Il decadentismo verso la crisi



Scaricare 212.5 Kb.
Pagina46/55
29.03.2019
Dimensione del file212.5 Kb.
1   ...   42   43   44   45   46   47   48   49   ...   55
Opere
Se questo è un uomo (1947); La tregua (1963); Storie naturali (1966); Il sistema periodico (1975); La chiave a stella (1978); La ricerca delle radici (antologia - 1981); Se non ora quando? (1982); L'altrui mestiere (1985); Racconti e saggi (1986); I sommersi e i salvati (1986); Osteria di Brema (raccolta di poesie - 1975); Ad ora incerta (raccolta di poesie - 1984); Conversazioni e interviste 1963-1987 (postumo - 1997)

Se questo è un uomo


Testimonianza, strutturata in diciassette capitoli, della propria reclusione in un lager nazista. La narrazione si snoda per episodi che non tengono strettamente conto di un ordine cronologico, ma rispondono alla necessità dell'autore di liberazione interiore, di rispondere a un impulso immediato e violento, di elaborare la propria angoscia di fronte all'orrore dei lager. Gli episodi vengono raccontati così come premono sulla memoria. La pubblicazione segue una tortuosa vicenda: il romanzo non verrà inizialmente pubblicato da Einaudi, perché respinto da Cesare Pavese e Natalia Ginzburg

La chiave a stella


Uno dei pochi romanzi che tratta il tema del lavoro, delle gratificazioni che può fornire il lavoro manuale. Romanzo che riscuote molti consensi, apprezzato in Francia anche da Claude Levi-Strauss. Vi si raccontano la vita e le vicende dell'operaio specializzato Tino Faussone, montatore di tralicci e ponti di ferro. Strutturato in capitoli-racconto come le prove narrative precedenti, il romanzo si segnala per la novità del linguaggio utilizzato: un italiano intessuto di piemontesismi.

La ricerca delle radici


Antologia personale degli autori che Levi considera fondamentali per la sua formazione. Trenta i brani contenuti: Il libro di Giobbe, Omero, C. Darwin, W. Bragg, J. H. Rosny, G. Parini, C.Porta, J. Swift, J. Conrad, L. Gattermann, F. Rabelais, T. Mann, R. Vercel, H. Melville, A. de Saint-Exupery, Marco Polo, T. Lucrezio Caro, I. Babel, S. Alechem, G. G. Belli, B. Russell, F. Brown, il testo della ASTM, S. D'Arrigo, A. C. Clarke, T. S. Eliot, P. Celan, M. Rigoni Stern, H. Langbein, K. S. Thorne. "La qualità principale del Levi antologista", scriverà Calvino in una recensione del libro su Repubblica apparsa l'undici giugno del 1981, "è quella di stabilire relazioni tra i testi più eterogenei".

L'altrui mestiere


Dopo lo strepitoso successo di Se questo è un uomo, rimane appiccicata addosso a Levi l'etichetta di scrittore-testimone degli orrori nazisti. Invece Levi è scrittore poliedrico, ha una solida cultura scientifica ed è curioso degli aspetti culturali, economici, lavorativi, tecnologici del mondo che lo circonda, spaziando anche in campi in apparenza distanti dalla sua professione di scrittore e di chimico. Le prose de L'altrui mestiere, cinquantun elzeviri già pubblicati su La  Stampa dal 1976 al 1984, danno piacevolmente e convincentemente al lettore la misura della complessità e della modernità della personalità di Primo Levi.

I sommersi e i salvati


Il titolo riprende un capitolo di Se questo è un uomo. Si tratta di un'opera amara, di un testamento spirituale, di un saggio storico, in cui Levi indaga i rapporti che intercorrono tra oppressi e oppressori. Soprattutto si sofferma su quella cosiddetta "zona grigia", di coloro, personalità gregarie, che, per ottenere vantaggi e privilegi, collaborano col potere opprimente. Le riflessioni di Levi giungono a conclusioni di un pessimismo e di un realismo assoluti, che nulla concedono all'ottimismo della ragione progressista. Il lager costituisce per Levi il prototipo delle organizzazioni umane, delle relazioni che gli uomini intrattengono pubblicamente fra di loro. La memoria dell'orrore nazista è destinata ad affievolirsi col passare delle generazioni, preparando la strada a mille altri nazismi. Nella desolazione della condizione umana soltanto la cultura può rappresentare, pur in presenza di situazioni estreme, un'esile, ma benefica ancora di salvezza.

Bibliografia

Bianchini, E. Invito alla lettura di Primo Levi. Milano, Mursia, 2000



Condividi con i tuoi amici:
1   ...   42   43   44   45   46   47   48   49   ...   55


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale