Impianti a spina. Pdf



Scaricare 62.87 Kb.
Pdf recensione
Pagina1/7
25.11.2019
Dimensione del file62.87 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7


 

1

GLI IMPIANTI TELEFONICI TRADIZIONALI A SPINA  



(“PSTN” o “POTS”) 

 

Il cavo telefonico 

 

La linea telefonica analogica tradizionale (nota come linea PSTN o linea POTS



1

) fornita da Telecom Italia (o da un altro 

operatore titolare della linea telefonica) è costituita da un  doppino o  coppia di fili di rame denominati filo a (o L1

“negativo” e filo b (o L2) “positivo”

2



 



I colori in uso per il doppino telefonico sono, in alternativa, i seguenti: 

 

a (L1): 



bianco 

bianco 


argento 

bianco-rosso 

verde 

(L2): 



rosso 

blu 


rame 

rosso 


rosso (arancio) 

 

Negli impianti più recenti, l’operatore telefonico fornisce una  presa telefonica (o borchia



3

) unificata a tre poli detta 



terminazione di rete sulla quale viene terminata la linea telefonica fornita dall’operatore

4

.  



 

 

 



Questa presa costituisce il “punto di consegna” della linea telefonica, cioè rappresenta il confine fra la linea di proprietà 

dell’operatore telefonico e l’impianto dell’utente. A monte della presa dell’operatore, o incorporata nella presa stessa, 

esistono dei fusibili per la protezione degli apparecchi telefonici installati, da eventuali possibili sovratensioni. 

È possibile collegare direttamente alla presa dell’operatore un singolo apparecchio telefonico (telefono, fax, 

modem,…), oppure realizzare un impianto a spina costituito da più prese telefoniche alle quali collegare altrettanti 

apparecchi telefonici (massimo cinque). È anche possibile installare un centralino capace di gestire più linee interne 

ognuna collegata tramite un doppino ad un singolo apparecchio telefonico. Non ci occuperemo specificatamente di tale 

tipo d’impianto. Va da sé, comunque, che ogni volta che si ha a disposizione una linea telefonica analogica (“POTS”), 

sia essa fornita direttamente dall’esterno dall’operatore telefonico, sia essa generata da qualche tipo d’apparecchiatura 

(centralino interno, apparecchiatura ISDN, interfaccia HAG o di qualunque altro tipo,….) gli schemi di collegamento 

sono quelli illustrati qui di seguito. 

 

Lo schema generale dell’impianto POTS a spina è così schematizzabile. 



 

 

 



 

 

 



 

 

                                                 



1

 PSTN (Public Switched Telephone Network )  o POTS (Plain Old Telephone System) sono dei sinonimi con cui si 

indica la linea telefonica tradizionale di tipo analogico. In particolare l’acronimo  POTS vuole sottolineare la differenza 

rispetto alla linea telefonica digitale ISDN (Integrated Service Digital Network) di cui non ci occuperemo in queste 

note. Sono in uso anche i seguenti acronimi italiani: RTG (Rete Telefonica Generale), RTA (Rete Telefonica 

Analogica). 

2

 In inglese sono detti, rispettivamente, filo di ring e filo di tip



3

 Il termine “borchia”, tradizionale del mondo dei telefoni, non vuole significare altro che presa o morsettiera di tipo 

telefonico. Spesso viene usato specificatamente per indicare la terminazione di rete come sopra specificato. 

4

Negli impianti meno recenti, può non essere presente la presa fornita dall’operatore come terminazione di rete, oppure, 



negli impianti più vecchi, può non essere presente alcuna presa: i telefoni sono collegati direttamente ai cavi tramite una 

morsettiera. Questo per via del fatto che in passato “tutto” l’apparato telefonico era fornito da Telecom Italia, ex SIP, 

compresi i singoli apparecchi telefonici. In ogni caso gli schemi di collegamento che andiamo a illustrare restano i 

medesimi (anche le stampigliature sulle morsettiere sono analoghe). 

 

Linea  


entrante 



fusibili 

Presa terminazione di 

rete dell’operatore 

Prima 


presa 

telefonica 

ae 

be 


 au 

 bu be 


ae 

 

Seconda 



presa 

telefonica 

Ultima 

presa 


telefonica 

ae 


be 

au 


bu 


 

2

 



 

Ogni presa (tranne l’ultima) è cablata tramite due doppini: uno d’ingresso (ae e  be) e uno d’uscita o di ritorno (au e bu

che si collega alle altre prese. L’ultima presa dell’impianto è cablata solo tramite i morsetti di ingresso (ae e be).  

Secondo la dislocazione geografica delle prese, può essere comodo raggiungere una presa con un unico cavo a quattro 

fili che incorpora sia il doppino di ingresso sia quello di uscita. In questo caso i colori utilizzati sono i seguenti. 

 

cavo Telecom Italia: 

-ae

BIANCO


   

-be

ROSSO

 

-au



BLU

 

-bu



MARRONE

 

cavo USA: 



-ae

VERDE


   

-be

ROSSO 

(

ARANCIO



-au

GIALLO

 

-bu



NERO

 

cavo piatto: 



-ae

BIANCO


   

-be

BLU

 

-au



GIALLO

 

-bu



ROSSO

 

 



Il cablaggio può essere effettuato secondo due modalità: in  serie (o in cascata) e in parallelo. Sono anche possibili 

schemi ibridi, in parte in serie e in parte in parallelo. 

 

 



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale