Istituto di Istruzione Professionale dei Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale



Scaricare 75.75 Kb.
02.06.2018
Dimensione del file75.75 Kb.


Istituto di Istruzione Professionale dei Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera - Servizi Socio Sanitari

Istituto di Istruzione Professionale dei Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale

Istituto di Istruzione Professionale per l’Industria e l’Artigianato e Istituto Tecnico Trasporti e Logistica

Convitto annesso - C.F. 91003750915 - www.ipsar.gov.it

e-mail nurh030008@istruzione.it – PEC nurh030008@pec.istruzione.it

Via Santa Chiara - 08048 Tortolì (OG) - Tel. 0782 628006 Fax 0782 628003

Istituto Agrario: Loc. S. Giovanni - SS 125 Km 138 - Tel. 0782 624950 Fax 0782 621142

I.P.S.I.A. Via Santa Chiara s.n.c. - 08048 Tortolì (OG) - Tel. 0782 623243 Fax 0782 626219



Convitto: Loc. S. Giovanni - SS 125 Km 138 - Tel. 0782 624949 Fax 0782 621135

CLASSE _________________

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE

ALLEGATO AL VERBALE DEL PRIMO CONSIGLIO DI CLASSE

Data 00/11/2016 A.S. 2016/17



  1. SITUAZIONE DI PARTENZA


1A) COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE


Disciplina

Docenti

Firma dei docenti




















































































GRUPPO CLASSE

1B) Composizione della classe


Iscritti

Ripetenti

Trasferimenti

M

F

M

F

M

F




















1C) Analisi della situazione di partenza - Profilo generale della classe

A cura del Coordinatore: caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento nei confronti delle discipline, interessi, partecipazione.

________________________________________________________

________________________________________________________



1D) Analisi della situazione di partenza – Profilo didattico della classe.

I singoli Docenti presentano i risultati dei test d’ingresso somministrati



materia

Risultati test

Motivazione/partecipazione media della classe

%

ottimo

%

buono

%

sufficiente

%

insufficiente

% gravemente insufficiente










































































































































































































































2. PROGRAMMAZIONE
2A)COMPETENZE DI CITTADINANZA
Dalle singole discipline alla programmazione comune: strategie, attività e metodologie didattiche per lo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza, al termine del biennio.

COMPETENZE DI CITTADINANZA

STRATEGIE, ATTIVITA’, METODOLOGIE DIDATTICHE

IMPARARE A IMPARARE


- Portare tutto il materiale per svolgere un compito o un'attività;

- adoperarsi perchè il materiale personale e scolastico sia sempre in buono stato;

- arrivare puntuale (all'ingresso, al rientro dall'intervallo e in tutte le situazioni dove ci sia un orario da rispettare)


PROGETTARE


Consegnare gli elaborati in modo curato ( relazioni, mappe, tabelle, grafici, ricerche etc)


RISOLVERE PROBLEMI


- Rispettare le indicazioni della consegna (sulle modalità di esecuzione di un lavoro, sui materiali e sugli strumenti che si possono usare e sui tempi di restituzione). - - Attivarsi per rimediare ai voti bassi o per aumentare la propria media scolastica (partecipare ai corsi di recupero o chiedendo una verifica supplementare, organizzando gruppi studio).


INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI


Chiedere al professore una valutazione del proprio operato anche se non è previsto il voto.

Tenere conto del tempo a disposizione per una qualsiasi verifica e/o attività.

Elaborare e realizzare le fasi di un elaborato proposto.


ACQUISIRE E INTERPRETARE LE INFORMAZIONI


Individuare e rappresentare principali collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi anche appartenenti a differenti ambiti disciplinari;

riconoscere analogie e differenze, cause ed effetti.




COMUNICARE


Comprendere linguaggi specifici di semplici istruzioni, procedure, azioni da mettere in atto in relazione al contesto.


COLLABORARE E PARTECIPARE


Contribuire in maniera attiva e propositiva alla realizzazione delle attività di gruppo.


AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE


- Inserirsi in modo attivo e consapevole nelle attività proposte all'interno del curricolo ed extra curricolo e far valere i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità.

accrescere la propria autostima nei - Accrescere la propria autostima nei confronti degli adulti e dei pari.

Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale della scuola e della classe, essere corretti nel comportamento durante le assemblee di classe e di Istituto; essere motivati nell'affrontare attività di orientamento in uscita e nel prepararsi all'Esame di Stato.

Riconoscere e rispettare limiti, regole e responsabilità, ad esempio rispettare il regolamento di Istituto.



Spunti: Promozione dell’apprendimento cooperativo, del confronto e del dialogo, valorizzazione dell’operatività e della creatività, radicamento delle conoscenze astratte su elementi concreti di esperienza, coinvolgimento degli allievi nell’autovalutazione. Va ulteriormente definito il “come”.


2B) UNITA’ DI APPRENDIMENTO (INTERDISCIPLINARIETA’)
E’ opportuno che il Consiglio di classe programmi almeno una UdA.

Procedura da seguire:



UNITA’ DI APPRENDIMENTO



Denominazione



















































3 .VALUTAZIONE
STRUMENTI DI VALUTAZIONE. Il CdC, indica le tipologie di verifica che intende proporre nel corso dell’anno scolastico.


Verifiche

Materie

Verifiche orali





Prove strutturate o semistrutturate






Analisi testuale





Tema - saggio (argomentativo)





Risoluzione problemi





Sviluppo progetti





Relazioni





Altro






Vengono considerati elementi che concorrono alla valutazione dello studente i seguenti indicatori:
□ Progressione del livello delle conoscenze di base

□ Progressione del livello di acquisizione di un metodo di studio o di lavoro/laboratorio

□ Livello di applicazione nello studio in classe/laboratorio

□ Livello di applicazione nello studio assegnato a casa

Costanza nello studio a casa

□ Presenza alle verifiche programmate

□ Livello di progressione relativo allo studio/lavoro guidato in classe/laboratorio

□ Livello di progressione relativo allo studio guidato in orario extracurricolare

□ Partecipazione al dialogo educativo-didattico

□ Grado di interesse per la disciplina

□ Progressione del grado di autonomia riguardo a contenuti/problemi teorico-pratici da svolgere

□ Progressione del grado di riflessione/creatività/ criticità riguardo a contenuti teorico-pratici proposti

□ Assenze strategiche

□ Disturbo durante lo svolgimento della lezione o dell’attività laboratoriale

Altro:_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Tutti i docenti sono tenuti a seguire quanto programmato e a comunicarlo agli studenti e alle famiglie secondo i criteri della chiarezza e della trasparenza.”

Tortolì, 00/11/2016 Il Coordinatore di classe Firma del Coordinatore di Classe

Il Dirigente Scolastico



Prof. Gian Battista Usai



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale