Individuazione di



Scaricare 445 b.
22.12.2017
Dimensione del file445 b.



Individuazione di

  • Individuazione di

  • Elementi strutturali (articolazioni logiche)

  • Blocchi di informazioni collegate (segmentazione in paragrafi) in una topic sentence (titolo provvisorio del paragrafo)

  • Idee essenziali (argomentazione)

  • Parole chiave (formulazione)



Inversione dato/nuovo

  • Inversione dato/nuovo

  • Lead: fatto nuovo

  • Episodio: fatti principali e dettagli

  • Background: contesto,

    • antecedenti: natura storica e strutturale costruiti attraverso l’intreccio di discorso diretto (fonti) e discorso indiretto (del giornalista)
    • Ulteriori dettagli del contesto
  • Reazioni verbali: citazioni dirette o indirette di portavoce e protagonisti, che consentono anche di formulare opinioni senza mettersi in gioco direttamente

  • Conseguenze: possono avere la stessa posizione gerarchica del tema degli eventi principali

  • Ulteriori particolari, commento (valutazioni, aspettative).



Piramide rovesciata, propria delle news

  • Piramide rovesciata, propria delle news

  • Necessità di segmentazione

  • Minori vincoli di chiusura

  • Meno adatti gli attacchi brillanti e funzionali a creare l’attesa



Precisione lessicale

  • Precisione lessicale

  • Esercizio dell’astrazione

  • Riformulazione improntata a coesione e concisione



Trasmette il senso di un testo

  • Trasmette il senso di un testo

  • Rispetta l’ordine logico scelto dall’autore e la concatenazione delle idee attraverso coesivi e legami logici (evitando la semplice giustapposizione di frasi e idee)

  • Può riprendere parole chiave tra virgolette o citare, in via eccezionale, una formula particolarmente significativa

  • Sostituisce lo stile dell’autore con quello del redattore.



Non è una parafrasi

  • Non è una parafrasi

  • Non è solo una riduzione per soppressione

  • Non deve aggiungere elementi assenti nel testo originale

  • Non deve contenere né introduzione né conclusione

  • Non deve contenere citazioni troppo ampie del testo d’origine.



Tre macroregole (van Dijk 2009, Cardinale 2015)

  • Tre macroregole (van Dijk 2009, Cardinale 2015)

  • Cancellazione

  • Generalizzazione

  • Costruzione



Soppressione delle parti marginali, non rilevanti ai fini della comprensione del tema

  • Soppressione delle parti marginali, non rilevanti ai fini della comprensione del tema

  • Richiede la preliminare segmentazione del testo

  • Il senso di un testo non è distribuito in modo uniforme in tutte le sue sezioni



Sostituzione di una sequenza di proposizioni con una espressione più astratta.

  • Sostituzione di una sequenza di proposizioni con una espressione più astratta.

  • Possibile ricorso a iperonimi (fatto, avvenimento, circostanza, situazione, ecc.), per riprendere elementi nominali oppure sintetizzare interi blocchi di testo.

  • Nominalizzazione: ricorso a sostantivi per condensare una frase espressa con il verbo o a incapsulatori (vedi iperonimi). La sostituzione del verbo con un sostantivo può produrre un effetto di sintesi e coesione, ma anche un effetto di maggior staticità.



Produzione di una macrostruttura del testo, riassunto schematico, guidata dall’anticipazione del lettore (adattamento del testo ai suoi potenziali lettori)

  • Produzione di una macrostruttura del testo, riassunto schematico, guidata dall’anticipazione del lettore (adattamento del testo ai suoi potenziali lettori)

  • Richiede:

    • Operazione di selezione
    • Organizzazione dell’informazione disponibile


Per fare un riassunto fedele di un testo è importante rispettarne innanzitutto la struttura, evitando operazioni di permutazione (cambiamento dell’ordine) e ricomposizione, motivate da intenti correttivi, integrativi, interpretativi che possono essere fuorvianti (Cardinale 2015: 28)

  • Per fare un riassunto fedele di un testo è importante rispettarne innanzitutto la struttura, evitando operazioni di permutazione (cambiamento dell’ordine) e ricomposizione, motivate da intenti correttivi, integrativi, interpretativi che possono essere fuorvianti (Cardinale 2015: 28)



Non significa far emergere la propria soggettività.

  • Non significa far emergere la propria soggettività.

  • Evitare strategie di distanziamento come: l’autore afferma, secondo l’autore, ecc.

  • Non imitare lo stile del testo originario

  • Attenzione per la paragrafazione (evitare la forma “cemento” ma anche la forma “gruviera”): la paragrafazione è un indice di stile e di comprensione

  • Rendere più chiare e comprensibili espressioni oscure

  • Uso attento dei legami logici di concatenazione. In un testo argomentativo i più usati sono quelli di causa e di conseguenza. Importanti anche i legami di opposizione perché permettono di presentare opinioni differenti.








©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale