Introduzione: la spiegazione dei termini


A confermare la tesi di Eldredge si riportano alcuni casi di antievoluzionismo, realmente accaduti nei primi anni duemila



Scaricare 275.6 Kb.
Pagina5/37
14.02.2020
Dimensione del file275.6 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   37

A confermare la tesi di Eldredge si riportano alcuni casi di antievoluzionismo, realmente accaduti nei primi anni duemila.

I) Il primo caso di antievoluzionismo risale al 24 ottobre 2002, quando per la prima volta nella storia italiana una scuola pubblica (il liceo scientifico Vittorini di Milano) ha permesso ad alcuni studenti appartenenti all'associazione di destra “Alleanza studentesca”, tra cui Fabrizio Fratus,65 d’organizzare una conferenza antievoluzionista, dal titolo: “Evoluzione-creazione, confronto tra due modelli per spiegare l’origine della vita sul nostro pianeta”. Innanzitutto, risulta difficile capire come potesse farsi un confronto quando sul palco non è stato invitato nessun esponente dell’evoluzionismo, ma soltanto tre del creazionismo e cioè: Fernando De Angelis, insegnante di Scienze alle scuole secondarie di secondo grado, Mihail Georgiev, biologo e medico, e Ronald Nalin, geologo creazionista e membro della Chiesa avventista. In sostanza, i tre relatori spiegano agli studenti che la teoria dell’evoluzione per selezione naturale, cioè il darwinismo, “non può essere considerata una verità scientifica, ma solo una rispettabile ipotesi su basi fondamentalmente filosofiche”. Inoltre, fanno notare che “questa teoria è superata nel mondo accademico anche evoluzionista”. Le precise parole di Georgiev sono le seguenti: «Se il darwinismo manca di un punto d'inizio e non fornisce prova alcuna della trasformazione di una specie in un’altra, perché non vagliare l’ipotesi di un Dio creatore? In fondo, non ci sono prove scientifiche che possano dimostrare la non esistenza di una divinità creatrice. Dunque, perché escludere a priori lo studio della teoria creazionista dai testi scientifici adottati a scuola? Infine, con uno spirito d'autentico pluralismo culturale, è corretto sapere che credere in un Dio creatore non è affatto antiscientifico.» 




Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   37


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale