Il diritto all’educazione/istruzione per gli studenti disabili


II PARTE L’ORGANIZZAZIONE



Scaricare 0.91 Mb.
Pagina89/116
28.03.2019
Dimensione del file0.91 Mb.
1   ...   85   86   87   88   89   90   91   92   ...   116
II PARTE

L’ORGANIZZAZIONE

1. Il ruolo degli Uffici Scolastici Regionali

Il decentramento avvenuto nell’ultimo decennio e la conseguente assunzione di responsabilità da parte degli organi decentrati - nell’ambito delle materie ad essi attribuite - fa assumere agli Uffici Scolastici Regionali un ruolo strategico ai fini della pianificazione/programmazione/”governo” delle risorse e delle azioni a favore

dell’inclusione scolastica degli alunni disabili.

L’azione di coordinamento ed indirizzo di loro competenza fa prevedere che:

 attivino ogni possibile iniziativa finalizzata alla stipula di Accordi di programma regionali per il coordinamento, l’ ottimizzazione e l’uso delle risorse, riconducendo le iniziative regionali ad un quadro unitario compatibile con i programmi nazionali d’istruzione e formazione e con quelli socio - sanitari;

 promuovano la costituzione di G.L.I.R. (Gruppo di Lavoro Interistituzionale Regionale), al quale demandare la realizzazione dell’obiettivo sopra individuato. Fermo restando l’attuale ruolo istituzionale dei G.L.I.P., appare opportuno che quest’ultimi, nella prospettiva della costituzione dei citati G.L.I.R., vengano intesi come organismi attuativi, in sede provinciale, delle linee di indirizzo e coordinamento stabilite a livello regionale;

 organizzino attività di formazione per dirigenti scolastici e personale della scuola (ivi compreso il personale ATA) al fine di implementare e diffondere la cultura dell’inclusione e della “presa in carico” complessiva dell’alunno disabile da parte del sistema scuola;

 favoriscano la costituzione di reti territoriali per la realizzazione sia delle attività formative sia di ogni altra azione a favore dell’inclusione, al fine di renderla più rispondente alle realtà di contesto e alle esperienze di vita dei soggetti. La “rete” di scuole, inserita all’interno dei tavoli di concertazione/coordinamento territoriali, appare essere lo strumento operativo più funzionale per la realizzazione di interventi mirati, aderenti al contesto, compatibili con le opportunità e le risorse effettivamente disponibili. Le “reti” consentono l’incremento di azioni volte a favorire la piena valorizzazione delle persone, la crescita e lo sviluppo educativo, cognitivo e sociale del singolo discente mediante percorsi individualizzati interconnessi con la realtà sociale del territorio, nella prospettiva di creare legami forti e senso di appartenenza;

 potenzino il ruolo e il funzionamento dei Centri di Supporto Territoriale istituiti dal Progetto “Nuove Tecnologie e Disabilità”, nonché quello dei Centri di Documentazione /Consulenza/Ascolto in quanto luoghi “dedicati” per realizzare e far circolare esperienze, disporre di consulenze esperte, costituire effettive comunità di pratiche.




Condividi con i tuoi amici:
1   ...   85   86   87   88   89   90   91   92   ...   116


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale