Istituto comprensivo statale



Scaricare 4.48 Mb.
Pagina1/19
12.11.2018
Dimensione del file4.48 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19


ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

Luigi Settino” – SAN PIETRO IN GUARANO

con sedi staccate in CASTIGLIONE COSENTINO

Via S. Bruno 42- 87047 San Pietro in Guarano (CS)

c:\users\daniele\desktop\provvisoria\settino.png risultati immagini per comune san pietro in guarano c:\users\daniele\desktop\provvisoria\logo_comune_cast.jpgf:\testata_logo.jpg



Prot. 2301 A/19 San Pietro in Guarano 16/07/2018



CSIC857002

Bilancio Sociale

2017/18

Dirigente Scolastico

Dott.ssa Rosanna Rizzo



E-mail: csic885006@istruzione.it - Tel. +39 0981 74251 - Fax +39 0981 1904662 - C.F. 94018290786 CM CSIC885006

Posta Cert.: csic885006@pec.istruzione.it - Codice fatturazione elettronica UFBWUS - www.istitutocomprensivosibari.gov.it



E-mail: csic885006@istruzione.it - Tel. +39 0981 74251 - Fax +39 0981 1904662 - C.F. 94018290786 CM CSIC885006

Posta Cert.: csic885006@pec.istruzione.it - Codice fatturazione elettronica UFBWUS - www.istitutocomprensivosibari.gov.it

INDICE

Premessa …………………………………………………………………………… Pag. 4

1. Identità dell’Istituto “Luigi Settino” San Pietro in Guarano Pag. 8

1.1. Popolazione scolastica ………………………………… Pag. 13

2. Eventi e progetti effettuati ………………………….. Pag. 16

2.1. Obiettivi strategici………………………………………… Pag. 23

2.2. Le risorse umane…Stakeholder………………….. Pag. 26

2.3. Le risorse economiche………………………………….. Pag. 32

2.4. Le ricorse tecniche………………………………………… Pag. 33

3. La relazione sociale: …………………………………………………. Pag. 31

3.1. I risultati scolastici………………………………………… Pag. 31

3.2. Prove INVALSI………………………………………………. Pag. 34

3.3. Analisi dei progetti……………………………………….. Pag. 40

4.1 Analisi dei dati di miglioramento

Report Prove Parallele, report Risultati a distanza, report questionari

4. Impegni per il futuro…………………………………………………….

PREMESSA


Illustrare un bilancio sociale significa “rendicontare” in modo completo e attendibile l’operato di un’organizzazione con riferimento a tutti gli stakeholder (studenti, famiglie, comunità locale, ecc.) e alle dimensioni economiche, sociali e ambientali. Il punto di arrivo è quindi quello di “rendere conto” ai soggetti coinvolti nel percorso scolastico delle scelte operate, delle attività svolte e dell’utilizzo di risorse (input), destinate e utilizzate in modo da fornire una visione completa e chiara dei risultati ottenuti (output).

La rendicontazione sociale nasce dalla consapevolezza che il compito prioritario della scuola è il successo formativo di ciascun alunno. In quest’ottica il bilancio sociale può essere considerato come uno strumento di ausilio e supporto alla programmazione didattica educativa, ponendosi come sintesi degli aspetti che meglio caratterizzano il ruolo dell’istituzione scolastica in tutti i suoi aspetti (organizzativi, gestionali, didattici ed comunicativi) al fine di comprendere i punti di forza e di debolezza dell’organizzazione nel suo complesso, riflettere sui processi attuati e sulle relazioni in essere con i diversi stakeholder del territorio di appartenenza San Pietro in Guarano e Castiglione Cosentino , poi provincia di Cosenza, ATP di Cosenza, USR Calabria.

Priorità formativa dell’ IC “Luigi Settino ” di San Pietro in Guarano è la promozione del pieno sviluppo della personalità di tutti e di ciascuno attraverso:

• la rimozione di ogni ostacolo alla frequenza

• la cura nei confronti dell’integrazione/inclusione

• la prevenzione del disagio e della dispersione

• il perseguimento della qualità del sistema di istruzione

Tali obiettivi si realizzano nel guidare gli alunni ad elaborare il senso della propria esperienza, promuovendone la pratica consapevole della cittadinanza attiva. Tutto ciò in pieno accordo con gli obiettivi strategici nazionali:

-Assicurare la direzione unitaria della scuola promuovendo la partecipazione tra le diverse componenti della comunità scolastica, con particolare attenzione al PTOF.

-Assicurare il funzionamento generale dell’IC , organizzando le attività secondo criteri di efficienza, efficacia e buon andamento dei servizi.

-promuovere l’autonomia didattica e organizzativa, di ricerca, sperimentazione e sviluppo, in coerenza con il principio di autonomia delle istituzioni scolastiche

- promuovere la cultura e la pratica della valutazione come strumento di miglioramento della scuola, anche attraverso la valorizzazione della professionalità dei docenti.

Anche gli obiettivi regionali emanati dal Direttore Generale della Calabria Ing. Diego Bouchè in data 10/08/2017 che si declinano in:

-Ridurre il fenomeno del cheating

-Promuovere l’acquisizione delle competenze di cittadinanza e integrarle nella programmazione curriculare

- Rimuovere le ragioni sistemiche della varianza tra classi e conferire organicità alle azioni promosse in tema di prevenzione, accompagnamento, recupero e potenziamento

Tutta la gestione didattica-educativa-economica dell’IC di Sibari è orientata per perseguire gli obiettivi derivanti dal RAV.

Promuovere le eccellenze e migliorare i risultati scolastici

Avere un quadro comune di indicatori in uscita per le competenze di cittadinanza.

Incrementare il monitoraggio dei percorsi successivi.

L’IC di San Pietro , in virtù di quanto sopra, opera in sintonia con i bisogni del territorio, delle famiglie e degli studenti. Con l’entrata in vigore della recente normativa, la scuola deve essere aperta al nuovo, alle competenze diversificate dei docenti, alle esigenze didattiche che si evidenziano per essere all’altezza delle sfide della complessità.

A tal fine è stato quindi necessario rivolgere particolare attenzione ai seguenti aspetti:

• ottimizzazione delle risorse umane, in relazione all’orario di servizio e all’offerta formativa;

• potenziamento della cultura della centralità della persona “unica e irripetibile” nel processo di apprendimento, in una scuola intesa come luogo di crescita umana nel rispetto delle diversità;

• potenziamento della cultura del controllo e dell’autovalutazione, al fine di superare l’autoreferenzialità che ha connotato il passato.

Le scelte finanziarie, convergenti a quelle strategiche, pur cercando il più possibile di essere funzionali al raggiungimento degli obiettivi didattici ed ai progetti previsti dal PTOF, hanno comunque sempre tenuto presenti i seguenti obiettivi:

• implementare la pratica della individualizzazione/personalizzazione attivando tutte le risorse e le strategie possibili e quindi rendere efficaci le attività di recupero, di consolidamento e di potenziamento;

• approfondire i livelli di eccellenza con attività mirate in campo informatico, linguistico e logico-matematico;

• promuovere l’accoglienza e l’integrazione dei disabili e degli allievi con disturbi specifici dell’apprendimento, nel rispetto dei tempi individuali offrendo lavori differenziati, graduati per livelli di difficoltà, tempi di esecuzione, potenzialità cognitive;

• favorire la fruizione della lingua inglese, anche con il decisivo apporto economico delle famiglie;

• organizzare un ambiente per l’apprendimento che offra stimoli differenziati attraverso l’uso integrato e sistematico dei diversi mediatori didattici;

• privilegiare collegamenti, relazioni, collaborazioni con la ricca rete territoriale: Amministrazione Comunale, Provinciale, Regionale, Parrocchiale, associazioni varie.

• captare le opportunità di finanziamento di progetti per ampliare e ancor più qualificare l’offerta formativa;

• promuovere la cultura della sicurezza, della prevenzione e della sicurezza.

Il presente documento, rappresenta la prima tappa di un percorso di riflessione sulla nostra identità, sui valori di riferimento del nostro fare scuola, e il primo tentativo formale di condividere e socializzare in maniera ufficiale il nostro essere scuola con la comunità di appartenenza.

Il documento ha una struttura volutamente, snella, schematica e semplice da leggere, affinché non si presenti come mero e freddo elenco di dati, ma sia al contrario elemento di facile consultazione e comprensione; sono state scelte le aree di rendicontazione più significative.

È composto da 5 capitoli:



  1. Identità dell’Istituto in cui si tratta della presentazione generale dell’Istituto;

  2. Eventi e Progetti

  3. Strategie e risorse in cui si possono trovare informazioni sulle strategie, le risorse umane a disposizione e l’assetto organizzativo, le risorse finanziarie disponibili ed utilizzate per il raggiungimento degli obiettivi dell’Istituto;

  4. La relazione sociale: gli esiti nel quale si “rende conto” in modo dettagliato e critico dei risultati del processo di insegnamento- apprendimento, in altre parole quali sono gli esiti scolastici degli studenti e si rendicontano i costi sostenuti per realizzare i progetti di ampliamento/approfondimenti dell’Offerta Triennale Formativa dell’Istituto;

  5. Impegni per il futuro nel quale sono sinteticamente descritte le azioni di miglioramento che la Scuola si impegna ad attivare per rispondere con azioni adeguate ai punti deboli.


Non tutto quel che la scuola fa può essere misurato ma questo non significa che “non conta”;

è solo che non esiste uno strumento unico che renda ragione di ogni aspetto. Occorre separare quel che è utile misurare da quel che è comunque necessario valutare anche utilizzando strumenti non quantitativi

perché attiene ai valori individuali e collettivi

che sono quelli che tengono insieme la società: questo è l’oggetto proprio della rendicontazione sociale che si basa sulle attese della comunità

e non su unità di misura!

IDENTITÀ DELLISTITUTO COMPRENSIVO “Luigi Settino ” di San Pietro in Guarano e Castiglione Cosentino



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale