Jiddu Krishnamurti



Scaricare 0.69 Mb.
Pagina1/54
03.12.2017
Dimensione del file0.69 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   54

Jiddu Krishnamurti

Il silenzio della Mente


Meditazioni sul vivere – vol 2°

Traduzione di Anna Mola

Oscar Mondatori, Milano 2005
Indice


Il silenzio della Mente 1

1 - Felicità creativa 2

2 - Condizionamento 3

3 - Paura della solitudine interiore 6

4 - Il processo dell’odio 8

5 - Progresso e rivoluzione 10

6 - Noia 13

7 - Disciplina 15

8 - Conflitto; libertà; relazione 17

9 - Sforzo 20

10 - Devozione e adorazione 24

11 - interesse 26

12 - Educazione e integrazione 28

13 - Castità 32

14 - Paura della morte 35

15 - La fusione tra il pensatore e i suoi pensieri 38

16 - La ricerca del potere 40

17 - Cosa ti rende apatico? 43

18 - Karma 46

19 - L’individuo e l’ideale 48

20 - La vulnerabilità è vita, ritirarsi dalla vita è morire 51

21 - Disperazione e speranza 54

22 - La mente e il conosciuto 56

23 - Conformità e libertà 59

24 - Tempo e continuità 62

25 - La famiglia e il desiderio di sicurezza. 64

26 – L’“io” 66

27 - La natura del desiderio 69

28 - Lo scopo della vita 71

29 - Dare valore all’esperienza 74

30 - Un problema chiamato amore 78

31 - Qual è il vero ruolo di un insegnante? 80

32 - I figli e il loro successo 81

33 - L’impulso che ci spinge a ricercare 84

34 - Ascoltare 86

35 - La fiamma e l’insoddisfazione 87

36 - L’esperienza dello splendore 89

37 - Un politico che voleva fare del bene 91

38 - Lo stile di vita competitivo 93

39 - Meditazione; sforzo; coscienza 95

40 - La psicanalisi e il problema dell’uomo 97

41 - Purificato dal passato 100

42 - Autorità e cooperazione 102

43 - Mediocrità 104

44 - Insegnamento positivo e negativo 106

45 - Aiuto 110

46 - Il silenzio della mente 112

47 - Contentezza 115

48 - L’attore 117

49 - La via della conoscenza 119

50 - Convinzioni; sogni 121

51 - La morte 123

52 - Valutazione 126

53 - Invidia e solitudine 128

54 - La tempesta nella mente 132

55 - II controllo del pensiero 134

56 - Esiste il pensiero profondo? 138

57 - Immensità 139




1 - Felicità creativa


Una città respira sulle rive del grande fiume; ampi e lunghi gradini conducono giù fino all’acqua, e il mondo sembra vivere su quei gradini. Dall’alba sino a sera inoltrata sono sempre affollati e pieni di voci e grida; quasi a livello dell’acqua, altri piccoli gradini si protendono verso il fiume, e la gente vi siede perduta nelle speranze e nei desideri, nelle meditazioni e nelle recitazioni. Le campane del tempio suonano, il muezzin chiama; qualcuno sta cantando, una folla enorme si è radunata e ascolta in un silenzio ammirato.

Più oltre, dietro l’ansa, e più su, risalendo il fiume, si scorgono moltissimi edifici. Divisi dalle larghe strade costeggiate dagli alberi, i palazzi si susseguono verso l’interno per molti chilometri; proseguendo lungo il fiume, un viottolo stretto e sudicio conduce in questo angolo separato dove si studia. Tanti e tanti allievi provenienti da tutto il paese vivono qui, e sono seri, attivi e vivaci; invece gli insegnanti hanno un atteggiamento arrogante e appaiono solo interessati a tramare per ottenere posizioni e salari migliori. Nessuno sembra avere veramente a cuore ciò che potrà accadere agli studenti una volta terminati gli studi: gli insegnanti si limitano a impartire determinate conoscenze e tecniche che i ragazzi più svegli apprendono facilmente; e quando si diplomano, è tutto. Gli insegnanti hanno un lavoro garantito, hanno famiglia e sicurezza; invece quando gli studenti lasceranno la scuola, dovranno affrontare gli sconvolgimenti e le incertezze della vita. Esistono palazzi, insegnanti e studenti di questo tipo un po’ in tutto il paese. Alcuni studenti raggiungono la fama e conquistano una posizione di prestigio nel mondo; altri sopravvivono, lottano e muoiono. Lo Stato esige tecnici competenti, amministratori che reggano le sorti del paese; e non dimentichiamo l’esercito, la Chiesa e la carriera. In tutto il mondo è la stessa storia.

Non è forse solo per imparare una tecnica e ottenere un buon lavoro, una professione prestigiosa, che intraprendiamo un percorso che ci riempie la mente superiore di fatti e conoscenze? Naturalmente, nel mondo moderno, un buon tecnico ha le possibilità migliori per guadagnarsi da vivere; ma poi? Un buon tecnico è forse in grado di affrontare meglio il difficile mestiere di vivere rispetto a colui che non lo è? Una professione è solo una parte della vita; esistono altre parti che sono nascoste, sottili e misteriose. Enfatizzarne una e negarne o contrastarne un’altra non può che portare inevitabilmente a un insieme di azioni fuorviate e disgreganti, come con triste puntualità si sta verificando nel mondo attuale, dove i conflitti e la confusione, la miseria e la sofferenza aumentano di giorno in giorno. Anche se per fortuna esistono rare eccezioni: i creativi, le persone felici, coloro che non hanno a che fare con ciò che è strettamente determinato dall’uomo, che non sono dipendenti dalle istanze della mente.

Voi e io intrinsecamente possediamo la capacità di essere felici, di essere creativi, di metterci in contatto con quel qualcosa che sfugge alle grinfie del tempo. La felicità creativa non è un dono riservato a pochi; e allora com’è che la grande maggioranza sembra non sospettarne nemmeno l’esistenza? Perché alcuni di noi sembrano riuscire a restare in contatto con il proprio io profondo a dispetto delle circostanze e degli accadimenti avversi, mentre altri ne vengono semplicemente distrutti? Qual è la ragione per cui alcuni di noi riescono a mantenere una particolare elasticità e possedere quindi ottime capacità di ripresa, mentre altri sono caratterizzati da un atteggiamento di rigidità e vengono quindi travolti? A dispetto d’ogni sapere, alcuni lasciano la porta aperta a ciò che nessuna persona e nessun libro possono offrire, mentre altri vengono soffocati dalla tecnica e dall’autorità. Perché? È abbastanza chiaro che la mente ha bisogno di essere impegnata e coinvolta in determinate attività, lasciando da parte i contenuti più profondi e vasti: in questo modo si muove su un terreno più sicuro. L’educazione, gli esercizi e le attività della mente vengono incoraggiati e sostenuti solo se si mantengono a un livello superficiale e tutti noi ci inventiamo scuse per non andare oltre.

Prima di essere contaminati dalla cosiddetta educazione, molti bambini sono in contatto con l’inconoscibile: e lo dimostrano in tantissimi modi. Ma presto l’ambiente incomincia a richiudersi su di loro, e crescendo sono destinati a perdere quella luce, quella bellezza che non si trova in nessun libro e non si impara in nessuna scuola. Perché? Non diciamo che la vita è troppo per loro, che devono affrontare la dura realtà dell’esistenza, che è il loro karma, che è il peccato originale: tali affermazioni sono senza senso. La felicità creativa è per tutti e non solo per pochi: tu puoi esprimerla in un modo e io in un altro, ma continua a essere per tutti. La felicità creativa non ha un valore di mercato; non è un bene che può essere venduto al miglior offerente, ma è la sola cosa che può essere di tutti, per tutti.

La felicità creativa è quindi realizzabile? La mente è in grado di mantenersi in contatto con ciò che rappresenta la fonte di tutte le felicità? Questa sorta di apertura può essere presente in noi per tutta la vita, a dispetto della conoscenza e della tecnica, dell’educazione e dell’accavallarsi degli accadimenti della vita? Sì, è possibile, ma solo a patto che l’educatore sia egli stesso educato a questa realtà; solo a patto che colui che insegna continui a restare in contatto con la sorgente della felicità creativa. Il nostro problema non è quindi l’alunno, il bambino, ma l’insegnante e i genitori. L’educazione diventa un circolo vizioso solo quando non riusciamo a vedere l’importanza e la necessità essenziale di questa felicità suprema. Essere aperti alla sorgente di tutte le felicità è la più alta delle religioni; ma per realizzare una tale felicità bisogna dedicarle molte attenzioni, così come si farebbe per una qualsiasi altra importante attività. La professione dell’insegnante non può essere un semplice impiego di routine: dovrebbe invece incarnare l’espressione stessa della bellezza e della gioia, che non possono essere certo misurate in termini di traguardi e di successi.

Quando la mente, sede dell’io, assume il controllo, offusca la luce, lo splendore e la meraviglia della realtà. La conoscenza profonda di se stessi è l’inizio della saggezza: senza una conoscenza intima del nostro io più profondo, l’apprendere non potrà che condurci all’ignoranza, al conflitto e al dolore.




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   54


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale