Il Giardino dei Pensieri Studi di Storia della Filosofia



Scaricare 170 Kb.
Pagina1/11
29.03.2019
Dimensione del file170 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11

Il Giardino dei Pensieri - Studi di Storia della Filosofia
Febbraio 2003


Il Giardino dei Pensieri, Storia della pedagogia occidentale
Il primo Novecento
[Vedi anche:
Storia della Pedagogia]

1. Weber
Se nella cultura di fine Ottocento l'attacco al Positivismo viene portato, come negli autori fin qui esaminati, da ambiti esterni alla scienza, nello stesso periodo si può anche assistere al sorgere di posizioni epistemologiche alternative e critiche rispetto al modello positivistico senza per questo rifiutarne il progetto e l'impostazione globale.

Nel caso di M. Weber (1864-1920 l'educazione viene esaminata nell'ambito di una riflessione sociologica che, mentre considera un'azione condizionata da precisi bisogni sociali, la mette in relazione con i sistemi di potere e di comportamento intersoggetivo. Mentre Durkheim, pur muovendo dallo stesso presupposto, ne aveva colto solamente la funzione generale di trasmissione di valori, Weber analizza più a fondo, sia in "Economia e società" (1922) che in "sociologia della religione" (1920-21) i fattori specifici che orientano l'azione educativa. Essa può essere realizzata attraverso un incontro personale e una comunicazione orale del tutto unica e irripetibile: ciò avviene nelle società arcaiche quando il detentore di un potere carismatico (derivante cioè da una volontà divina) trasmette direttamente ai suoi seguaci il suo messaggio profetico. Ma quest'ultimo può essere conservato e diffuso attraverso la formazione di una classe sacerdotale che utilizza la scrittura e il libro: in tal caso l'insegnamento diventa ripetibile, essendo riferito ad un contenuto uniforme e ad una tecnica e un mezzo impersonali. Ma Weber individua anche dei modelli educativi costituiti da contenuti che appartengono alla sfera dei valori e dei modi di vita; egli ne classifica cinque: a) l'etica del contadino che dà luogo ad una educazione utilitaristica, funzionale ad un ambiente imprevedibile che impone un calcolo accurato delle risorse; b) l'etica della nobiltà guerriera, che dovendo affrontare costantemente la morte e il destino, esalta i valori di generosità, lealtà, fasto; c) l'etica del borghese che insiste sull'attività e sullo spirito d'iniziativa autonoma quali cause del successo o dell'insuccesso dei progetti di vita; d) l'etica della burocrazia che privilegia la competenza e il rispetto delle regole; e) l'etica dell'intellettuale che mirando ad azioni dal significato universale tende ad una formazione disinteressata e non utilitaristica. Anche le forma di potere, in quanto cercano di determinare comportamenti funzionali al proprio progetto, influenzano i sistemi educativi. Così il potere carismatico (che come abbiamo visto si fonda sulla grazia divina che elegge il destinatario) accentua il valore dell'intuizione e dell'esperienza vissuta nel processo pedagogico in cui, come accade nell'educazione religiosa e in quella cavalleresca, la virtù è considerata o non insegnabile o insegnabile solo utilizzando particolari tecniche e rituali. Il potere tradizionale (in quanto fondato sulla continuità rispetto alla tradizione storica, famigliare ecc.) fissa invece la sua attenzione su una educazione che consenta di selezionare i funzionari di cui il sovrano ha bisogno. Essi dovranno perciò essere dotati di una formazione intellettuale ottenuta mediante il possesso di una buona cultura generale: questa viene dunque riconosciuta per la prima volta come strumento per l'azione. Nel mondo contemporaneo si è imposto invece il potere razionale-burocratico, basato sulla legge e sull'attribuzione diversificata delle funzioni. Esso si orienta verso un'attività pedagogica che valorizza le attitudini e la formazione di competenze specifiche realizzata in scuole tecniche e professionalizzanti. Secondo Weber questi modelli non si presentano mai allo stato puro ma concretamente in forme miste: in ogni caso resta dimostrato che l'analisi dei processi pedagogici implica quella dei sistemi ideologici, economici e politici in cui tale processi si verificano.

 




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale