I programmi per IL triennio degli istituti tecnici industriali per la meccanica



Scaricare 230.77 Kb.
Pagina1/3
21.12.2017
Dimensione del file230.77 Kb.
  1   2   3

I programmi per il triennio per il

PERITO COSTRUTTORE AERONAUTICO (PROGETTO IBIS)

  

PROFILO PROFESSIONALE DEL PERITO INDUSTRIALE PER LE COSTRUZIONI AERONAUTICHE (PROGETTO IBIS)



QUADRO ORARIO DI INDIRIZZO COSTRUZIONI AERONAUTICHE (PROGETTO IBIS)

LINGUA E LETTERE ITALIANE

STORIA

LINGUA STRANIERA

MATEMATICA

ECONOMIA INDUSTRIALE E ELEMENTI DI DIRITTO

MECCANICA E MACCHINE A FLUIDO

TECNOLOGIA AERONAUTICA E LABORATORIO

DISEGNO, PROGETTAZIONE, E ESERCITAZIONE

AEROTECNICA E IMPIANTI DI BORDO

EDUCAZIONE FISICA 

AREA DI PROGETTO

  

PROFILO PROFESSIONALE DEL PERITO INDUSTRIALE PER LE COSTRUZIONI AERONAUTICHE (PROGETTO IBIS)



Obiettivo del curricolo è quello di definire una figura professionale con conoscenze e capacità che lo mettano in grado di lavorare nel settore aeronautico in contesti che spaziano dalla produzione industriale (progettazione, costruzione, collaudo…) agli altri campi connessi con l’aviazione.
Il perito industriale in costruzioni aeronautiche sarà in grado di:


  • Eseguire il progetto di semplici elementi strutturali, coerenti con le competenze professionali;




  • Organizzare e controllare i procedimenti di fabbricazione e montaggio di strutture e meccanismi sia nell’ambito del settore meccanico, che in quello delle costruzioni aeronautiche in particolare;




  • Eseguire il controllo ed il collaudo dei materiali e dei prodotti finiti nell’ambito delle competenze professionali;




  • Organizzare i servizi di manutenzione con particolare riferimento al controllo degli impianti di bordo;




  • Risolvere i problemi relativi alle connessioni fra i sistemi di propulsione e struttura;




  • Inserirsi in gruppi di lavoro per la progettazione e la realizzazione di velivoli ed impianti, sia di bordo che di terra.

Le suddette capacità verranno acquisite attraverso i diversi percorsi formativi articolando i programmi in modo da favorire negli allievi lo sviluppo di una mentalità critica e la capacità di affrontare e risolvere problematiche tecniche.

Al termine degli studi, il diplomato avrà più generali conoscenze ed abilità proprie dell’area meccanica e una preparazione più specifica nel settore aeronautico, in particolare nelle costruzioni aeronautiche.

Egli potrà trovare impiego nello specifico settore aeronautico ma, oltre a ciò, grazie alle conoscenze generali di tipo meccanico, potrà inserirsi nella vasta area produttiva legata al settore o in attività produttive differenti.



QUADRO ORARIO DI INDIRIZZO

Discipline
del piano di studi


Ore sett.
per anno
di corso


Prove
di esame

(a)

.










Lingua e lettere italiane

3

3

3

S.O.

Storia

2

2

2

O.

Lingua inglese

3

3

2

S.O. (b)

Economia industriale e Elementi di diritto

-

2

2

O.

Matematica

4 (1)

3 (1)

3 (1)

S.O.

Meccanica e Macchine a fluido

6 (2)

6 2)

4 (2)

S.O.P. (c)

Tecnologia aeronautica e laboratorio

6 (3)

4 (2)

6 (4)

O.P.

Disegno, Progettazione ed esercitazione

5 (3)

5 (3)

5 (3)

S/G.O.

Aerotecnica e impianti di bordo

4 (3)

5 (3)

6(3)

S.O.P. (d)

Educazione fisica

2

2

2

P.O.

Religione/Attività alternative

1

1

1

-

Area di progetto

*

*

*

*

Totale ore settimanali

36 (12)

36 (11)




36 (13)

.

(a) S. = scritta; O.=orale; S.G.=scritto-grafica; P.=pratica

(b) Nel quarto e quinto anno la prova é solo orale.

(c) La prova scritta è prevista solo nelle classi terza e quarta.

(d) La prova scritta è prevista solo per la parte riguardante Aerotecnica

Corrispondenza (art. 279 del D.L.vo 16-4-94 n. 297): MATURITA’ TECNICA INDUSTRIALE indirizzo COSTRUZIONI AERONAUTICHE

* All'area di progetto, che rappresenta un indispensabile momento di sin tesi da realizzarsi con una attività progettuale interdisciplinare, deve essere destinato un numero di ore non superiore al 10% del monte ore annuo delle discipline coinvolte in questa attività.


 

LINGUA E LETTERE ITALIANE


FINALITÀ


  • Acquisire la consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario come espressione di civiltà

  • Acquisire la conoscenza diretta dei testi più rappresentativi del patrimonio letterario italiano e, possibilmente, anche straniero

  • Acquisire la padronanza del mezzo linguistico nella recezione, nella produzione scritta e nell’ espressione orale

  • Acquisire la consapevolezza dello spessore storico culturale della lingua italiana


OBIETTIVI GENERALI


  • Offrire motivazioni allo studio

  • Dare efficaci e personalizzate indicazioni di metodo

  • Arricchire le conoscenze

  • Potenziare le abilità linguistiche



CONTENUTI_3°_anno_(3_ore)'>CONTENUTI
3° anno (3 ore)

L’ età del medioevo



  • Il medioevo

  • Storia della formazione delle lingue romenze

  • L’ ideale cortese e cavarellesco nella letteratura medioevale

  • La letteratura

  • Del ‘200

  • Letteratura latina medioevale. Letteratura francese, letteratura provenzale

  • La letteratura religiosa del ‘200

  • Scuola poetica siciliana, scuola toscana

  • Il dolce stil “novo”

  • Brani antologici

I tre grandi del ‘300

  • Dante alighieri. vita, personalità ed opere

  • La divina commedia ( canti a scelta)

  • Il precursore dell’ umanesimo

  • Francesco Tetrarca. Vita, personalità ed opere

  • Il canzoniere ( scelta antologica)

  • Giovanni boccaccia: vita, personalità ed opere

  • Il Decamerone (scelta antologica)

  • Brani antologici

L’ età dell’ Umanesimo

  • L’ Umanesimo e il Rinascimento

  • Un grande del rinascimento

  • Ludovico Ariosto: vita, personalità ed opere

  • Brani antologici

  • Il personaggio. Leonardo da Vinci

Politica, storiografia e memorie

  • La nascita di una nuova scienza. La politica

  • Machiavelli e Guicciardini


4° anno (3 ore)

Autori a confronto ( Settembre-I metà di ottobre)



  • L’ Ariosto. Vita, pensieri ed opere

Testo. L’ Orlando Furioso – Canto I ( ottave1 – 16)

Politica storiografia e memorie



  • n. Machiavelli: vita, pensieri ed opere

  • F. guicciardini: vita, pensiero ed opere

La cultura del seicento

  • I problemi del Barocco

  • G. Galilei: vita, pensiero ed opere

  • L’ Arcadia

Il settecento

  • L’ illuminismo

  • C. Goldoni: vita, pensiero ede opere

  • Strumenti. Da “la locandiera” – scene scelte

  • G. Parini. Vita, pensiero ede opere

  • Strumenti: dalle odi: 2l’ educazione”; da “il giorno”: ”il risveglio del Giovin signore”

  • V. Alfieri: vita, pensieri ed opere

la cultura italiana nell’ età napoleonica

  • Il neoclassicismo

  • U. Foscolo: vita, pensiero ed opere

  • Strumenti. Dalle ultime lettere di Jacopo Ortis: 2Il sacrificio della patria è consumato”;

  • “Teresa”: “Jacopo incontra il parini”: dai Sonetti:2in morte del fratello Giovanni”; “ A Zacinto”; “Alla sera”; “Dei Sepolcri” – analisi di versi a scelta

Dalla restaurazione all’ Unità d’ Italia

  • Il preromanticismo

  • Il Romanticismo

  • G. Leopardi: vita, pensiero ed opere

  • Strumenti: dalla operette morali. “dialogo della natura e di un islandese”; 2dialogo di un venditore di Almanacchi e di un passeggero2; dai canti: “Il passero solitario”; L’ infinito”;

  • A. manzoni: vita pensiero ed opere

Il piacere di leggere

  • Divina Commedia: canti scelti (almeno tre)


5° anno (3 ore)

Il sentimento romantico



  • La polemica classico-romantica in italia

  • Il romanticismo

  • Alessandro Manzoni

Il trionfo del positivismo nella seconda metà dell’ ‘800

  • Naturalismo e Verismo

  • Poetica di Giovanni Verga

  • Tecnica narrativa di verga

  • Ideologia Verghiana produzione di Verga

Realtà e simbolo

  • Simbolismo e decadentismo

  • Giovanni pascoli: vita, pensiero ed opere

Il romanzo del primo ‘900. La scoperta dell’ io

  • Luigi Pirandello. Vita, pensiero ed opere

  • Italo svevo. Vita, pensiero ed opere

La cultura italiana nel primo ‘900. Poeti del nostro tempo

  • L’ ermetismo

  • Eugenio montale: vita, pensiero ed opere

  • Giuseppe Ungaretti: vita, pensiero ed opere

  • Il neorealismo

  • Elsa Morante

  • Elio Vittoriani

Incontro con un’ opera

  • Divina commedia: Paradiso – Canti: I-III-VI-XI-XVII

STORIA


FINALITA'
L'insegnamento di Storia si propone di:

- ricostruire la complessità del fatto storico attraverso l'individuazione di interconnessioni, di rapporti tra particolare e generale, tra soggetti e contesti; 

- acquisire la consapevolezza che le conoscenze storiche sono elaborate sulla base di fonti di natura diversa che lo storico vaglia, seleziona, ordina e interpreta secondo modelli e riferimenti ideologici;

- consolidare l'attitudine a problematizzare, a formulare domande, a riferirsi a tempi e spazi diversi, a dilatare il campo delle prospettive, a inserire in scala diacronica le conoscenze acquisite in altre aree disciplinari;

- riconoscere e valutare gli usi sociali e politici della storia e della memoria collettiva;

- scoprire la dimensione storica del presente;

- affinare la "sensibilità" alle differenze;

- acquisire consapevolezze che la fiducia di intervento nel presente è connessa alla capacità di problemizzare il passato.



OBIETTIVI


  • Conoscere il valore della storia

  • Conoscere i fatti e saperli ordinare cronologicamente

  • Saper operare relazioni temporali

  • Saper correlare eventi e territori

  • Saper operare confronti tra presente e passato


CONTENUTI
3° anno (2 ore)

  • La crisi del XIV secolo e la decadenza del Papato e dell’ Impero

  • L’ Italia nel XIV

  • L’ Italia nel XIV secolo

  • L’ età umanistico-rinascimentale

  • L’ europa alla scoperta del mondo

  • Le antiche civiltà americane, africane e asiatiche

  • L’ Europa del ‘500

  • Francia spagna alla conquista dell’ italia

  • La Riforma

  • La Controriforma papale

  • Spagna, Inghilterra e francia nella seconda metà del ‘500

  • L’ Italia del XVII secolo sotto la Spagna

  • La guerra dei Trent’ anni


4° anno (2 ore)

  • Riepilogo della cornice storica del ‘500 e del ‘600

  • Il secolo dei lumi

  • L’ espansione economica dell’ Inghilterra del ‘700

  • L’ europa del ‘700

  • La rivoluzione americana

  • La rivoluzione francese

  • Il regime napoleonico la restaurazione ed i moti liberali negli venti e trenta

  • L’ italia e l’ Europa dal 1830 al 1848

  • La proclamazione del regno d’ italia

  • I problemi dell’ italia unita

  • I Governi della Sinistra in Italia

  • L’ Imperialismo

  • Il personaggio: i fratelli Wrigth


5° anno (2 ore)

  • Il mondo di fina secolo

  • Imperialismo - eurocentrismo – colonialismo

  • L’ età giolittiana

  • La prima guerra mondiale e la rivoluzione russa

  • La crisi dello stato liberale in Italia e la nascita del fascismo

  • Il Fascismo da movimento a regime

  • Stati Uniti e unione sovietica tra le due guerre

  • La Germania del dopoguerra e il nazismo

  • Il secondo dopoguerra

  • La decolonizzazione

  • Lo scenario mondiale del III millennio

  • Il personaggio: Gabriele D’ Annunzio, l’ interventista

  • I velivoli utilizzati durante i conflitti mondiali

LINGUA STRANIERA




FINALITA'
Le finalità del triennio integrano e ampliano le finalità del biennio e mirano a potenziare i seguenti aspetti:

  1. la competenza comunicativa per consentire un'adeguata interazione in contesti diversificati ed una scelta di comportamenti espressivi sostenuta da un più ricco patrimonio linguistico; 

  2. la comprensione interculturale, non solo nelle sue manifestazioni quotidiane, ma estesa a espressioni più complesse della civiltà straniera e agli aspetti più significativi della sua cultura;

  3. la consapevolezza della matrice comune che lingue e culture appartenenti allo stesso ceppo conservano attraverso il tempo pur nelle diversità della loro evoluzione;

  4. l'educazione linguistica che coinvolga la lingua italiana, sia in un rapporto comparativo sistematico, sia nei processi di fondo che stanno alla base dell'uso e dello studio di ogni sistema linguistico;

  5. la consapevolezza dei propri processi di apprendimento che permetta la progressiva acquisizione di autonomia nella scelta e nell'organizzazione delle proprie attività di studio.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
Alla fine del triennio lo studente dovrà dimostrare di essere in grado di:

  1. comprendere, in maniera globale o analitica, a seconda della situazione, testi orali relativi anche al settore specifico dell'indirizzo;

  2. sostenere semplici conversazioni, su argomenti generali e specifici, adeguate al contesto e alla situazione di comunicazione;

  3. produrre testi orali per descrivere processi o situazioni con chiarezza logica e precisione lessicale;

  4. comprendere in maniera globale testi scritti di interesse generale specifici del settore di specializzazione;

  5. comprendere in modo analitico testi scritti specifici dell'indirizzo 

  6. trasporre in lingua italiana testi scritti di argomento tecnologico;

  7. individuare le strutture e i meccanismi linguistici che operano diversi livelli: pragmatico, testuale, semantico-lessicale e morfosintattico;

  8. riconoscere i generi testuali e, al loro interno, le costanti che li caratterizzano;

  9. attivare modalità di apprendimento autonomo sia nella scelta di materiali e di strumenti di studio, sia nell'individuazione di strategie idonee a raggiungere gli obiettivi prefissati.


CONTENUTI__Quarto_anno'>CONTENUTI__Terzo_anno'>CONTENUTI

Terzo anno  [3 ore]
GENERAL ENGLISH:

- word order in questions

- present simple

- present continous

- the body, preposition of place

- expressions for paraphrasing.

- common verb phrases classroom language

- family, personality, Adjectives

- defining relative Clauses

- past simple regular and

- Past continous

- questions with and Without auxiliaries

- so, because, but Although

- verb phrases

- holidays Irregular verbs

- preposition of time And place: at/ in/ on

- questions words, pop music

- going to, present Continuous

- will / won’t (predictions)

- will / won’t (promises, Offers, decision)

-review of tenses : Present, past, and future

- verbs + prepositions

- present perfect (experience) + ever, never, present perfect Or past simple ?

- clothes

- look (after, for etc)

- opposite verb

- verb + back

- present perfect simple + yet, just, already

- verb phrases

CIVILIZATION:

Time out

Which music?

All sports

Let’s go to the movies

Pocket money

Running around the world

ENGLISH IN AERONAUTICS:

Flying with myth and legends

Pioneer’s in flight
Quarto anno [3ore]]

GENERAL ENGLISH

-comparative adjectives

- First conditional

-Confusing verbs

-superlative adjectives, article the

Practical English: At a department store

-Adjectives

Checking into a hotel, calling Reception

-present perfect + for / since

-present perfect or past simple?

-A lot of / much, etc

-verbs + to + infinite, would like to or like + -ing? -verbs: want / need , etc

-So / because, had to/ didn’t have to -connectors

-Question with /without auxiliaries

-times and dates age

-Second Conditional

-Use of Different Phrasal Verbs

-May-Might

-should/shouldn’t

-must/mustn’t-have to/ don’t have to

Practical English: At the pharmacy

ENGLISH CULTURE

William Shakespeare

• Shakespeare’s life

• Shakespeare as Playwright

• Shakespeare as poet

• Shakespeare as songwriter

• Romeo and Juliet

The times of Elizabeth I

The industrial Revolution

The roaring sixties

ENGLISH IN AERONAUTICS

Technical topics

Flight in nature:

Birds


Flight in nature:

Insects and other flying animals.

Definition of “aeronautics” and “aerodynamics”.

Forces acting on aircraft.

Composition of atmosphere.

Basic principles of flight.


Quinto anno [2 ore]

GENERAL ENGLISH

Present perfect+ yet/already/just

Why….? To+VERB/ For+NOUN

Should/shouldn’t (advice- opinion)

Phrasal verbs +object

Echo questions

Uses of will won’t (offers, promises, unplanned decisions, predictions)

Future forms: will be able to, etc.

Present Passive

Past Passive+ by

How to write a curriculum vitae

LANGUAGE AND CULTURE

A panorama of British history

The reign of queen Victoria

O.Wilde: life and works

“The Importance of being Earnest”

J Joyce: life and works

The age of anxiety

The first world war

The second world war

The beat generation: J.Kerouac “On the road”

The Vietnam war

The images of war: a movie “Full metal jacket”

ENGLISH IN AERONAUTICS

Definition of “aeronautics” and “aerodynamics”

Forces acting on aircraft

Composition of atmosphere

Basic principles of flight

Bernoulli’s principle

Factors influencing lift and drag

The airfoil and its features

Aerodynes

Aircraft classification

Holicopters and unconventional aircraft

Stressing in aircraft and lifting surfaces

Materials used in aircraft

Devolopment of aircraft materials

Metallic materials

Non metallic materials.


MATEMATICA

FINALITA'
Nel corso del triennio superiore l'insegnamento della matematica prosegue ed amplia il processo di preparazione scientifica e culturale dei giovani già avviato nel biennio; concorre, insieme alle altre discipline, allo sviluppo dello spirito critico ed alla loro promozione umana e intellettuale.
In questa fase della vita scolastica lo studio della matematica cura e sviluppa in particolare:


  1. l'acquisizione di conoscenze a livelli più elevati di astrazione e di formalizzazione; 

  2. la capacità di cogliere i caratteri distintivi dei vari linguaggi (storico-naturali, formali, artificiali);

  3. la capacità di utilizzare metodi, strumenti e modelli matematici in situazioni diverse; 

  4. l'attitudine a riesaminare criticamente e a sistemare logicamente le conoscenze via via acquisite.

L'insegnamento della matematica, pur collegandosi con gli altri contesti disciplinari per assumere prospettive ed aspetti specifici, conserva la propria autonomia epistemologica-metodologica e persegue quindi le stesse finalità.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
Alla fine del triennio l'alunno dovrà possedere, sotto l'aspetto concettuale, i contenuti prescrittivi previsti dal programma ed essere in grado di:

  1. sviluppare dimostrazioni all'interno di sistemi assiomatici proposti o liberamente costruiti;

  2. operare con il simbolismo matematico riconoscendo le regole sintattiche di trasformazione di formule;

  3. utilizzare metodi e strumenti di natura probabilistica e inferenziale;

  4. affrontare situazioni problematiche di varia natura avvalendosi di modelli matematici atti alla loro rappresentazione;

  5. costruire procedure di risoluzione di un problema e, ove sia il caso, tradurle in programmi per il calcolatore;

  6. risolvere problemi geometrici nel piano per via sintetica o per via analitica; 

  7. interpretare intuitivamente situazioni geometriche spaziali;

  8. applicare le regole della logica in campo matematico;

  9. riconoscere il contributo dato dalla matematica allo sviluppo delle scienze sperimentali;

  10. comprendere il rapporto tra scienza e tecnologia ed il valore delle più importanti applicazioni tecnologiche;

  11. inquadrare storicamente l'evoluzione delle idee matematiche fondamentali. 

CONTENUTI

Terzo anno [4(1) ore]
GONIOMETRIA

L’angolo, unità di misura: gradi e radianti.

Funzioni goniometriche fondamentali: seno, coseno, tangente ,grafici e periodicità.

Le cofunzioni.

Gli angoli fondamentali: 30°, 45°, 60°,angoli associati .

Formule di addizione e sottrazione, di duplicazione, di bisezione, di prostaferesi, parametriche e di Werner.

Equazioni goniometriche elementari in seno, coseno e tangente.

Equazioni elementari.

Equazioni lineari.

Equazioni omogenee e simmetriche.

Disequazioni goniometriche elementari in seno, coseno e tangente.

Disequazioni lineari.

Disequazioni omogenee.

ALGEBRA


Disequazioni di 1° e 2°grado.

Disequazioni razionali.

Sistemi di disequazioni.

Equazioni e disequazioni irrazionali.

Disequazioni con i moduli.

GEOMETRIA ANALITICA

Coordinate di un punto.

Il piano cartesiano.

Distanza tra due punti.

Punto medio.

Equazione della retta e sua rappresentazione.

Rette parallele e perpendicolari .

Posizioni reciproche tra due rette.

Distanza di un punto da una retta.

Problemi sulle rette.

LE CONICHE

La circonferenza.

Posizioni reciproche di una circonferenza ed una retta.

Rette tangenti ad una circonferenza.

Condizioni per determinare l’equazione di una circonferenza.

Equazione dell’ellisse sue proprietà.

Posizioni reciproche di un’ellisse ed una retta , condizioni di tangenza.

Condizioni per determinare l’equazione di un’ellisse.

La parabola.

Posizioni reciproche di una parabola ed una retta.

Rette tangenti ad una parabola.

Condizioni per determinare l’equazione di una parabola.

Equazione e proprietà dell’iperbole.

Iperbole equilatera.

Posizioni reciproche di un’iperbole ed una retta ,

Condizione di tangenza.

Condizioni per determinare l’equazione di un’iperbole.


Quarto anno [3(1) ore] .

FUNZIONE ESPONENZIALE E LOGARITMICA

La funzione esponenziale: proprietà e curva relativa.

Equazioni e disequazioni esponenziali.

Funzione logaritmica:proprietà e curva relativa.

Equazioni e disequazioni logaritmiche.

INSIEMI NUMERICI E FUNZIONI

Gli insiemi e i numeri reali.

Le funzioni.

Il dominio di una funzione.

Il segno di una funzione.

CONCETTO DI LIMITE ED I LIMITI DELLE FUNZIONI

Limite finito ed infinito per x che tende al finito.

Limite finito ed infinito per x che tende all’infinito.

Teoremi sui limiti .

Forme di indecisione.

Calcolo delle forme indeterminate.

Limiti notevoli.

Infinitesimi ed infiniti.

CONTINUITÀ E DELLE FUNZIONI

Definizione .

Punti di discontinuità.

Proprietà delle funzioni continue.

Gli asintoti di una funzione.

Grafico probabile di una funzione

SUCCESSIONI

Successioni convergenti ,divergenti ed irregolari.

Limiti di successioni.

Progressioni aritmetiche e geometriche.
Quinto anno [3(1) ore]
CALCOLO DIFFERENZIALE

Derivata di una funzione e suo significato geometrico

Regole di derivazione

Teoremi di Rolle, Lagrange, Cauchy, dell’Hopital

STUDIO DEL GRAFICO DI UNA FUNZIONE

Crescenza e decrescenza di una funzione

Punti di massimo e di minimo

Con cavità e convessità:punti di flesso

Grafico di una funzione

INTEGRALI DEFINITI E INDEFINITI

Primitive di una funzione

Proprietà degli integrali indefiniti

Integrazione di funzioni elementari

Integrazione per sostituzione, per parti, per scomposizione

Integrazione delle funzioni razionali fratte

Integrale definito:formula per il calcolo delle aree, lunghezza di un arco di curva, volumi

FUNZIONI REALI A DUE VARIABILI

Disequazioni in due variabili

Dominio di una funzione a due variabili

Limiti e continuità derivate parziali

Punti di massimo e di minimo

EQUAZIONI DIFFERENZIALI

Equazioni differenziali ,definizioni

Risoluzioni di equazioni differenziali del primo e secondo ordine

Modelli di problemi differenziali

ELEMENTI DI STATISTICA

Fasi di un’indagine statistica

Rilevazione spoglio ed elaborazione dei dati

Rappresentazione grafica

ECONOMIA INDUSTRIALE E ELEMENTI DI DIRITTO



FINALITA'

Le finalità dell'insegnamento consistono in:
- integrare ed arricchire le conoscenze giuridico-economiche già fornite nel biennio per guidare il giovane all'interpretazione del funzionamento del sistema economico industriale;
- affrontare le dinamiche che caratterizzano la gestione delle imprese sotto il profilo organizzativo ed economico.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO
Al termine del corso l'alunno dovrà essere in grado di:

  1. cogliere la dimensione economica dei problemi; 

  2. comprendere le caratteristiche e le modalità di funzionamento del sistema bancario soprattutto per quanto concerne il funzionamento e i servizi alle imprese;

  3. riconoscere i principali elementi che connotano il funzionamento dei mercati finanziari e degli scambi internazionali;

  4. correlare gli aspetti giuridici ed economici delle operazioni d'impresa specie riguardo all'assetto societario, ai più comuni contratti e rapporti di lavoro;

  5. individuare le varie funzioni aziendali, il loro ruolo e la loro interdipendenza;

  6. riconoscere i modelli di organizzazione aziendali descrivendone le caratteristiche e le problematiche;

  7. identificare le correlazioni fra attività gestionale e ambiente in cui opera l'impresa;

  8. identificare alcune fondamentali condizioni dell'equilibrio aziendale e le necessarie procedure di controllo;

  9. risolvere problemi connessi con la determinazione e la ripartizione dei costi rispetto a differenti obiettivi;

  10. documentare e comunicare efficacemente gli esiti del proprio lavoro;

  11. comprendere la globalità delle problematiche produttive, gestionali e commerciali dell'impresa.

CONTENUTI

Quarto anno [2 ore]

  1. Elementi di Economia politica
    1.1. Credito e sistema bancario.
    1.2. Borsa valori.
    1.3. Commercio internazionale e bilancia dei pagamenti.
    1.4. Cambio.

  2. Elementi di Diritto
    2.1. Diritti reali e delle obbligazioni.
    2.2. Contratto.
    2.3. Principali contratti commerciali.
    2.4. Contratto di lavoro.
    2.5. Imprenditore e impresa.
    2.6. società di persone e di capitale.
    2.7. Titoli di credito.

Quinto anno [2 ore]

  1. L'azienda
    3.1. Attività economica ed economia aziendale.
    3.2. Sistema aziendale e suoi sottosistemi.
    3.3. Struttura del patrimonio: fonti di finanziamenti e forme di investimento. 
    3.4. Struttura del bilancio di esercizio e principali indici di gestione. 

  2. L'organizzazione
    4.1. Modelli e strutture organizzative.
    4.2. Organizzazione del lavoro. 
    4.3. Regolamentazione delle operazioni aziendali. 
    4.4.  Sistema informativo. 
    4.5. Coordinamento delle attività. 
    4.6. Compattamento e stile di direzione. 

  3. L'economicità della gestione
    5,1. Concetto e tipologie di costo.
    5.2. Principio di economicità e calcoli di convenienza economica.
    5.3. Combinazioni economiche e assetto tecnico delle aziende di produzione. 
    5.4. Controllo della gestione:
    5.4.1. finalità e caratteristiche;
    5.4.2. pianificazione e programmazione;
    5.4.3, determinazione del costo di attività, servizi, prodotti;
    5.4.3. budget e analisi degli scostamenti.

  

MECCANICA E MACCHINE A FLUIDO



FINALITA'

L'insegnamento della Meccanica applicata deve promuovere negli allievi:



  • la formazione di una consistente base tecnico-scientifica;

  • l'acquisizione critica dei principi e dei concetti fondamentali costituenti il supporto scientifico della disciplina;

  • le conoscenze indispensabili per poter affrontare, con la necessaria razionalità, lo studio delle materie tecnico professionali specifiche dell'indirizzo meccanico;

  • l'acquisizione di capacità progettuali di organi di macchine e di semplici meccanismi.

 L'insegnamento delle Macchine a fluido deve promuovere negli allievi:

  • la formazione di una solida base imperniata soprattutto sugli argomenti di carattere propedeutico quali i problemi dell'energia, i combustibili e la combustione, la termodinamica applicata, gli elementi di fluidodinamica e di trasmissione del calore;

  • la conoscenza critica dei principi e degli aspetti applicativi essenziali della disciplina.

 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso l'allievo dovrà dimostrare di:



  • possedere una buona conoscenza delle problematiche inerenti all'equilibrio dei corpi liberi e vincolati, alle leggi del moto, alla dinamica dei corpi, alle resistenze passive, alla resistenza dei materiali, ai meccanismi per la trasmissione del moto, alla regolazione delle macchine;

  • possedere buone capacità di schematizzazione dei problemi e di impostazione dei calcoli di dimensionamento e di verifica di semplici strutture, di organi di macchine e di meccanismi;

  • essere in grado di adoperare i manuali tecnici e saper interpretare la documentazione tecnica del settore.

  • possedere una buona conoscenza delle principali caratteristiche dei vari tipi di impianti motori e di macchine a fluido, con particolare riguardo alle applicazioni aeronautiche, ai criteri di scelta, ai problemi di installazione e di funzionamento;

CONTENUTI

A) MECCANICA APPLICATA

Terzo Anno [ore 6 (2)]

  • Sistema Internazionale di unità di misura;

  • Forze;

  • Composizione di forze concorrenti;

  • Composizione di due forze parallele;

  • Composizione di più forze complanari parallele;

  • Momenti di forze;

  • Coppia di forze;

  • Momenti statici e baricentri di figure piane;

  • Baricentri di corpi rigidi;

  • Forze applicate ai corpi rigidi;

  • Equilibrio dei corpi vincolati;

  • Calcolo delle reazioni in strutture isostatiche : trave appoggiata e incastrata con forze concentrate e distribuite;

  • Equilibrio dei corpi soggetti al proprio peso;

  • Macchine semplici : Forza motrice e resistente, guadagno;

  • Leve;

  • Carrucole, paranchi e verricelli;

  • Piano inclinato con forza parallela al piano e parallela alla base;

  • Moto rettilineo;

  • Moto circolare;

  • Accelerazione centripeta e centrifuga;

  • Moto e velocità dei satelliti naturali ed artificiali;

  • Legge di Keplero : sistema solare;

  • Velocità di fuga dei razzi;

  • Moti relativi;

  • Moto armonico;

  • Caduta dei gravi nel vuoto;

  • Moto ascendente;

  • Moto parabolico;

  • Moto di un proiettile;

  • Leggi fondamentali della dinamica;

  • Principio di D’Alambert e forze d’inerzia : piano inclinato;

  • Teorema della quantità di moto e impulso;

  • Lavoro compiuto da una forza;

  • Potenza sviluppata da una forza;

  • Energia e principio di conservazione dell’energia;

  • Trasformazione delle forme di energia e rendimento di una trasformazione;

  • Attrito : radente e volvente;

  • Lubrificazione;

  • Resistenza del mezzo.




Quarto Anno [ [ore 6(2) ]

Momenti di inerzia :

  • momenti di inerzia di figure geometriche semplici : rettangolo, quadrato, triangolo, cerchio;

  • momenti di inerzia di figure complesse;

  • raggio di inerzia;

  • momenti di inerzia di figure solide : cilindro pieno e cavo, sfera.

Dinamica dei moti di rotazione :

  • principio di D’Alembert;

  • lavoro compiuto da una coppia;

  • potenza sviluppata da una coppia;

  • energia cinetica di rotazione;

  • principio della conservazione dell’energia.

Sollecitazioni :

  • deformazione e legge di Hooke;

  • tensioni interne;

  • condizioni di resistenza;

  • principio di de Saint – Venant;

  • sollecitazioni semplici : trazione e compressione;

  • influenza della temperatura;

  • corpi cilindrici soggetti a pressione interna;

  • flessione;

  • travi IPE;

  • materiali con carichi di rottura diversi;

  • flessione deviata(cenni);

  • torsione;

  • travi a sezione non circolare;

  • torsione alla Bredt (travi a sezione cava di piccolo spessore, sezione rettangolare cava, cassone alare);

  • taglio;

  • taglio per le travi a doppio T;

  • sollecitazioni composte : De Saint Venant, Von Mises;

  • sforzo assiale e torsione;

  • sforzo assiale e flessione;

  • flessione e taglio;

  • flessione e torsione (metodo Pomini);

  • travi inflesse : diagramma del momento e del taglio;

  • ricerca di Mmax e di Tmax;

  • progettazione e verifica;

  • carico di punta : formula di Eulero, Rankine, metodo Omega;

  • strutture a pareti sottili;

  • instabilità elastica;

  • resistenza a fatica dei materiali.




B) MACCHINE A FLUIDO

Terzo Anno [ore 6(2)]

  • Pressione idrostatica;

  • Spinta idrostatica;

  • Principio di Pascal;

  • Spinta di un corpo immerso in un fluido;

  • Principio dei vasi comunicanti;

  • Principio di Archimede, spinta di un corpo immerso in un fluido;

  • Viscosità dinamica e cinematica;

  • Numero di Reynolds;

  • Regimi di corrente : laminare e turbolento;

  • Portata massica, volumetrica, ponderale;

  • Equazione di continuità;

  • Teorema di Bernouilli per i liquidi ideali;

  • Perdite di carico : concentrate e distribuite;

  • Formula di Torricelli : velocità ideale e reale di efflusso di un fluido da un recipiente;

  • Perdite di carico distribuite e concentrate

  • Perdite di carico nelle condotte e formula di Darcy;

  • Misure di pressione : barometri, vacuometri, manometro di Bourdon, manometri a liquidi e differenziali;

  • Misure di velocità : tubo di Pitot;

  • Misure di portata : venturimetri, boccagli e diaframmi;

  • Macchine motrici ed operatrici;

  • Portata e prevalenza, disposizioni d’impianto, potenza utile ed assorbita, rendimenti delle macchine idrauliche : idraulico, volumetrico, meccanico e totale;

  • Pompe : prevalenza geodetica, manometrica, totale;

  • prevalenza in aspirazione ed in mandata;

  • potenza assorbita dal fluido e dal motore;

  • rendimento globale, volumetrico, idraulico, meccanico;

  • pompe centrifughe : caratteristiche; giranti palettate e distributori; pompe con palettatura in avanti ed indietro : energia cinetica all’uscita della girante (conversione di energia cinetica in pressione).




Quarto anno [ore 6 (2)]

Macchine operatrici :

  • Pressione : misure di pressione, manometro di Bourdon, barometro(la pressione atmosferica, isobare, condizioni atmosferiche e crte isobariche);

  • portata, prevalenza geodetica, manometrica, totale;

  • disposizione d’impianto;

  • potenza utile ed assorbita;

  • rendimento : idraulico, volumetrico, meccanico, totale;

  • pompe alternative : pompa aspirante – premente a semplice effetto, a doppio effetto, pompa a stantuffo aspirante – portante, particolari costruttivi, dimensionamento di massima, avviamento e regolazione;

  • pompe rotative : centrifughe, pompe multiple, curve caratteristiche, avviamento e regolazione, punto di funzionamento, altezza di aspirazione e fenomeni di cavitazione, pompe ad elica, pompe ad ingranaggi, a vite, a capsulismo, a palmole.




Quinto anno [ore 4 (2)]

Termodinamica :

  • combustione e combustibili : classificazione e caratteristiche delle tipologie, poteri calorifici, combustibili in uso per la propulsione aerea (differenze);

  • calore e temperatura;

  • trasmissione del calore : conduzione, convezione, irraggiamento, scambiatori di calore;

  • calore specifico : a pressione e volume costante;

  • cambiamenti di stato fisico;

  • leggi dei gas perfetti;

  • primo principio della termodinamica;

  • secondo principio della termodinamica;

  • trasformazioni reversibili ed irreversibili;

  • energia interna, entalpia, entropia;

  • trasformazioni calore in lavoro;

  • il diagramma p – v;

  • il diagramma T –S;

  • cicli termici;

  • rendimento di un ciclo;

  • ciclo Brayton;

  • ciclo di Carnot;

  • ciclo Rankine;

  • ciclo Otto;

  • ciclo Diesel;

  • moto degli aeriformi, ugelli e diffusori.

Macchine motrici

  • turbine a vapore (cenni)

  • impianto motore con turbina a gas;

  • motori endotermici alternativi;

  • motore a c.i. a quattro tempi;

  • motore a c.i. a due tempi;

  • motore a c.i. rotativi Wankel;

  • sovralimentazione;

  • propulsori ad elica;

  • turboelica;

  • esoreattore;

  • autoreattore;

  • turboreattore a semplice flusso;

  • turboreattore a doppio flusso;

  • endoreattori chimici;

  • ventilatori e compressori.




TECNOLOGIA AERONAUTICA E LABORATORIO

FINALITA'

L'insegnamento di questa materia si propone di fornire:



  • le conoscenze dei materiali impiegati nell’ industria meccanica in generale (acciai, ghise, leghe del rame…) ed aeronautica in particolare (leghe leggere, ultraleggere, materiali compositi…);

  • la conoscenza dei mezzi e dei processi attraverso i quali i materiali vengono trasformati per ottenere il prodotto finito (lavorazioni plastiche, fonderia, saldatura, asportazione di truciolo, sinterizzazione….);

  • la conoscenza delle prove distruttive e non distruttive;

  • la capacità di effettuare i controlli dei materiali;

  • la conoscenza dei trattamenti termici;

  • la conoscenza delle moderne tecniche di produzione;

  • la conoscenza dell’organizzazione industriale e le norme antinfortunistiche.

 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Nel corso di Tecnologia aeronautica e laboratorio l'allievo deve:


  • acquisire le conoscenze necessarie dei processi industriali per la fabbricazione dei semilavorati e del prodotto finito;

  • acquisire il concetto di misura, di errore e di tolleranza dimensionale e di forma;

  • razionalizzare l'impiego delle macchine utensili e degli utensili sotto l'aspetto economico e della produzione;

  • possedere capacità di scelta dei trattamenti termici dei vari materiali metallici per ottenere dagli stessi le caratteristiche più idonee all'impiego;

  • possedere capacità di scelta dei materiali compositi;

  • saper affrontare le problematiche delle macchine utensili CNC, la realizzazione dei programmi per varie lavorazioni e l'interfacciamento ad un sistema CAD;

 CONTENUTI

Terzo Anno [6 (3) ore]


- Metrologia di base: Sistema Internazionale, uso e controllo degli strumenti di misura di tipo meccanico ed ottico. La teoria degli errori.
- Proprietà fisiche, chimiche, meccaniche e tecnologiche dei materiali.
- Principali processi produttivi dei materiali metallici e non: leghe siderurgiche, leghe non ferrose, leghe leggere e ultraleggere,; materiali compositi, materie plastiche, materiali refrattari.
- Lavorazioni per deformazione plastica: laminazione, trafilatura, estrusione, fucinatura, stampaggio, fabbricazione dei tubi.
- Lavorazione delle lamiere: tranciatura; piegatura; imbutitura.
- Nozioni fondamentali di fonderia: esame dei principali processi fusori delle leghe metalliche di più comune impiego e delle leghe leggere. Brasature e saldobrasature.

- Nozioni di sinterizzazione.


- Nozioni di saldatura: esame dei vari processi di saldatura più in uso. Verifica delle saldature: mezzi e metodi di controllo.



Laboratorio:

- Prove meccaniche: trazione, durezza, resilienza.
- Uso degli strumenti d’officina: calibri, micrometri, comparatore, goniometro, alesametro, calibri fissi


Quarto Anno [4 (2) ore]


- Nozioni sull’adesione. Tipi di adesivi. L’adesione per applicazioni strutturali aeronautiche.

- Tolleranze dimensionali e tolleranze geometriche. Tolleranze generali.

- Lavorazioni per asportazione di truciolo: individuazione dei parametri che influenzano il taglio.
- Gli utensili da taglio: caratteristiche geometriche e funzionali. Controllo degli elementi geometrici. Tipi di utensili . Materiali per utensili.
- Truciolabilità dei materiali, finitura delle superfici, rugosità.
- Macchine utensili a moto rotatorio e a moto rettilineo: descrizione del funzionamento e delle parti costitutive. Esame delle lavorazioni principali e attrezzature.
- Macchine utensili C.N.C. (tornio e fresatrice).
- Programmazione manuale ISO Standard

- La tecnologia CAD-CAM




Laboratorio:

- Lavorazioni alle macchine utensili tradizionali finalizzate all'ottimizzazione dei parametri di taglio per l'utilizzazione economica della macchina.

- Programmazione e realizzazione di semplici particolari ai C.N.C.

- Semplici realizzazioni CAD-CAM



Quinto Anno [6 (4) ore]
- Elementi di metallurgia: lo stato solido metallico, curve di raffreddamento, diagrammi di stato, leggi fondamentali; punti critici.
- Diagramma di equilibrio delle leghe ferro-carbonio e leghe non ferrose (leggere).
- Trattamenti termici delle leghe ferrose: scopi, metodi, attrezzature. Curve di Bain, trattamento superficiali. Prova di temprabilità.
- Trattamenti termici delle leghe leggere.

- Materiali compositi per usi aeronautici.


- Complementi alle prove meccaniche. Il fenomeno della fatica. Prove a fatica

- Elementi di corrosione e protezione dei metalli

- Controlli non distruttivi per il collaudo dei materiali e dei pezzi lavorati.

- Controlli non distruttivi dei materiali compositi

- Sistema qualità

- Antinfortunistica



Laboratorio

- Realizzazione pratica di programmi per lavorazioni con macchine a C.N.C. (tornio e fresatrice)
- Realizzazione pratica di lavorazioni CAD-CAM

- Prova di temprabilità Jominy



DISEGNO, PROGETTAZIONE E ESERCITAZIONE


  1   2   3


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale