Il vomito e I farmaci antiemetici



Scaricare 11.38 Kb.
02.07.2019
Dimensione del file11.38 Kb.


IL VOMITO E I FARMACI ANTIEMETICI
La regolazione centrale (SNC) del vomito è localizzata in due unità separate del bulbo:

  • ZONA CHEMORECETTRICE di ATTIVAZIONE (CTZ) nell'area postrema sul pavimento del IV ventricolo, in prossimità dei nuclei del vago  area di INNESCO del vomito

  • contiene R D, H, M, per oppioidi.

  • sensibile a stimoli chimici, a farmaci (apomorfina, morfina, glicosidi cardioattivi), a sostanze emetogeniche rilasciate da farmaci chemioterapici citotossici anticancro;

  • queste sostanze raggiungono la CTZ attraverso il flusso ematico la CTZ è fuori la BEE

  • varie sostanze endogene prodotte nell'uremia, nella malattia da radiazioni e in vari altri disordini clinici producono il vomito attraverso la CTZ.

  • CTZ è anche coinvolta nella mediazione del mal di movimento (CHINETOSI) tramite stimoli provenienti dall'apparato vestibolare. Esiste almeno un relay afferente primario, localizzato nel nucleo vestibolare, mentre il cervelletto funziona da relay secondario. Tuttavia, non è chiaro come l'apparato vestibolare si colleghi alla CTZ, poiché le cellule della CTZ non sembrano ricevere alcun contatto sinaptico, ma sembrano soltanto rispondere a sostanze presenti nel sangue e nel liquido cerebrospinale. Si ipotizza il coinvolgimento di un fattore neurourmonale contenuto nel liquido cerebrospinale.

  • CENTRO DEL VOMITO controlla la correlazione dei movimenti tra i muscoli lisci e striati coinvolti

  • costituito da quelle aree del bulbo che controllano e integrano le funzioni viscerali e somatiche implicate nel vomito

  • rappresenta un'entità fisiologica piuttosto che anatomica

  • riceve gli impulsi dalla CTZ situata nell'area postrema

Il vomito può essere indotto da vari stimoli. I principali neurotrasmettitori coinvolti nel controllo del vomito sono:



  • DA dopamina (R D2): attivaz. D2  vomito// blocco D2 anti-emesi

(R D presenti anche su parete gastrica: inibiz. motilità// blocco↑ motilità)

  • ACh acetilcolina (R muscarinici M): blocco M anti-emesi

  • H istamina (R H1): blocco H1 anti-emesi

  • 5-HT serotonina (R 5-HT3): attivaz. 5-HT3 anti-emesi

  • sostanza P

In base alle diverse condizioni vengono usati farmaci differenti:



  • antagonisti M chinetosi

IOSCINA(SCOPOLAMINA, Transcop) (elez. per chinetosi; inizio azione:1-2h; EC: confus.mentale, secch. fauci, visione offus., ritenz.idrica)

  • antagonisti H1 chinetosi, sost. ad azione su stomaco, gravidanza, sindrome di Ménière; (NO azione su sost. ad azione su CTZ)

CINNARIZINA-CICLIZINA-PROMETAZINA-DIMENIDRINATO (inizio azione: 4h; durata: fino a 24h; NO I trimestre gravid.),

  • antagonisti 5-HT3  v. da farmaci anticancro, post-operatorio, da radiazioni

ONDANSETRON (Zofran)

  • antagonisti D2  v. da uremia, radiazioni, gastroenterite virale

FENOTIAZINE: Aloperidolo-Clorpromazina-Droperidolo-Metoclopramide (EC: dist. del movimento, sonnolenza, affaticamento, galattorrea, disordini mestruali, diarrea, parkinsonismo)-Domperidone (non passa BEE, < EC risp. a metoclopr.; entrambi procinetici)

  • cannabinoidi  v. da farmaci anticancro

  • steroidi ed altri.


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale