Guido cavalcanti



Scaricare 188.34 Kb.
Pagina1/122
03.05.2019
Dimensione del file188.34 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   122

PROVE DI LETTURA di Fabio Marri, Rossella Terreni e Patrizia Franceschini

Esercizi di commento linguistico su autori dal Duecento all’Ottocento.

GUIDO CAVALCANTI

Apparteneva ad una delle famiglie più nobili e ricche di Firenze, di parte guelfa. Sposò la figlia del capo dei ghibellini, per sedare la tensione tra le opposte fazioni. Morì di malaria nel 1300. Insieme agli amici stilnovisti, fu protagonista della svolta impressa alla nascente tradizione poetica italiana delle novità linguistiche espressive e tematiche dello Stil Novo. La nuova esperienza poetica approfondì la psicologia dell’amore e la fenomenologia dell’innamoramento cogliendo, attraverso un linguaggio denso, con implicazioni filosofiche e intellettualistiche, le trasformazioni che la donna e l’esperienza amorosa imprimono sull’amante. Si tratta di una diversa attitudine del poeta a tenere le proprie “penne” più strette dietro al “dittatore” amore. Accanto a immagini, metafore, espressioni che gli stilnovisti ereditano dal passato, altre se ne aggiungono: il “cor gentile”; la donna angelicata e la sua virtù morale e intellettuale; ineffabilità del sentimento amoroso; le similitudini con elementi naturali, terresti e celesti; la funzione della vista, del saluta. La specificità della proposta cavalcantiana consiste nell’aver approfondito in senso tragico e negativo gli effetti dell’innamoramento nel poeta-amante: sue sono le immagini più distruttive. La donna è incomparabile e l’esperienza d’amore che da lei prende avvio trascende le capacità di conoscenza umane. La conseguenza dell’amore è una vita di morte che comporta la distruzione e la perdita delle facoltà vitali e della razionalità, è un’esperienza altamente dolorosa che porta alla disgregazione degli “spiriti”. Alcune parole tema: cor dolente, morte, dolore, pianto. Disgregazione, personificazione, teatralizzazione, compartecipazione sono i principi di funzionamento di molti testi di Cavalcanti.




Perch’io no spero di tornar giammai!
Guido cavalcanti
Sicuramente i motivi tipici della poesia di 
Questa dimensione “romantica” della ballata è evidentemente ciò che ne ha determinato
Commento: guido cavalcanti
Nel componimento 
Il sonetto è simile al guinizzelliano 
Voi che per li occhi mi passate l’core
Analisi: la metrica del sonetto segue lo schema abba, abba, cde, cde
Temi principali
Morte come metafora
Linee di analisi testuale:
Dante alighieri
Francesco petrarca
Commento solo et pensoso
Testo dell’opera
Parafrasi affiancata
Parafrasi discorsiva
Figure retoriche
Commento il componimento 
Chiare, fresche et dolci acque
Per ciò che riguarda gli aspetti stilistici, la lingua della poesia di petrarca riflette
Giovanni boccaccio
Matteo maria boiardo
Ludovico ariosto
Dimensione fantastica e conoscenza del reale:
Il realismo di ariosto:
Torquato tasso
Tasso chiama in campo la natura per accompagnare il suo stato d'animo.
Due dediche dal rinascimento fiorentino:
Niccolo’ macchiavelli
Il metodo di machiavelli è innovativo
La soluzione dei problemi dell'italia:
Lodovico antonio muratori
Scheda sintetica dell'opera
I sonetti di 
In particolare, in 
Questa condizione porta inevitabilmente alla disperata ricerca di una sicurezza, che,
Ultime lettere di jacopo ortis –
In morte del fratello giovanni
I sonetti di 
In particolare, questo sonetto tratta temi molto cari a 
Il modello dell’incipit è evidentemente il carme 101 di catullo, anch’esso
I “sonetti”
La sera, per il poeta, è il momento più bello della giornata: il momento in cui
Questo sonetto appare nettamente diviso in due parti: le due quartine sono statiche
Giacomo leopardi
Anche se, nell’edizione dei
Alessandro manzoni
I due monosillabi isolati ed antitetici con cui si apre 
Nella seconda parte (che inizia con “e sparve”, evidentemente parallelo all’”ei fu” iniziale), è rievocato
La pentecoste
Gli inni sacri
Nella prima parte (vv.1-48), viene descritta la situazione della chiesa alle sue origini
Nella seconda parte (vv. 49-80), sono enunciati gli effetti miracolosi della predicazione apostolica
Nel 5 maggio
Risorgimento in poesia
Arnaldo fusinato
Pinocchio – carlo collodi
Il gatto e la volpe_
La casa della fata_
Il paese dei balocchi_
L’affetto filiale_
Giovanni verga (1840-1922)
Padron ‘ntoni:
Maruzza (la longa):
Il linguaggio del romanzo
La voce del popolo
Giosue’ carducci
San martino scheda sintetica dell'opera
Commento: le 
Nelle due strofe centrali, al contrario, 
La struttura della poesia 
Le rime nuove
Il lessico è aulico e latineggiante (“pio”, “spirto”, “mugghio”, “aer”, ecc.), spesso i termini
Commento: nelle 
Le rime nuove 
Il tono del componimento 
Dominano il senso di parentela con la natura, la descrizione dello stato d’animo
Commento: rime e ritmi
La vicinanza della lirica 
Commento: la poesia 
L’originalità dell’ode 
La scena evocata celebra la formazione spontanea dei primi nuclei cittadini, come àncora
Anche la luce che caratterizza tutta la scena, chiara, energica e luminosa, ed è simbolo di forza vitale
La tematica di 
La prima parte tutta negativa apre la strada alla fantasia del poeta, che richiama
Stilisticamente, i versi del componimento 
Giovanni pascoli
Gabriele d’annunzio
Testo dell'opera
Commento la poesia 
La lirica più nota e più rappresentativa della raccolta è 
Il poeta invita più volte la sua compagna ad ascoltare
D’annunzio descrive minuziosamente il temporale estivo e lo rende estremamente musicale
Un altro tema molto importante della lirica è quello dell’amore, in quanto il poeta


Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   122


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale