Introduzione IL dinamismo vocazionale dell’Eucaristia nel giorno del Signore. Come?



Scaricare 0.61 Mb.
Pagina101/105
28.03.2019
Dimensione del file0.61 Mb.
1   ...   97   98   99   100   101   102   103   104   105

Terzo Momento


Rimani con noi, Signore

Guida: Il dono dell’Eucaristia risplende in tutta la forza del suo mistero e nella potente eloquenza del segno del pane, segno di vita e di comunione. È il Papa a ricordarcelo con il suo magistero e con la testimonianza della sua vita e del suo apostolato. Ascoltiamolo nelle parole che lui ha consegnato alla Chiesa per questo anno dell’Eucaristia.

Lettore: Dalla Lettera Apostolica “Mane Nobiscum Domine” di Papa Giovanni Paolo II. L’Anno dell’Eucaristia nasce dallo stupore con cui la Chiesa si pone di fronte a questo grande Mistero. È uno stupore che non finisce di pervadere il mio animo. Sento come una grande grazia del ventisettesimo anno di ministero petrino il poter chiamare ora tutta la Chiesa a contemplare, a lodare, ad adorare in modo specialissimo questo ineffabile Sacramento. L’Anno dell’Eucaristia sia per tutti occasione preziosa per una rinnovata consapevolezza del tesoro incomparabile che Cristo ha affidato alla sua Chiesa. Sia stimolo ad una sua celebrazione più viva e sentita, dalla quale scaturisca un’esistenza cristiana trasformata dall’amore. Tante iniziative potranno essere realizzate in questa prospettiva...

Se il frutto di questo Anno fosse anche soltanto quello di ravvivare in tutte le comunità cristiane la celebrazione della Messa domenicale e di incrementare l’adorazione eucaristica, questo Anno di grazia avrebbe conseguito un risultato significativo. Buona cosa tuttavia è mirare in alto, non accontentandoci di misure mediocri, perché sappiamo di poter contare sempre sull’aiuto di Dio.

A voi, cari Confratelli nell’Episcopato, affido questo Anno. Voi, sacerdoti, che ogni giorno ripetete le parole della consacrazione e siete testimoni e annunciatori del grande miracolo di amore che avviene tra le vostre mani, lasciatevi interpellare dalla grazia di questo Anno speciale, celebrando ogni giorno la santa Messa con la gioia ed il fervore della prima volta e sostando volentieri in preghiera davanti al Tabernacolo. Sia un Anno di grazia per voi, diaconi, che siete da vicino coinvolti nel ministero della Parola e nel servizio dell’Altare. Anche voi, lettori, accoliti, ministri straordinari della comunione, abbiate coscienza viva del dono che vi viene fatto con i compiti a voi affidati in vista di una degna celebrazione dell’Eucaristia.

In particolare, mi rivolgo a voi, futuri sacerdoti: nella vita di Seminario cercate di fare esperienza di quanto è dolce non solo partecipare ogni giorno alla santa Messa, ma anche indugiare a lungo nel dialogo con Gesù

Eucaristia. Voi, consacrati e consacrate, chiamati dalla vostra stessa consacrazione a una contemplazione più prolungata, ricordate che Gesù nel Tabernacolo vi aspetta accanto a sé, per riversare nei vostri cuori quell’intima esperienza della sua amicizia che sola può dare senso e pienezza alla vostra vita. Voi tutti, fedeli, riscoprite il dono dell’Eucaristia come luce e forza per la vostra vita quotidiana nel mondo, nell’esercizio delle rispettive professioni e a contatto con le più diverse situazioni.

Riscopritelo soprattutto per vivere pienamente la bellezza e la missione della famiglia. Molto infine mi aspetto da voi, giovani, mentre vi rinnovo l’appuntamento per la Giornata Mondiale della Gioventù. Il tema prescelto - Siamo venuti per adorarlo (Mt 2,2) - si presta in modo particolare a suggerirvi il giusto atteggiamento in cui vivere quest’anno eucaristico. Portate all’incontro con Gesù nascosto sotto i veli eucaristici tutto l’entusiasmo della vostra età, della vostra speranza, della vostra capacità di amare. Stanno davanti ai nostri occhi gli esempi dei Santi, che nell’Eucaristia hanno trovato l’alimento per il loro cammino di perfezione. Quante volte essi hanno versato lacrime di commozione nell’esperienza di così grande mistero ed hanno vissuto indicibili ore di gioia “sponsale” davanti al Sacramento dell’altare! Ci aiuti

soprattutto la Vergine Santa, che incarnò con l’intera sua esistenza la logica dell’Eucaristia. In questo Anno di grazia, sostenuta da Maria, la Chiesa trovi nuovo slancio per la sua missione e riconosca sempre di più nell’Eucaristia la fonte e il vertice di tutta la sua vita.



Il dinamismo vocazionale dell’eucaristia nel giorno del signore. come?
La domenica provoca il giorno dell’uomo
Il senso del tempo e la sua organizzazione
Giovani e tempo: alcune coordinate che ci interpellano
La rappresentazione del tempo della storia
La quotidianità
La domenica degli italiani: i risultati dell’indagine
Ma qual è il rapporto dei giovani con la domenica?
Riflessioni sul giorno del signore
Nell’ambivalenza della vicenda umana il discernimento evangelico
Alcune opportunità
Perché il giorno del signore è centrale nella vita della comunità cristiana?
La domenica, sintesi della storia della salvezza
La domenica, memoriale del battesimo
L’eucaristia, cuore della domenica
Perché scegliere la mistagogia?
Che cos’è la mistagogia?
L’incontro settimanale della comunità
Il risorto presente nella celebrazione eucaristica
L’eucaristia “sacramentum unitatis”
La chiesa, ricca delle diverse vocazioni
Cristo parla a me oggi
Cristo attende da me una risposta di vita
Dalla gratitudine alla gratuità
Conformi a cristo nel dono di sé
Il senso eucaristico della vita (e della morte)
La messa come festa e come dramma
Messa domenicale e senso del tempo
La messa come espressione vocazionale (vocazione e vocazioni)
L’eucaristia prepara l’eucaristia
Qualche suggerimento più specifico
Il dinamismo vocazionale dell’eucaristia nel giorno del signore
Le tre attenzioni del nostro cammino
Luca e stefania
Qual è la nostra concezione della famiglia?
Qual è la funzione della chiesa verso la famiglia?
L’eucaristia domenicale
La nostra eucaristia
Sr. m. paola gasperini
La donna consacrata vive l’eucaristia insieme a tutto il popolo di dio
Una carità a tempo pieno
L’eucaristia domenicale cosa dona alle figure di laici impegnati nei ministeri ecclesiali? quale identità definisce?
La figura del catechista
Il nostro impegno
L’incarnazione, l’eucaristia, il sacerdozio ordinato e l’impegno per le vocazioni sacerdotali
Cristo incarnato presente in mezzo a noi nell’eucaristia
L’eucaristia centro della vita della chiesa
L’importanza e la necessità del sacerdozio ministeriale
L’impegno per le vocazioni sacerdotali
La domenica dei martiri di abitene
Sine dominico non possumus
Canto di esposizione
Riflessione lettore:
Lettore: ti preghiamo per il nostro vescovo... lettrice:
Lettore: ti preghiamo per i giovani. lettrice:



Condividi con i tuoi amici:
1   ...   97   98   99   100   101   102   103   104   105


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale