Il corano (peccato che indurisca un poco IL cuore, l’anima e lo spirito)



Scaricare 0.53 Mb.
Pagina1/18
21.12.2017
Dimensione del file0.53 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   18

IL CORANO (peccato che indurisca un poco il cuore, l’anima e lo spirito)

Rivelazione.

Il concetto di rivelazione islamico è diverso da quello Cristiano e da quello cattolico.

Si dice che esiste in paradiso un libro archetipo celeste di altre scritture (Corano 10,38).

Le scritture sarebbero rivelazioni parziali e successive di tale libro-archetipo.

Ogni profeta o inviato del Dio avrebbe portato al popolo a lui affidato un libro o un insegnamento redatto nella lingua di quel popolo.

Per questo il Corano parla di libri di Abramo e di Mosè e delle rivelazioni fatte a Noè, Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe, Gesù, Giobbe, Giona, Aronne, Salomone e Davide.

I libri sacri più famosi sono appunto quelli citati, che corrispondono, rispettivamente, alla legge data da Mosè (Corano 32,23) (Pentateuco ebraico -cristiano), ai salmi rivelati a Davide (Corano 17,57; 4,161) e al vangelo rivelato a Gesù (Corano 5,50). Naturalmente il sacro Corano (… è l’ultimo dei libri divini rivelati; esso abroga tutti i libri anteriori e resterà in vigore vino al giorno della risurrezione…). Nella nostra traduzione, ci siamo attenuti a un linguaggio più moderno (forse non tutti lo accetteranno!). Invece di parlare di legge, salmi, vangelo, abbiamo parlato più semplicemente di “Vecchio (Antico) Testamento e Nuovo Testamento”.

SA’IR v. INFERNO

SAFA’, MARWA. None di due monti-piccoli esistenti presso la Mecca, importanti per i riti del pellegrinaggio. Tra queste due colline, i musulmani compiono il sa’y = percorso settenario, in memoria delle sette volte che lo percorse Agar alla ricerca di una sorgente per il figlio Ismaele assetato. Il significato di entrambe le parole (che abbiamo lasciato così nel testo) è “pietra” , “pietre”.

SALA’T v. PREGHIERA

SA’LIH v. THAMU’D

SA’MIRI’. Personaggio che compare solo una volta nel Corano (capitolo XX) per istigare gli ebrei a confezionare il vitello d’oro. Molte congetture sul suo nome. Nessuna certezza. Pare si tratti di una personificazione dei samaritani, nemici dichiarati degli ebrei.

Eponimo della magia satanica, che è contro qualsiasi religione.

SHAYTA’N. Il “satana” come demonio è noto all’isla’m, fin dall’epoca del Corano. L’origine del termine si deve ricercare nella tradizione ebraica -cristiana Cattolica.

Egli sarebbe il padre degli shayatina (= piccoli dèmoni) e dei g’inn (= spiritelli malefici, ai quali ancora crede la gente del popolo). Secondo una tradizione assai diffusa, Allah avrebbe creato prima il satana e sua moglie; dalla loro unione sarebbero scaturite tre uova, da cui nacquero le varie

categorie di spiritelli. Non si sa bene se il satana musulmano ha un corpo pesante o un corpo sottile, come gli angeli. Di lui si parla molto nel Corano. E’ chiamato rag’i’m che si traduce generalmente con “lapidato” ma che pare piuttosto un termine preso in prestito alla lingua ghe’ez’, “maledetto”.

Il satana è il tentatore di Adamo e di ogni uomo ed è il nemico dichiarato di ogni uomo.

TEORIA DEI “SEGNI” (AYA’T). Caspar R. in una lucida sintesi presenta i “segni” di Dio espressi

Dal Corano così:

segni (a) della creazione: la creazione testimonia l’unità e la unicità di Dio. L’universo, creato dal caos, l’uomo, modellato di argilla, o creato direttamente nel seno di una donna, come ‘I’sa’ in Maryam, sono altrettante prove, numerose e convergenti, della autenticità della parola rivelata da Dio nel Corano;

segni (b) dei popoli castigati: se ne trovano resti nel Corano (Hùd, Sàlih, i figli di Israele);

segni (3) dei profeti anteriori a Muhammad: teoria della successione profetica;

(d) segni dei miracoli fatti durante i secoli;

segni (e) della vittoria contro gli infedeli (Badr, il Fosso, presa della Mecca, ecc.).

Cfr. Caspar R., Valeur religieuse de la foi musulmane, in Comprendre Paris, (XV) n.61, 13 fèvrier 1970, pp.2-3.

SHU’AYB. Altro profeta coranico di cui si sa poco o nulla. Sarebbe il suocero di Mosè? La identificazione si ricollega – secondo il Bausani (Corano, op. cit., p. 551) – con la sua appartenenza alla stirpe di Madyan, dove appunto si rifugiò Mosè. Non ne siamo sicuri, perché è inviato come predicatore di onestà, alle genti di Al-Ayka.

SPIRITELLI, G’INN, G’ANNA. Etimologicamente da genius latino?

Nell’Arabia preislamica erano spiritelli che rappresentavano la forza della natura ancor non sottomessa all’uomo, quasi satiri o ninfe del deserto. Divennero in seguito divinità locali, molto impersonali, a cui si prestava culto in località altre o in boschetti sacri.

Per il Corano essi sono stati creati prima dell’uomo da una chiara fiammata, sembrano assai vicini alla natura umana, molto spesso sono accomunati agli uomini per significare l’insieme delle creature terrestri intelligenti. Talora sembrano vicini al satana e con il demonio cercano di penetrare il segreto dei cieli. Talaltra, sono assimilati a piccoli serpenti striscianti, e con i satanelli sono a servizio di Salomone. Il Corano condanna le creature che li adorano e fanno di loro delle con- divinità. Ci sono degli spiritelli fedeli (taluni hanno ascoltato il Corano e si sono convertiti all’Isla’m) ma la maggior parte sono infedeli. In questo caso diventano diabolici, nemici dei profeti, tentatori degli uomini. Figurette complesse, tutto sommato, e nemmeno tanto antipatiche. Fanno da contorno misterioso al lento scorrere della vita. Sono molto popolari a livello etnologico, in tutte le terre d’Isla’m. Entrano o escono dalle case, portando il malocchio o togliendolo, a piacimento. Il popolino minuto li teme e si premunisce contro di loro con amuleti.

SUG’UD. Letteralmente: prostrazione (rituale) durante la preghiera musulmana. Abbiamo lasciato il termine che ricorre molte volte. Ci è sembrato più aderente alla traduzione che abbiamo fatto. Dal verbo trilittero sag’ada = prostrarsi, inchinarsi (davanti a qualcuno).

SULAYM’AN. Il biblico, notissimo Salomone. L’arabo è un calco dall’ebraico Sèlòmòh = perfetto, fortunato. E’ rimasto nel ricordo popolare come tipo di re saggio e fastoso. Il Corano, pur imbrogliando un po’ la matassa, lo ricostruisce in maniera che si avvicina abbastanza alla figura biblica, come re, saggio, costruttore e amatore di donne, soprattutto della regina di Saba. Ma le fonti del Corano (sempre che si possa parlare di fonti, ciò che i nostri fratelli musulmani rifiutano) si trovano più nell’apocrifo Testamento di Salomone, scritto da un autore cristiano cattolico nel III° Secolo d.C. che probabilmente si servì di documenti giudaici del I° sec. d.C.

THAMU’D, SA’LIH. Popolazione assai antica, di cui si parla in una iscrizione di Sargon (715 a.C.)

Nominata parecchie volte dagli scrittori antichi. Viveva a nord di Medina sulla via della Siria. Gli appartenenti a quella popolazione erano cavernicoli: si scavavano case nei monti (se né parla nel Corano). Scomparvero tra il 400 e il 600 d.C. La narrazione cranica li fa scomparire con il castigo del terremoto, annunciato loro dal profeta arabo Sa’lih. Di lui si ignora tutto. Una identificazione tra il Sa’lih arabo e il Saulo cristiano (Paolo) pare assai improbabile. Caratteristica di questo profeta è la prova della (cammella del Dio).

UHUD. Località famosa per la battaglia che nel 625 vide le genti meccane impegnate contro i musulmani, e che fu vinta dai nemici di Muhammad. Poco mancò che la sconfitta si tramutasse in un autentico disastro, e lo stesso profeta fu leggermente ferito. Corse addirittura voce che era stato ucciso. Nel Corano viene ricordata con senso di vergogna e di umiltà.

TAG’U’T. Nome che compare otto volte nel Corano. Dal radicale vocalizzato tag’aa’. Ibridismo arabo/ebraico. Designerebbe “gli idoli”, a meno che indichi i dèmoni considerati “ribelli”. Il radicale ha appunto il significato di “ essere, divenire ribelle”.

UMMA v. COMUNITA’

YA’QU’B. Il biblico Giacobbe, figura assai patetica nel Corano, soprattutto nel capitolo di Giuseppe (XII). Ricorre altre volte, nominato in coppia con altri “profeti” (per la traduzione ebraico –cristiana, Giacobbe è un “patriarca” , non un profeta). Il nome arabo deriva direttamente dall’ebraico Ja’àqòbh, che probabilmente lo aveva mutuato dall’egiziano j’qbhr corrispondente di Ja’àqòbh-‘èl che taluni vogliono considerare nome geografico. Altri pensano trattarsi di un nome teoforo: (Il Dio segue. Il Dio ricompensa. Il Dio ha protetto), ma la bibbia spiega il nome di Giacobbe come derivato da ‘àqèbh = tallone e il significato di soppiantatore. Suffraga tale spiegazione il fatto che Giacobbe avrebbe afferrato il tallone del fratello gemello al momento della nascita, e che in seguito lo avrebbe soppiantato nella primogenitura. Il Giacobbe coranico, come abbiamo detto, è figura di primo piano soprattutto nel capitolo di Giuseppe.

YAHYA’, ZAKA’RI’YA’. Nome arabo di Giovanni (il battezzatore), figlio di Zaccaria. I capitoli III° e XIX° del Corano ne parlano diffusamente. Come già abbiamo fatto per altri nomi personali, li abbiamo lasciati in versione araba. Anche nel Corano si ripete la narrazione dei vangeli canonici e di quelli apocrifi, che fanno nascere Giovanni prima del Messia. Il nome della madre di Giovanni non è conosciuto dal Corano, mentre si dà il fenomeno contrario per il Messia: si conosce la madre, Maryam, che ricevette in dono dal Dio ( un figlio purissimo) senza intervento di padre.

YA’HU’D(I). Il nome collettivo degli ebrei. Viene spesso ripetuto nel Corano, e così lo abbiamo lasciato in versione araba, come quello dei Cristiani, dei sabei e dei magi.

YU’SUF. Abbiamo commentato a lungo il capitolo di Yusuf. Non ci tratteniamo a darne altre spiegazioni. Si tratta del capitolo XII°, al quale rimandiamo. Pare che il suo nome compaia 27 volte nel Corano. E’ anche lui nel numero dei mèntori antichi, ma tutto sembra limitarsi alla “sua” storia, che è uno dei più bei capitoli del Corano.

YU’NUS. L’avventura di Giona buttato a mare (II° Re 14,25) è raccontata dal Corano all’inizio di Mc/2°. Il nome Yu’nus potrebbe essere di derivazione etiopica o aramaica. La storia di Giona salvato dal pesce ( è anche chiamato (l’uomo del pesce (grande) ) ). È per il Corano un simbolo di risurrezione.

ZAKA’RI’YA’ v. YAHYA’

ZAKA’T v. PILASTRI DELL’ISLA’M.

XLVII

Muhammad


Con il nome di Dio, ricco in clemenza, abbondante in misericordia.

Quelli che sono kàfirùna e allontanano la gente dal sentiero del Dio gli vanificherà le opere buone.1.

Quelli che credono e che fanno seguire alla fede opere buone, quelli che prestano docilmente fede a quanto ha fatto scendere su Muhammad – questa è verità proveniente dal Signore – gli cancellerà le azioni scellerate e ne riformerà le intenzioni.2.

Ciò capita perché i kàfirùna segnano l’errore, e all’opposto i credenti seguono la verità del Signore: proprio in questo modo il Dio propone il loro esempio agli uomini.3.

Se incontrate i kàfirùna colpiteli alla nuca fino a domarli, poi serrate bene i ceppi, in seguito delibererete se li dovete concedere la grazia o se dovete esigere il riscatto, fino a che la guerra non abbia deposto il suo carico di armi. Così è: ma se il Dio lo avesse voluto si sarebbe vendicato di essi, invece ha così stabilito per mettervi reciprocamente alla prova. Di coloro che saranno ammazzati nei sentieri del Dio, egli farà sì che le opere non vadano perdute:.4.

Le orienterà al bene, disporrà il loro animo al bene.5.

Li farà entrare nel g’annat che gli ha descritto.6.

O voi, proprio voi che avete fede! Qualora prendiate le difese del Dio egli prenderà le difese vostre e rinfrancherà i vostri passi.7.

E guai ai kàfirùna, guai a loro! Le loro opere saranno vanificate.8.

Per il fatto che hanno manifestato ripugnanza per ciò che il Dio ha rivelato, le loro opere saranno vanificate.9.

Non hanno essi fatto il giro della terra per controllare ciò che è capitato a quelli che l’abitavano prima? Il Dio li ha annientati. Stessa sorte è riservata ai kàfirùna.10.

Il Dio è il Signore dei credenti, mentre per i kàfirùna non c’è nessun protettore.11.

Il Dio farà certamente entrare coloro che credono e che praticano il bene, nel g’annat (quanti ruscelli piccoli lo rallegrano!). E i kàfirùna? Godano, si abbuffino come porci, il g’ahannam sarà il loro asilo.12.

Abbiamo annientato innumerevoli città: erano assai più forti di quelle che ti ha messo al bando, né ci fu alcuno che ci prestasse aiuto.13.

Ma è mai possibile che l’uomo che possiede saldamente una prova irrefutabile venuta dal Signore venga eguagliato a colui le cui opere malvagie sono state rivestite di orpelli per fare passar per buone? Oppure a colui che segue sfrenatamente le passioni?.14.

Questo che ti annuncio in figura è il g’annat promesso ai devoti: ci sono piccoli ruscelli cangianti: qui, ruscelli con acqua aulente, là altri in cui score latte del gusto inalterabile, altrove, ruscelli in cui scivola il vino, delizia di palati raffinati, e ancora: ruscelli di miele purissimo, raffinato. Inoltre troveranno ogni specialità di frutta e il perdono del Signore. I beati saranno dunque simili a quelli che dovranno vivere per sempre nel fuoco, abbeverati da un’acqua talmente bollente che gli dilanierà le viscere?.15.

C’è pur gente che ti ascolta, in mezzo a loro. Uscendo da casa tua, tuttavia, interrogano coloro cui fu dato il discernimento: (cosa ha tetto mai, poc’anzi?). a quelli, il Dio colloco un sigillo sul cuore. Essi sono traviati dalle loro passioni.16.

I ben-guidati saranno ancor meglio guidati dal Dio, che gli ispira timore sacro.17.

Stanno forse vegliando, con timore che l’ora li sorprenda? Ne sono già apparsi i segni premonitori. Ma quando giungerà, a che li servirà il monito con cui erano stati avvertiti?.18.

Ricorda: in verità non c’è dio se non il Dio, egli, il solo. Chiedi perdono per il tuo peccato, per quello dei credenti e delle credenti. Il Dio conosce la vostra vita piena di attività e la località della vostra dimora finale.19.

Anelano i credenti: (Perché non viene rivelato un capitolo sacro?). Ma quando viene rivelato un capitolo sacro molto chiaro dove si fa menzione della guerra, tu ti accorgi che coloro che hanno il cuore malato ti guardano con lo sguardo di chi sviene davanti alla morte.20.

Più appropriata ad a essi sarebbe certo l’obbedienza e una buona parola. E quando la decisione è stata presa, meglio sarebbe per loro mostrarsi fiduciosi in Dio.21.

Potrebbe accadervi, allontanandovi dal Dio, di diffondere disordine sulla terra, e di rompere i legami con i vostri parenti.22.

Quelli sono i maledetti dal Dio: li ha resi sordi e ciechi.23.

Ma non sanno meditare il Corano? O hanno forse alcuni di loro catenacci sui cuori?.24.

Quelli che hanno disertato dopo che è giunta l’indicazione del cammino giusto – e gli è giunta in maniera chiara – sono quei tali a cui il shaytàn ha fatto vedere le cose belle e ai quali ha dato un po’ di temporeggiamento.25.

Questo capita perché essi confidano a quelli che provano avversione per ciò che il Dio ha rivelato:

(Vi obbediremo parzialmente): ma il Dio conosce i loro secreti!.26.

Cosa succederà quando gli angeli li porteranno a morte, percotendoli sulla faccia e sul dorso?.27.

Seguono le cose che incolleriscono il Dio, disdegnano la sua buona volontà, e in cambio il Dio vanifica le loro azioni.28.

E allora? Quelli dal cuore malato pensano forse che il Dio non farà mai apparire alla luce i loro odii?.29.

Oh, se noi volessimo! Te li faremmo vedere, e allora li riconosceresti dal loro atteggiamento e dal tono dubbioso del loro padre. Ma il Dio ben conosce le vostre azioni!.30.

Siate pur sicuri: vi metteremo alla prova per conoscere chi lotta tra di voi, chi porta pazienza e anche per renderci conto se le cose che di voi si dicono sono vere.31.

Certo, i kàfirùna che allontanano gli uomini dal sentiero del Dio e fanno scissione dal rasùl (dopo che è stata manifestata con chiarezza la giusta norma di condotta) non nuocciono per nulla a Dio, ma il Dio polverizzerà le loro azioni.32.

O voi, proprio voi che credete! Obbedite al Dio, obbedite al suo rasùl, non rendete vane le azioni della vostra vita!.33.

Il Dio non concederà alcuna assoluzione ai kàfirùna che distolgono gli altri dal sentiero divino, e muoiono da kàfirùna.34.

Non tentennate, non cedete! Non invocate: (Pace, pace!) mentre siete i più forti. Il Dio è con voi. Non dirà che le vostre azioni sono state isegnificanti.35.

La vita del mondo! La vita del mondo è sollazzo e godimento (ma per i kàfirùna). Ma se voi avete fede, se vi comportate onestamente, egli vi darà ricompensa senza chiedervi, in cambio, le vostre sostanze.36.

Se egli ve le chiedesse e le reclamasse con insistenza, forse vi dimostrereste cupidi, ed egli trarrebbe alla luce il vostro odio.37.

Ecco: siete voi, siete voi gli invitati a elargire i vostri beni nel sentiero del Dio; ma ci sono degli avari tra voi! Ebbene seppiatelo: l’avaro lo è contro se stesso. Il Dio è sufficiente a se stesso, voi siete mendichi. Se voi sarete fedifraghi, egli vi sostituirà con un altro popolo: questi non sarà affatto simile a voi!.38.

XLVII

NOTE ALLA SùRA



Muhammad. La battaglia

Il titolo può essere duplice. Il capitolo è Md/. In esso si trovano condensati principi di etica personale con cui guidarsi per vivere bene su questa terra e per guadagnare la vita dell’aldilà. Elementi ribaditi in altri capitoli, soprattutto del periodo Md/ (Muhammad legislatore della città terrena e della città eterna).

Teoria degli opposti: i maligni che cercano di allontanare i buoni dal retto sentiero credono di fare opera di bene, ma il Dio non solo li castigherà per il male fatto, gli aggiungerà in più la vanificazione delle loro buone opere (se ne avranno compiute!).1.

Dichiarazione esplicita, anche onomastica, del prescelto per la nuova rivelazione, e contenuto della stessa: Verità proveniente dal Signore.2.

Quando la guerra santa è inevitabile, in determinate condizioni, non la si deve portare avanti con i guanti… Prima di rilasciare i prigionieri di guerra, pensaci bene: potrebbero a loro volta diventare persecutori infami. Saranno ammazzati. In arabo al passato.4.

Quella (città) che ti ha messo al bando. Si tratta della Mecca. Il capitolo è evidente Md/. Questi brani di ermeneutica e di critica interna sono serviti per identificare, almeno parzialmente, l’epoca dei capitoli.13.

Simbolismo: ci sono quattro tipi di bevanda:

acqua pura e profumata (a)

latte genuino (b)

vino (c)


miele (d)

Sempre stando al simbolismo: l’acqua alimenta lo spirito, il latte conforta il cuore, il vino riscalda gli affetti, il miele addolcisce le tristezze della vita.15.

I segni premonitori dell’ora che si avvicina potrebbero essere quelli che si riallacciano al trionfo della nuova religione, contro la quale i meccani politeisti avevano combattuto invano.18.

Si ribadisce in forma solenne (e ripetitiva) l’essenza del dogma islamico: là ilàha illà Allàh.19.

I maledetti dal Dio: quelli ai quali egli ha sottratto la sua grazia, i suoi favori.23.

Faccia e dorso: la parte visibile del corpo e la parte invisibile (all’uomo). I peccatori saranno puniti in entrambe le parti del corpo. Metafora: saranno castigati per i loro peccati noti e per quelli incogniti.27.

Sollazzo e godimento. Questi elementi psicologici della nostra esistenza non sono, per sé, dannosi né pericolosi, come preparazione all’altra vita. Ma se l’uomo orienta la sua esistenza al godimento dei beni terreni e al divertimento, e pone in non cale gli affari, allora il sollazzo e il godimento diventano pericolosi. Monito universale: usare dei beni che la vita ci dà solo come preparazione per l’altra vita.36.

XLVIII


LA VITTORIA

Con il nome del Dio, ricco in clemenza, abbondante in misericordia.

E’ vero: ti abbiamo reso vittorioso di splendida vittoria.1.

Affinché il Dio perdoni i tuoi peccati quelli antichi e quelli d’oggi e riversi il suo favore su di te e ti guidi alla diritta via.2.

E ti soccorra in maniera assai potente.3.

E’ lui che ha fatto scender la sakìna negli animi dei fedeli, perché possono crescere sempre più nella loro fede. (Al Dio appartengono le schiere dell’empireo e dell’orbe, il Dio è sapiente e provvido).4.

In modo da far entrare credenti e non credenti nei g’annat sotto i quali scorrono acque fresche di ruscelli (ivi staranno per sempre!): ma egli anche sa cancellare da loro i loro misfatti. (Che grande risultato per il Dio!), 5.

E per flagellare, castigandoli, ipocriti e bacchettone, artefici di condivinità uomini e donne, che sul Dio altro non hanno che pensieri blasfemi. Siano colpiti da sorte maligna!

Il Dio è adirato con loro, non fa che maledirli, e gli ha preparato il g’ahannam. Che viaggio maledetto!.6.

Gli eserciti celesti e quelli terrestri appartengono al Dio, che il Dio è potente e saggio: .7.

E noi ti abbiamo inviato testimone, annunciatore, ammonitore.8.

Perché voi crediate al Dio e al rasùl, gli prestiate la dovuta assistenza, e ne riconosciate la dignità. Cantate la sua gloria osannando, all’alba e all’imbrunire.9.

In verità coloro che ti prestano giuramento, lo prestano al Dio, e sulle mani loro si posa la mano del Dio. Chi manca al giuramento frode se stesso, chi va fino in fondo all’impegno assunto con il Dio, da lui riceverà compenso favoloso!.10. (Nelle Sacre Scritture, la Bibbia, Parola data ai veri Cristiani, non bisogna giurare per nessuno!).

Quelli dei beduini che rimasero nelle retrovie imploreranno: < Le nostre ricchezze e le nostre famiglie ci hanno ostacolati: implora per noi il perdono >. Parlano con la lingua, ma non col cuore!

Questa sarà la tua risposta: < Echi sarà garante per voi davanti al Dio, nel caso ch’egli non vi abbia in simpatia, oppure nel caso ch’egli vi voglia bene? >. Il Dio è informatissimo di ciò che fate.11.

Già! Voi credevate che il rasùl e i credenti non avrebbero fatto ritorno alle loro case: il sospetto ha i vostri cuori, avete acconsentito a pensieri iniqui, e cosi siete perduti!.12.

Chiunque non presta fede al Dio e al rasùl, sappia che per i miscredenti abbiamo preparato il sa’ìr…13.

Il Dio regna in cielo e in terra, egli perdona e castiga chi vuole, e nonostante tutto, continua essere padrone, abbondante in mesericardia.14.

Quando partirete per accaparrarvi il bottino, gemeranno coloro che furono negletti: < Non vi possiamo accompagnare? >. Essi vorrebbero dare un altro orientamento al Verbo del Dio, ma tu ribatterai: < Mai voi ci seguirete, che è il Dio si è già espresso in questo senso >. Replicheranno:

< Voi avete contro di noi invidia mortale! >. Invece sono proprio loro che non capiscono.15.

Spiega a quelli dei beduini che sono rimasti indietro: < Presto sarete chiamati a guerreggiare nemici strapieni di energico coraggio: il Dio vi concederà invidiabile ricompensa, ma se diserterete (e non è la prima volta che lo fate!) vi flagellerà: il castigo sarà tremendo >.16.

Il cieco, lo zoppo, il malato si astengono dal combattimento? Non c’è alcun motivo di fargliene una colpa. Chi obbedisce al Dio e al rasùl, egli lo farà entrare nel g’annat dove abbondano ruscelli: quanto al disertore, su lui terribile tormento!.17. (Chi diserta dalla guerra, se non per operare per il bene della pace di tutta l’umanità, e operando un brutto male purtroppo bisogna tagliare un poco anche sulla parte buona, è con Dio!). (Dio è amore, non è un Dio di guerra! Un Dio di confusione!).

Si è compiaciuto il Dio coi credenti quando ti hanno prestato giuramento sotto l’Albero: conosceva l’intimità dei loro cuori e ha fatto discendere su loro la sakìna e li ha premiati con la sperata vittoria.18.

Gli ha pure concesso abbondante bottino, di esso si sono impadroniti. Il Dio è sempre potente e saggio.19.

Il Dio vi promette copioso bottino. Ve ne impadronirete. Egli affretta i tempi della conquista, storna da voi le mani delle genti: questo deve essere un segno dei credenti, vi serve ad essere guidati sulla retta via.20.



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   18


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale