I discorsi e le parole



Scaricare 0.97 Mb.
Pagina1/13
01.06.2018
Dimensione del file0.97 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   13





I DISCORSI E LE PAROLE

NUCLEI FONDANTI DEL CAMPO D’ESPERIENZA

(Indicazioni Nazionali)



OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CONOSCENZE E ABILITA’

Sapere e saper fare


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Saper essere

Al termine dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia l’alunno è in grado di:


ASCOLTO

  • Ascoltare messaggi verbali;

  • Ascoltare brevi narrazioni;

  • Ascoltare e memorizzare brevi filastrocche e canzoni mimate;

  • Riconoscere rime e sillabe;

  • Essere consapevoli della lingua materna distinguendola dalle altre.

Ascolta narrazioni, storie e filastrocche.

Scopre la presenza di lingue diverse.



COMPRENSIONE

  • Eseguire quanto viene richiesto con messaggi verbali semplici;

  • Comprendere i turni comunicativi;

  • Ricostruire 3-4 sequenze di un racconto;

  • Individuare il protagonista di una storia;

  • Interpretare segni/simboli;

  • Comprendere termini nuovi arricchendo il vocabolario.

Comprende parole e discorsi; fa ipotesi sui significati.

Comprende brevi narrazioni.



PARLATO

  • Esprimersi utilizzando una frase minima di senso compiuto;

  • Rispondere in modo pertinente a domande (su richiesta o spontaneamente);

  • Ripetere brevi filastrocche e canzoni mimate;

  • Riferire comunicazioni, brevi racconti di vissuti personali;

  • Ripetere termini nuovi;

  • Porre domande riguardo parole non conosciute;

  • Raccontare fatti vissuti esprimendo sensazioni.

Usa la propria lingua madre per esprimersi arricchendo il proprio lessico.

Sa utilizzare il proprio linguaggio verbale in diverse situazioni comunicative.

Sperimenta analogie tra suoni (giochi di rime, sillabe).


LETTURA

(avvicinarsi alla lettura)



  • Manifestare il desiderio di imparare a leggere;

  • Sfogliare pagine dei libri e descrivere/interpretare immagini;

  • Cogliere il codice scritto nell’esperienza quotidiana;

  • Discriminare lettere alfabetiche da altri tipi di codici simbolici (numeri);

  • Riconoscere le lettere del proprio nome.

Si avvicina alla lettura, sfoglia spontaneamente libri sperimentando prime forme di lettura di immagini.

SCRITTURA

(avvicinarsi al codice scritto)



  • Possedere la coordinazione oculo-manuale;

  • Usare segni alfabetici nella scrittura spontanea;

  • Riconoscere la differenza fra disegno e scrittura;

  • Porre domande in merito alla lingua scritta;

  • Copiare delle lettere;

  • Esprimere graficamente il proprio vissuto;

  • Scrivere il proprio nome.

Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura.



LA CONOSCENZA DEL MONDO

NUCLEI FONDANTI DEL CAMPO D’ESPERIENZA

(Indicazioni Nazionali)



OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CONOSCENZE E ABILITA’

Sapere e saper fare


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Saper essere

Al termine dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia l’alunno è in grado di:


NUMERI

  • Discriminare numeri dalle lettere alfabetiche;

  • Contare fino a 10 utilizzando anche parti del corpo (dita, passi, salti);

  • Associare il corretto numero (max 5) alla quantità di oggetti corrispondente;

  • Confrontare e valutare quantità;

  • Rappresentare graficamente e simbolicamente quantità.

Ha familiarità con la strategia del contare e dell’operare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi e altre quantità.


SPAZIO E FIGURE

  • Orientarsi nell’ambiente scolastico;

  • Orientarsi nella routine della giornata scolastica;

  • Utilizzare i concetti topologici rispetto a se stessi ed oggetti;

  • Seguire correttamente un percorso motorio sulla base di indicazioni verbali;

  • Confrontare e raggruppare forme e figure geometriche;

  • Riconoscere, denominare e rappresentare le principali forme geometriche (quadrato, cerchio, triangolo).

Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio usando termini come avanti/dietro, sopra/sotto ecc…

Segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.




RELAZIONI, DATI E PREVISIONI

  • Cogliere analogie e differenze tra oggetti, persone e fenomeni;

  • Cogliere e denominare i principali fenomeni metereologici;

  • Utilizzare i sensi per definire le caratteristiche di oggetti (liscio/ruvido, duro/morbido);

  • Raggruppare secondo criteri dati o personali (CLASSIFICARE);

  • Eseguire misurazioni utilizzando strumenti alla sua portata e non convenzionali;

  • Contare i dati raccolti per caratteristica;

  • Seriare 3-4 oggetti o immagini secondo criteri dimensionali dati;

  • Rappresentare graficamente classificazioni;

  • Utilizzare il connettivo NON (diagramma ad albero);

  • Porsi domande (come, quando, perché) nel risolvere problemi riguardanti esperienze concrete (problemsolving);

  • Riferire eventi personali del passato recente;

  • Riferire eventi del futuro immediato.

Raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune proprietà, confronta e valuta quantità, utilizza simboli per registrarle.

Esegue misurazioni usando strumenti alla sua portata.

Osserva i fenomeni naturali accorgendosi dei loro cambiamenti.




IMMAGINI, SUONI E COLORI

NUCLEI FONDANTI DEL CAMPO D’ESPERIENZA

(Indicazioni Nazionali)



OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CONOSCENZE E ABILITA’

Sapere e saper fare


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Saper essere

Al termine dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia l’alunno è in grado di:


ESPRIMERSI E COMUNICARE

  • Utilizzare le diverse grafico-pittoriche-plastiche;

  • Esprimersi con linguaggi differenti: voce, gesto, drammatizzazione, suoni, musica, manipolazione, esperienze grafico-pittoriche;

  • Usare la voce per ripetere varie melodie.

Comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente.

Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attività manipolative.



OSSERVARE E LEGGERE IMMAGINI

  • Consolidare la conoscenza dei colori primari e derivati;

  • Riprodurre graficamente oggetti dal vero.

Osserva e percepisce le caratteristiche di immagini ed oggetti presenti nell’ambiente.

COMPRENDERE E APPREZZARE LE OPERE D’ARTE

  • Utilizzare in modo personale materiali strutturati e non e di recupero;

  • Seguire con interesse uno spettacolo teatrale.

Segue con curiosità e piacere spettacoli di vario tipo.

Sviluppa interesse per la fruizione delle opere d’arte.



ASCOLTARE E SVILUPPARE INTERESSE PER LA MUSICA

  • Riconoscere e riprodurre un semplice ritmo;

  • Produrre semplici sequenze sonore;

  • Seguire un ritmo associando sillabe e parole;

  • Coordinare i movimenti associandoli alla musica (musica lenta-passo lento; musica veloce-corsa).

Sviluppa interesse per l’ascolto della musica.

Scopre il passaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.

Sperimenta e combina elementi musicali di base, producendo semplici sequenze sonoro-musicali.




IL CORPO IN MOVIMENTO

NUCLEI FONDANTI DEL CAMPO D’ESPERIENZA

(Indicazioni Nazionali)



OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CONOSCENZE E ABILITA’

Sapere e saper fare


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Saper essere

Al termine dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia l’alunno è in grado di:


IL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON LO SPAZIO E IL TEMPO

  • Prendere coscienza della propria identità corporea;

  • Denominare e distinguere le varie parti del corpo su di se, sugli altri e su immagini;

  • Riferire le funzioni principali delle parti del corpo esterne;

  • Riconoscere e comunicare i segnali del proprio corpo;

  • Acquisire una buona coordinazione generale dei movimenti;

  • Padroneggiare gli schemi motori statici e dinamici di base (correre, saltare, stare in equilibrio, strisciare, rotolare);

  • Sviluppare la percezione del proprio corpo in relazione a direzionalità e lateralità;

  • Coordinare movimenti in attività con e senza attrezzi.

Vive pienamente la propria corporeità.

Riconosce i segnali e i ritmi del proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo.

Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori.

Riconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento.



IL LINGUAGGIO DEL CORPO COME MODALITA’ COMUNICATIVO ESPRESSIVA

  • Seguire semplici ritmi con il movimento;

  • Sperimentare le potenzialità sensoriali-espressive e comunicative del proprio corpo (drammatizzazioni).

Percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo.

IL GIOCO, LO SPORT, LE REGOLE E IL FAIR PLAY

  • Riconoscere e rispettare le regole di un gioco.

Applica schemi posturali e motori nei giochi individuali e di gruppo.

SALUTE E BENESSERE, PREVENZIONE E SICUREZZA

  • Interiorizzare ed adottare corrette abitudini igienico-sanitarie;

  • Vestirsi e alimentarsi in autonomia;

  • Riconoscere le principali situazioni di pericolo (incendio, terremoto) e il comportamento da adottare.

Adotta pratiche corrette di cura di se, di igiene e di sana alimentazione.

IL SE E L’ALTRO

NUCLEI FONDANTI DEL CAMPO D’ESPERIENZA

(Indicazioni Nazionali)



OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CONOSCENZE E ABILITA’

Sapere e saper fare


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Saper essere

Al termine dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia l’alunno è in grado di:


Sviluppo affettivo-emotivo

  • Accrescere la propria identità in rapporto agli altri e a se stesso;

  • acquisire sicurezza in se stessi e negli altri;

  • conquistare sempre maggiore autonomia nei confronti dell’ambiente scolastico;

  • sperimentare ruoli emotivi diversi utilizzando gesti, posture e toni di voce appropriati.

  • riconoscere e descrivere le espressioni del viso trovando i termini più adatti.

Sviluppare il senso dell’identità personale.

Acquisire consapevolezza delle sue esigenze, dei suoi sentimenti ed esprimerli in modo adeguato tenendo conto degli altri.

Sviluppare la consapevolezza dei propri sentimenti, controllarli ed esprimerli in modo adeguato.


Sviluppo sociale

  • Stare con i compagni senza esclusione;

  • essere consapevoli dell’esistenza di norme comportamentali e di convivenza.

  • sviluppare il sentimento di appartenenza al gruppo-sezione;

  • osservare se stesso e gli altri rilevando somiglianze e differenze sia dal punto di vista corporeo che emotivo;

  • ricostruire attraverso immagini e parole la propria storia;

  • conoscere i simboli legati alle tradizioni.

Ascoltare gli altri, dialogare e confrontarsi, giocare e lavorare in modo costruttivo e creativo con gli altri bambini.

Orientarsi nel tempo e nello spazio scolastico rispettando gli altri.

Essere consapevole delle differenze.

Assumere ruoli e compiti collaborando con i compagni.

Acquisire consapevolezza della propria storia personale, familiare, della comunità.


Sviluppo etico-morale

  • Dimostrare di saper valorizzare le caratteristiche dei compagni;

  • individuare ed attuare forme di rispetto degli spazi ambientali.

Costruire rapporti interpersonali.

Sviluppare il sentimento di reciprocità.

Condividere valori.


Competenze chiave per l'apprendimento permanente

Il sistema scolastico italiano assume come orizzonte di riferimento verso cui tendere il quadro delle competenze-chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione Europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006).

Le competenze chiave per l'apprendimento permanente sono una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto. In particolare, sono necessarie per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione.

Esse sono:



  • la comunicazione nella madrelingua che è la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un’intera gamma di contesti culturali e sociali;

  • la comunicazione in lingue straniere che, oltre alle principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua, richiede anche abilità quali la mediazione e la comprensione interculturale. Il livello di padronanza dipende da numerosi fattori e dalla capacità di ascoltare, parlare, leggere e scrivere;

  • la competenza matematica e le competenze di base in campo scientifico e tecnologico. La competenza matematica è l’abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane, ponendo l’accento sugli aspetti del processo, dell’attività e della conoscenza. Le competenze di base in campo scientifico e tecnologico riguardano la padronanza, l’uso e l’applicazione di conoscenze e metodologie che spiegano il mondo naturale. Tali competenze comportano la comprensione dei cambiamenti determinati dall’attività umana e la consapevolezza della responsabilità di ciascun cittadino;

  • la competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) e richiede quindi abilità di base nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);

  • imparare ad imparare è collegata all’apprendimento, all’abilità di perseverare nell’apprendimento, di organizzare il proprio apprendimento sia a livello individuale che in gruppo, a seconda delle proprie necessità, e alla consapevolezza relativa a metodi e opportunità;

  • le competenze sociali e civiche. Per competenze sociali si intendono competenze personali, interpersonali e interculturali e tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa. La competenza sociale è collegata al benessere personale e sociale. È essenziale comprendere i codici di comportamento e le maniere nei diversi ambienti in cui le persone agiscono. La competenza civica e in particolare la conoscenza di concetti e strutture sociopolitici (democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili) dota le persone degli strumenti per impegnarsi a una partecipazione attiva e democratica;

  • senso di iniziativa e di imprenditorialità significa saper tradurre le idee in azione. In ciò rientrano la creatività, l'innovazione e l'assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi. L’individuo è consapevole del contesto in cui lavora ed è in grado di cogliere le opportunità che gli si offrono. È il punto di partenza per acquisire le abilità e le conoscenze più specifiche di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad un’attività sociale o commerciale. Essa dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il buon governo;

  • consapevolezza ed espressione culturali che implicano la consapevolezza dell’importanza dell’espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni attraverso un’ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.



Obbligo di istruzione: linee guida del 27 dicembre 2007

I saperi e le competenze per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione sono riferiti ai quattro assi culturali (dei linguaggi, matematico, scientifico–tecnologico, storico-sociale). Essi costituiscono la trama su cui si definiscono le competenze chiave per la cittadinanza attiva:




  • Imparare ad imparare;

  • Elaborare progetti

  • Risolvere problemi

  • Individuare collegamenti e relazioni

  • Acquisire ed interpretare l’informazione

  • Comunicare

  • Collaborare e partecipare

  • Agire in modo autonomo e responsabile


Il Gruppo di Coordinamento Tecnico della Bassa Friulana ha stilato il seguente documento di raccordo tra competenza chiave e ambiti di insegnamento condiviso in sede di Collegio docenti ed inserito nel piano dell'Offerta Formativa del nostro Istituto.


  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   13


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale