Gli, dei, le, la, uno, uno, i, il, il, l’, un, gli, l’, il, il, la, un, delle, dei, l’



Scaricare 385.07 Kb.
Pagina2/3
17.11.2017
Dimensione del file385.07 Kb.
1   2   3
Participio presente:


Participio passato:
, , , ,


Riconoscere gli aggettivi qualificativi

Nel testo seguente SOTTOLINEA gli aggettivi qualificativi.

La chiamavo zia Mela per le sue guance, tese e fresche malgrado gli ottant'anni: accarezzarle era un piacere di cui conservo una precisa memoria. Come il suo odore, fatto di colonia, sapone di Marsiglia, orgogliosa vecchiaia. Per ogni generazione zia Mela si era scelto un nipote preferito, da tirar su con ogni cura e di cui fare - possibilmente - un genio. La generazione di mio padre, dei suoi fratelli, dei suoi cugini fu certo in questo senso la più fruttuosa; in seguito la fiamma del genio andò via via affievolendosi nella guerra, nelle persecuzioni razziali, nell'emigrazione, in una vita diversa da quella a cui era preparata. Non mostrò sconcerti: votava socialista, ricamava cuscini per le fiere di beneficenza della Comunità ebraica. Anche l'assenza di maschi cui affidare i destini italiani della famiglia non sembrò preoccuparla: scelse me, assumendosi il compito di trasmettermi tutte le conoscenze atte a rendermi geniale.
(Da C. Sereni, Casalinghitudine, Einaudi)
Riconoscere gli aggettivi

Nel brano seguente RICONOSCI E SOTTOLINEA tutti gli aggettivi.

La madre era piccola e magra, con le spalle un po' curve; portava sempre una sottana blu e una blusa di lana rossa. Aveva i capelli neri crespi e corti, li ungeva sempre con dell'olio perché non stessero tanto gonfi; ogni giorno si strappava le sopracciglia, ne faceva due pesciolini neri che guizzavano verso le tempie; s'incipriava il viso d'una cipria gialla. Era molto giovane; quanti anni avesse loro non sapevano, ma pareva tanto più giovane delle madri dei loro compagni di scuola; i ragazzi si stupivano sempre a vedere le madri dei loro compagni, com'erano grasse e vecchie.
(Da N. Ginzburg, La madre, in Racconti brevi, Opere, vol. 1, Mondadori, Milano 1999)

Riconoscere gli aggettivi determinativi

Sottolinea gli aggettivi determinativi presenti nelle frasi.

1. Tutte queste pretese finiranno per irritare la professoressa. Quella è una che non dimentica.
2. Ogni domenica cerchiamo di fare una gita diversa dalle altre. Il difficile è trovare sempre nuove mete.
3. Quale compito hai svolto?
4. Ma che storia mi racconti! Mai sentita una tale panzana!
5. Ben tre volte ho cercato di prendere quei biglietti, alla quarta ho rinunciato.
6. Le nostre speranze erano tutte riposte in quel giocatore bravissimo, ma anche quelle dei tifosi sugli spalti.
7. Questa automobile è la nostra, mentre il vostro motorino è nel parcheggio.
8. Ho conosciuto alcune persone interessanti.
9. Ciascun alunno prenda posto.
10. Tali situazioni sono insostenibili.
11. Il tuo fortissimo senso del dovere si rivela in ogni circostanza.
12. Con quali intenzioni vi preparate all'incontro?
13. Ha finalmente terminato quel delicato lavoro.

Completa la tabella, barrando le colonne corrette per l’analisi degli aggettivi qualificativi indicati.



maschile

femminile

singolare

plurale

primitivo

derivato

Anomale













Seducenti













Rosse













Insidioso













Lodevole













Nazisti













Rotondi













Supplichevole













Entusiasta













Rosso













Verde













Altero













Semplici















Riconoscere gli aggettivi numerali

Completa inserendo negli appositi spazi i numerali opportuni, scegliendoli tra quelli indicati.

40, quinto, 1915, un terzo, secondo

1. Sono nato nel .
2. Abito in via Palloni .
3. Frequento il anno di superiori.
4. Nelle gare di sci sono arrivato , dopo Marco che ha vinto.
5. Non ho fame: voglio solo della pasta che hai dato a Luca.

Gradi degli aggettivi qualificativi

Indica se gli aggettivi in corsivo sono al grado comparativo o superlativo.

Ero più spaventata che preoccupata per il compito in classe che dovevo fare, anzi ero spaventatissima perché sapevo di dover prendere un voto più alto di quello dell'ultimo compito. Sulla porta della classe ho incontrato Marina pallida come un cencio che mi ha sussurrato a voce molto bassa : "nelle altre classi dicono che la prof ha dato il compito più difficile
del quadrimestre". Quando ci siamo seduti ho fatto un respiro profondo e ho cercato di calmarmi: eravamo tutti silenziosissimi e la prof era molto seria . Poi ha distribuito il compito; dopo averlo letto ho ripreso fiato perché mi è parso meno difficile di quanto temessi. Speriamo in bene.


Continua …..
Riconoscere gli aggettivi numerali

Nelle frasi seguenti individua gli aggettivi numerali.

  1. Sono arrivato primo.
    2. Ho comperato tre magliette, due gonne e un paio di scarpe.
    3. Ci sono posti solo in seconda e terza fila.
    4. La Nona di Beethoven è bellissima.
    5. In quel bar ho visto solo persone quarantenni.
    6. Sono ammessi al concorso solo quelli che hanno ottenuto 25 punti su quaranta.
    7. Bisogna compilare il modulo in triplice copia.
    8. Ci ho messo il quadruplo del tempo previsto.
    9. Hai visto il film La dodicesima notte?
    10. Mi dai mezzo panino?



Riconoscere le congiunzioni

Clicca sulle congiunzioni presenti nelle frasi.

1. Sottolineare una parola, o anche solo fare un segno a penna o a matita, era una contravvenzione molto grave. (P. Levi)
2. È il tardo pomeriggio, ma lui accende i fari in coincidenza con i lampioni del Comune. (Pontiggia)
3. "Volevo chiederti un piccolo favore" esordisco, mentre Paolo si allontana a zigzag al centro del cortile. (Pontiggia)
4. Se io avevo voglia di lavorare, che facessi pure, saremmo andati d'accordo lo stesso. (P. Levi)
5. Ciascuno di noi faceva il suo lavoro giorno per giorno, fiaccamente, senza crederci, come avviene a chi sa di non operare per il proprio domani.
6. Adesso bisognava organizzarsi perché l'allevamento di tanti bebè non portasse troppo scompiglio nella vita delle due madri adottive. (Pitzorno)
7. Però quei disgraziati urlavano a squarciagola anche di giorno. (Pitzorno)
8. Scriverti a luglio mi costò uno sforzo incredibile, invece adesso riesco a farlo con serenità. (Muratami)

Uso della congiunzione che

Indica nelle frasi seguenti il valore assunto dalla parola che, barrando la colonna opportuna.



pronome relativo

congiunzione

aggettivo

1. Il libro che mi hai prestato era davvero appassionante.







2. Spero che domani tu venga a trovarmi.







3. Che magnifica idea hai avuto: passo subito a prenderti!








4. Vorrei aiutarti ma non so che decisione prendere.







5. Vorrei sentire quello che hai da dirmi.







6. Ho sentito che dicevi che partirai fra pochi giorni.







7. Che strano! È partito senza dire nulla.







8. I ragazzi che hai visto qui sotto, sono i miei amici del mare.







9. Hai detto che hai fatto l’esercizio? Me lo fai copiare?

Se la professoressa se ne accorge, vi sega le gambine…







10. Ero così arrabbiato che non accettai nessuna scusa.










1   2   3


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale