Il passaggio da qui…



Scaricare 445 b.
17.11.2017
Dimensione del file445 b.











Dal 1908 al 1912 seguire le evoluzioni dell’albero di Mondrian ci fa capire il suo progressivo passaggio dal FIGURATIVO (un’opera che nel soggetto riprende in qualche modo la realtà) all’ASTRATTO (un’opera che nel soggetto non ha un diretto riferimento alla realtà).

  • Dal 1908 al 1912 seguire le evoluzioni dell’albero di Mondrian ci fa capire il suo progressivo passaggio dal FIGURATIVO (un’opera che nel soggetto riprende in qualche modo la realtà) all’ASTRATTO (un’opera che nel soggetto non ha un diretto riferimento alla realtà).

  • Il passaggio da qui…





Mondrian stesso afferma la funzione delle sue opere: dare ordine e rigore ad una realtà che non lo soddisfa.

  • Mondrian stesso afferma la funzione delle sue opere: dare ordine e rigore ad una realtà che non lo soddisfa.

  • Fondere con l’astrazione la ragione e la spiritualità.

  • L’astrattismo di Mondrian viene detto “astrattismo geometrico”.

  • Perché?

  • Naturalmente perché è effettivamente MOLTO geometrico…

  • Ma anche perché Mondrian era stato preceduto da qualcuno che di geometrico aveva poco:





Prima di Mondrian, in Germania un artista di origini russe esegue quest’acquerello, accostando macchie di colore senza alcun riferimento figurativo e senza neppure un titolo.

  • Prima di Mondrian, in Germania un artista di origini russe esegue quest’acquerello, accostando macchie di colore senza alcun riferimento figurativo e senza neppure un titolo.

  • Noi lo chiamiamo “Primo acquerello astratto” ed è il punto di partenza di una lunga storia nella storia dell’arte.

  • L’anno dopo, con Franz Marc, Kandinsky fonda il gruppo Der Blaue Reiter;

  • Questi artisti cercano “un linguaggio capace di comunicare contenuti interiori e spirituali, di origine espressionista, basato sul colore e sulle affinità con la MUSICA”.





Lo stesso Kandinsky analizza il rapporto tra colori, suoni, emozioni, nel suo scritto “Lo spirituale dell’arte”, del 1911.

  • Lo stesso Kandinsky analizza il rapporto tra colori, suoni, emozioni, nel suo scritto “Lo spirituale dell’arte”, del 1911.

  • Inoltre studia l’espressività della linea (il colore era già stato molto studiato, fin dal ‘700) in Punto, linea, superficie, del 1916.

  • Ulteriore interesse del gruppo del “Cavaliere azzurro” va al disegno infantile. Klee afferma che “i bambini, i pazzi, i popoli primitivi hanno ancora il potere di vedere”.





L’astrattismo, a differenza dei movimenti precedenti, non si propone di interpretare la realtà, ma vuole invece creare immagini nuove.

  • L’astrattismo, a differenza dei movimenti precedenti, non si propone di interpretare la realtà, ma vuole invece creare immagini nuove.

  • Eliminato il soggetto e la sua raffigurazione, l’arte diventa AUTONOMA espressione della vita psicologica (v. Freud) ed emotiva dell’uomo.






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale