Gustave Courbet – “L’onda”- 1869. Olio su tela 63x88cm. Collezione privata


IL MARE VISTO DALL’ARTISTA GUSTAVE COURBET



Scaricare 0.99 Mb.
Pagina3/5
21.12.2019
Dimensione del file0.99 Mb.
1   2   3   4   5
IL MARE VISTO DALL’ARTISTA GUSTAVE COURBET

GUSTAVE COURBET (1819-1877) ha tradotto sulla tela climi tempestosi e distese infinite con colori grumosi e densi. Egli è ritenuto l’iniziatore del REALISMO pittorico ottocentesco. Il suo percorso stilistico si riallaccia al realismo seicentesco di Caravaggio e giunge all’aperta denuncia sociale. Ma, anche nei quadri più ideologici, Courbet descrive con cura ciò che vede: “un allievo della natura”, egli si definisce. Nei suoi paesaggi di mare sono distinguibili due gruppi: LE MARINE dove ritrae un mare “libero” alla bassa marea, sovrastato da cieli su cui drammaticamente incombono vortici di nubi e LE ONDE, pura espressione di oceanica potenza e forza.



Il mare a Palavas” 1854 olio su tela 27x46 cm Museo Franque Montpellier



Per Courbet il mare è uno spettacolo inatteso, meraviglioso, una di quelle cose che non finirebbe mai di guardare. Era il 1854 quando si reca nel sud della Francia. Abituato a dipingere non grandi panorami ma angoli stretti e segreti della sua valle, gli venne d’istinto dipingere un quadro dall’orizzonte illimitato: “Il mare a Palavas”. Con la mano sventola un fazzoletto, ma non ci sono navi all’orizzonte: quindi più che un gesto di saluto verrebbe da spiegarlo come un gesto di giubilo per quello spettacolo stupendo che si distende davanti a lui. Il pittore dipinge la sabbia, le onde, l’acqua prima chiara e poi via via più scura come se la materia della tela volesse rendere la consistenza di quella vista (quasi volesse restituirci l’odore del mare). Nella metà superiore della tela invece “libera” l’azzurro tenue e insieme vastissimo del cielo, come un grande respiro di cui riempirsi gli occhi e polmoni.

Il mare in burrasca” detto anche “ L’onda” 1870- olio su tela 117X160,5

Durante l’estate del 1869 Courbet si stabilisce ad Etretat cittadina normanna e si “misura” con il mare. La luce, la violenza delle tempeste così come la calma delle onde in questa regione dai cieli cangianti suggeriscono all’artista nuovi soggetti da trattare. In questo luogo, realizza “IL mare in burrasca”, una visione intensa, opprimente e inquietante del mare traducendo sulla tela la potenza delle forze naturali. In una rappresentazione di un mare tempestoso inquadrato in primo piano ravvicinato che non dà respiro allo spettatore, la costa è connotata da una densità materica impressionante, dovuta ad un uso massiccio della spatola per applicare il colore direttamente sulla tela. Il pittore compone il quadro in tre fasce orizzontali: la spiaggia, dove giacciono due barche, le onde, dipinte in una scala di verde scuro rischiarata dal bianco della schiuma, e il cielo. Qui Courbet offre una visione intensa del mare tempestoso, tormentato e sofferente.




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale