Il cardinale segretario di Stato vaticano ha chiesto a Veltroni che «i cattolici non siano mortificati» nel Partito democratico



Scaricare 1.19 Mb.
Pagina1/22
21.11.2017
Dimensione del file1.19 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   22

29/12/2007/

Le paure del card. Bertone


L'anticipazione dell'intervista a «Famiglia Cristiana» del cardinal Tarcisio Bertone, chiarisce lo stato di "malessere" del Partito democratico veltroniano, su cui pesa l'ipoteca vaticana già intravista nelle prime mosse. Ed in certe candidature periferiche. Nate esclusivamente in ambiente ecclesiastico...

La verità viene a galla prima o poi. Le parole di Bertone confermano una realtà delle cose che prima o poi dovrà essere chiarita. Veltroni non potrà in futuro far finta di nulla.


Il cardinale segretario di Stato vaticano ha chiesto a Veltroni che «i cattolici non siano mortificati» nel Partito democratico.

Bertone ha spiegato poi che la norma antiomofobia nel decreto sulla sicurezza è stato un «incidente di percorso».


Non si capisce questo accanimento su di una norma di diritto così semplice nel suo rimando ai trattati della Comunità europea ed alla Costituzione italiana.

Oltre Tevere ci si è pericolosamente fissati sulla linea del Piave della senatrice Binetti.


Inoltre, con Veltroni il cardinale ha auspicato che nel Pd «ci si ispiri alla tradizione dei grandi partiti popolari, che avevano un saldo ancoraggio nei principi morali della convivenza sociale».

Come se quella piccola ma fondamentale norma antiomofobia fosse stata qualcosa di rivoluzionario e sovversivo rispetto all'etica pubblica.


Sinceramente spiace di dover constatare che tutti i temi fondamentali di una società, siano ridotti a questo particolare aspetto che diventa una specie di paradigma assurdo per valutare la morale dello Stato e lo stato della morale...
Inquietante il passo in cui Bertone ricorda di aver conosciuto grandi intellettuali comunisti e socialisti che «avevano una visione laica ma morale».

Passo sa cui non vogliamo dedurre che, secondo il segretario di Stato vaticano, esiste per lui l'equazione laico=immorale.


In breve, segnalo un articolo apparso sul «Corriere della Sera» di stamani del teologo del dissenso Leonardo Boff che scrive: dobbiamo imparare a trattare «in modo umano tutti gli esseri umani». Inaugurare un mondo che pratichi la vera giustizia.
Che ne dice on. Veltroni?

28/12/2007/

Binetti, si ricordi di Gedda (1938)
Walter Veltroni in una lettera alla «Stampa» (27.12) aveva definito «sbagliata e pericolosa» la tesi della sen. Paola Binetti la quale considera l’omosessualità una malattia da curare.

Binetti
La sen. Binetti oggi risponde dalle colonne del quotidiano torinese, con un'intervista a Giacomo Galeazzi: «Come neuropsichiatra ho esperienza decennale di omosessuali che si fanno curare. Non sono andata a cercarli io, sono loro che sono venuti in terapia da me perché dalla loro esperienza ricavano disagio, sofferenza, ansia, depressione e incapacità di sentirsi integrati nel gruppo. Non sono io a sostenerlo, è un dato oggettivo».


La posizione della sen. Binetti non si discosta da quella della Chiesa anglicana (sì avete letto bene, anglicana).
Ciò che in tale posizione spaventa, è espresso in un altro passo dell'intervista, in cui la sen. Binetti la rivendica e giustifica in nome di un «dato oggettivo»: «Fino a poco tempo fa il Dsm4, la "bibbia degli psichiatri"» utilizzata da tutti gli enti pubblici, «ha sempre inserito l'omosessualità tra le patologie del comportamento sessuale».

Fino a poco tempo fa, dunque. Non so se sia il caso di chiedersi il perché della recente cancellazione.


Da vecchio pedagogista, quindi senza alcuna pretesa di confutare le tesi scientifiche ("scientifiche"?) della dottoressa Binetti, mi permetto di esprimere una opinione molto amara, perché essa rimanda al ricordo storico di quando un noto endocrinologo cattolico come Luigi Gedda teorizzò la superiorità della razza ariana, aderendo alla campagna antiebraica. Dalla quale derivarono quelle leggi razziali del 1938 che restano la vergogna somma di Casa Savoia, assieme alla guerra.
Per ulteriori informazioni scientifiche, vedere il blog Bioetica (a cura di Chiara Lalli): Binetti e intolleranza.
27/12/2007/

La morte di Benazir Bhutto


Era tornata promettendo «democrazia» e impegno verso i poveri, cioè del 73 per cento dei 160 milioni di pachistani che vive con meno di due dollari al giorno. Sono parole che leggo sul servizio on line della Stampa, su Benazir Bhutto uccisa oggi da un attentato.

Fu la prima donna capo di governo in un Paese musulmano, dice un sottotitolo nella biografia della signora Bhutto, che era nata nel 1953.

Nei nostri piccoli angoli di mondo, lontanissimi dal suo Paese, giungono impotenti gli echi della violenza omicida che fa un'altra vittima. Con lei sono morte altre venti persone.
Si sente il peso doloroso della Storia in questi momenti, e vien fatto di paragonare la tragica notizia, con quelle di casa nostra. Dove la vicenda più grave delle ultime ore, sembrano le dichiarazioni di Lamberto Dini. Il quale dice del capo del governo da lui appoggiato: Prodi procura più danni di Berlusconi.

I signori come Lamberto Dini hanno mai pensato alla responsabilità politica da loro assunta davanti alla Storia appoggiando un governo, o si sono limitati a leggere certi copioni da avanspettacolo?

Correttamente Prodi nella conferenza-stampa di stamani ha detto che «un governo si abbatte con un voto di sfiducia, non con le interviste». Come appunto quella di Dini. Che poi uno stia al governo e mandi baci al capo dell'opposizione, è un fatto che andrebbe spiegato da quegli specialisti abituati a cercare l'ago nel pagliaio anche laddove non esiste il pagliaio.
All'estero:
Benazir Bhutto tuée (Le Monde)
Benazir Bhutto, asesinada (el Mundo)
Benazir Bhutto killed in attack (BBC)
Benazir Bhutto assassinated in suicide attack (IHT)
Benazir Bhutto assassinated (CNN)
Bhutto had turbulent history (CNN)
27/12/2007/

Veltroni si sveglia?


Walter Veltroni comincia (forse) a rendersi conto della trappola che si è costruito con le proprie mani quando ha pensato che il “suo” nuovo partito potesse tranquillamente ospitare oves et boves, avanti tutti con jucio, ma soprattutto a luce spenta.

È bastata l’accensione di una candelina per illuminare a sufficienza la drammatica contraddizione fra un partito moderno e l’atteggiamento pericolosamente reazionario di chi ha un progetto soltanto sanfedista.

Partito moderno significa (mi scuso per l’ardire che dimostro introducendo la spiegazione) una realtà in cui tutti i cittadini siano considerati uguali davanti alla legge.

E soprattutto un partito in cui la legge sia la norma di diritto, non la cosiddetta legge naturale che nessuno sa con precisione che cosa è. Perché si può credere che gli uomini siano naturalmente buoni e poi si guastino per colpa della società, come pensava Rousseau. Oppure si può ritenere che l’uomo nasca con un peccato originale che lo conduce al male, se non interviene il perdono di Dio.


Dunque, la norma di diritto che fa nella nostra Costituzione tutte le persone uguali davanti alla legge, deve essere il punto di partenza da rispettare e rendere operante in ogni atto della nostra Repubblica.

Su questo non ci piove. Se ne è accorto pure il buon Veltroni che ha scritto oggi, in una lettera alla «Stampa» che è «sbagliata e pericolosa» la tesi della sen. Paola Binetti la quale considera l’omosessualità una malattia da curare.

Finora Veltroni aveva perdonato alla Binetti tutte le più strane prese di posizione politica, espresse in nome dell’adesione ad una fede religiosa.

Adesso il segretario del Pd è (finalmente!) intervenuto perché ha compreso che la Binetti aveva superato ogni logica ed ogni decenza in un partito politico che si definisce «democratico».


Lo spazio per trovare sostegno alla proprie affermazioni, la sen. Binetti lo può cercare altrove, ed è infinito: alla sua destra in parlamento può avvicinare autorevoli compagni e compagne di viaggio e d’avventura. Con reciproche soddisfazioni.

Ciò che meraviglia è che, prima di Veltroni, non sia pubblicamente intervenuto nessuno da parte cattolica in maniera ufficiale, se non vado errato, a smentire le opinioni della Binetti. Di fronte alle quali vale l’osservazione manzoniana: «il buon senso c’era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune».

Una cosa è il discorso religioso che merita serietà e rispetto anche da parte di chi è laico, come dimostra esemplarmente proprio oggi l’editoriale di Eugenio Scalfari su «Repubblica». Ed un’altra cosa è la superstizione travestita da verità scientifica.

Prescindendo dal fatto particolare (omosessualità = malattia), deve interessare l’atto intellettuale che evita il discorso scientifico e realistico sulle condizioni diverse ed opposte che possono esistere anche in campo biologico.

Ricordiamoci di quando nel Settecento di discuteva delle malformazioni (i cosiddetti mostri) che i teologi negavano ma gli scienziati descrivevano. Che cosa conta di più, il pre-giudizio che nega i fatti, o l’esame freddo prescindendo dalle sue pseudo-motivazioni teologiche?
Scalfari spiega alla Binetti, con citazioni pontificie, che non è religiosamente serio sostenere che un errore di scrittura di una legge (dovuto ad un fattore di ‘ignoranza’ umana) è il frutto di preghiere rivolte a Dio dalla stessa senatrice del Pd.

Riprendo dal fondo di Scalfari le parole contenute nell'enciclica “Spe Salvi" di Benedetto XVI, a pagina 64 nell'edizione dell'«Osservatore Romano»: "Il giusto modo di pregare è un processo di purificazione interiore. Nella preghiera l'uomo deve imparare che cosa egli possa veramente chiedere a Dio, che cosa sia degno di Dio. Deve imparare che non può pregare contro l'altro. Deve imparare che non può chiedere le cose superficiali e comode che desidera al momento, la piccola speranza sbagliata che lo conduce lontano da Dio. Deve purificare i suoi desideri e le sue speranze".

Aggiunge Scalfari, rivolto alla Binetti: "Le rilegga, senatrice, e cerchi di capirne bene il senso. Soprattutto non si autogiustifichi: il Papa, nella pagina seguente, ne fa espresso divieto".
Alla Binetti, mi permetto di suggerire: rivolga le sue preghiere al Padreterno perché aiuti poveri, emarginati, malati, le vittime della Storia di cui sono piene le cronache di ogni giorno: donne, bambini, vecchi. E non perché confonda le menti della burocrazia governativa che non ne ha bisogno, essendo già sufficientemente dotata di impreparazione che porta agli errori che poi la senatrice si vanta di aver provocato grazie ad un intervento soprannaturale.

Dio, la fede e la religione sono cose troppo serie perché siano lasciate in gestione a chi scambia il cielo per il proprio cervello, come la manzoniana donna Prassede.


26/12/2007/

Una strenna per i lettori


Potete scaricare il mio testo
Anni Cinquanta

I giorni della ricostruzione

visti da un bambino.

1948-1953


pubblicato nel 1995, cliccando qui.
Auguri di un felice 2008 e buona lettura.
26/12/2007/

Da Ettore Masina


Mi giunge la nuova «Lettera» di Ettore Masina, il noto scrittore cattolico che ama intelligentemente provocare in tema di religione.
Ne riproduco un brano dalla parte iniziale: «Nella sua recente enciclica il Papa esclude che le speranze umane abbiano un vero valore se non si fondano in Cristo, e – forse senza saperlo - Salman Rushdie, scrittore fra i più importanti della nostra epoca, gli risponde che le speranze proposte da quelli che egli sprezzantemente definisce “i preti” sono inganni micidiali e pesti fondamentaliste. Il messaggio che si ricava da questi interventi è dunque che la speranza sine glossa - quella dei bambini, degli analfabeti, dei poveri, dei poeti, degli atei (tali per estenuazione, per scandalo o, più semplicemente perchè nessuno gli ha mai parlato di Dio), - è stupidità, miopia culturale o rimbambimento. Che ve ne pare?».
Più avanti, Masina scrive: «L’anno prossimo compirò ottant’anni; se osservo la carta geopolitica della Terra così com’era disegnata quando sono nato (l’Africa e l’Asia schiacciate dalla ferocia del colonialismo, l’America centromeridionale ridotta a un grappolo di repubbliche delle banane, in Italia il fascismo, in Unione Sovietica la sedicente dittatura del proletariato, la Germania spinta dalla miseria verso il nazismo, il Portogallo nelle mani di Salazar, nell’Europa orientale un coacervo di regni da operetta, milioni di italiani, irlandesi, greci, polacchi costretti a un’emigrazione che, nella sua disperata inermità, prefigurava quella odierna dei popoli del Sud, la tragedia negra negli Stati Uniti, la condizione femminile ovunque segnata da una feroce minorità eccetera) posso tracciare facilmente un censimento di speranze che allora apparivano al limite della follìa ma che hanno mutato il mondo. Ottusa è la cultura della realpolitik, aveva ragione Paolo VI, invece, quando diceva che vi sono periodi della storia in cui l’utopia è l’unico realismo possibile».
Nella conclusione troviamo scritto: «Credo che noi cattolici dobbiamo pregare per questo nostro papa e Natale è un buon giorno per farlo. Egli sembra racchiuso, come certi antichi orologi, in una campana di vetro che impedisce che vi entri la polvere (la polvere della storia, nel suo caso: le grida di dolore e quelle di gioia di tanta parte dell’umanità). Desideriamo che l’Angelo dei pastori (non si definisce pastore anche il papa?) lo stani dal suo vegliare fra i libri e lo spinga là dove risuona incessantemente il grido che ogni cristiano dovrebbe fare suo: “O voi che giacete nella polvere, alzatevi e cantate”».
26/12/2007/

Le ragioni di Prodi


Romano Prodi ha ragione. Non si può concepire la politica come eterna rissa da cortile, con protagonisti isterici i quali soltanto amano tirare i cappelli all'avversario, offendendolo con caricature e ridicolaggini che non dicono nulla alla persone serie. Non ostante tutto ed i telegiornali pubblici o privati, esse continuano ad esistere.

La politica è cosa per persone serie. L'avanspettacolo è bello ed utile. Ma non certamente quando si deve decidere la sorte di un Paese. Lasciamo le risse da cortile ai ricordi di quelle donne che si contendevano lo stesso uomo a colpi di ciabatte in testa alla nemica.

Adesso sono cose che non si usano più neppure in questi casi di conflitto d'interessi amorosi. Gli schiaffi hanno ceduto il posto alla compartecipazione all'utile e al dilettevole.

Il concetto di sesso oggi affermatosi in modo allargato nel più cattolico dei territori cattolici, rassomiglia vagamente allo spirito della ex Casa della libertà. Che lo stesso Berlusconi ha chiuso per colpa dei Casini ivi regnanti, intesi come cognomi.

Verrebbe la voglia di pregare Prodi di lasciare Palazzo Chigi soltanto per carità cristiana e risparmiarci le esibizioni del Cavaliere. Non ne possiamo più.

Prodiansa

Purtroppo per Berlusconi, Prodi ha vinto le lezioni, di stretta misura come il presidente degli Usa, anzi con più voti di scarto di lui.

Il presidente del Consiglio non rappresenta i suoi elettori ed i loro eletti. Guida un governo di un Paese, non la giostra di una periferia urbana o di una spiaggia. Berlusconi lo dovrebbe sapere, essendo circondato da fior fior di intellettuali, giuristi ed esperti di tutto lo scibile umano, come l'ispirato Giuliano Ferrara che amo e stimo moltissimo (guai se lo sapesse: mi fulminerebbe con uno di quegli sguardi da istrione che spesso ci offre). Ferrara tra un editoriale sul «Foglio» della signora Veronica Lario in Berlusconi, ed una trasmissione sulla «Sette», immagino trovi tempo per esercizi spirituali atti a rafforzare la sua modestia e la sua dialettica antiprodiana.


È inutile ogni giorno andare in fregola con la storia che Prodi se ne deva andare. Quindi ha ben fatto Prodi a dire: «L'affannosa gioia della spallata inseguita da Berlusconi non serve proprio a niente, non serve a lui perché poi non riesce a darla, né serve all’Italia». Anzi, «fa molto male alla democrazia italiana».

Non mi piace applaudire chi comanda. Ma sarà colpa delle feste o delle parole di Prodi, approvo anche un altro passaggio della sua dichiarazione natalizia: «Prima delle elezioni io sono stato sottoposto ad uno spionaggio sistematico, durissimo, illegale, ma ho sempre detto: lasciamo fare alla Magistratura. E io credo che un uomo politico debba fare queste cose».


A Prodi, se posso permettermi, suggerisco di andare cauto con certi amici che lo circondano nel novello Pd.

Al treno veltroniano si sono accodati personaggi che non hanno la minima idea della differenza fra destra e sinistra, anzi hanno fatto pubblica professione di imparzialità fra le due parti. Che è come dire che votare Prodi o Berlusconi è la stessa cosa.

Ecco, caro presidente, la spallata se verrà, giungerà da questi ambigui personaggi che fanno i giocolieri, fingendo di guardare al bene comune, ma in sostanza pensando soltanto a guadagnarsi la pagnotta con la politica perché altrove non hanno raggiunto alcun obiettivo grazie alle capacità personali ma soltanto in virtù di sacrosante protezioni.

Insomma, alla fine potrà più la «casta» che il «casto» Silvio Berlusconi, quando si tratterrà di far cadere il governo Prodi. E succederà per mano di esponenti del partito voluto fortemente dal professore. E nel più perfetto e perfido stile che una volta si diceva democristiano.


Per rallegrarvi, guardate l'imitazione di Alberto Angela fatta da Neri Marcoré (foto in alto, a destra).

24/12/2007/

Caro Carlino (e tutto il resto)
Mi hanno detto che il «Carlino» ha festeggiato i 50 anni della sua pagina riminese. Auguri.

Sono affezionato alla redazione del 1960-62, quando da studentello vi feci un apprendistato fondamentale sotto la guida del capo-pagina prof. Amedeo Montemaggi, un giornalista di vaglia e soprattutto un maestro di cronaca dalla rara efficacia e intelligenza delle cose.


L'idea di riempire le giornate con un diversivo allo studio universitario, mi venne appena conclusa la sessione d'esami dell'abilitazione magistrale (la nostra non era allora chiamata maturità).

Dissi a mio padre se mi poteva presentare a Montemaggi che lo conosceva bene.

Una mattina di fine luglio andammo mio padre ed io in piazza Cavour, ed incontrammo Montemaggi proprio sulla porta del palazzo dove ha tuttora la sede il «Carlino» riminese.

Montenaggi Dopo i convenevoli di rito, Montemaggi (foto) mi disse una cosa che ho sempre conservato in memoria come prima regola del lavoro di cronista: «Bisogna imparare a lavorare di corsa. Ieri sera ho fatto in tre quarti d'ora un pezzo di due cartelle e mezzo per l'edizione nazionale».


In quella regola c'è tutto quanto è utile ai cronisti (e anche ai blogger) in certi momenti. Ovvero concentrarsi sull'argomento, saper tirare fuori tutto quello che serve, scrivere, rileggere e spedire...

Allora non c'erano né telescriventi né computer, si andava col «fuori sacco» in stazione o al massimo per le cose urgentissime si ricorreva telefono. Che andava però usato con parsimonia per non essere sgridati dall'amministratore bolognese, celebre, temuto e tiratissimo.


Il vice di Montemaggi (che cominciava allora le sue ricerche sulla Linea gotica) era Gianni Bezzi, studente in legge, bravo, intelligente e soprattutto amico, nell'impostarmi sul lavoro di ricerca della notizia e nella stesura dei breve testi di cronaca. Bezzi ha poi lavorato a Roma al «Corriere dello Sport».

Corrispondente da Riccione era Duilio Cavalli, maestro elementare, e conoscitore dei segreti dello sport, materia affidata per il calcio al celebre Marino Ferri. Mentre «Isi», Isidoro Lanari, curava le recensione cinematografiche.

E poi c'erano i padri nobili del giornalismo riminese che frequentavano la nostra redazione. O che collaboravano allo stesso «Carlino». Giulio Cesare Mengozzi, antico amico della mia famiglia, sostituiva Montemaggi durante le sue ferie. Luigi Pasquini, una celebrità che non si fece mai monumento di se stesso, ed ebbe sempre parole di incoraggiamento con noi giovani. Ai quali Flavio Lombardini offrì di collaborare alle sue iniziative editoriali.

C'era poi la simpatica e discreta presenza di Davide Minghini, il fotoreporter, l'unico che aveva un'auto con cui andare sul luogo di fatti e fattacci. Arrivò ad un certo punto Marian Urbani, il cui marito gestiva l'agenzia di pubblicità del «Carlino». Si mise a fare la simpatica imitazione di Elsa Maxvell, la cronista delle dive americane. Dove c'era mondanità c'era Marian che le ragazze in carne corteggiavano per avere appoggi in qualche concorso di bellezza....


C'era poi un collega giovane come me, che era figlio di un poliziotto, e che andava in commissariato a rubare le foto degli arrestati dalle scrivanie dei colleghi di suo padre. E noi le dovevamo restituire...

C'era una bellissima ragazza, Nicoletta, che da allora non ho più rivisto a Rimini. Ricordo una simpatica serata che Gianni ed io trascorremmo con lei ed una sua amica inglese al concorso ippico di Marina centro. Cercavamo di insegnare alla giovane d'Oltremanica tutte le espressioni più strane del parlare corrente italiano, al limite di quello che il perbenismo di allora poteva considerare turpiloquio. Ma la frase più ardita era semplicemente: «Ma va a magnà er sapone».


Leggo sul Carlino-on line le parole di Piero Meldini per i 50 anni dell'edizione riminese: «Chiunque sapesse tenere in mano una penna (tenerla bene) è passato dal Carlino».

Posso di dire di aver fatto con Montemaggi, Bezzi e Cavalli una gavetta che mi è servita sempre. Forse appartengo ad una generazione che è consapevole dei debiti verso i maestri che ha avuto. Forse ho la fortuna di essere consapevole dei miei molti limiti per poter riconoscere l'aiuto ricevuto nel miglioramento dalle persone con cui sono venuto a contatto allora e poi. Fatto sta che quei due anni nel «Carlino» per me sono stati fondamentali.

Studio e passione per argomenti diversi hanno la radice in quella curiosità che mi insegnarono essere la prima dote di un cronista.

Gianni Bezzi scomparve giovedì 17 febbraio 2000, a 60 anni.


Lo ricordai sul web con queste righe.


Aveva debuttato al "Carlino" riminese, come vice-capopagina. Ma uno scherzetto fattogli mentre doveva essere assunto a Bologna nella redazione centrale, lo ha buttato sulla strada.

Ha diretto poi a Rimini il periodico "Il Corso". Nel 1969 è stato assunto a Roma al "Corriere dello Sport", dove è rimasto fino alla pensione. Ha scritto anche un volume su Renzo Pasolini ed ha curato, lo scorso anno, un libro sullo sport riminese nel XX secolo.

Persona buona ed onesta, professionista serio, amico di una lontana giovinezza nel mio debutto giornalistico, lo ricordo e ne piango la scomparsa con animo rattristato. E queste parole possano farlo conoscere anche fuori della Rimini astiosa dove venne tradito e ferito dal disonesto comportamento di chi volle ostacolargli una carriera meritata per la correttezza umana e professionale.
Sul settimanale Il Ponte pubblicai questo articolo.
Ciao, Gianni
Quando qualcuno si metterà a scrivere con completezza ed onestamente una storia del giornalismo riminese di questi ultimi cinquant’anni, dovrà dedicare un capitolo a Gianni Bezzi, appena scomparso a Roma, dove aveva lavorato per tre decenni al "Corriere dello Sport" come cronista ed inviato speciale.
Lo ricordo con infinito dolore. Ho perso un amico onesto, buono, corretto.

Ci eravamo conosciuti nel 1960 alla redazione riminese del "Carlino", dove guidava con serenità e buon gusto il lavoro di un gruppo di giovani, molti dei quali poi hanno cambiato strada, chi ora è architetto, chi docente universitario.


C’era uno di noi, figlio di un questurino, che a volte voleva fare degli scoop e prelevava in Commissariato le foto degli arrestati, poi arrivava una telefonata e noi le dovevamo restituire.
Gianni amava lo sport che aveva in Marino Ferri la penna-principe del "Carlino". Fece il corrispondente locale del "Corriere dello Sport". Aveva un linguaggio asciutto, il senso della notizia, era insomma bravo.


  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   22


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale