Jiddu Krishnamurti



Scaricare 304 Kb.
Pagina1/17
13.11.2018
Dimensione del file304 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   17

Jiddu Krishnamurti

Sulla paura


Titolo originale dell’opera: ON FEAR

(Harper San Francisco)

Traduzione di CRISTIANA MUNZI

© 1995, Krishnamurti Foundation Trust Limited

and Krishnamurti Foundation of America

© 1998, Casa Editrice Astrolabio Ubaldini Editore, Roma


Indice

Sulla paura 1

Nota editoriale 2

Bombay, 30 gennaio 1982 2

Ojai, 8 maggio 1982 3

Da “Libertà dal conosciuto” 3

Saanen, 22 luglio 1965 8

Saanen, 21 luglio 1964 9

Saanen, 3 agosto 1960 - da “La domanda impossibile” 9

Saanen, 2 agosto 1970 - da “La domanda impossibile” 15

Saanen, 25 luglio 1972 20

Saanen, 2 agosto 1962 20

Roma, 7 aprile 1966 22

Discorso agli studenti della Rajghat School, 5 gennaio 1954 24

Parigi, 22 marzo 1966 27

San Diego State College, 6 aprile 1970 - da “Al di là della violenza” 28

Bombay, 22 febbraio 1961 30

Bombay, 22 gennaio 1978 31

Brockwood Park, 1 settembre 1979 31

Brockwood Park, 26 agosto 1984 34

Londra, 16 marzo 1969 - da “The Flight of the Eagle” 34

Madras, 7 gennaio 1979 39

Madras, I gennaio 1984 39

Conversazione con Mary Zimbalist - Brockwood Park, 5 ottobre 1984 41

New Delhi, I novembre 1981 44

Ojai, 12 maggio 1981 45

Parigi, settembre 1961 - da “Taccuino” 46



14 settembre 46

15 settembre 47

16 settembre 48

17 settembre 49

18 settembre 50

19 settembre 51

23 settembre 52

San Francisco, 11 marzo 1973 53

Saanen, 31 luglio 1974 56

14 luglio 1985 - da “Gli ultimi discors”i, Saanen 1985 57

Fonti 61

Esiste la paura. La paura non è mai una realtà concreta, esiste prima o dopo il presente in atto. Quando c’è la paura nel presente in atto, si tratta davvero di paura? È lì e non c’è possibilità di fuga, di evasione. Lì, nel momento presente, nel momento del pericolo, fisico o psicologico, c’è un’attenzione totale. Quando c’è attenzione totale, non c’è paura. Al contrario, il fatto reale che manchi l’attenzione genera paura. La paura nasce quando si evita la realtà, quando si fugge. Allora, la fuga in sé è paura.

Dal Taccuino di Krishnamurti

Nota editoriale


Jiddu Krishnamurti è nato in India nel 1895. All’età di tredici an­ni venne accolto nella Theosophical Society, che lo considerò il vei­colo di quel “maestro del mondo” del quale stava annunciando l’av­vento. Ben presto Krishnamurti doveva dimostrarsi un maestro effi­cace, senza compromessi e difficilmente classificabile; i suoi discorsi e i suoi scritti non erano collegati a nessuna religione in particolare e non appartenevano né all’Oriente né all’Occidente, ma erano rivolti al mondo intero. Rifiutandosi fermamente di apparire come un mes­sia, nel 1929 Krishnamurti sciolse con una decisione sofferta la grande e ricca organizzazione che gli avevano costruito intorno e di­chiarò che la verità è una “terra senza sentieri” che non può essere affrontata da nessuna religione, filosofia o setta costituita.

Per il resto della vita rifiutò insistentemente lo status di guru che altri cercavano di attribuirgli. Continuò ad attrarre ampie cerchie di persone in tutto il mondo, ma non reclamò alcuna autorità, non volle discepoli e parlò sempre da individuo a individuo. Al cuore del suo insegnamento sta l’aver compreso che i cambiamenti fondamentali nella società possono derivare soltanto dalla trasformazione della coscienza individuale. Ciò che è messo costantemente in rilie­vo è la necessità di conoscere se stessi e la comprensione degli influssi limitanti e settari dei condizionamenti religiosi e nazionalistici. Krishnamurti indicò sempre l’urgente bisogno di rimanere aperti a quel “vasto spazio del cervello in cui c’è un’energia inimmaginabi­le”. Questa sembra essere stata la fonte della sua creatività e la chia­ve di volta del suo impatto catalizzante su un gran numero di persone tanto diverse tra loro.

Krishnamurti continuò a parlare in tutto il mondo fino alla sua morte, avvenuta nel 1986 all’età di novant’anni. I suoi discorsi e dialoghi, i diari e le lettere, sono stati raccolti in più di sessanta vo­lumi. Questa nuova collana di libri destinati ciascuno a un singolo tema è stata tratta da questo vasto corpo di insegnamenti. Ogni li­bro della collana punta su un argomento che ha particolare rile­vanza e urgenza nella nostra vita quotidiana.

Bombay, 30 gennaio 1982


Discuteremo insieme il problema della paura. Ma prima di farlo, penso che dovremmo imparare l’arte di ascoltare. Dovremmo imparare ad ascoltare non soltanto chi parla, ma anche ad ascoltare quei corvi, ad ascoltare il rumore, ad ascoltare la nostra musica preferita, ad ascoltare nostra moglie o nostro marito. Poiché non ascoltiamo veramente le persone, ascoltiamo solo distrattamente e tiriamo conclusioni o cerchiamo spiegazioni, ma non ascoltiamo mai veramente ciò che qualcun altro sta dicendo. Traduciamo sem­pre ciò che gli altri dicono. Quando discuteremo la questione mol­to complessa della paura, non rimarremo intrappolati in troppi dettagli, ma indagheremo la dinamica della paura in tutta la sua in­terezza e il modo di comprenderla, sia a parole sia concretamente. C’è differenza tra la comprensione delle parole e la comprensione dello stato concreto di paura. Noi tendiamo a fare della paura un’astrazione, cioè a farne un’idea. Ma, a quanto pare, non ascoltiamo mai la voce della paura che racconta la sua storia. Parleremo insieme di tutto questo.

Ojai, 8 maggio 1982


Ci si domanda perché gli uomini, che vivono su questa terra da milioni di anni, che sono evoluti tecnologicamente, non abbiano adoperato la loro intelligenza per liberarsi dal problema molto complesso della paura, che può essere una delle ragioni per cui si fanno la guerra e si uccidono l’un l’altro. Neanche le religioni di tutto il mondo hanno risolto questo problema; né i guru, né i sal­vatori; nè gli ideali. Così, è evidente che nessuna istanza esterna – per alta che sia, per propagandata che sia – nessuna istanza ester­na potrà mai risolvere il problema della paura umana.

Voi state indagando, investigando, approfondendo il problema della paura nella sua interezza. E, forse, abbiamo accettato a tal punto il meccanismo della paura che non vogliamo staccarcene neanche per un momento. Ma che cos’è la paura? Quali sono i fattori che contribuiscono a costituire la paura? Come tante piccole correnti e tanti piccoli rivoli formano la massa imponente di un fiume, quali sono le piccole correnti che confluiscono nella paura, che ne hanno la stessa terribile vitalità.? Il confronto, confrontarsi con qualcun altro, è una delle cause della paura? Ovviamente sì. Infatti, potete vivere tutta la vita senza confrontarvi con nessuno? Capite cosa dico? Quando paragonate voi stessi con qualcun altro, ideologicamente, psicologicamente o persino fisicamente, vi sforzate di diventare qualcosa e temete di non poterlo fare. Questo è il desiderio che vorreste soddisfare e potreste non essere in grado di farlo. Dove c’è confronto, là deve esserci paura.

E così ci si domanda se è possibile vivere senza paragonarsi mai con nessuno, senza fare mai confronti, se siete belli o brutti, se piacete o no, se vi avvicinate a un certo ideale, a qualche modello di valori. C’è questo costante confronto in atto. Noi ci domandiamo se non sia questa una delle cause della paura? Certamente. E dove c’è confronto, deve esserci conformismo, deve esserci imitazione. Quindi stiamo dicendo che il confronto, il conformismo e l’imita­zione sono le cause che contribuiscono all’insorgere della paura. Si può vivere senza confrontarsi, imitare o conformarsi psicologicamente? Certamente. Se questi sono i fattori che contribuiscono all’insorgere della paura e voi siete impegnati a porre termine alla paura, allora dentro di voi non c’è alcun confronto in atto, il che significa che non vi è divenire. Il significato stesso del confronto è diventare ciò che si pensa sia migliore, più elevato, più nobile. Quindi, confrontarsi è divenire. E questo uno dei fattori della paura? Lo dovete scoprire da soli. Allora, se sono quelli i fattori, se la mente riconosce quei fattori come forieri di paura, il solo fatto di percepirli pone fine alle cause che contribuiscono all’insorgere della paura. Se c’è una causa fisica che provoca in voi il mal di stomaco, il dolore cesserà quando scoprirete la causa. Allo stesso modo, dove c’è una qualunque causa, vi è una fine.




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   17


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale