Istituto Istruzione Secondaria Superiore “Enrico Medi” galatone (LE)



Scaricare 1 Mb.
Pagina29/65
29.03.2019
Dimensione del file1 Mb.
1   ...   25   26   27   28   29   30   31   32   ...   65
Verifica della miscibilità Con le provette utilizzate per la solubilità effettuare le seguenti combinazioni: trasferire il contenuto della provetta con acqua e cloruro di sodio con esano e iodio quindi osservare se esano e acqua sono miscibili; trasferire il contenuto della provetta con acqua e iodio con alcool e cloruro di sodio, e osservare la miscibilità; trasferire la provetta con alcool e esano nella provetta con esano e cloruro di sodio e osservare la miscibilità

Tabella dati sperimentali

Prove di Polarità




Prove di Solubilità

Acqua

Polare







Cloruro di Sodio

Iodio

Alcool

Polare




Acqua

Solubile

Non solubile

Esano

Non polare




Alcool

Non solubile

Solubile










Esano

Non solubile

Solubile

c:\users\iiss\appdata\local\temp\finereader12.00\media\image1.jpeg





Prove di Miscibilità




ACQUA

ALCOOL

ESANO

ACQUA










ALCOOL

miscibile







ESANO

Non miscibile

Non miscibile





Preparazione di Soluzioni

Introduzione teorica: Le soluzioni sono sistemi monofasici costituiti dalla miscela omogenea di due o più sostanze: quella o quelle presenti in quantità minore sono dette soluti, quella presente in quantità maggiore è detta solvente. 

La concentrazione esprime le quantità di soluto e di solvente, di una soluzione e può essere espressa in modi differenti, di cui i principali sono i seguenti:http://www.sapere.it/mediaobject/studiafacile/images/chimica/e11_07/original/e11_07.gif

La percentuale in peso (% P/P) indica la quantità espressa in grammi di soluto presente in 100 g di soluzione:

http://www.sapere.it/mediaobject/studiafacile/images/chimica/e11_08/original/e11_08.gif

La percentuale in volume (% V/V) indica la quantità espressa in ml di soluto presente in 100 ml di soluzione (soluto + solvente):



http://www.sapere.it/mediaobject/studiafacile/images/chimica/e11_09/original/e11_09.gif

La percentuale in peso/volume (% P/V) indica la quantità espressa in grammi di soluto presente in 100 ml di soluzione:



http://www.sapere.it/mediaobject/studiafacile/images/chimica/e11_10/original/e11_10.gif

La molarità o concentrazione molare (M) indica il numero di moli n di soluto disciolte in 1 l di soluzione:



http://www.sapere.it/mediaobject/studiafacile/images/chimica/e11_11/original/e11_11.gif

La molalità o concentrazione molale (m) indica il numero di moli n di soluto presenti in 1000 g di solvente puro:



http://www.sapere.it/mediaobject/studiafacile/images/chimica/e11_13/original/e11_13.gif

La normalità (N) indica il numero di equivalenti, neq, di soluto presenti in un litro di soluzione:

Va rammentato che la definizione di normalità dipende dalla natura della reazione nella quale è coinvolto il soluto. In generale tra la molarità (M) e la normalità (N) di una soluzione esiste la relazione: N = M · v dove v rappresenta il numero di ioni H+ in gioco nella reazione, oppure il numero di elettroni scambiati se si tratta di una reazione di ossido - riduzione.

Obiettivo: Preparare soluzioni a concentrazioni diverse, M, N, %P/V, %V/V da composti puri per pesata e da soluzioni concentrate per diluizione.


MATERIALE


    • Matracci da 100, 250

    • Imbutini in polietilene

    • Becher diverse misure

    • Agitatore bacchettina di vetro

    • Contagocce

    • Vetrino di orologio,

    • Spatola

    • Pipette graduate con propipetta

SOSTANZE E REATTIVI

    • Acqua

    • Idrossido di sodio

    • cloruro di sodio

    • Acido cloridrico conc

    • Acido solforico conc



Quando si utilizzano acidi concentrati bisogna essere molto prudenti nel manipolarli. L'acido solforico concentrato è corrosivo reagisce in modo violento con sempre poco alla volta con cautela l'acido all'acqua e mai il contrario. Questo vale anche per tutti gli acidi e le basi concentrate.



Procedimento operativo

Idrossido di sodio 100mL0,15 M oppure 1%P/V

Effettuare i calcoli per stabilire i grammi da pesare, pesare l'idrossido con le dovute cautele in un becher piccolo, aggiungere poca acqua distillata 20-30 mL solubilizzare agitando con una bacchettina, con l'attenzione per soluzioni corrosive.

Avendo cura di non perdere sostanza, trasferire in un matraccio da 100 mL con un imbutino, recuperare le tracce di idrossido dal becher lavando due tre volte con acqua distillata e trasferendo nel matraccio.

Quando tutte le tracce di idrossido sono state recuperate dal becher, aggiungere acqua nel matraccio con una spruzzetta fino a portarsi vicino alla tacca di riferimento dei 100 mL, poi con un contagocce portare a volume fino alla tacca di riferimento con attenzione e goccia a goccia, alla fine il menisco (livello del liquido) deve essere tangente alla tacca di riferimento


Cloruro di sodio 100 mL 0,12 M

Effettuare i calcoli per stabilire i grammi da pesare, pesare con un vetrino o navicella, preparare un matraccio da 100 mL con un imbutino e inserire poca acqua distillata circa %. Trasferire il cloruro di sodio direttamente dal vetrino nel matraccio avendo cura di non perdere sostanza, con l'aiuto di una spruzzetta con poca acqua recuperare tutte le tracce di cloruro di sodio rimaste sul vetrino, quando tutto il sale è stato trasferito agitare in senso rotatorio per far solubilizzare il cloruro di sodio, quando la solubilizzazione è completa portare a volume come descritto per la precedente soluzione






Acido cloridrico 4M 100 mL da acido cloridrico conc

Prima trasformare la %P/P dell'acido concentrato in M poi ricavare i mL di acido concentrato da prelevare per preparare la soluzione diluita.

Effettuare il prelievo sotto cappa con una pipetta graduata, trasferire i mL nel matraccio contenente 1/3 di acqua distillata (osservare figura), poi portare a volume come riportato in figura prima fase con la spruzzetta, seconda fase con contagocce fino alla tacca di riferimento (fig. menisco tangente)
Acido solforico 6N 100 mL da acido solforico conc

Prima trasformare la %P/P dell'acido concentrato in N, poi per diluizione ricavare i mL di acido concentrato da prelevare per preparare la soluzione diluita.

Effettuare il prelievo sotto cappa con una pipetta graduata, trasferire i mL di acido concentrato con molta cautela e lentamente nel matraccio contenente 1/2 di acqua distillata (osservare figura), poi portare a volume come riportato in figura prima fase con la spruzzetta, seconda fase con contagocce fino alla tacca di riferimento (fig. menisco tangente)
Le soluzioni preparate vanno etichettate, e stoccate nei reattivi a disposizione del laboratorio.

La nomenclatura chimica: i composti

Materiali occorrenti:

Magnesio - Calcio - Sodio - Zolfo - Zinco - Anidride fosforica - Ossido di calcio - Ossido di mercurio - Idrossido di sodio sol. 0.1 M - Idrossido di bario soluzione 1 % - Acido solforico sol. 1:5 - Acido cloridrico sol. 1:3 e 0.1 M - Acido nitrico sol. 1:3 - Acido ortofosforico sol. 1:2 - Cartine all'indicatore universale - Fenolftaleina sol. 1 % - Vetreria

Esecuzione dell'esperienza:

Le procedure di esecuzione sono descritte per ogni reazione. Ove non indicato si devono utilizzare quantità minime di reagenti.





Condividi con i tuoi amici:
1   ...   25   26   27   28   29   30   31   32   ...   65


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale