Il riscattatore



Scaricare 217.5 Kb.
Pagina1/10
30.12.2017
Dimensione del file217.5 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10


Giuseppe Martelli

BOAZ,


IL RISCATTATORE

Tivoli, aprile - agosto 1998



INDICE - SOMMARIO


I. PREMESSE 3

A. PERCHE' QUESTO STUDIO 3

B. BOAZ NEL LIBRO DI RUTH 5

C. SIGNIFICATO DEL NOME "BOAZ" 6



II. CHI ERA BOAZ 8

A. IL SUO STATO SOCIALE 8



1. I suoi progenitori 8

2. La sua reputazione 10

B. IL SUO CARATTERE E le sue doti morali 11



1. Premuroso e protettivo 11

2. Generoso 12

3. Amante della compagnia 13

4. In grado di apprezzare le doti altrui 14

5. Autorevole e determinato 16

C. LA SUA SPIRITUALITA' 18



1. In presenza dei suoi servitori 18

2. In presenza di Ruth 19

D. LA SUA POSIZIONE RISPETTO A NAOMI E RUTH 20



1. La sua presumibile età 20

2. Parente della famiglia di Elimelec 21

3. Parente stretto con diritto di riscatto 22

III. COSA FECE BOAZ 24

A. ESERCITA IL DIRITTO DI RISCATTO 24



1. Preliminari 25

2. La procedura contrattuale 26

3. Il rito finale e la conclusione 27

1. La legge dell'eredità 29

2. La legge del riscatto delle terre 31

3. La legge del levirato 33

4. Rilievi conclusivi 34

C. I RISULTATI DEL RISCATTO 35



1. Il matrimonio 36

IV. BOAZ, FIGURA DEL CRISTO 38

A. IN RAPPORTO ALLA SUA POSIZIONE 39



1. Boaz era potente e ricco 39

2. Boaz era un parente stretto, ma non troppo 40

3. Boaz era autorevole e determinato 41

B. IN RAPPORTO ALLA SUA ATTIVITA' 42



1. Boaz ha dato riposo, gioia e sicurezza 42

2. Boaz ha dovuto superare l'opposizione del parente più prossimo 43

3. Boaz ha riscattato ciò che era perduto 44

4. Boaz ha voluto sposare una straniera 45

v. ELENCO DEI VERSETTI COMMENTATI 46

VI. BIBLIOGRAFIA 47



I. PREMESSE




A. PERCHE' QUESTO STUDIO

La Bibbia , parola di Dio rivelata all'uomo, è una meravigliosa raccolta di 66 libri, scritti da autori differenti in epoche anche molto diverse fra loro. La Bibbia può essere letta e meditata in vari modi, ma solo un cuore assetato del Dio vivente potrà ricevere da tale lettura quell'acqua spirituale di cui ha bisogno e che solo lo Spirito Santo è in grado di fornire per mezzo delle Sacre Scritture.

Fra i tanti metodi di lettura della Bibbia vi è quello cosiddetto "biografico", il quale "permette di studiare a fondo la vita di un personaggio per giungere a conoscerlo veramente"1. Nella Scrittura vi sono almeno 3000 personaggi di un certo rilievo, e lo studio biografico consente di evidenziare l'importanza dell'elemento umano nella realizzazione dei piani di Dio per la Sua creatura più amata. La storia, anche biblica, è fatta dagli eventi che l'hanno caratterizzata e che si sono verificati sotto la sapiente guida sovrana dell'Eterno. Ma tali eventi hanno avuto luogo per l'azione di uomini e donne... studiare il loro carattere e la loro vita permette di comprendere meglio gli eventi storici che li hanno visti protagonisti e l'opera di Dio nelle vicende umane, anche allo scopo di trarre insegnamenti per il presente.

Il metodo biografico di studio di un personaggio biblico presenta una varietà di possibili realizzazioni. Ciò che davvero conta, ad avviso di chi scrive, è l'ancoraggio dell'analisi al dato biblico (cfr. 1 Cor. 4:6), arricchito da sane informazioni, inerenti al tempo nel quale ha vissuto il personaggio prescelto nonchè ai costumi e alle abitudini sociali che contraddistinguevano quel determinato periodo storico.



Nel presente lavoro abbiamo scelto il personaggio di Boaz, del quale parla soprattutto il libro biblico di Rut. Il metodo da noi adoperato è consistito nell'analisi di tutti i brani biblici che trattano di questo personaggio, cui è seguita l'individuazione della sua posizione sociale e l'esame della sua principale attività descritta nella Bibbia: l'esercizio di un diritto di riscatto2. Come parte applicativa, abbiamo infine esaminato alcune peculiarità del suo carattere e dei suoi atti come prefigurazioni della persona e dell'opera di Gesù Cristo, del quale peraltro Boaz è un antichissimo progenitore.

Lo schema sommario che abbiamo appena delineato corrisponde in linea di massima all'ordine della successiva trattazione di questo lavoro. Prima di addentrarci in esso, però, riteniamo necessiamo soffermarci brevemente sul contenuto del libro biblico di Ruth, nonchè sul significato etimologico del nome del personaggio scritturale che andremo esaminando.



B. BOAZ NEL LIBRO DI RUTH



Il libro biblico di Ruth è posto, nelle nostre Bibbie, fra il libro dei Giudici e quelli di Samuele. Si tratta di una collocazione che ha pure un significato cronologico, dato che come momento storico di riferimento, le vicende narrate nel libro di Ruth si verificarono "al tempo dei Giudici" (1:1), cioè in un periodo che va presumibilmente dal 1390 al 1043 a.C.3. Più precisamente, si può ritenere che gli eventi descritti in Ruth coprano un arco temporale di circa 12 anni, da situare verso la fine dell'epoca dei Giudici ed almeno 60 anni prima della nascita di Davide4.

La posizione di Boaz nel libro di Ruth è di grande rilievo, anche se compare per la prima volta solo nel secondo dei quattro capitoli del libro stesso. Insieme alle figure di Naomi e di Ruth, Boaz costituisce il personaggio principale dell'intera vicenda, come viene narrata dalla Scrittura5.

Nel capitolo primo di Ruth, la storia comincia con le vicissitudini di una famiglia giudea che, a causa di una carestia che colpì il loro paese di Bethlehem, si trasferì nelle campagne di Moab (v.1), territorio abitato da un popolo generalmente ostile a quello d'Israele. Elimelec era il capo-famiglia, ma presto morì; i suoi due figli, di nome Mahlon e Kilion, sposarono due donne moabite, Ruth e Orpa, ma dopo circa dieci anni di permanenza in quel paese morirono anch'essi (vv. 2-5). Il dolore della loro madre Naomi fu grande, tanto da decidere di tornare in Israele, anche perchè la carestia era finita (v. 6). In un primo tempo entrambe le nuore si avviarono con Naomi, ma successivamente la sola Ruth continuò il viaggio con sua suocera, poichè aveva scelto di appartenere al popolo d'Israele ed al suo Dio (vv. 7-19). Così le due donne, al tempo della mietitura dell'orzo, giunsero a Bethlehem di Giuda, dove furono accolte con commozione dalla cittadinanza, anche per l'amarezza di Naomi che era evidente a tutti (vv. 20-22).

Nel secondo capitolo entra in scena Boaz, uomo potente e ricco, appartenente alla famiglia di Elimelec e parente stretto di Naomi (v. 1). Ruth convince sua suocera di mandarla a spigolare nei campi, e va a finire proprio nel campo di Boaz, dove viene notata da tutti per la sua resistenza alla fatica (vv. 2-7). Boaz le chiede di continuare a lavorare nel suo campo, riconoscendo le sue doti ed assicurandole, con le parole e con i fatti, che da lui troverà il miglior trattamento possibile (vv. 8-17). Dopo una giornata piena di soddisfazioni, Ruth torna dalla suocera, la quale gioisce nel sapere che sua nuora aveva lavorato nel campo di una persona che aveva su di loro il diritto di riscatto, consigliandole vivamente di continuare a spigolare lì (vv. 18-23).

Il terzo capitolo si apre con un saggio consiglio dato da Naomi a Ruth: restare nell'aia di Boaz, cercando la sua protezione e rimanendo a dormire ai suoi piedi (vv. 1-4). La giovane ubbidisce, ed il suo gesto di umiltà convince Boaz a far valere il diritto di riscatto su di lei e su Naomi; la lascia dormire ai suoi piedi e la mattina seguente la congeda con un ricco dono (vv. 5-15). Al suo ritorno a casa, Ruth racconta ogni cosa alla suocera, ed insieme aspettano fiduciose che gli eventi maturino (vv. 16-18).

Nel quarto capitolo del libro di Ruth vi è l'apoteosi della vicenda fin qui trattata: Boaz, alla porta della città ed alla presenza di dieci Anziani, propone al parente più stretto di Naomi di far valere il suo diritto di riscatto sulle terre vendute da quest'ultima (vv. 1-4). Dopo l'intenzione favorevole del parente più stretto, Boaz gli fa notare che egli dovrà anche sposare Ruth, e ciò fa recedere l'altro uomo, il quale altrimenti rovinerebbe la sua eredità (vv. 4-6). A questo punto, con una cerimonia ufficiale e la testimonianza dell'intera comunità, Boaz subentra nel diritto di riscatto ed acquista le terre di Naomi, sposando anche Ruth la moabita (vv. 7-12). La conclusione del libro narra della gioia di Naomi nello stringere a sè il nipotino Obed, nato dal matrimonio fra Boaz e Ruth (vv. 13-17), e ricorda come questo bimbo sarà il nonno del re Davide, mentre lo stesso Boaz discendeva direttamente da Perets, nipote di Giacobbe (vv. 17-22).




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale