Il maestro



Scaricare 62.06 Kb.
22.05.2018
Dimensione del file62.06 Kb.



RIVELAZIONI SPIRITUALI 1985: n° 83.19 dell’ 11-12
IL MAESTRO – MAESTRO LUIGI – IL BAMBINO




IL MAESTRO

Sommario: necessità di vivere l’armonia durante le riunioni – Il Mezzo quando non c’è armonia ne risente e va protetto – Bisogna parlare dei messaggi e distribuirli – Il magnetismo terrestre – La posizione verticale dell’uomo è in devozione a Dio, per adorare Dio essendone figlio – Il pensiero non è astratto – La mente è una parte dell’anima, vaga nell’infinito e può raggiungere Dio – Il serbatoio cosmico: tutto si scioglierà quando arriveremo a Dio – Forza e divinità del pensiero: come si forma ed agisce, come rimane – Le cellule trasparenti che formano il pensiero – La mente non è nel piano terreno ma in quello astrale divino – Divulghiamo la Parola – Forza della nostra parola.

La pace sia con voi.

Cari figli, riuniti così con le menti, vi vedo abbastanza preparati, vi vedo abbastanza pieni di entusiasmo interiore.

Io vi dico che non avvenga più come nell’ultima vostra riunione, così piena di confusione e di negatività. Ci sono voluti non pochi sforzi da parte delle Guide per mantenere un certo limitato equilibrio, che era sparso, sperduto. Anche il Mezzo ha dovuto soffrire enormemente perché su di lui sono ricadute tutte le negatività che erano state portate in quell’ora.

Fratelli, fate bene a dire che lo dovete proteggere, perché ci deve essere una regola in queste vostre riunioni, così care anche al Mio cuore! Ci sia dell’armonia viva, dell’armonia che solidifichi le vostre menti e le vostre anime.

Certo, lo dovete proteggere, e di questo vi ringraziamo Io ed altri ancora, perché lui, in determinati momenti, nel suo amore, diventa debole e la debolezza a volte rovina tutto e può portare anche del male a voi, perché in quella sera, ognuno di voi non ha goduto.

Allora lasciate che altri figli nuovi, che desiderano venire qui non per curiosità, abbiano serate diverse da queste. Non fate troppi mescolii.

Ci sono molti da aiutare, molti da salvare, perciò parlate e distribuite questi messaggi che vi vengono dati, affinché la parola di Dio non rimanga nascosta, non rimanga chiusa in un cassetto, come a volte voi dite.

Questo vostro Fratello ha subito delle emozioni fortissime e non pochi gli siamo stati intorno per consolarlo anche, perché il suo morale era terribilmente confuso ed avvilito. Inoltre, stando fermo più tempo di quanto non è il previsto, lui soffre maggiormente, perché ad ogni influsso è come una pila che si carica e deve in quei determinati momenti trovare la sua espansione: è nato per questo. Perciò, serate come quella, portano maggiormente ad uno squilibrio e lo danneggiano interiormente.

Il punto di riferimento di questo luogo a Me caro e che considero sacro, attrae voi tutti per un forte magnetismo che vi chiama e vi porta qui e vi accompagna perché questo deve essere.

Cos’è il magnetismo, quest’attrazione che voi sentite? L’attrazione interiore che voi sentite, non è del corpo ma è dell’anima. Vi devo spiegare questi due punti ben precisi.

L’attrazione terrestre, non è completa [sull’intero corpo] come voi potete pensare, ma non tutti. Noi siamo qui per attrazione terrestre, sì, certo, è vero, ma allora dovreste essere tutti a giacere, mentre invece siete in verticale poiché la vostra dimensione è molto più alta che larga. Che cosa avviene allora? Che ognuno di voi occupa, per l’attrazione terrestre, solo il posto di quanto sono larghe le piante dei suoi piedi. State diritti perché mentre la parte della pianta dei vostri piedi vi tiene su questo pianeta, l’altra parte, rimane quasi libera, staccata da questa grande calamita terrestre, e tutto il resto del vostro corpo può agire più liberamente dei vostri piedi.



E ogni parte di voi esplode, si esalta, si innalza e sta diritta. Perché? In devozione a Dio, in devozione a Colui che vi ha dato la vita e vi ha creato. In questa posizione voi potete adorare Chi vi ha dato l’esistenza. Ecco perché se l’attrazione terrestre può essere tanto forte, ma non potrà mai comprendere il vostro corpo interamente, a meno che non vi sdraiate a terra. Allora, questa attrazione che esce e si spande dalle vostre piante, prende quella parte limitata, precisa, da potervi tenere sdraiati. Se voi vi rialzate, con molta facilità, tutto ritorna esattamente in basso, poiché ogni parte del vostro corpo deve essere libera, in adorazione sempre verso l’Alto.

Nello stesso sistema e nella stessa maniera, sono costruite, sono state create il resto delle cose. Tutta la creazione ha lo stesso simbolo, lo stesso modo di vivere e di essere, come sono gli alberi, le piante, i fiori, gli uccelli e tutto il resto. Questa grande attrazione, come voi la chiamate, è solamente parziale, prende solo quella parte necessaria da poter usufruire, il resto rimane libero perché deve essere innalzato, deve essere in piedi, a contatto con l’altra dimensione, a contatto completo in Alto, verso l’adorazione.

Non può, l’essere umano, camminare carponi, perché ciò non sarebbe giusto, in quanto voi, siete veramente i figli di Dio. Il figlio di Dio non può essere altrimenti ma deve stare in piedi, come in piedi è la sua personalità, come in piedi è la sua ragione, il suo modo di essere, di parlare e di tutto; poi verrò anche a questo.

Ecco perché ognuno di voi trova il suo giusto equilibrio: perciò pensate che su questa base terrena voi occupate solamente il posto di quanto sono larghe le vostre scarpe; pensate un po’ quanto tutto questo è meraviglioso! Non solamente avete la possibilità di espandere la vostra intelligenza, ma avete anche quella che il vostro corpo può agire; e mentre i vostri piedi sono attaccati a questa nuda terra, tutto il resto del vostro corpo è proteso verso l’Alto per essere più vicino a Dio. Tutto questo vi è stato dato. Siccome nessuno di voi ci ha mai pensato, siccome nessuno di voi forse ha mai compreso e ragionato, ecco il perché.

Nessuno di voi deve essere umiliato neanche davanti a Chi gli ha dato la vita, a meno che ognuno di voi non lo debba accettare o cercare scegliendolo direttamente come suo karma. Questa è la prima parte. L’altra parte indipendente della vostra natura divina, è il pensiero.

Vi è stato insegnato anche a scuola che il pensiero è astratto, che il pensiero non ha corpo, che il pensiero non si può né vedere e né giustificare nel parlare.

Io vi dico, cari fratelli divini, il pensiero… mentre il vostro corpo è legato a questa terra, la mente vi è stata data in alto e non nei vostri piedi. Perché? La mente doveva essere in alto, come paragone, come esempio divino, perché questa vostra mente è come se fosse chiusa in un ciclo, è come se fosse chiusa in un’urna sacra, e non poteva essere in basso nel vostro corpo, ma doveva essere esaltata come in un tempio, tant’è vero che ognuno di voi è come un piccolo tempio che tiene gelosamente chiuso il suo pensiero.

Ma cosa avviene di tanto meraviglioso e di tanto bello? Voi dite che il vostro corpo è terreno, certo, che verrà distrutto, certo, ed ogni cellula ancora vagante si dissolverà nell’aria e riprenderà il suo posto nell’universo. Ma la vostra mente, che non è attaccata a questa terra, la mente che voi considerate astratta, la vostra mente che voi considerate come un qualcosa che non si sa spiegare… ma la vostra mente è solo parte dell’anima!



Come nascono i vostri discorsi ed i vostri pensieri? Le vostre menti, il vostro pensiero che in questo attimo può pensare, scaturiscono dal nulla nell’universo. Ne prendono delle cellule così trasparenti come tanti piccoli fili che vengono radunati insieme a formare un pensiero, a formare un discorso. Ma va a svanire? Ma se è astratto, perché allora si comprende, perché non sparisce? Ma se con questo pensiero voi potete scrivere i libri... se questo pensiero vi fa parlare ed ogni parola rimane incisa nel vostro cuore, allora Io vi dico che il pensiero non è astratto! Ma solamente la vostra parte divina, che è la mente, che è parte dell’anima, vaga nello spazio infinito, vaga al di là di ogni confine umano e può raggiungere ed essere sempre e continuamente in contatto con Dio. Materializza i pensieri, perché i pensieri che formano piccole frasi che vengono prese dall’universo e dal nulla formate, queste parole e queste frasi, si concludono, si formano, si materializzano perché rimangono incise nel vostro cuore. La vostra mente non vaga più e non è più nel piano terreno, ma è solamente nel piano astrale divino, ed è per questo che non può lavorare e pensare nel piano terreno, ma solamente lavora, si concretizza, parla, si forma nel piano astrale divino.

Dal nulla, voi che non sapete, materializzate, concretizzate queste vostre parole facendone discorsi. E le parole più belle, rimangono incise nel vostro cuore e nella vostra mente.

Allora, se voi dite che il pensiero è astratto, perché rimane allora avendo formato delle parole che restano vive e come a tanti di voi rimangono così presenti sempre, senza mai disciogliersi? O quanti mai pensieri, nati nella vostra età piccola e nella vostra giovinezza, vi rimangono così eterni, fino alla fine dei vostri giorni?

E se ogni vostra azione, ogni vostro pensiero – voi dite – rimangono nel serbatoio cosmico, allora non sono più astratti, ma sono concreti! E se la vostra mente può arrivare a concretizzare, a plasmare, a solidificare ogni vostro discorso, che non potete toccare, ma solo sentire, è perché voi agite in un campo astrale continuamente, pur avendo un corpo terreno. Ecco perché allora tutto questo rimane.

Quindi ricordatevi che nulla si distrugge, ed ogni vostra parola, siccome vi è stato detto che non verrà mai perduta, allora nemmeno questa è astratta, ma rimane viva!

Tutto si discioglierà nell’attimo presente in cui voi prenderete forma divina. Tutte le vostre vite passate, tutte le vostre parole, si discioglieranno come fa la nebbia al sole, e tutto ritornerà vivo nell’universo e tutto sarà dimenticato, ma solo nell’attimo in cui voi arriverete divinamente a Lui e ne riprenderete la forma lucente. Tutte le vite passate, i vostri ricordi, il vostro karma, i vostri pensieri, le cose vostre più brutte, verranno disperse e disciolte, e cosa rimarrà in voi? Solo quella luce divina!

Cari figli, Io vi dico che se ogni vostra parola sarà pesata, allora non è astratta, ma è viva; non è astratta, ma rimane integra! E se la vostra mente ed il vostro pensiero, si possono staccare continuamente dal vostro corpo per attingere dall’universo intero questo plasma di vita, e prendere di questi fili così trasparenti, fino a formarne parole vive, questa è vita divina!

Io lascio a voi questa meditazione, lascio a voi queste conclusioni, queste bellissime meditazioni. Divulgate la Parola, non vi vergognate a dire dove venite e non vi vergognate a dire chi siete. Voi siete segnati. E se la Parola si fa Luce, in voi sia Luce.

Se la parola uccide, vedrete che non può essere astratta. Allontanatela!... ma formulate allora voi, nel vostro vagare, nella vostra mente pura, solamente espressioni d’amore, espressioni nuove, espressioni vive!

Dovrei ricordare fra gli assenti una sorellina che soffre: Io le sono vicino e l’aiuto nella sua sofferenza. Anche dei fratelli cari a cui vorrei mandare il Mio saluto: al fratello Raoul ed a quelle tanto sì pure sorelle! Mandate loro il Mio saluto e la Mia benedizione e dite loro che non li abbandono mai, diteglielo! Anzi, potete spedire loro questa vostra registrazione. Sono tanto belli! Sono come tre piccoli scalini che si innalzano verso il cielo!
La pace sia con voi.


MAESTRO LUIGI




Sommario: il magnetismo, cosa è e da dove proviene – La posizione eretta – L’energia che riceviamo si forma e si ferma in maggior parte nella testa e funziona da filtro – Il respiro ed il ricambio delle nostre cellule – La circolazione del sangue – La serpe e cosa simboleggia – Il centro della terra: come è e cosa c’è – La terra è una calamita – L’equilibrio della terra – Perché la luna è un pianeta morto – Il sole – I pianeti intorno a noi: loro funzione – Inquinamento terreno – L’uomo distrugge la terra: e lo sa fare bene – Esseri terreni: se sentono il magnetismo tra anime pronte alla fusione e quando questa può avvenire – Due frasi del Padre Nostro – Effetto di un campo magnetico esterno per curare le persone – L’OM è presente nei nastri incisi.

La pace sia con voi.

Siate benedetti; è una serata particolare, cosa posso aggiungere di più di quanto non sia stato detto? Eccomi qui a voi, presente sempre per darvi 1a mia parola, i miei consigli. Parlate pure.
Paolo: volevo un chiarimento su alcune parole del Maestro per quanto riguarda il magnetismo e la necessità della nostra posizione eretta. Sappiamo anche che noi riceviamo energia dall’alto, quindi quella che penetra in noi dalla testa va verso il basso; come si rapporta con questa energia che dal basso spinge verso l’alto?

“È tutta una funzione: quello che ricevi dall’alto non è altro che energia che si forma solamente nella parte della testa e del corpo, perché essendo energia non si può manifestare nella materia in quanto agisce solamente sulla circolazione del sangue purificando alcune cellule necessarie per la vita del corpo; ma la maggior parte dell’energia che ricevi si forma e si ferma nella testa, perché essa è un piccolo involucro, un piccolo tempio sacro che deve sempre rimanere pulito, a meno che non sia profanato proprio da voi stessi.



L’energia che ricevi fa solamente da filtro per purificare il tuo corpo, la tua persona: entra, circola ed esce. Se pensi a come circola il tuo sangue, per lo stesso verso del tuo corpo, l’energia segue lo stesso ritmo e la stessa velocità: entra ed esce; entra ed esce.

Il respiro, forse, non fa parte anche di questa purificazione? Ma perché voi respirate? Se qualcuno se lo è domandato dice che è per vivere, ma non basta. Certo se non si respira si muore, ma il respiro è solamente il ricambio totale di ogni vostra cellula, di tutte quelle piccole molecole che muoiono e rimangono ferme. Ecco che allora, spinte dalla velocità di entrata e di uscita del vostro respiro si rigenerano, ed ogni cellula pulita torna rinnovata al proprio posto.



Questo avviene ad ogni velocità del vostro respiro. Quindi il respiro non è soltanto prendere dell’aria, ma serve per darvi la vita. Se esso non ci fosse il vostro invecchiamento sarebbe un nulla [cioè velocissimo], come tanti piccoli insetti o altre cose che nascono e dopo pochi attimi muoiono; e così questo sarebbe per il corpo umano.

Quello che si riceve dall’alto è un’espressione necessaria di sviluppo mentale e sviluppo di crescita del corpo, che senza respiro certamente non ci sarebbe. Ecco perché molti Maestri riescono a vivere anche senza mangiare, ma perché il loro nutrimento maggiore è il plasma. Lo respirano perché esso rinnova continuamente le vostre cellule e non ha niente a che fare con l’attrazione terrestre. Questa fa parte della natura del vostro corpo ma non certo di quello che può essere la vostra anima o il vostro spirito o la vostra mente.

Per quanto riguarda l’energia che viene dal basso, nessun flusso viene dal basso, nessuno ti ha parlato di flussi che vengono dal basso, i piedi hanno solamente la funzione di avere l’attrazione su questa terra, altrimenti voleresti via, questo è stato spiegato, penso, abbastanza chiaramente. Se qualcuno di voi non l’ha capito rinnovi la domanda.”
Paolo: quest’energia che noi assorbiamo dall’alto, che entra ed esce, in quali condizioni di qualità esce rispetto a quando entra?

Entra pura ed esce la parte impura. Quando tu aspiri, prendi la pulizia di quello che è il plasma dell’universo, ma quando rigetti quest’aria escono solamente tutte le scorie del tuo corpo, di quelle cellule morte che vengono completamente e continuamente rinnovate. Non vedi forse la funzione che ha il sangue nelle tue vene? La stessa funzione ha il tuo respiro, parlate pure.”


Licia: scusa Luigi, allora parlando di forza di gravità questa ha un’azione solamente sulle piante dei piedi!

“Su tutto il tuo corpo può gravare, ma è come un liquido che hai solamente nelle piante dei piedi; però il Maestro ha anche detto che quando l’essere umano si mette sdraiato, questo fluido agisce su tutta la parte che è a contatto dell’umana terra. Capito? Ha questa funzione, così trasparente, non visibile certamente all’occhio umano. Agisce su tutto il corpo, ma solamente, questo liquido che vi fa da attrazione terrena, si sposta di continuo secondo le posizioni in cui vi mettete.



Ma la vostra creazione è stata concepita per essere in alto, non in basso. In basso, voi vedete, sono le bestie, come la serpe, destinata ad essere schiacciata. La serpe ha la funzione di strisciare perché è una funzione negativa su questa sfera terrena. Così non poteva essere dell’uomo: essendo concepito come figlio di Dio doveva essere eretto, anche se deve soffrire, anche se deve avere una funzione karmica su questo vostro pianeta terreno. Però essendo voi immagine divina lo stare eretti vi è dato come dono. Dio lo ha dato alle piante, perché non darlo all’uomo? Se c’è qualcosa che non avete capito rifate la domanda.”
Adelina: perché le serpi devono strisciare? Rispetto agli altri animali, qual è il motivo?

“Forse per rispetto di una leggenda secondo la quale ha portato il male, ha portato la negatività: è come un simbolo. Tutto quello che è negativo striscia, non certamente l’essere umano! Non può strisciare! Striscia soltanto quello che di cattivo è in lui, perché non si innalza ma rimane allo stato attuale visibile del corpo, rimane eretto, anche se poi strisciano i suoi pentimenti, i suoi peccati, tutte le sue brutte azioni. Quando ognuno di voi si sente colpito a morte da un dolore per aver causato, con delle frasi o delle parole, del male agli altri, il dolore che sente interiormente è come se lo sentisse basso: in quell’attimo striscia di vergogna e di pentimento. Però non gli è stata data l’umiliazione di strisciare, a meno che non l’abbia scelta come causa karmica. Parlate pure.”


Antonio: Luigi, il magnetismo di cui ci è stato parlato, cioè la gravità, proviene dal centro della terra? Ed il centro della terra, è pie­no o vuoto? Come è possibile che gli atomi possano rimanere al centro se la terra gira? Qual è l’origine di questo flusso magnetico?

“Questo flusso magnetico è stato creato così com’è. Se tu prendi una calamita, puoi vedere il suo effetto. Questo flusso magnetico è dentro la terra, che è piena e bolle ed ha vita, una vita diversa.

C’è il fuoco, c’è l’acqua, c’è il petrolio, c’è il piombo, c’è l’oro, c’è il ferro, c’è il mercurio… ci sono tutte quelle sostanze chimiche necessarie a rendere questa terra una calamita, una ca­lamita adattata alla pelle e alle ossa del corpo e ad ogni componente che esiste.

Se tu lasci qualsiasi oggetto, cade, perché è stato fatto con materiali terrestri. Perciò se tu formi un martello, una lancia o qualsiasi altra cosa, non puoi dire che è un martello, no, è solamente un componente della terra e la gravità ce l’ha di per sé. Ma l’essere umano è composto in modo tale da sentire questa attrazione della terra. E come fa la terra a stare in equilibrio? Girando.

Se tu riempi un secchio di acqua e lo giri vertiginosamente, vedrai che l’acqua non cade, ma rimane in perfetto equilibrio dentro il suo secchio.

Allora, mentre questo pianeta ha la funzione necessaria per avere il suo magnetismo, questa potenza per poter tenere l’essere umano attaccato a sé, a sua volta essa ha bisogno di mantenere un equili­brio girando: sono tutti componenti che si fondono ognuno nell’altro.

Se il centro della terra ha l’acqua e tutti gli altri componenti, questi, sono necessari per la superficie della terra. Esiste il fuoco, esistono i vulcani e tutto è necessario per­ché la terra possa avere le caratteristiche necessarie alla vita del corpo umano.

A sua volta la terra, come potrebbe mante­nere il proprio equilibrio, se non girando? Tutto cadrebbe e si perderebbe l’equilibrio necessario a questa vita; sarebbe un pianeta morto che girerebbe e si perderebbe, perché un pianeta che non ha equilibrio è un pianeta morto.

Io prendo un pianeta dove non c’è vita, ma se gli do il suo giusto equilibrio, allora la vita può rinascere perché si ricompone… [il nastro gira] … che fa vivere. Hai compreso?”
Antonio: sì ho compreso Luigi, ti ringrazio. Sulla luna l’uomo ha terminato mantenendo a fatica l’equilibrio, ed è un mondo morto. Come mai si è fermato? Rimane sempre dalla stessa parte, non gira, ha perso l’equilibrio ed è tutto danneggiato. Cosa è successo sulla luna, anche se molti non gli danno importanza?

“È successo che questo pianeta si è autodistrutto. Non era più necessario, non aveva più ragione di essere. Ha però cambia­to la sua funzione mandando i suoi raggi, le sue vibrazioni sulla terra; prende energie e le manda sulla terra. Perché?

La terra ha un’attrazione sua particolare e gira per mante­nere il suo equilibrio, ma ha necessità dell’aria che voi re­spirate, delle piogge e del vento, e da qui il bisogno di al­tri pianeti che spingano verso la terra tutti quei componen­ti che devono esserle utili.

Perché il sole, tanto lontano, manda i suoi raggi sulla terra e non altrove? Perché per la creazione, che è talmente perfetta, c’è bisogno del sole in quei determinati momenti. Allora il sole ha la funzione di mandare i suoi raggi sulla terra, men­tre la luna, che fa anche da filtro, manda a noi sulla terra l’ossigeno necessario, come fanno altri pianeti.



Non credere che l’ossigeno venga solamente dalla luna, viene da molto lontano. Ogni pianeta lo spinge verso di noi con­tinuamente e diventa sempre più puro, fino a raggiungere l’equilibrio necessario per la nostra respirazione. Tutto è un ciclo, come le lancette di un orologio: una sola rotella non ti potrebbe mai dare l’ora, ma se ne metti tante insieme ti segnano il tempo. Ognuna gira in un movimento necessario per dare il ritmo giusto all’altra, e via, affinché le lancette girino nella giusta maniera. Se non avete compreso rifate la domanda.”
Licia: allora Luigi, pur avendo compreso questo meccanismo meraviglioso, viene detto che si accumula tanta aria cattiva di inquinamento nell’etere che ci avvolge. Dovremmo però beneficiare di questi interventi esterni.

“Le piante stesse contribuiscono a ciò, ma molte cose sono volute dall’uomo che ne subirà tutte le conseguenze affinché possa comprendere una buona volta che non si può abusare, non si può rompere l’equilibrio di un ciclo così perfetto che Dio ha creato.



Ma l’uomo tutto distrugge. Con la bomba atomica, non di­strugge forse l’equilibrio di tutta la terra? Basta l’universo a purificarla? Certo che basta, ma quello che l’uomo può fa­re ora in un attimo, richiederà dopo cento anni: l’uomo sa di struggere bene.”
Virginia: in riferimento alla fusione, all’unione delle anime, que­sto avviene solo a livelli evolutivi alti o può accadere anche in quelli più bassi?

“Le anime non si possono fondere se non sono altamente e spiritualmente e­volute.”


Antonio: negli esseri terreni è sentito questo richiamo, questo magnetismo tra anime pronte alla fusione? E si sente anche a livello più basso spiritualmente o solo ad un certo livello?

“Si sente nel senso umano. Quando trovi una persona che ti affascina, che ti attrae spiritualmente ed alla quale senti di volere un gran bene, e non ti sai rendere conto del perché di questo sentimento verso un fratello o una sorella che sia, è perché in­teriormente c’è una simpatia di sentimento evolutivo già arri­vato.

Questo sentimento si può provare anche nel campo umano, ma non può certo esserci fusione. Inoltre, anche per piani infe­riori, due esseri che hanno il solito livello di evoluzione, possono provare ugualmente simpatia ed attrazione, ma non po­tranno mai fondersi. Due anime si fondono soltanto quando so­no completamente evolute.

Se però due sposi, riescono a vivere una vita pura, senza sciuparne l’armonia con la sessualità e si amano fortemente, allora non sono più uniti come corpo ma come anima. Qui sta la differenza. Poi non ci si può confondere con l’aspetto esteriore, questo non lo voglio trattare, vi parlo solamente di simpatia di evoluzione.”


Antonio: Luigi, mi puoi spiegare la frase del Padre Nostro che dice: rimet­ti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri de­bitori. Quando li rimettiamo noi questi debiti?

“Ogni giorno, ogni attimo che passa, il male che tu fai, lo ricevi. Le sofferenze che provi sulla terra, possono es­sere dovute a difetti che hai avuto verso altre persone, e perciò ne paghi le conseguenze.

Gesù, così puro, così giusto, ha detto solamente: “Dammi ciò che Io offro.” Quindi, se fai del bene, avrai del bene. “Rimetti a noi quello che dobbiamo rimettere ai nostri debitori.” “Perdona e ti sarà per­donato!” Ma se fai del male, lo dovrai ripagare per la tua evoluzione.”
Antonio: ed il “non ci indurre in tentazione”, cosa significa? Come può il Padre indurci in tentazione se è per noi una protezione?

“Vuol dire fai in maniera che io non cada in tentazione. È una richiesta di aiuto, di protezione: può accadere per esem­pio, che degli amici possano coinvolgerti nel male.

Siccome ognuno di voi ha le proprie Guide, ha Dio, a loro si rivolge e chiede protezione. È l’equivalente della frase del Padre Nostro.”
Luciano: un campo magnetico esterno, generato da una sorgente elettrica, può ristabilire l’equilibrio in una persona, cioè anche ripulirla da certe negatività?

“Hai risposto da te, cioè da certe negatività la puoi ripu­lire. Ma ricordati soprattutto della preghiera, soprattutto con la preghiera. Non ho mai visto la scienza fare miracoli. La scienza può avere fatto delle scoperte, ma non ha mai fatto miracoli, mentre il miracolo, a volte, ha fatto scienza!”


Luciano: ma un campo magnetico come quello detto prima, può alleviare un dolore dovuto a induzioni negative?

“Si tratta di vibrazioni, non si fa altro che esaltare, rafforzare, delle vibrazioni che il corpo umano continuamente sen­te, perché ognuno di voi dai pori della sua pelle e da ogni parte del suo corpo, emana vibrazioni, scariche elettriche; se questa persona agisce male, si indebolisce, si ammala. Per farle ri­trovare l’equilibrio non si fa altro che rafforzare queste scariche elettriche.

Quando una persona ha un attacco di cuore, molte volte può essergli ridata la vita con le scariche elettriche. Così è possibile rafforzare ciò che il suo corpo già riceveva poco.

Quanti esseri umani, prendendo in mano una lampadina, la accendono? Pensate quindi all’energia che un essere umano ha!”


Luciano: allora posso costruire un apparecchio di questo genere?

“Scientificamente lo puoi fare, ma rammentati che puoi gua­rire soltanto le cose semplici, puoi guarire anche dei mali che possono essere un po’ più alterati… per il resto, il miracolo non c’è! La scarica elettrica non potrà mai sostituire il plasma come tanti guaritori danno.”


Miro: durante il riascolto dei nastri, quando parlate tu o il Maestro, nei momenti di pausa, si sente un rumore che aumenta. Questo non accade se il nastro è inciso da noi, è fuori da que­sta stanza. Quel rumore, è dovuto all’energia che si accumula in questa stanza?

“Ma certo, ma certo! È l’energia! Se non ci fosse questa, tutto sarebbe inutile!



OM… OM… OM ... hai compreso? Era l’OM, era l’OM che c’è sempre!”
“Siate benedetti tutti, tutti, tutti...!”

IL BAMBINO

SFOGLIARE LE MARGHERITE





Nel mio giardino io pianto margherite

e poi le colgo ad una ad una e sfogliandole,

mi domando se sarò felice.
Oh, fragile risposta

di una margherita così accorta,

che deve dare a me la mia risposta!
E mentre io penso

se l’ultima foglia mi dirà se son felice,

la margherita soffre

e lei rimane tanto infelice.


E così è la vostra vita,

che d’ogni attimo che passa,

voi la sfogliate appena appena,

un attimo ancora, un minuto ancora e poi…

un’ora poi.
Vi domandate: “Che sarà la vita allora?”

Vi sembrerà felice o tanta tristezza

vi invaderà ancora?
Anime belle, venute da lontano,

Dio vi tiene per la mano,

e non fate come quello che sfogliava la margherita

per saper se era felice.

Fate del male a quella

e voi vi rendete infelici.


Basta alzare gli occhi al Cielo,

e se qualcosa voi dovete sfogliare,

sfogliate le vostre azioni o i vostri pensieri ancora;

e se una voce sentite poi, pentiti qualche volta,

ma un sorriso si aggiunge allora

e tutto ritorna felice in quella piccola ora.


Nulla poteva essere tanto più bello

di saper se amo di più o meno il mio fratello.


Non ho bisogno allor di sfogliare una margherita,

interrogo il mio cuore

e guardandolo in volto, io sento il suo dolore.
È bello allora se una carezza giunge poi.

Non ho sfogliato la margherita,

ma accarezzando il suo volto,

una lacrima che gli ho carpita,

la porto alle mie labbra e la bacio allora.
A lui il sorriso giunge

ed io gli ho dato l’amore in quell’ora!


Una piccola candela accesa si consuma,

e nella sua vita,

si domanda se tanto bene avrà fatto nella vita.
Pur tanto poco è durata,

ma quella sua fiammella così dorata,

ha dato quel che poteva dare,

e quando si è accorta di esser consumata,

non fa più in tempo a domandarsi

a chi la fiamma l’avea donata.


Perciò, se la vostra vita, la trascorrete ancora

e la trascorrete bene,

non aspettate d’aver finito l’ultima vostra ora,

ma domandatevi un attimo prima

a chi questa vita, l’avete voi donata.
E pensando un attimo ancora,

la vostra vita l’avete ritrovata.



MAESTRO LUIGI


IL RESPIRO NON È SOLTANTO PRENDERE DELL’ARIA, MA SERVE PER DARVI LA VITA.



Centro di Ricerca Spirituale “IL SENTIERO”del Maestro NERI FLAVI



Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale