Istituzioni di Cinema



Scaricare 241.5 Kb.
Pagina1/7
21.12.2017
Dimensione del file241.5 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7

Istituzioni di Cinema

Argomenti delle lezioni

Sommario



1.Le origini del Cinema: da Daguerre al sonoro 2

   6


2.Il cinema del Lumière e il cinema di Méliès  6

Il convegno dei fotografi, l'arrivo di un treno in costa azzurra: 6

3."Scarface - Lo sfregiato" di Howard Hawks: esempio di Piano Sequenza 17

  19


4.Da Bergson a Deleuze: la nascita di una Semiotica del Cinema 19

  21


5."L'uomo con la macchina da presa": un esempio di Metacinema 21

6."La Passione di Giovanna D'Arco": Primi piani come Immagine-Affezione 24

7.Méliès e Griffith: l'introduzione di più storie nei film e i vari tipi di montaggio 26

  29


8.Il Cinema Sperimentale Tedesco 29

9.I rapporti tra Cinema Muto e Cinema Sonoro - "Full Metal Jacket" di Stanley Kubrick e "Il Pensionante" di Alfred Hitchock 31

10.Il cinema cieco: "Blue"  36

11.La Musica nei film 38

12.Lo schema SAS' (Grande Forma) e ASA (Piccola Forma) 39

13."Ombre Rosse" di John Ford: la forma SAS' e la gestione dei 90' del film 41

14."La finestra sul cortile" di Alfred Hitchcock 43

Il film può far pensare? 44

15.Lo schema di Deleuze; gli stili Cinematografici; la tripla crisi del Cinema; analisi approfondita su "La finestra sul cortile" 45

Bibliografia 56




  1. Le origini del Cinema: da Daguerre al sonoro


 

Cos’è il Cinema? Il Cinema è qualcosa che parte da un insieme di fotografie. Non esisterebbe se non ci fosse la fotografia.

 

 

1839 Daguerre -------> Nascita ufficiale della Fotografia


1895 Lumière -------> Nascita del Cinématographe

 

Daguerre e il Dagherrotipo

Daguerre era un impresario teatrale, specializzato nel diorama, attraverso il quale si mettevano in scena delle proiezioni di immagini dipinte. La data del 1839 venne scelta dal Governo Francese. Nella suddetta data, vennero svelati i segreti del Dagherrotipo. I Dagherrotipi erano delle lastre di metallo, su cui era visibile qualcosa che era piantato di fronte all’obbiettivo; tipicamente paesaggi o ritratti.

 

La Fotografia

Il termine che si afferma nell’800 è quello di fotografia. La fotografia è un’invenzione che cambia la vita in modo radicale. “Noi sappiamo molte cose del passato grazie ai mezzi televisivi, al cinema, ma questo non sarebbe stato possibile se non ci fosse stata prima la fotografia” (cfr Benjamin). Benjamin considera il Cinema come una conseguenza della fotografia. In passato la “sopravvivenza” dell’immagine di un soggetto, era solamente riservato ai potenti che potevano permettersi scultori e pittori. Invece la fotografia permette di avere un’immagine che è un' effettiva riproduzione “oggettiva” di un’immagine reale. Mancavano due elementi: il colore e il movimento. La fotografia è reale solo per quell’istante.

 

I Lumière

Per muovere le immagini, c’è bisogno di una macchina che scatti 24 immagini al secondo che, grazie alla persistenza retinica, creano l’illusione del movimento. I fratelli Lumière, il 28 Dicembre del 1895, proiettano per la prima volta 10 cortometraggi; da qui la nascita del Cinématographe. L’invenzione dei Lumière è quella di un proiettore che proietti le immagini reali. Mentre in America inventano il Chinetoscopio, con cui si vedevano sempre delle sequenze, ma era un prodotto individuale poiché per vedere le immagini, si dovevano inserire delle monete al suo interno. Ogni invenzione è stata inventata più volte in vari modi e quello che noi conosciamo è il modo che ha vinto nella competizione. Il Cinema è nato dunque dalla necessità di dare un movimento alla fotografia.

 

La nascita della Radio

Altra grande invenzione del ‘900 è la Radio. Nella radio c’è il suono, ovvero si ha una trasmissione di impulsi elettrici. L’idea di segnale è diversa da quella di immagine.

 

Differenza tra macchina da presa e telecamera

Da non confondere la telecamera con la macchina da presa. La macchina da presa contiene al suo interno la pellicola vergine, su cui vengono impresse le immagini. Mentre la telecamera è elettronica, quindi per riprendere le immagini, riceve impulsi elettronici.
RADIO -----------> TV  ≠ VT

 

Il segnale e la trasmissione televisiva

Nel 1936, Hitler decise che le Olimpiadi dovevano svolgersi a Berlino. Decise che tutti dovevano vedere le Olimpiadi; per questo tutti gli scienziati tedeschi furono impiegati nella creazione della televisione. Inoltre ingaggiò la regista Leni Riefenstahl, che realizzò il film “Olympia”. Quindi già nel 1936 c’era il segnale e la trasmissione televisiva.
I primi anni di trasmissione televisiva Italiana non si posseggono registrati, perché la registrazione divenne realtà solo nel 1956 con la società Ampex, che creò il VTR (Video Tape Recorder), con cui potevano essere registrate le trasmissioni.
La differenza tra il Cinema e la Televisione è che il cinema è una registrazione. Con il Cinema la diretta non è possibile.

 

Méliès

Méliès era impresario come Daguerre. Capì che poteva girare i suoi spettacoli con le attrezzature cinematografiche. È considerato il creatore degli effetti speciali.

 
1927 nascita del Sonoro

Il 1927 è la data che segna la concorrenza tra Cinema e radio per quanto riguarda il suono, dove per suono si intendono le voci e le musiche.

Il Cinema classico Hollywoodiano è quello muto, poiché il linguaggio delle immagini mute è internazionale.

 

Il Montaggio

“Elemento chiave” del Cinema è il montaggio, ovvero il linguaggio del Cinema. È con il montaggio che nasce in Cinema come arte.



  

  1. Il cinema del Lumière e il cinema di Méliès 



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale