Informazioni sulla gara


Cereali e derivati: 2.1Pasta secca



Scaricare 374 Kb.
Pagina5/87
29.03.2019
Dimensione del file374 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   87

2Cereali e derivati:




2.1Pasta secca

Pasta di 1 qualità, confezionata con farina di grano duro tipo 0, di pura semola, ed acqua con i requisiti precisati nelle norme di cui alle leggi n.580 del 4.7.1967 (G.U. n.189 del 29 luglio 1967) e successive modifiche e n.440 dell'8 giugno 1971 (G.U. n.172 del 9 luglio 1971).

Proprietà:

• umidità massima: 12,5%;

• acidità massima: gradi 4 su 100 parti di sostanza secca;

• ceneri: su 100 parti di sostanza secca minimo 0,70 e massimo 0,90;

• cellulosa: su 100 parti di sostanza secca minimo 0,20 e massimo 0,45;

• sostanze azotate: su 100 parti di sostanza secca ( N x 5,70 ) minimo 10,50;

• priva di odori e sapori aciduli anche lievi e senza aggiunta di sostanze minerali, alfine di ottenere il

peso e la compattezza;

• di perfetta essiccazione e conservazione ;

• non dovrà presentarsi frantumata, alterata, avariata né colorata artificialmente. Dovrà essere immune, in modo assoluto, da insetti. Quando fosse rimossa, non dovrà lasciare cadere polvere o farina. Dovrà essere di aspetto uniforme, resistente alla cottura ed alla pressione delle dita, con frattura vitrea.

La pasta di formato piccolo dovrà resistere alla cottura non meno di 15 min. e 20 min. quella di formato grosso. La prova della cottura sarà effettuata in acqua bollente, nella proporzione di 1 a 10 in volume, senza sale ed in recipiente ben pulito. La pasta non dovrà spezzarsi alla cottura né disfarsi e diventare collosa o intorbidire sensibilmente l'acqua.

Per ogni tipo di pasta devono essere specificate le seguenti caratteristiche: 1) tempo di cottura 2) resa (almeno di peso con la cottura) 3) tempo massimo di mantenimento delle paste cotte scolate entro il quale è garantita la conservazione di accettabili caratteristiche organolettiche (assenza di collosità) s" 4) tempo massimo di cottura entro il quale è garantito un mantenimento di accettabili requisiti organolettici come il mantenimento della forma o l'osservanza di spaccature.

Le confezioni devono riportare dichiarazioni riguardanti: a) il peso netto b) il tipo di pasta c) la ditta produttrice d) il luogo di produzione (come da D.Lgs. 26 maggio 1997, n. 155 e dal D.Lgs. 31 marzo 1998, n.114 ),e tutte le ulteriori informazioni previste dal D.lgs. 27/1/92 n 109 e succ. modificazioni e integrazioni come la data di scadenza).





Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   87


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale