La dieta perfetta



Scaricare 0.6 Mb.
Pagina1/54
29.03.2019
Dimensione del file0.6 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   54


LA DIETA PERFETTA

Certamente il titolo può sembrare presuntuoso, però se analizziamo il vero significato di quelle parole, ci accorgiamo che la parola DIETA significa “stile di vita” e non vuole indicare solo una noiosa e irrealizzabile sequenza di tristi alimenti, associati ad una serie di improponibili proibizioni… Il tutto realizzabile soltanto nel mondo delle buone intenzioni !!|.

Cercheremo “ semplicemente” di indicare uno stile di vita che sia adatto a ciascuno di noi.

Ciò sarà veramente arduo…...!

Questo risultato, certamente ambizioso, lo possiamo ottenere percorrendo le vie della conoscenza del nostro corpo e soprattutto prendendo coscienza della singolarità del” proprio essere”.

Cercheremo di vedere anche le relazioni che abbiamo con l’ambiente e come le dinamiche ambientali interagiscono con noi. La nostra meta sarà quella di indicare la via che ci conduce al massimo benessere tanto fisico , quindi oggettivo, quanto psichico, cioè soggettivo . La prima considerazione che dobbiamo” metabolizzare” è che ogni individuo è condizionato dalla interazione di tre fattori:

1)dagli elementi che circolano nei propri fluidi corporei.

2)dagli impulsi che gli arrivano dai suoi organi sensoriali

3)dalle informazioni ed esperienze sedimentate nel “suo tempo” .
Torneremo successivamente a interpretare in modo dettagliato questi processi, però sin da subito dobbiamo capire che l’interazione di questi tre dinamici elementi crea la “singolarità” di ogni individuo. Quindi non potremmo mai affermare che generiche indicazioni nutrizionali produrranno i medesimi effetti su individui diversi.

Vedremo che tutti i processi metabolici seppure simili nelle prime fasi biochimiche, saranno influenzati dall’azione di attivazione o di blocco, esercitata da tutta una serie di attività “neuro-vegetativa” e ormonale che cambierà il risultato della biochimica-metabolica delle sostanze introdotte.

Facciamo un esempio: immaginate soltanto di sentire o pensare ad un gradito evento, in un luogo piacevole, con una atmosfera da sogno (per voi).

Questo attiverà tutta una serie di processi di secrezione e di adattamento per una perfetta utilizzazione delle sostanze circolanti, oppure di quelle che sono attese….. Il contrario avverrà se aggrediti da sensazioni orrende.

E’ facilmente intuibile che le singole esperienze, non sono trasferibili. Taluni potrebbero avere sensazioni opposte per il medesimo pensiero, provocando o meglio attivando processi metabolici addirittura differenti con formazione di elementi anche patogeni. Iniziamo un percorso che ci deve far coscientemente comprendere da dove veniamo per capire chi e cosa siamo e dove possiamo arrivare.




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   54


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale