Istituto Comprensivo Orchidee Rozzano


La comunicazione della valutazione



Scaricare 34.12 Kb.
Pagina5/8
28.03.2019
Dimensione del file34.12 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8
La comunicazione della valutazione

E’ cosa diversa dalla valutazione, ma spesso viene confusa con essa. Mentre la valutazione è un processo che si inserisce organicamente nell’apprendimento/insegnamento, la comunicazione è un’operazione che viene condotta in momenti stabiliti del percorso, mediante strumenti amministrativi (pagella, scheda di valutazione, tabelle degli esiti ecc.), generalmente accompagnati da una comunicazione personale agli allievi e ai genitori, che serve a illustrare appunto i criteri con cui si è pervenuti a quella valutazione, nell’ottica della trasparenza.

Le modalità di comunicazione della valutazione sono generalmente fissate per legge: ad esempio, attualmente è stabilito che la comunicazione del profitto avvenga mediante voti in decimi attribuiti alle discipline; che vi sia un voto per la condotta (a eccezione della scuola primaria, dove per la condotta si esprime un giudizio descrittivo)2; che la valutazione finale in esito agli esami di fine ciclo sia espressa sempre in decimi (scuola secondaria di primo grado)
Profitto

Nelle valutazioni scolastiche usuali viene valutato il profitto: esso misura prevalentemente conoscenze e abilità disciplinari, attraverso strumenti e prove tradizionali, e si esprime per mezzo di voti numerici. Dato che si esprime attraverso giudizi sintetici numerici, attribuiti alle discipline, il voto di profitto ha bisogno di essere ulteriormente spiegato con una descrizione verbale o scritta, che illustri i criteri e le dimensioni sottostanti al giudizio sintetico.




Risulta necessario riflettere e costruire un vocabolario pedagogico comune
Unità di apprendimento
Fasi della valutazione
La certificazione delle competenze
Riferimenti normativi
Riferimenti europei



Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale