In origine vincolato al singolo veicolo e destinato all'utenza



Scaricare 203.33 Kb.
13.11.2018
Dimensione del file203.33 Kb.

Il Telepass è un sistema di riscossione automatica del pedaggio autostradale, introdotto in Italia nel 1989 da Società Autostrade Concessioni e Costruzioni S.p.A. (oggi Telepass S.p.A.).

Opera secondo la normativa UNI-10607 del 1996, affiancata nel 1999 da una normativa europea (ETSI ES 200 674-1).

Inizialmente installato sulla tratta Prato Calenzano-Firenze Nord in via sperimentale, è stato installato in un primo tempo sull'Autostrada A1 nei caselli delle principali città italiane (Milano, Roma e Napoli) in occasione del Mondiale di calcio 1990, e in seguito l'implementazione si è estesa a tutti i caselli della rete autostradale nazionale.

In origine vincolato al singolo veicolo e destinato all'utenza business, dal 1998 è stato esteso alla clientela privata e dal 2005 il servizio è stato abilitato anche per le motociclette.

Secondo i dati aggiornati all'aprile 2008, circolano 6 milioni di apparecchi Telepass, per un totale di circa 2 milioni di transiti al giorno.

Con il Telepass è possibile pagare anche il pedaggio per il traforo ordinario dello Zovo, per i parcheggi dell'aeroporto di Malpensa, Linate e la fiera di Bologna e per la ZTL Area C di Milano.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Dal punto di vista tecnico si compone di un sottosistema di terra (RSE: Road Side Equipment) e di un apparato di bordo (OBU: On Board Unit), composto da un transponder da tenere sul parabrezza dell'auto nella zona dello specchietto retrovisore. Il transponder (OBU) non ha un oscillatore locale per comunicare con il RSE, ma sfrutta la portante emessa dall'RSE stessa.

È un sistema RFID attivo, ovvero dotato di alimentazione autonoma tramite batterie nell'unità di bordo o tramite il collegamento alla batteria dell'auto. In alcune varianti, può anche essere dotato di display per trasmettere informazioni addizionali, anche se si tratta di servizi di solito riservati agli autotrasportatori.

RADIO FREQUENCY IDENTIFICATION
In telecomunicazioni ed elettronica RFID (o Radio Frequency IDentification o Identificazione a radio frequenza) è una tecnologia per l'identificazione e/o memorizzazione dati automatica di oggetti, animali o persone (AIDC Automatic Identifying and Data Capture) basata sulla capacità di memorizzazione di dati da parte di particolari dispositivi elettronici (detti tag o transponder) e sulla capacità di questi di rispondere all'"interrogazione" a distanza da parte di appositi apparati fissi o portatili chiamati per semplicità' "lettori" (in realtà' sono anche scrittori) a radiofrequenza comunicando (o aggiornando) le informazioni in essi contenute. In un certo senso possono essere quindi assimilabili a sistemi di "lettura e/o scrittura" senza fili con numerossime applicazioni.

In questi ultimi anni si sta affermando man mano anche lo standard NFC (Near Field Communication) che estende gli standard per consentire lo scambio di informazioni anche tra lettori.



IL FUNZIONAMENTO

Il funzionamento pratico è relativamente semplice: quando il veicolo dotato di Telepass transita sotto l'apposita pista al casello un impianto ottico (CTV) riconosce il tipo di veicolo e attiva l'emissione del segnale da parte dell'apposito apparato trasmettitore.

L'impianto di bordo risponde alla "chiamata" del dispositivo a terra, ritrasmettendo un codice identificativo univoco. La centralina a terra registra il passaggio e dà ordine di sollevare la sbarra.

In caso di mancato dialogo tra le due parti del Telepass, una speciale fotocamera fotografa o filma la targa, per poter risalire all'autore del transito non autorizzato o del pedaggio non riuscito. In ogni caso, un secondo impianto ottico provvede alla conferma della classificazione del tipo di veicolo.

Tutta la transazione avviene in pochi decimi di secondo, evitando di doversi fermare. L'unico vincolo è il dover procedere abbastanza lentamente da dare il tempo all'apparato di ricevere il segnale ed eseguire la transazione, per cui è presente un limite di velocità di 30 km/h. L'eliminazione del tempo di fermata e ripartenza e del pagamento manuale velocizza notevolmente lo scorrimento e riduce la probabilità che si formino code e ingorghi, annullando i tempi di attesa. Il pagamento del pedaggio viene addebitato automaticamente sul conto corrente o su una carta di credito dell'intestatario del contratto e fatturato a scadenze regolari, semplificando anche la gestione amministrativa di chi usa l'auto come strumento di lavoro.

TELEPASS RICARICABILE

È un servizio attivo, al momento in via sperimentale, in alcuni tratti autostradali della Regione Campania.

Si tratta dello stesso servizio Telepass tradizionale, con la variante di essere prepagato, ovvero senza che vi sia la necessità di un conto corrente o carta di credito di appoggio. È attivo unicamente sui seguenti tratti a pedaggio predefinito:


  • A56 Tangenziale di Napoli - tutto il tratto;

  • A1 Napoli - Milano - nel tratto compreso tra Napoli e Caserta Sud;

  • A16 Napoli - Canosa di Puglia - nel tratto compreso tra Napoli e Pomigliano d'Arco;

  • A3 Napoli - Salerno - Reggio Calabria - nel tratto a pagamento compreso tra Napoli e Salerno;

Il servizio è garantito dalla dotazione di uno speciale apparecchio con display che indica sia il costo del pedaggio, sia (tramite l'uso di un pulsante) il credito aggiornato dopo ogni passaggio sotto le barriere; quest'apparecchio, anziché essere consegnato in comodato d'uso dal "Punto Blu" come il Telepass tradizionale, va acquistato e rimane di proprietà del cliente.

Per ricaricare il credito è sufficiente andare sul sito istituzionale Telepass oppure presso una tabaccheria-ricevitoria del Lotto abilitata, ove, unitamente alla somma da ricaricare, dovrà essere esibita una "card" identificativa col codice a barre dell'apparecchio contenuta nella confezione del dispositivo. In un prossimo futuro sarà disponibile anche il servizio di ricarica tramite terminale Bancomat. La società Autostrade per l'Italia ha auspicato che, in futuro, potrà essere utilizzato su tutta la rete autostradale italiana.



STORIA E TECNICA DELL'APPARECCHIO

Il primo prototipo del terminale di bordo fu sviluppato dal 20 dicembre 1986 fino al 17 aprile 1987, in tempi di record da soli tre progettisti (uno hardware e due software, allora solo 24-25enni), dipendenti di un'azienda del gruppo Olivetti. La presentazione del sistema fu fatta davanti ai direttori della Società Autostrade e dell'Olivetti, battendo sul tempo la Marconi, azienda inglese che, in tempi successivi, fornì la tecnologia delle antenne.

Il prototipo originale del Telepass aveva una forma rettangolare leggermente più grande e piatta e sarebbe dovuta servire anche per i pagamenti nelle aree di servizio. È basato su una tecnologia di transponder, antenna passiva che, eccitata via radio da un'antenna attiva (Boa), comunica con quest'ultima. All'avvicinarsi al casello autostradale la prima boa accende il telepass e lo prepara per la comunicazione per le altre due. La seconda boa riconosce l'apparato sull'automezzo, trasmettendo i dati alla rete autostradale che fa alzare la sbarra. La terza boa chiude e conferma il passaggio. Le tre boe e il sistema a terra sono collegate con la sbarra con delle telecamere digitali e la rete autostradale, il passaggio in entrata viene mandato al sistema informatico autostradale in modo da calcolare la tariffazione e accettare lo stesso apparato al casello in uscita. Più tardi i dati verranno elaborati e verrà spedito l'estratto conto.


 


PRIVACY POLICY DEL SITO www.telepass.it

TELEPASS S.p.A. informa i visitatori del proprio sito istituzionale web – www.telepass.it – che provvede alla tutela dei dati personali nel rispetto ed in conformità alle vigenti norme privacy (Codice in materia di protezione dei dati personali – D.Lgs. n. 196/2003).



 

L'informativa è resa solo per il sito di Telepass S.p.A. e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.

 

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO




Dati di registrazione

 

Le informazioni richieste in fase di registrazione verranno utilizzate per consentire l'accesso ai servizi online di Telepass S.p.A. che - per assicurare il corretto svolgimento di tutte le attività connesse o strumentali all'erogazione dei propri servizi - potrà, ove necessario, comunicare i dati personali degli utenti ad altre società del Gruppo Atlantia S.p.A. Inoltre, essendo la registrazione propedeutica per l'accesso ai servizi online, i dati personali dei clienti, effettuata la scelta del servizio e previa ulteriore informativa, verranno trattati per le sole finalità connesse e/o funzionali al servizio di Telepass S.p.A. prescelto. I dati non verranno ceduti in alcun caso a terze società esterne al Gruppo.

 

 










 

Dati di navigazione

 

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e sono conservati per i tempi definiti dalla normativa legale di riferimento. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.

 

 










 

Cookies

 

Nessun dato personale viene acquisito dal sito se non consapevolmente fornito dall’utente. Non viene infatti fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, sebbene cookies vengano utilizzati in modo aggregato e non atto a ricondurre all’identità del visitatore, per monitorare le abitudini di navigazione dei nostri clienti al fine di migliorare il servizio offerto e rendere la navigazione sul sito più sicura ed efficiente.

 

FACOLTATIVITA' DEL CONFERIMENTO DEI DATI

 

A parte quanto specificato per i dati di registrazione e per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati eventualmente necessari per le richieste di chiarimenti e/o informazioni che vorrà inviare a Telepass S.p.A. Si segnala che il mancato conferimento di tali dati può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto. Tali dati e, fra questi, la casella di posta elettronica, oltre che per le citate finalità di servizio, potranno essere utilizzati – conformemente a quanto sottoscritto dal cliente in fase di registrazione al sito e/o di apertura del contratto - da Telepass S.p.A. per comunicazioni di carattere commerciale proprie o per conto di propri partner commerciali. Rimane ovviamente fermo il diritto per il cliente di recedere da tale possibilità semplicemente comunicando tale volontà a Telepass S.p.A. tramite form presente sul sito www.telepass.it.

 

MODALITA' DEL TRATTAMENTO

 

I dati personali verranno trattati per mezzo di strumenti informatico/telematici e per le finalità connesse e/o strumentali ai servizi on line di Telepass S.p.A. di Posta elettronica e degli eventuali altri servizi online o per la semplice navigazione sul sito per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Il trattamento dei dati avverrà per mezzo di strumenti e/o modalità volte ad assicurare la riservatezza e la sicurezza dei dati.

 

TITOLARE, RESPONSABILE E LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

 

Titolare del trattamento dei dati è Telepass S.p.A. con sede in via Bergamini 50, 00159 Roma. In qualità di titolare del trattamento dei dati essa ha identificato al proprio interno i seguenti Responsabili:

  • il Responsabile dell’unità organizzativa Amministrazione e Finanza;


  • il Responsabile dell’unità organizzativa Customer Care;


  • il Responsabile dell’unità organizzativa Marketing;


  • il Responsabile dell’unità organizzativa Operations;


  • il Responsabile dell’unità organizzativa Sales & Distribution Channels.


 

Il trattamento connesso ai servizi di questo sito ha luogo presso la predetta sede di Telepass S.p.A.

 

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

 

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del D. Lgs 30 giugno 2003 n. 196). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del trattamento presso la sua sede.

VANTAGGI

Internet ha aperto le frontiere ad ogni genere di servizio, ammazzando le tradizionali code che normalmente ognuno di noi deve sostenere per pagare le bollette, le tasse, prenotare viaggi, fare la spesa ecc.. senza tralasciare il vantaggio di effettuare queste operazioni, senza limiti di orari di chiusura di uffici e negozi. Anche in questo caso la potenza di internet consente l'accesso a servizi di grande utilità per il cittadino che viaggia e che usa il Telepass per evitare inutili code per pagare il pedaggio autostradale (e tutti sappiamo quanto tempo occorra nelle altre corsie) e soprattutto di stare ore al sole in estate quando ci sono gli esodi per le vacanze.

Per lavoro a volte si è costretti a viaggiare molto ed è per questo che con la stessa frequenza ci si trova a pagare il pedaggio autostradale. L'operazione è semplice e non richiede conoscenze tecniche particolari, infatti si può usufruire del servizio telepass, attraverso l’utilizzo del piccolo dispositivo collocato sul parabrezza dell'auto. Successivamente basterà allinearsi agli sportelli dedicati agli utenti abilitati al servizio e il gioco è fatto, abbiamo pagato il pedaggio senza fermarsi al casello, tramite addebito sul conto telepass.
E' possibile pagare anche in altro modo, ovvero con accredito sul corrente o con carta di credito American Express, Diners, Aura, Postamat Maestro e alle carte aderenti ai circuiti Visa, Eurocard/Mastercard.
La fattura può essere inviata anche ad un indirizzo diverso da quello dichiarato al momento della registrazione e ogni informazione può essere aggiornata in maniera semplice e pratica.

Il sito, rappresenta altresì un ottimo strumento d'informazione sui vari servizi offerti dalla società, ma anche per controllare la situazione del conto da corrispondere, cambiare i dati inerenti alla macchina che utilizza il dispositivo di telepass, usufruire di promozioni speciali per gli iscritti al club, cambiare il tipo di contratto scelto o ancora di consultare le mappe autostradali migliori da seguire per raggiungere le nostre mete. La Grafica è ben curata, mentre l'organizzazione delle pagine e scorrevole e intuitiva. La registrazione al sito è completamente gratuita ed è necessaria per usufruire dei servizi aggiuntivi che questo offre rispetto ai canali tradizionali. La procedura è semplice e richiede pochissimi minuti, al termine del quale ricevere un user-id e una password che si serviranno per accedere al nostro profilo personale e naturalmente, per gestire il nostro contratto.


Un altro servizio di grande utilità è quello inerente alle informazioni via e-mail che avvisano in tempo reale, se nel tratto di strada che devo percorrere in un determinato giorno e ad una determinata ora, c'è traffico oppure no. In questo modo, ci si può avvalere di percorsi alternativi senza il pericolo di fare tardi.

In conclusione, si può parlare di un ottimo servizio che ha il pregio di velocizzare le operazioni di viaggio e di un altrettanto eccellente servizio di assistenza all'utenza, caratterizzato da questo sito che rende più snelle e più trasparenti le operazioni tra la società ed il cliente che può controllare 24 ore su 24 la sua situazione di credito. Tale servizio permette il controllo dei passaggi in dettaglio, entrata, uscita, importo. Prima il controllo poteva essere effettuato solo con la richiesta dell'elenco passaggi che allegato alla fattura costava i suoi bei 3 euro circa a fattura.
Inoltre è possibile selezionare solo determinati passaggi e stampare una sorta di ricevuta.



Nel sito sono disponibili parecchi altri servizi:


  1. Infoviabilità e Meteo.


  2. News autostrade dove sono riportati i vari comunicati delle autostrade.


  3. Mappa interattiva percorsi e pedaggi dove è possibile programmare un percorso e sapere i costi e le uscite disponibili. 


  4. Isoradio dove è indicata la distribuzione in tutta italia di questo servizio.

SVANTAGGI

Per quanto concerne i difetti, si nota che quando il sito riceve molte visite simultanee la consultazione del profilo personale si rallenta.


Il servizio prevede una sorta di canone da pagare per la consegna della fattura a domicilio pari a 3,10 € + iva e che di solito avviene all'incirca con decorrenza trimestrale.

A dire il vero, dipende molto dall'utilizzo del servizio, ma di default funziona in questo modo.


Il guadagno dell’utente è solo in un piccolo risparmio di tempo e neanche molto grande quando ci sono lunghe code per il rientro, va bene che c'è la corsia preferenziale, ma se la coda è grossa, alla corsia preferenziale devi arrivarci.

Altro problema, come se non fossimo già abbastanza controllati, si aggiunge un altro metodo per controllarci.
I caselli comunque hanno bisogno di una rete di controllo elettronico per registrare i pagamenti, le casse, ecc.
Con il Telepass non pagano il personale ai caselli ed usano la stessa rete informatica, per cui il costo di gestione è minore. Loro risparmiano e tu paghi le spese del servizio di fatturazione, poco, ma paghi e se non hai l'avvertenza di registrarti al loro sito, paghi anche le spese di spedizione della fattura. Il risparmio sul personale è notevole e sarebbe bene che questo risparmio si riperquotesse sul consumatore/utente dell'autostrada, con sconti, tariffe per pendolari su tratte lunghe o utlizzatori frequenti. Ma la concorrenza non c'è e all'autostrada spesso non si hanno alternative per cui accontentiamoci di fare meno coda e di essere più controllati.

VIACARD

Viacard è il nome commerciale della prima (1981) tessera magnetica che permette il pagamento elettronico del pedaggio delle autostrade italiane, senza limiti di spesa. E' una carta dedicata soprattutto alle aziende ed agli operatori economici.

Esistono due tipi di tessere Viacard:



  • a scalare: la tessera è prepagata e il pedaggio viene scalato fino all'esaurimento del credito

  • di conto corrente: con questa tessera il pedaggio viene addebitato sul conto corrente precedentemente comunicato.

  • La tessera non ha scadenza.

Ti consente di aderire al servizio TELEPASS con VIACARD.

  • Presentando, infatti, la tua Viacard di conto corrente presso un qualsiasi Punto Blu, potrai ritirare un apparato Telepass (e’ possibile richiedere un Telepass per ogni tessera posseduta).



  • QUANTO COSTA

La quota associativa annua del servizio Viacard di Conto Corrente è di 15,49 euro e prevede il rilascio di una tessera. Puoi ottenere tessere aggiuntive sullo stesso contratto con una quota annua di 3,10 euro ciascuna.

Alcune banche prevedono, per ciascun addebito sul conto corrente, una commissione che, come riportato nel Documento di Sintesi, non può comunque superare il valore massimo di 1,55 Euro.


DOVE RICHIEDERLA

Direttamente presso la tua banca, se convenzionata, sottoscrivendo il modulo di adesione che prevede l'addebito sul tuo conto

Contattando l'ente emittente della Carta di Credito, per chi e' titolare di una carta Diners Club o Bankamericard (ad esclusione delle carte ricaricabili) quindi al proprio circuito interbancario di credito

Riceverai la tessera Viacard di Conto Corrente direttamente al tuo domicilio
DOVE UTILIZZARLA

La Viacard di c/c si può utilizzare su tutta la rete autostradale italiana, nelle porte blu self-service Viacard e in quelle manuali presidiate da un esattore.


COME UTILIZZARLA

Utilizzarla è facilissimo. In uscita alle porte self-service, dopo aver inserito il tagliando ritirato all'entrata, si inserisce la tessera nell'apparato preposto. In uscita alle porte manuali, si consegna la carta all'esattore con il biglietto ritirato nella stazione di entrata. In caso di non funzionamento quando si è in una porta self-service, premere il pulsante richiesta di intervento e non scendere comunque dal veicolo.


ADDEBITO DELLE SPESE, FATTURA ELENCO VIAGGI

L'addebito avviene direttamente sul conto corrente bancario o sulla carta di credito del cliente una volta al mese. Mensilmente il cliente riceve al proprio domicilio la fattura riepilogativa delle spese effettuate completa dell'elenco dettagliato dei viaggi effettuati con indicazione della stazione di ingresso e di uscita, orario e importo relativo. E' possibile, comunque, ricevere una copia cartacea della fattura, con il relativo elenco viaggi, compilando il modulo di richiesta. In tal caso è previsto il costo di 0,56 euro (IVA inclusa) per ciascuna fattura cartacea richiesta.


FURTO O SMARRIMENTO

In caso di smarrimento o di furto della Viacard c/c, Viacard Plus o del Telepass il titolare dovrà darne immediata comunicazione ad un Centri Servizi oppure a Autostrade per l'Italia S.p.A. inviando un fax.



Entro 30 giorni dalla prima comunicazione, il titolare dovrà far pervenire ad Autostrade per l'Italia S.p.A. la copia della denuncia rilasciata dalle autorità competenti.


Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale