quattro quartine acròstiche tautogrammàtiche,'O

Gianni Mura ha scritto un acròstico anagràmmatico per Giorgio

Manganelli," Sandro Dorna ha pubblicato un libro di Acròstici anagrammati.'7 Marcello Angioni ha fatto un ibrido di acròstico e pescegatto, Giorgio Calcagno ha fatto un ibrido di acròstico e leporeambo.

Volumi di acròstici senza complicazioni (verrebbe voglia di chiamarli"acròstici semplici") si pubblicano ai nostri giorni.'

Si leggono come se fossero d'oggi volumi d'acròstici di vari decenni

addietro:


Moribondo, abbandonato,

avrò innanzi il ciel sereno:

Rimembrare potrò almeno

Il buon tempo mio passato

A placar l'avverso fato.
Ricordo una mattina d'inverno, alla Radio della Svizzera Italiana. Tenevo una conversazione in diretta; parlavo di acròstici e di anagrammi. Dalla Svizzera Interna mi telefonò una signora anziana, con forte



  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   31


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale