Il codice linguistico



Scaricare 176 Kb.
24.11.2017
Dimensione del file176 Kb.

Riflessione sulla lingua – La formazione delle parole –Marino Martignon

LE PAROLE COME ELEMENTI DI BASE DEL CODICE LINGUISTICO
1. Il bagaglio lessicale1 che ognuno di noi possiede

Partendo per un lungo viaggio ognuno di noi si preoccupa di portare con sé una valigia contenente quanto gli può servire per affrontare la nuova esperienza. Ebbene quando nasciamo, inizio del lungo viaggio della vita, ognuno di noi è fornito di una valigia vuota (la facoltà del linguaggio), il contatto con gli altri uomini ci consente di riempire, gradualmente, la nostra valigia. Con il passare degli anni aumenta il numero di parole che abbiamo dentro la nostra valigia (aumenta il nostro patrimonio lessicale), possiamo dire che vi è come un travaso2 di parole che passano dalle valigie ricche degli adulti alle valigie semivuote dei bambini. Rimanendo nell’esempio della valigia possiamo dire che non esistono valigie perfettamente uguali, ognuno, in base alle proprie esperienze, possiede un diverso patrimonio lessicale; tale possesso è variabile, più o meno ampio, a seconda dell’età, del livello d’istruzione, delle esperienze fatte, ecc. E’ importante ricordare come l’attività più indicata per ampliare il nostro patrimonio lessicale è senz’altro la lettura.


2. La lingua come sistema in continua trasformazione

Una lingua serve per comunicare; questa affermazione, apparentemente banale, ci consente di fare una serie di riflessioni:

  1. i contenuti che gli uomini vogliono comunicare cambiano e la lingua deve adeguarsi alle nuove esigenze comunicative (proviamo ad immaginare il dialogo di due contadini dell’800 e confrontiamolo con il dialogo di due operatori di borsa dei nostri anni; è evidente che i termini che compongono la lingua da loro usata saranno profondamente diversi);

  2. le mutazioni della lingua di una comunità sono profondamente influenzate dai contatti che quella comunità ha con altre comunità linguistiche;

  3. il fondersi di popoli che parlano lingue diverse porta al formarsi di una terza lingua che trae elementi dall’una e dall’altra (ad esempio l’incontro tra la lingua parlata dai popoli indoeuropei che arrivarono in Italia, con la lingua parlata dai popoli mediterranei residenti, ha dato origine a nuove parlate che hanno mantenuto elementi dell’una e dell’altra lingua).


3. A cosa è legata la fortuna di una lingua

L’espandersi o meno di una lingua è legato alla fortuna della comunità che parla quella lingua. Se la comunità è in grado di espandersi con essa si diffonderà anche la loro lingua, il contrario avverrà se la comunità si contrae (si può arrivare alla scomparsa vera e propria della lingua nel momento in cui quella particolare comunità sparisse, esempi in questo senso si hanno con le lingue parlate da alcune comunità degli Indiani d’America). Questo fenomeno era particolarmente evidente nell’antichità quando popoli militarmente più forti conquistavano i territori limitrofi, si pensi alla diffusione della lingua latina collegata alle conquiste dei romani antichi.
4. La formazione delle parole

Abbiamo visto come la lingua sia un sistema in continua mutazione, cerchiamo ora di capire da dove nascono le parole nuove che vanno ad arricchirla e perché alcuni termini che la compongono spariscono.



4.1 Come una lingua si arricchisce di nuove parole

Il lessico di una lingua si arricchisce in continuazione di nuove parole in due modi:



  1. dall’esterno, accogliendo parole straniere (più o meno adattate);

  2. dall’interno, creando nuove parole da una base lessicale già esistente, secondo modelli formativi ben definiti.

a. Dall’esterno accogliendo parole straniere

Parole come computer o meeting fino a qualche anno fa non appartenevano certo alla lingua italiana, oggi ne fanno parte a pieno titolo. Non dobbiamo però pensare che questo fenomeno sia legato alla nostra epoca, da sempre la lingua di un popolo si arricchisce con parole di altri popoli con cui viene in contatto. Gli stessi Romani nei loro rapporti con i Greci arricchirono il lessico della loro lingua (il latino) con vocaboli della lingua greca, parole come: democrazia, monarchia, politica, ginnastica, palestra, ecc derivano tutte dal greco.



b. Dall’interno, creando nuove parole da una base lessicale già esistente, secondo modelli formativi ben definiti.

Per questo ambito possiamo distinguere i seguenti procedimenti di formazione di nuove parole:



  • derivazione (prefissazione e suffissazione)

  • alterazione

  • composizione


4.2 Parole primitive

Le parole che non derivano da altre parole si dicono PRIMITIVE esse sono costituite da due elementi essenziali: la radice e la desinenza.

Nella RADICE è contenuto il significato di base della parola, mentre la DESINEZA ci fornisce delle informazioni in merito al numero (singolare o plurale), al genere (maschile o femminile) e per i verbi anche al tempo e alla persona.

Le seguenti sono parole primitive:

fiorefior- / -e

(radice) / (desinenza)


cavallo cavall- / -o

(radice) / (desinenza)



4.3 Parole derivate (prefissazione e suffissazione)

Il processo che porta alla formazione di parole derivate consiste nell’aggiunta di elementi modificanti alle parole primitive. Questi elementi si definiscono:



PREFISSI (dal latino PRAEFIXUM “posto prima”) se precedono la parola

dis- + -funzion- + -e  disfunzione

(prefisso) (radice) (desinenza)


SUFFISSI (dal latino SUBFIXUM “posto dopo”) se posti dopo la radice;

ond- + -at- + -a  ondata

(radice) (suffisso) (desinenza)


Prefissazione

E’ importante ricordare che la prefissazione non comporta mai variazione nella categoria d’appartenenza della parola primitiva (un nome rimane nome, un aggettivo rimane aggettivo, ecc.). Vediamo ora alcuni tra i prefissi più diffusi.



Prefissi di tipo spazio-temporale

Ante-, anti-, pre-

Ante- e anti- derivano dal latino ANTE- “davanti” indicano perciò qualcosa che viene prima di qualcos’altro (ante-guerra, anti-pasto, ecc.). Pre- deriva dal latino PRE- “davanti”, ha un significato simile ad ante- (pre-bellico).

Con-, sin-

Con- deriva dal latino CUM “insieme con”. Sin- deriva invece dal greco syn- “con”. Indicano unione, compagnia, collegamento.

La n di con diventa m davanti a b, m, p; diventa l davanti ad una l; r davanti a r; si riduce, invece, a co- davanti a vocale.



con-celebrare (con il significato di celebrare assieme)

com-battere (si noti come la n di con- sia diventata m davanti a b)

com-mensale (si noti come la n di con- sia diventata m davanti a m)

com-paesano (si noti come la n di con- sia diventata m davanti a p)

col-lega (si noti come la n di con- sia diventata l davanti a l) questa parola deriva dal latino collega, con il significato di “legare insieme” quindi avere uno stesso incarico

co-abitare (in questo caso la n di con- è caduta davanti alla vocale)

Per il prefisso sin- dobbiamo fare riferimento a termini che derivano dalla lingua greca. Troviamo sin-agoga (derivato da synàgein “condurre, mettere assieme”), sin-eresi (tale termine indica in poesia la figura metrica che prevede di considerare come unica sillaba vocali contigue che formano uno iato).



Contro-, contra-, anti-

Contro- e contra- derivano dal latino CONTRA, mentre anti- deriva dal greco antì “contro”. Indicano opposizione, antagonismo. Contro-corrente, contra-ccolpo, anti-droga, anti-allergico.

Extra-

Extra- deriva dal latino EXTRA “fuori”. Indica una realtà diversa, che sta al di fuori, rispetto a quella di riferimento. Abbiamo extra-comunitario, extra-linguistico, ecc.

Inter-

Deriva dal latino INTER “tra”. Se il significato originario era “tra” e quindi “in mezzo a”, con inter- possiamo anche indicare relazione e reciprocità.



inter-capedine (intesa come lo spazio compreso tra due superfici parallele)

inter-bancario (accordo di banche, indica quindi relazione)

inter-dipendenza (nel quale viene sottolineata la reciprocità)

Intra-, endo-

Intra- deriva dal latino INTRA “dentro, all’interno”, mentre endo- deriva dal greco éndon “dentro”. Questi prefissi sono molto usati nel linguaggio scientifico, abbiamo così intra-muscolare ed endo-scopia.

Multi-, poli-

Multi- deriva dal latino MULTUM “molto”, poli- deriva dal greco polys “molto”. Indicano molteplicità, abbondanza. Troviamo: multi-disciplinare, multi-canale, poli-glotta (che parla più lingue), poli-ambulatorio.

Neo-, paleo-

Neo- deriva dal greco néos “recente”, mentre paleo- deriva da greco palaiòs “antico”. Il prefisso neo- viene usato sia per indicare qualcosa di nuovo (es. neo-laureato), sia nel caso di ripresa di ideologie o concetti del passato (neo-positivismo, neo-fascismo, ecc.)

Oltre-, ultra, meta-, iper-

Oltre- e ultra- derivano dal latino ULTRA “oltre, di là da”; meta- deriva dal greco metà “oltre”, iper- deriva sempre dal greco hypér “sopra, oltre”. Questi prefissi indicano qualcosa che sta al di là, al di sopra, anche da un punto di vista concettuale. Iper- e meta- hanno acquisito con il tempo anche valore intensivo.

oltre-confine

oltre-misura

ultra-suono

meta-tarso

meta-fora

iper-mercato

iper-calorico

iper-attivo
Para-

Deriva dal greco parà “presso, accanto”. Può indicare affinità, somiglianza, ma anche deviazione, alterazione, contrapposizione.



para-scolastico (che affianca e integra l’attività scolastica)

para-letteratura

para-dosso (che va contro la comune opinione, che si contrappone all’esperienza comune)

Post-, retro-

Post- deriva dal latino POST “dopo”, mentre retro- deriva dal latino RETRO “dietro”. Possono avere significato spaziale o temporale.

post-bellico (dopo la guerra)

post-moderno

retro-bottega (dietro il negozio)

Quando il prefisso retro- viene usato per un riferimento temporale allora diventa l’opposto di post-; se post- indica dopo, posteriormente, retro- indica prima, anteriormente. Retro-datazione significherà perciò l’apposizione di una data prima del dovuto.



Sopra-, sovra-, super-

Sopra- e sovra- derivano dal latino SUPRA “sopra”, super- deriva dal latino SUPER. Indicano preminenza, superiorità, eccedenza rispetto a quella che viene considerata la norma.

sopra-bito (indumento che si indossa “sopra” l’abito”)

sopra-lluogo

sopra-nnaturale (o sovra-nnaturale)

sovra-ccarico

super-alcolico

super-mercato

Sotto-, sub-, infra-, ipo-

Sotto- deriva dal latino SUBCTUS “di sotto”, sub- deriva dal latino SUB “sotto”, infra- dal latino INFRA “sotto”, ipo- dal greco hypo “sotto”. Sub- e ipo- vengo usati anche con valore intensivo (sub-normale con il significato di inferiore alla normalità, ipo-glicemia che indica una mancanza di zuccheri nel sangue)

sotto-scala

sub-acqueo

infra-struttura

infra-suono (vibrazione acustica troppo bassa per essere percepita dall’uomo, si contrappone a ultra-suono)

infra-settimanale (in questo caso il prefisso infra- equivale a intra-, indica “entro, all’interno”)

ipo-calorico (che fornisce poche calorie)

ipo-vitaminosi (carenza di vitamine nell’organismo)

Vice-, pro-

Vice- deriva dal latino VICE “in vece di”, pro- deriva dal latino PRO “davanti, in luogo di”. Questi prefissi vengono spesso usati per indicare cariche e funzioni.

vice-questore

vice-preside

pro-console

pro-genitore (in questo caso il prefisso ha un valore temporale, indica anteriorità)
Prefissi di tipo valutativo

Abbiamo visto i prefissi che hanno valore spazio-temporale, vediamo ora i prefissi che hanno la funzione di qualificare (con riferimento a favorevole/contrario o vero/falso; es. da rivoluzionario abbiamo anti-rivoluzionario e pseudo.rivoluzionario), e di graduare l’intensità di un determinato elemento (da un valore massimo ad un valore nullo; es. super-occupato/sotto-occupato/dis-occupato).


Arci-, super-, extra-, ultra-, stra-

Arci- deriva dal greco archi-, dalla radice di archein “essere a capo, comandare”, l’origine di super- l’abbiamo già vista, extra- deriva dal latino EXTRA “fuori”, stra- deriva sempre dal latino (e)xtra- e quindi ha lo stesso significato di extra-. Questi prefissi indicano la massima intensità di qualcosa, hanno in genere un valore positivo (questa loro particolarità fa si che vengano particolarmente usati nel linguaggio pubblicitario, dove spesso troviamo termini che iniziano con i prefissi ultra-, extra-, super-). Possono venire usati anche con valore assoluto, troviamo così “benzina super”, “sconto extra”, ecc.

arci-noto

arci-prete

super-uomo

extra-vergine

ultra-rapido

stra-ricco

Ben(e)-, mal(e)-, eu-, caco-

Ben(e)- e mal(e)- derivano dal latino, mentre eu- deriva dal greco eu “bene”, caco- dal greco kakòs “cattivo”. Questi prefissi formano parole derivate che hanno una chiara funzione apprezzativa.

ben-pensante

ben-accetto

mal-accorto (significa poco prudente, incauto)

eu-fonia (suono gradevole)

caco-fonia (suono sgradevole”

Bi(s)-, di-

Bi(s)- deriva dal latino BIS “due volte”, di- deriva dal greco ed ha significato simile a bis-.

bis-cotto (cotto due volte)



bis-unto (molto sporco)

di-saccaride (sostanza formata dall’unione di due monosaccaridi)

Dis-, dis-

Se ho scritto due volte dis- non è per distrazione, esistono due prefissi dis- uno derivante dal latino e uno dal greco. Pur avendo significati originari leggermente diversi questi due elementi sono ormai confluiti in un’unica nozione, in cui si riconosce l’idea di negazione, di alterazione, di peggioramento. Un dis- deriva dal latino DYS- prefisso negativo che indica “separazione, dispersione, negazione”, mentre l’altro deriva dal greco dis- “male, mancanza”.



dis-abile

dis-articolato

dis-solvere

dis-accordo

dis-lessia (disturbo nella capacità di lettura)

In-, a-, non-

In- deriva dal latino IN- (prefisso negativo), a- dal greco a- (prefisso negativo detto “alfa privativo”). Questi prefissi indicano negazione, privazione di qualcosa. In- e non- hanno valore di negazione assoluta (in-costante, non-curante), a- può esprimere negazione assoluta (a-politico) ma anche mancanza (a-nemia).

Nei derivati con il prefisso in- il prefisso si modifica parzialmente (si assimila) davanti a parole che iniziano con b, m, p, r, l (im-battuto, im-maturo, im-possibile, ir-regolare, il-legittimo).



in-abitabile

in-adempiente

in-utile

im-meritato

a-dimensionale (privo di dimensioni fisiche)

a-polide (che non mantiene la cittadinanza in alcuno stato)

Mini-, maxi-, mega-

Il prefisso mini- deriva dall’inglese mini- derivato di “miniature”, maxi- dall’inglese maxi-skirtmaxigonna”, mega- deriva dal greco mégas “grande”.



Mini- indica qualcosa di piccolo, maxi- e mega- qualcosa di grande. Nel linguaggio della scienza mega- è preferito a maxi- e nell’esprimere delle unità di misura indica un milione (mega-watt, un milione di watt, mega-byte, un milione di byte, ecc). I prefissi mini- e maxi- sono apparsi solo di recente nella lingua italiana, ma hanno avuto notevole fortuna.

mini-appartamento

maxi-schermo

mega-show

Pan-, omni-, onni-,

Il prefisso pan- deriva dal greco pantutto”, omni- e onni- derivano invece dal latino OMNIStutto”. Indicano, a seconda dei casi, tutto, completamente, da ogni punto di vista, da ogni parte. Pan- può diventare pam- davanti a b, m, p.



pan-acea (rimedio capace di risolvere tutti i mali)

omni-direzionale (che si propaga in tutte le direzioni)

onni-comprensivo (tutto compreso)

Pseudo-

Dal greco pseudos “menzogna”. Indica qualità apparente, somiglianza, in alcuni casi assume valore spregiativo (pseudo-studente).



pseudo-nimo (falso nome)

S-

Dal latino EX “fuori”. Dell’origine latina riflette l’idea di allontanamento, separazione. Come prefisso nominale e aggettivale ha funzione negativo-sottrattiva (s-contento). Questo prefisso si caratterizza per la capacità di ribaltare il significato della parola a cui si unisce es. vantaggio/s-vantaggio.



s-misurato

Semi-, emi-

Semi- deriva dal latino SEMI- che indica “metà”, emi- deriva dal greco hemi- “mezzo”. Mentre semi- si usa anche per il linguaggio comune, emi- è specifico della terminologia scientifica.

semi-analfabeta

emi-paresi (paralisi di metà del corpo)

Prefissi verbali

I prefissi che abbiamo finora visto sono tipici dei nomi e degli aggettivi (prefissi nominali e aggettivali), vediamo ora alcuni prefissi che sono invece caratteristici dei verbi (prefissi verbali)



Contra-, contro-

Questi due prefissi derivano dal latino CONTRA “contro”. Oggi questi prefissi sono molto usati, diversi neologismi3 sono ottenuti anteponendo ad una parola “primitiva” il prefisso contra- o contro-. Possono avere il significato di contrapposizione, reazione contraria (contra-pporre), ma anche di rinforzo (contro-prova).



contra-pporre

contro-producente

contro-bilanciare

contro-ricevuta (in questo caso il prefisso ha valore di rinforzo)

De-,

Deriva dal latino DE- (prefisso che indica separazione, allontanamento). Questo prefisso ha soprattutto un valore sottrattivo (concentrare -> de-concentrare, nel senso di togliere concentrazione).



de-congelare

de-stabilizzare

Ri-, re-

Entrambi i prefissi derivano dal latino RE-. Indicano prevalentemente ripetizione.



ri-creare

ri-tornare

re-plicare

re-agire
Suffissazione

Se la prefissazione non comporta mai variazione nella categoria d’appartenenza della parola primitiva (un nome rimane nome, un aggettivo rimane aggettivo, ecc.), con la suffissazione possiamo avere variazione nella categoria di appartenenza della parola che otteniamo dopo aver aggiunto il suffisso stesso (un nome può diventare aggettivo, un aggettivo diventare verbo, ecc.).

Vediamo ora alcuni esempi di suffissi :

Da nome a nome (suffissi nominali denominali4)

-aglia

Ha valore collettivo spregiativo (ragazzo -> ragazz-aglia, ferro -> ferr-aglia)



-aio, -aro, -ario, -aiolo

Il suffisso -aio viene usato soprattutto per formare nomi di mestiere (orologio -> orologi-aio), in alcuni casi ha valore locativo (pollo -> poll-aio). Da sottolineare come per indicare i mestieri tale suffisso è in declino rispetto al suffisso -ista, oggi più usato (fiore -> fior-ista).

Anche il suffisso –aro è usato per indicare nomi di mestieri (campana -> campana-aro). Non è raro veder usare questo suffisso anche per formare neologismi (borgat-aro, rockett-aro, panin-aro, ecc.).

Il suffisso –ario compare in nomi di professione (biblioteca -> bibliotec-ario), in nomi comuni con valore collettivo (vocabolo -> vocabol-ario); nel linguaggio giuridico e burocratico consente di indicare chi è titolare di un certo diritto (colui che “riceve”, rispetto a colui che “dà”, termini come locat-ario, benefici-ario, assegnat-ario indicano una persona titolare di un deterrminato diritto).

Infine il suffisso -aiolo viene usato sia per indicare nomi di mestieri (bosco -> bosca-iolo), sia in espressioni aventi un connotato negativo (borsa – bors-aiolo).

-ata

Questo suffisso se viene unito a nomi di parti del corpo può indicare l’azione compiuta da quella parte del corpo (occhio -> occhi-ata, dita->dit-ata). Può indicare anche colpo, percossa (bastone -> baston-ata), ma anche “quantità approssimata contenuta in un recipiente” (cucchiaio -> cucchiai-ata). Caratteristico il valore spregiativo che tale suffisso assume quando si unisce ad una parola che ha già base negativa (stupido -> stupid-ata).



-ato

Tale suffisso si trova in particolare in sostantivi che indicano un particolare stato giuridico (celibe->celibato), o per indicare un insieme di persone che condividono una medesima condizione (laic-ato, sindac-ato).



-ema

Tale suffisso è caratteristico della linguistica, indica “la più piccola unità significante del linguaggio e dell’espressione” (fon-ema, graf-ema, ecc.)



-eria

E’ il suffisso più usato per indicare negozi ed attività commerciali (latte -> latt-eria, salumi -> salum-eria), può avere anche valore collettivo (fante -> fant-eria).



-eto

Questo suffisso ha valore locativo-collettivo, indica un’area in cui si concentra una particolare specie vegetativa (olive -> oliv-eto, vigne -> vign-eto).



-iere,- iera

Il suffisso -iere viene usato innanzitutto per indicare nomi di mestieri (pompa -> pomp-iere, porta -> port-iere). Il suffisso -iera viene usato non tanto per gli esseri animati quanto per gli oggetti, troviamo così zucchero -> zuccher-iera, denti -> dent-iera.



-ile

Ha valore locativo-collettivo con particolare riferimento a stalle e recinti che raccolgono animali (cane -> can-ile).



-ista

Come indicato sopra, tale suffisso consente di indicare chi svolge una particolare attività (dent-ista, camion-ista, marm-ista, ecc.), chi segue una determinata ideologia (social-ista, comun-ista, ecc.), o ha un certo atteggiamento (disfatt-ista). I derivati ottenuti con il suffisso -ista sono piuttosto diffusi.



Suffissi utilizzati in ambito scientifico

Nel linguaggio medico alcuni suffissi hanno un significato specifico: -ite indica infiammazione acuta (tendin-ite), -osi stato patologico, acuto o cronico, ma non infiammatorio (nevr-osi, scler-osi, ecc.), -oma può indicare tumefazioni (emat-oma), infiammazioni circoscritte (granul-oma), formazioni tumorali a carattere benigno o maligno (epiteli-oma, carcin-oma).


Da aggettivo a nome (suffissi nominali deaggetivali5)

-eria

Come suffisso deaggettivale forma nozioni astratte (tirchio -> tirchi-eria).



-ezza, -izia

Sono i due suffissi più usati per formare nomi astratti (bello -> bell-ezza; giusto -> giust-izia).



-ia

Piuttosto frequenti, anche questi suffissi comportano la trasformazione della parola da aggettivo a sostantivo (pulito -> puliz-ia).



-ismo, -esimo

Questi suffissi consentono di indicare un atteggiamento (pessimo -> pessimismo), un orientamento ideologico (comune -> comun-ismo), un insieme di valori (cristiano -> cristian-esimo). Ricordo che questi suffissi possono venire usati, anche se con minor frequenza, su base nominale (Marx -> marx-ismo).



-ità, età, -tà

Suffissi caratteristici di sostantivi astratti (obeso -> obes-ità; empio -> emp-ietà; libero -> liber-tà).



-itudine

Anche in questo caso il suffisso porta a formare sostantivi astratti (solo -> sol-itudine).


Da nome ad aggettivo (suffissi aggettivali denominali6)

-ale

Piuttosto diffuso, questo suffisso è di origine latina (posta -> post-ale).



-are

Anche questo prefisso è oggi d’uso piuttosto frequente (sole -> sol-are; popolo -> popol-are).



-ico

E’ tra i suffissi più diffusi, trae la sua origine da modelli greci e latini (accademia -> accadem-ico).



-oso, -osa

Questi suffissi formano aggettivi che evidenziano la presenza di una certa qualità (costo -> cost-oso).



Da verbo a nome (suffissi nominali deverbali7)

-aggio

Questo suffisso viene usato per indicare operazioni di tipo tecnico (lavare -> lav-aggio; montare -> mont-aggio).



-ando

Indica l’imminenza di una cosa (laureare -> laure-ando), ma può anche esprimere l’idea del dovere, della necessità (sforzare -> sforz-ando).



-ante, -ente

Questi suffissi consentono di ottenere, partendo da una base verbale, un sostantivo riferito a una persona che compie una certa azione (cantare -> cant-ante).



-mento

E’ uno dei suffissi più diffusi per ottenere sostantive partendo da base verbale. Indica un’azione e il risultato che ne consegue (pagare -> paga-mento; abbattere -> abbatti-mento).



-zione, -sione

Anche questi suffissi sono piuttosto diffusi (collocare ->colloca-zione; dividere -> divi-sione).


Da nome a verbo (suffissi verbali denominali8)

-are, -ire

Le derivazione verbali che utilizzano tali suffissi sono molto numerose, otteniamo sia verbi transitivi (bacio > baci-are) sia intransitivi (viaggio -> viaggi-are).



-ificare

E’ anche questo un suffisso piuttosto usato (identico -> ident-ificare; pari -> par-ificare).



-izzare

Anche questo è un suffisso molto diffuso, in particolare nei neologismi, (scandalo -> scandal-izzare).


Da verbo ad aggettivo (suffissi aggettivali deverbali9)

-abile, -ibile

Tali suffissi formano aggettivi che indicano opportunità, possibilità (amare -> am-abile; comprendere -> comprens-ibile).


4.4 Alterazione

Con la derivazione abbiamo visto come sia possibile, mediante l’uso di suffissi e prefissi, ottenere delle parole che hanno un significato sostanzialmente diverso dalla parola di partenza ecco così che libro diventa libraio, bosco diventa boscaiolo, ecc. Diversamente l’alterazione, con questa, infatti, non avviene una radicale modifica nel significato del termine che ottengo libro diventa libr-etto, librone, libraccio, ecc. mantenendosi all’interno di un ambito di significati similari. Il suffisso che aggiungiamo si limita ad alterare il significato della parola d’origine, fornendo indicazioni che riguardano la dimensione, il valore, ecc.

Naturalmente l’alterazione non consente una modifica della categoria grammaticale d’appartenenza dell’elemento alterato rispetto all’elemento di partenza.

Il fenomeno dell’alterazione è legato unicamente all’uso di suffissi, non esistono prefissi alterativi.
Suffissi alterativi diminutivi

Il contesto linguistico di riferimento fa si che i diversi suffissi possano far assumere al termine ottenuto un significato solo dimensionale o anche un significato di valore, in quest’ultimo caso si parla di alterativi vezzeggiativi.



-ino (piccolo -> piccol-ino)

-ello, -ella (finestra -> finestr-ella)

-etta, -etto (casa -> cas-etta; campo -> camp-etto; vecchio -> vecchi-etto)

-icello (frate -> frat-icello)

-uccio (caldo -> calduccio)
Suffissi alterativi accrescitivi

Il contesto linguistico di riferimento fa si che i diversi suffissi possano far assumere al termine ottenuto un significato solo dimensionale o anche un significato di valore, in quest’ultimo caso si parla di alterativi spregiativi.



-one (libro -> libr-one)

-acchione (furbo -> furb-acchione)

-accio (gatto -> gatt-accio)

-astro (poeta -> poet-astro)

La capacità di alterare le parole, ossia di poter precisarne il significato in relazione alla dimensione a la valore col semplice ricorso a suffissi, è una caratteristica della lingua italiana; la lingua francese e quella inglese mancano del tutto di questa possibilità, mentre la lingua tedesca dispone di un numero estremamente limitato di suffissi alterativi.


4.5 Composizione

Per la formazione di nuove parole oltre alla derivazione e all’alterazione ci si serve della composizione. Nella composizione il nuovo termine si ottiene mediante la combinazione di due o più parole distinte. Le parole che si ottengono attraverso il procedimento della composizione si definiscono composti o parole composte.

Le parole che si uniscono per formare il composto possono appartenere alla stessa categoria grammaticale:

capo + treno (nome + nome)

grigio + verde (aggettivo + aggettivo)

sali + scendi (verbo + verbo)
o, come avviene nella maggior parte dei casi, appartenere a categorie grammaticali diverse:

basso + rilievo (aggettivo + nome)

lava + piatti (verbo + nome)

cassa + forte (nome + aggettivo)

Le parole che possiamo ottenere dall’unione di due o più termini possono essere:



  • nomi (apriscatole)

  • aggettivi (sordomuto)

  • avverbi (oggigiorno)

  • verbi (benedire)

Qualche difficoltà può nascere quando dobbiamo indicare al plurale i nomi composti, per chiarimenti rinviamo al modulo dedicato al Nome.
Prefissoidi e suffissoidi

Abbiamo visto come i nomi derivati si ottengono aggiungendo al nome primitivo un prefisso, un suffisso o entrambi, abbiamo visto anche come esistono dei nomi, detti composti, che si ottengono dall’unione di più parole aventi un loro significato autonomo. Ebbene esistono delle parole composte, usate in particolare in ambito scientifico, ottenute grazie all’uso di elementi che nella lingua greca e latina erano delle parole o radici di parole10. Tali elementi, pur mantenendo un loro preciso e costante significato, non compaiono isolati nella lingua italiana, devono sempre accompagnarsi ad un’altra parola. In base alla posizione che andranno ad occupare nella parola composta tali elementi si definiscono prefissoidi (primo elemento della parola composta) e suffissoidi (secondo elemento della parola composta).

Nella lingua italiana esistono anche parole formate dall’unione di un prefissoide con un suffissoide:

atropo- (dal greco àntrhropos, “uomo”) + -logia (dal greco logia, “studio”) -> antropologia (“studio dell’uomo e delle comunità umane”)

La comune origine linguistica, greca e latina, di termini scientifici appartenenti a diverse lingue nazionali ha fatto si che tali termini fossero simili nelle diverse lingue, consideriamo la parola “biologia” (dal greco bìos, “vita” e logia, “studio”, quindi scienza che studia gli esseri viventi), tale termini ha il suo corrispondente nel francese “biologie”, nello spagnolo “biologia”, nell’inglese “biology”, e nel tedesco “Biologie”.

Data la loro larga diffusione, conoscere il significato di prefissoidi e suffissoidi è di grande importanza aumentare il nostro bagaglio lessicale, ci consente, con relativa facilità, di comprendere e ricordare il significato di molte parole nuove che incontriamo.



Vediamo di seguito alcuni tra i prefissoidi e suffissoidi più usati nella lingua italiana, distinguendoli a seconda dell’origine greca o latina.



PREFISSOIDI DI ORIGINE GRECA






PREFISSOIDI DI ORIGINE LATINA

Prefissoide

Significato

Esempio




Prefissoide

Significato

Esempio

aero-

aria

aeroplano




agri-

della terra

agricoltura

antropo-

uomo

antropologia




ambo-

due

ambosessi

auto-

da solo

autodidatta




bis-

due volte

bisnonno

biblio-

libro

biblioteca




flori-

dei fiori

floricoltura

bio-

vita

bioritmo




maxi-

molto grande

maxicono

crono-

tempo

cronometro




multi-

molti

multiculturale

demo-

popolo

democrazia




onni-

tutto

onnicomprensivo

emo-

sangue

emofilia




radio-

raggio

radioattivo

etero-

altro, diverso

eterogeneo




vice-

al posto di

vicepresidente

filo-

che ama

filosofia













fono-

suono

fonologia













geo-

terra

geografia




-







idro-

acqua

idromassaggio













macro-

esteso, grande

macroeconomia













micro-

piccolo

microscopio













mono-

uno solo

monografia













morfo-

forma

morfologia













neo-

nuovo

neologismo













omo-

simile

omogeneo













paleo-

antico

paleolitico













pato-

sofferenza, malattia

patologia













piro-

fuoco

piromane













pluri-

più

pluriennale













pneuma-

aria

pneumatico













pseudo-

falso

pseudomino













tele-

lontano

telescopio













teo-

dio

teologia













termo-

calore

termometro













topo-

luogo

toponimo













zoo-

animale

zoologo
















SUFFISSOIDI DI ORIGINE GRECA






SUFFISSOIDI DI ORIGINE LATINA

Suffissoide

Significato

Esempio




Suffissoide

Significato

Esempio

-algia

dolore

nevralgia




-cida

che uccide

fratricida

-archia

comando

monarchia




-coltore

che coltiva

agricoltore

-crazia

potere

democrazia




-fero

che porta, che produce

frigorifero

-dromo

corsa

autodromo




-voro

che mangia

onnivoro

-fagia

mangiare

antropofago













-filia

amore

filosofia













-fobia

paura

claustrofobia













-grafia

scrittura

calligrafia













-logia

scienza, discorso

metodologia













-scopia

osservare

endoscopia













-teca

raccoglitore

biblioteca














4.6 Le famiglie di parole

Derivazione, alterazione, composizione tutti questi procedimenti consentono di ottenere più parole partendo da una medesima radice; ebbene l’insieme di termini derivanti da un’unica radice si definisce “famiglia di parole”, vediamo di seguito l’esempio della famiglia di parole derivanti dalla radice “frutt-“



Radice “frutt-“

Nomi

Avverbi

Aggettivi

Verbi

frutteto

fruttiera

fruttivendolo

fruttosio

sfruttatore


fruttuosamente

fruttifero

fruttuoso

infruttifero


fruttificare

sfruttare




5. Perché alcune parole cadono in abbandono

Le parole hanno la capacità di richiamare oggetti, concetti, attività, ecc. è chiaro che il loro uso è strettamente legato alla “fortuna” dell’oggetto, del concetto, dell’attività. Prendiamo come esempio alcuni oggetti ed attività del passato che ora, per i sopravvenuti progressi tecnologici, non esistono più:



bracino (venditore di legna e carbone)

bigoncia (recipiente in legno usato per il trasporto dell’uva)

moscarola (involucro usato per riparare il cibo dalle mosche)
Altre parole vengono abbandonate perché sostituite da un termine di una lingua straniera che viene considerato più adatto, ad esempio oggi, in particolare tra i giovani, sempre più di frequente si sente usare il termine inglese “shopping” al posto di “fare acquisti”, e come questo vi sono molti altri esempi di termini italiani ritenuti non più idonei e sostituiti dai corrispondenti inglesi, aquascooter per moto d’acqua, art director per direttore artistico, audience per ascolto, ecc.

Dobbiamo dire che negli ultimi anni molti termini della lingua inglese, in parte anche per la notevole diffusione del computer e della terminologia ad esso collegata, sono entrati a far parte della lingua usata dagli italiani, tale tendenza mi sembra irreversibile anche per il numero sempre più frequente di contatti tra gli appartenenti alla comunità europea e la conseguente necessità di trovare una lingua comune.



1 Il termine lessico deriva dal greco lekxikòn = libro di parole (léksis significa parola).

2 Naturalmente questo travaso non comporta una perdita per gli adulti. Questa operazione potrebbe essere paragonata al copia-incolla dei programmi di elaborazione testi; non vi è la perdita dell’originale, questi viene solo copiato ed è la copia ad essere incollata in altra posizione.

3 Parole di nuova formazione.

4 La parola di partenza appartiene alla categoria dei nomi, la parola che otteniamo alla categoria dei nomi.

5 La parola di partenza appartiene alla categoria degli aggettivi, la parola che otteniamo alla categoria dei nomi.

6 La parola di partenza appartiene alla categoria dei nomi, la parola che otteniamo alla categoria degli aggettivi.

7 La parola di partenza appartiene alla categoria dei verbi, la parola che otteniamo alla categoria dei nomi.

8 La parola di partenza appartiene alla categoria dei nomi, la parola che otteniamo alla categoria dei verbi.

9 La parola di partenza appartiene alla categoria dei verbi, la parola che otteniamo alla categoria degli aggettivi.

10 Tali elementi derivano soprattutto dal greco e dal latino ma non esclusivamente, in alcuni casi possono derivare da altre lingue straniere.






Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale