Istituto Istruzione Secondaria Superiore “Enrico Medi” galatone (LE)



Scaricare 1 Mb.
Pagina27/65
29.03.2019
Dimensione del file1 Mb.
1   ...   23   24   25   26   27   28   29   30   ...   65
Tabelladeidatisperimentali

Acquadistillata

Non conduce

Non elettrolita

Acqua potabile

Conduce: la lampadina si accende poco per la bassa concentrazione dei Sali presente

Elettrolita per i Sali presenti

Acido acetico puro

Non conduce

Non elettrolita

Acidoa cetico 0,1 M

Conduce poco

Elettrolita debole in acqua si ionizza parzialmente

Acido cloridrico 0,1 M

Conduce

Elettrolita forte si ionizza completamente

Idrossido di sodio 0,1M

Conduce

Elettrolita forte si ionizza completamente

Cloruro di Sodio 0,1 M

Conduce

Elettrolita forte si ionizza completamente


Conclusioni: La conducibilità dipende dalla presenza di Ioni nella soluzione, un composto covalente allo stato puro come l’acqua o l’acido acetico non conduce perché non vi sono ioni. Questi composti covalenti polare hanno dei dipoli (densità di carica positiva e negativa) che si creano per la differenza di elettronegatività tra i due atomi che condividono un doppietto elettronico (H-O),quando all’acido acetico puro si aggiunge l’acqua si ha una parziale ionizzazione (elettrolita debole) H+, CH3COO" questi ioni che si formano consentono il passaggio di energia elettrical’acido cloridrico risulta elettrolita forte perché in acqua si ionizza completamente. Il cloruro di sodioè un composto ionico formato da tanti ioni positivi Na+ e tanti ioni negativi CI;, allo stato solidoquesti ioni non sono liberi di muoversi, ne risulta che allo stato solido il cloruro di sodio nonconduce energia elettrica, allo stato “fuso” questi ioni sono liberi di muoversi, ne consegue cheallo stato “fuso” il cloruro di sodio conduce energia elettrica, quando mettiamo nell'acqua il clorurodi sodio avviene una dissociazione ionica per il fenomeno della solvatazione, molte molecole diacqua riescono a vincere le forze di legame tra i due ioni, che liberandosi consentono la conduzione di energia elettrica
Legami chimici – prove di polarità solubilità e miscibilità

INTRODUZIONE TEORICA

Quando due atomi si combinano per formare una molecola si ha la formazione di un legame chimico. Legame covalente quando due atomi condividono due o più elettroni, covalente puro tra atomi con uguale elettronegatività (es H2 H-H), covalente polare tra atomi con diversa elettronegatività l’atomo più elettronegativo attira gli elettroni dalla sua parte e si forma un dipolo con densità di carica negativa sull'atomo più elettronegativo, e positiva sull’altro atomo ( HCI). Legame ionico si forma tra ioni di carica opposta, è di natura elettrostatica “forza di attrazione tra ioni di carica opposta”, in questo caso si ha un trasferimento di elettroni da un atomo poco elettronegativo (bassa energia di ionizzazione) ad un atomo molto elettronegativo “NaCl”

OBIETTIVO: Verificare la polarità, la miscibilità, di alcuni solventi e verificare la solubilità di alcuni soluti neisolventi presi in esame



MATERIALE

  • Burette,becher .Bacchetta o penna

  • Provette Portaprovette





Condividi con i tuoi amici:
1   ...   23   24   25   26   27   28   29   30   ...   65


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale