La donna clitoridea e la donna vaginale di carla lonzi



Scaricare 57.35 Kb.
29.11.2017
Dimensione del file57.35 Kb.

LA DONNA CLITORIDEA E LA DONNA VAGINALE DI CARLA LONZI

Gruppo di lettura del laboratorio Sguardi sulle differenze. Incontro dell’11 dicembre 2016.

BREVE INTRODUZIONE AL TESTO

Questi scritti, sia quelli firmati da me che quelli firmati collettivamente, segnano le tappe della mia presa di coscienza dalla primavera del ‘70 ai primi del ’72. […]Il rischio è che vengano presi come punti fermi teorici mentre riflettono solo un modo iniziale per me di uscire allo scoperto, […]Perché la donna non ha la risoluzione nell’orgasmo assicurata come l’uomo? Qual è il suo funzionamemto fisio-sessuale? E quello psico-sessulae? Qual è infine il suo sesso? Esistono donne clitoridee e donne vaginali: chi sono? Chi siamo?

Così Carla Lonzi, nella premessa contenuta nella raccolta Sputiamo su Hegel, in cui sono racchiusi diversi scritti suoi e del gruppo Rivolta Femminile, di cui la scrittrice fu per un periodo animatrice.


Come chiarito dalla Lonzi stessa nella sintetica introduzione al volumetto - breve ma densa, in quanto già vi emergono elementi importanti come la funzione del gruppo e della scrittura - Donna vaginale e donna clitoridea si presenta come una riflessione militante sulla questione del rapporto tra la sessualità maschile e quella femminile, che si concentra in primo luogo su ciò che avviene nei due soggetti durante il coito.
Dalla messa a fuoco della differenza fisiologica con cui l’uomo e la donna sono coinvolti nell’atto della penetrazione, l’autrice sviluppa consequenzialmente ragionamenti e riflessioni che, quasi a raggera, dalla descrizione di un incontro fisico, arrivano ad indagare profondamente la condizione femminile e la società. L’analisi quindi, parte da una situazione fortemente legata all’esperienza, (la propria sessualità e, nello specifico, la propria sessualità durante l’atto sessuale), che viene prima riconosciuta, e poi riflettuta.

L’esperienza che viene disvelata, raccontata attraverso la messa in parole di ciò che profondamente riguarda e conosce sia chi scrive sia chi legge, è che il piacere sessuale femminile funziona attraverso l’organo della clitoride, che è dunque, nella donna, l’organo predisposto a questa funzione, così come quello dell’uomo è il pene. Questo significa che, nella donna, il piacere sessuale è biologicamente sganciato dalla dinamica dell’atto riproduttivo, e anche dalla penetrazione in sé: il fatto che da sempre questa condizione sia stata occultata, attribuendo alla donna lo stesso funzionamento fisiologico dell’uomo, viene riconosciuto come un atto di profondissima violenza compiuto dalla società patriarcale sul mondo femminile, che è stato così non riconosciuto e semplicemente equiparato a quello maschile, anche e proprio in una sfera primaria come quella della sessualità, (“avere imposto alla donna una coincidenza che non esisteva come dato di fatto nella sua fisiologia è stato un gesto di violenza culturale che non ha riscontro in nessun altro tipo di colonizzazione”). Ma la forza di tale violenza, è stata così potente ed egemonica, da arrivare a mascherare alle donne stesse questo funzionamento fisiologico, spingendole ad introiettare un’imposizione culturale come un fatto di natura, cui solo una loro presunta immaturità non le farebbe accedere. Le donne che concentrano il loro orgasmo nella penetrazione, le donne vaginali allora, sono, nell’analisi della Lonzi, quelle donne che hanno reagito alla violenza dell’imposizione acquisendola su di sé, privandosi di una scoperta propria e affermativa della sessualità, per rispondere pienamente alle aspettative e ai bisogni della società patriarcale’(“Godendo di un piacere come risposta al piacere dell’uomo dunque, la donna perde se stessa come essere autonomo, esalta la complementarietà al maschio, trova in lui la sua motivazione di esistenza. […]Così l’unione è diventato il motore psichico del piacere della donna, e l’orgasmo durante il coito una specie di atto di intelligenza. […] Raggiungere l’orgasmo durante il coito è stato per la donna un portato dell’intelligenza, l’intelligenza dell’essere soggiogato che stabilisce con l’essere superiore quel legame psichico che sfugge all’animale femmina).


E, per riuscire, questa operazione richiede alla donna un’accettazione passiva del ruolo, che significa insieme accoglimento di una propria speciale ed identitaria remissività e, dall’altra parte, mitizzazione dell’uomo, (“Per provare l’orgasmo durante il coito, la donna deve avere dell’uomo un’idea che trascenda l’idea che essa ha di se stessa e convincersi di stare con un uomo all’altezza dell’alta idea che essa ha dell’uomo”).

Queste donne cioè, sono quelle su cui il condizionamento culturale ha agito più in profondità, e che hanno più completamente abnegato ad una ricerca interiore e autonoma, rinunciando ad esplorare quegli aspetti del sé così importanti per la definizione di ogni essere umano, (“la donna vaginale, è la donna doppiamente ingannata. Essa ha messo a disposizione dell’uomo, della sua particolare missione, tutta la creatività di cui è portatore un essere umano, senza trovare mai la forza per volere in proprio l’intero arco dell’esperienza creativa, che è prima di tutto concentrazione su di sé”).

L’autrice allora, chiama in causa l’interpretazione di Freud, mettendone in luce, dietro l’apparente scientificità, proprio la matrice di genere, nel momento in cui afferma che la maturità della donna coincide con la sua capacità di riconoscere dentro di sé e di muoversi all’interno di un piacere vaginale, all’unisono con ciò che all’uomo è naturale da subito, contribuendo così, nei fatti, all’ufficializzazione della sua colpevolizzazione, (“una spiegazione sostanzialmente pacificatoria, che fa tornare tutto da un punto di vista maschile:[…] il piacere vaginale è dunque un piacere ufficiale e una donna non identificata con il ruolo viene bollata e liquidata come malata e psicologicamente instabile.). La donna così, non solo subisce violenza poiché non vede nei fatti riconosciuta la propria sessualità fisiologica, ma anche perché la riceve raccontata da altri come una sua manchevolezza, di cui essa sarebbe responsabile: attraversa cioè, una doppia violenza, una duplice negazione.

Le riflessioni procedono attraverso una continua messa a punto di ribaltamento e disvelamento, che muovono da una riflessione continua sull’esperienza: è proprio il riuscire a compiere lo sforzo di provare a mettersi fuori dalla condizione in cui ogni donna viene educata e cresciuta, partendo da un proprio momento di irriducibilità, che permette di distanziarsi e osservare attraverso un punto di vista autentico, non “mediato” da ciò che la società le presenta come naturale, la propria vita sessuale, e la sua condizione all’interno di essa. Per questo, proprio le donne su cui la pressione culturale ha avuto meno efficacia, e che quindi non sono riuscite a consegnare integralmente il proprio piacere sessuale al coito, sono quelle che nella crescita hanno attraversato tutta una serie di problematiche legate alla scissione tra ciò che scoprivano dentro di sé, e ciò che a loro si chiedeva al di fuori, (“la bambina che comincia ad essere allevata al di fuori di certi tabù non può che passare attraverso una serie di conflitti e di risposte negative quando la cultura pretende che il risultato della sua liberalizzazione infantile sia un’adesione spontanea all’assoggettamento al ruolo”)¸ma sono insieme anche quelle che, proprio in nome di questa loro antica abitudine ad affrontare il conflitto tra interno ed esterno, meno faticosamente e quasi come sbocco della loro ricerca, riescono ad incontrare la riflessione e la pratica femminista, (“per quanto faticose possano essere le prove attraverso cui la donna non identificata con il ruolo è costretta a passare, la presa di coscienza femminista non la coglie sprovveduta di energie. Rendendosi conto del perché di ogni suo gesto autentico si accorge anche del perché non venne capito e del perché lei non si sentì completamente frustrata e mantenne la baldanza. Mentre la donna vaginale può vivere il femminismo come un fatto traumatico, intanto perché non è abituata ad un pensiero indipendente, e poi perché in questo modo prende coscienza degli inganni cui l’ha fatta incorrere la sua disposizione all’unione con l’uomo. Per questa donna il femminismo è una svolta nella vita e non un proseguimento).

È quindi attraversando una condizione difficoltosa a livello sociale e personale, che il soggetto femminile inizia a compiere il proprio processo di auto-riconoscimento, un’istanza di riconoscimento di se stesse cioè, che si gioca al di fuori dal bisogno di riconoscimento da parte dell’uomo e della società a lui funzionale. Attraverso questo percorso allora, iniziano ad acquisire un altro significato, molto più problematico, concetti come natura, complementarità, fusione: all’interno di questo percorso di individuazione del sé, infatti, viene per la donna progressivamente alla luce che tutta una serie di scenari e di immaginari che nella società sono stati considerati naturali e propri della donna, e trasmessi come tali, sono in realtà dimensioni emotive costruite per creare alla donna un perimetro emozionale ed identitario entro cui giustificare il proprio assoggettamento ad una dinamica sessuale funzionale al soddisfacimento del bisogno maschile, (” la complementarità dunque, per la donna, ha a che fare con l’aspetto procreativo, non con quello erotico dell’incontro fisico, [… ] Il momento dell’unione, è diventato il motore psichico che ha mobilitato la voluttà della donna”, a discapito di quello fisiologico).

Dall’assoggettamento , si esce mettendo al centro la propria esperienza, avendo il coraggio di attraversarla e contemporaneamente di indagarla, (riflessione ed esperienza sono cioè insieme: in questo la scrittura appare come uno strumento fondamentale di autoanalisi): in questo modo si riconosce se stesse proprio attraverso lo sforzo di ribaltare la visione omologata e pacificatoria proposta dalla società e, attraversando questo conflitto, si ha la possibilità di porsi come soggetto autonomo, (“per uscire dall’utopia patriarcale in cui la donna è funzionale allo sforzo di riconoscimento maschile ed indagare sul proprio sesso non a rimorchio di presupposti già stabiliti da altri”). Sembrerebbe di stare, quindi, nella dialettica conflittuale hegeliana, in cui l’affermazione della propria soggettività avviene attraverso il rovesciamento dei ruoli all’interno della relazione precedente: ma è interessante che però, a questo punto, l’autrice proponga una prospettiva in cui il riconoscimento del sé non preveda il rovesciamento dei ruoli per il raggiungimento di un potere, ma affermi che la possibile risoluzione della dialettica padrone-servo, (qui trasformata nella dialettica uomo-donna), vada posta al di fuori del problema del potere, (ma questo orizzonte, insieme esperienziale e filosofico, verrà indagato in modo specifico nell’altro scritto, a questo collegato, Sputiamo su Hegel).

A questo proposito, riguardo all’aspetto riconoscimento-padronanza del sé, nel testo in analisi appare importante il passaggio in cui la Lonzi afferma che, in questo percorso di riconoscimento tra soggetti diversi, in gioco non è solo l’obiettivo di aver soddisfatto il proprio sesso, attraverso il raggiungimento di un piacere, ma il poter affermare pienamente la propria sessualità, attraverso il raggiungimento di un piacere che parta dal riconoscimento della fisiologia e del funzionamento che gli sono propri, (“È importante per noi affermare il proprio sesso e non solo averlo soddisfatto.. […] la donna vaginale, vede sì soddisfatto il suo orgasmo clitorideo, ma le manca la presa di coscienza di stare esprimendo una sessualità in proprio”).

All’interno di questo panorama relazionale fortemente traumatico, in cui vengono messi in discussione le fondamenta di equilibri profondissimi e cardinali della società e delle relazioni che la incarnano, significativi sono i termini, e vale la pena di riportarli, in cui la Lonzi prova a descrivere l’esperienza, ancora tutta in divenire, di una sessualità consapevolmente autonoma, che si costruisce e si esprime al di fuori di ciò che le è stato fin d’ora implicitamente ed esplicitamente imposto: perché aprono e provano a dare parole ad un orizzonte profondamente liberatorio, così diverso da quella condizione di minorità che il testo ha pure così profondamente indagato, e perché delineano un orizzonte cui l’incontro sessuale si gioca su un piano completamente diverso da quello storicamente dominante, che rimette problematicamente in gioco la dimensione dell’incontro con l’altro, all’interno di un orizzonte che l’autrice stessa non esita a definire imprevisto e avventuroso. Eccone alcuni densi e impegnativi passaggi.



Secondo noi la differenza tra masturbazione e non masturbazione sta nell’avvertire la presenza dell’altro e nello scambievole erotismo, e non nell’esecuzione del modello del coito fino ad assuefarsi l’un l’altro e ad ignorarsi a vicenda o a percepirsi nel riflesso condizionato.
[..] l’erotismo non è la fusione con l’altro o la perdita di coscienza legata ad emozioni psichiche a loro volta collegate al sogno adolescenziale di innamoramento, ma gioco ed esaltazione, in cui le possibilità di dilatazione di sé si sentono scaturire direttamente dalle vicendevoli risposte del corpo dell’una e dell’altro. L’erotismo puro, provenendo dallo stato di coscienza, libera nell’essere umano la capacità di diventare individuo, mentre alla donna, lasciata alla sensazione e all’estasi dell’unisono, è stato sottratto il polo carnale che, insieme a quello etico, le avrebbe dato il senso della completezza che porta allo scatto creativo. […] Per quanto si insista sui valori biologico-emozionali del rapporto di coppia e sull’abbandono all’altro, noi abbiamo capito che è fondamentale solo abbandonarsi al fenomeno.
[…]La donna clitoridea, abbandona il pene a se stesso. L’erezione non è richiesta dalla donna, né la potenza, né la forza, né niente. Il pene è il sesso in proprio dell’uomo, ed è per lui: esso deve riscoprirsi in questa nuova dimensione della coscienza. Il delirio di potere che glielo faceva riflettere nell’estasi femminile,e gliene creava l’obbligo, è un inganno della sua stessa dominazione.
L’altra uscita, quella che scaturisce dalla presa di coscienza femminista, è di rafforzare la spinta ad esistere indipendentemente dai ruoli, in modo da ricomporre l’unità psichica nell’autoaffermazione e non nella voluttà del perdersi. Questa strada non offre la garanzia di alcuna normativa e non può gratificarsi per l’approvazione dell’uomo patriarcale: essa sfocia nell’imprevisto per quelle doti di fantasia che la donna assume fiduciosamente su di sé”
.
PERCORSO DEL GRUPPO: IL TESTO

Incontro del 14/12/2016
1) Lucidità, essenzialità, radicalità del testo: la lettura scuote, ma, proprio per la sua, asciutta chiarezza, può far anche paura. La disamina della condizione femminile, di ciò che essa è, e di qual è un suo percorso possibile per definirsi come soggetto autonomo, è compiuta a partire da un’esperienza primaria come quella della sessualità - e in primo luogo, della sessualità vissuta con l’uomo- e, soprattutto, attraverso un’analisi che va fino in fondo nell’indagare cosa realmente accade, e qual è il suo significato in termini di soggettivizzazione.
Nel testo non c’è nulla di consolatorio, né di graduale: ciò che dice prova a dare parole a dinamiche autentiche e private e colpisce questa specie di intesa implicita che si crea tra chi scrive e chi legge riguardo a ciò che viene raccontato e disvelato: perché in qualche modo sono situazioni di cui ognuno di noi, donne o uomini, ha fatto a suo modo esperienza e che quindi, profondamente e intimamente, ciascuno sa. E il testo, con il solo, (ma non è poco), schermo dell’interrogazione e dell’analisi, li mette a nudo in parole, inserendoli dentro un ragionamento che, a partire da sintetiche e quasi lapidarie affermazioni di fondo, si fa in realtà sempre più ampio e consequenziale, come una ragnatela: inchioda cioè a guardare la realtà per ciò che è, senza finzioni od alibi rassicuranti.
Ma ecco, lo fa in un modo così stringente, così senza appello, da fare una specie di terra bruciata intorno a sé, com’è proprio di un testo d’avanguardia, del resto: da una parte allora, restituisce una chiarezza, una riflessione sulla realtà in cui dei fatti sono in una relazione chiara ed esplicita l’uno con l’altro, delineano un quadro chiaro, scuotono e mettono in discussione. Dall’altra, proprio lo slancio di questa chiarezza, che porta alla luce molte questioni e muove il pensiero, spinge esso stesso a porsi nuove domande, molte rivolte proprio al testo stesso, a ciò che fa, a ciò che “mette in moto”:
? Riesce davvero a parlare alle donne in modo maieutico, cioè aiutandole a far emergere ciò che le riguarda, ciò che rimuovono, oppure, i termini e la radicalità del salto che viene chiesto, possono avere una funzione quasi respingente?
Non c’è infatti gradualità nel testo, non c’è, sembra, la possibilità e la voglia di stare dentro la contraddizione, di muoversi dentro dei chiaroscuri, ma l’invito forte a superarla: chiede come di varcare una soglia e di posizionarsi di qua o di là.
L’altra questione, riguarda la parte “ricostruttiva” del testo: inquieta e insieme affascina l’universo che si viene a delineare allorché il meccanismo dei ruoli cesserebbe di essere valido. Affascina perché se ne percepisce il potenziale liberatorio, e di scoperta, (l’imprevisto e l’avventura, per usare parole del testo), inquieta perché davvero è difficile, da qui, oggi, comprendere su quali altre basi ricostruire la relazione e, se si vuole, l’attrazione stessa, in particolar modo tra un uomo ed una donna.

? Se infatti, per millenni questa attrazione ha vissuto di un certo immaginario, nella psiche, così come nella società e pure nell’arte, esprimendo anche forme di ambigua, profonda bellezza, che lavorano proprio scavando, per molti aspetti, nella dinamica dei ruoli, una volta messo in discussione questo paradigma, decostruito, mostrato nella sua essenza patriarcale e oppressiva, cosa resta? Più avanti nel testo si parlerà anche di “specie” e di “natura”, (in particolare, in relazione alla presunta aggressività dell’uomo): esistono allora delle qualità che hanno a che fare con un piano “naturale”? Se sì, come si recuperano? Intendiamo dire: nella messa in discussione completa e necessaria del concetto di natura così com’è stato costruito nella società attuale, così come viene operato nel testo, non c’è il rischio di perdersi alcuni elementi autentici di questa complicata dimensione, che il testo stesso ad un certo punto sembra ri-mettere in campo, (qui in negativo, per mostrare i limiti della condizione maschile)?
? Più avanti l’atto sessuale viene definito come atto di violenza, così come è perpetuato nella società patriarcale: ma se proviamo ad avvicinarci all’atto sessuale -per quanto ciò ci è storicamente possibile- come dinamica complessa al di là della tradizione patriarcale, pur accettandone la non coincidenza naturale con il piacere femminile e quindi distanziandoci completamente da una pratica che lo vorrebbe imporre naturalmente come tale, non appare esso comunque come un’esperienza forte, intensa, di contatto profondo tra corpi, in cui essi si confrontano anche mettendo in gioco la loro fisicità diversa e, se non complementare, disponibile alla compenetrazione?
? E, in relazione a questo: per quanto necessario come passaggio di soggettivizzazione, l’erotismo tra due soggetti può completamente superare e fare a meno dell’idea di fusione, dell’abbandono e, anche del possesso? Due soggetti cioè, possano stare l’uno davanti all’altro in modo davvero autonomo, e vivere la propria relazione sessuale, nella serena condizione della scambievolezza? Oppure, dobbiamo riconoscere che tale autonomia non sempre si realizza pienamente, che non in ogni incontro è possibile, e che anche il sentimento, con ciò che comporta, entra in gioco nel meccanismo del desiderio sessuale?
2) L’importanza di contestualizzare il libro. Una riflessione del genere non si capisce se non si tiene conto che dietro c’è l’idea dello scambio, dei gruppi di donne che dialogano tra loro, che raccontano questioni cui non sono mai state date parole prima e, attraverso queste, si comprende di non essere sole, si comprende che altre vivono condizioni simili alle proprie: questo rende forti, altrimenti non si riesce ad affrontare e sostenere un processo di tale rottura, e permette di acquisire consapevolezza. Importante anche distinguere tra distruggere e decostruire: è vero che il testo propone una visione radicale e di riedificazione su nuove basi della relazione tra i sessi, ma è vero anche che è importante soffermarsi su ciò che viene decostruito, senza darsi l’obiettivo di arrivare a rappresentare tutto l’insieme, bensì di comprendere passo per passo se e in che modo ciò che viene detto mi riguarda.

PERCORSO DEL GRUPPO: LE DOMANDE, LE QUESTIONI APERTE

Incontro del 25/1/2017

Nel riquadro, il brano – o frammenti di brani- scelti dalle partecipanti e sotto il loro breve commento di accompagnamento alla lettura; di seguito gli interrogativi sollevati e poi, la discussione collettiva su questi.

A scuola si insegna ai giovani il funzionamento della procreazione, non il piacere sessuale. Questo si è sempre saputo, ma oggi ci accorgiamo che si insegna il modello della soggezione alle bambine e ai bambini la conoscenza del loro sesso e l’ignoranza del sesso femminile. Cosa significa per la bambina che ha scoperto la clitoride, e più per quella che non l’ha scoperta, essere informata che il suo sesso è la vagina? Bisogna rispettare le tappe della conoscenza soggettiva del piacere nelle bambine, nelle adolescenti, partendo dall’esperienza autoerotica: quella è l’educazione sessuale che in quel momento ha un nesso con sensazioni e emozioni loro proprie. Tutto il resto è imposizione di una sessuofobia riformata. Paternalista, e scoraggiante per l’espansione della bambina.

(C. Lonzi, Donna vaginale, donna clitoridea, p. 96)



Esiste una differenza profonda tra l’insegnare il funzionamento fisiologico riproduttivo, e insegnare invece cos’è e come funziona il proprio piacere sessuale: anche in questa annotazione, appare evidente come l’autrice consideri questo, uno degli aspetti centrali della formazione dell’identità, ed è per questo che risulta così importante che l’esperienza del piacere non sia confusa con ciò che ne viene raccontato in una generica educazione sessuale, spesso concentrata sul funzionamento e le precauzioni necessarie durante il coito, ma che il suo racconto, l’educazione ad un’esperienza del piacere, acquisti una sua centralità e una sua centralità sessuata, e che questa sia riconosciuta come esperienza legittima e primaria.

ALCUNE QUESTIONI

In quali modi si può trasmettere questa centralità dell’esperienza del piacere? E come va accompagnata la crescita sessuale dei bambini, in che modo va preservata, ma non ignorata la loro fisicità?

Alcune di noi hanno riportato esempi in cui la presenza della fisicità dei genitori risulta ad un certo punto “invasiva”, non capace di tenere conto dell’età e delle esigenze in trasformazione dei bambini in crescita. Abbiamo riflettuto anche sulla differenza che esiste tra esplicitare alcuni messaggi, dare direttamente alcune informazioni, oppure suggerirli per via indiretta, in modo implicito, lavorando, più che sulle parole, sulla creazione di condizioni in cui il bambino avverte uno spazio di movimento, percepisce la libertà di compiere alcune esperienze e di esprimersi su queste, riceve stimoli che complessivamente, ma non sempre dichiaratamente, lo sollecitano a prendere confidenza con la fisicità. Fondamentale è apparso anche, nella famiglia per come oggi è strutturata, i messaggi e l’esemplarità rappresentata dal modo in cui le figure genitoriali vivono individualmente e tra loro la propria sessualità.



La donna clitoridea non ha da offrire all’uomo niente di essenziale, e non si aspetta niente di essenziale da lui.
Non soffre della dualità e non vuole diventare uno. Non aspira al matriarcato che è una mitica epoca di donne vaginali glorificate. La donna non è la grande madre, la vagina del mondo, ma la piccola clitoride per la sua liberazione.
La donna è un essere umano sessuato. Al di fuori del legame insostituibile comincia la vota tra i sessi.
Non è più l’eterosessualità a qualsiasi prezzo, ma l’eterosessualità se non ha prezzo. Tutti gli ingredienti vengono mescolati e la donna ne assume per quanto riguarda la costituzione della sua persona e non per quanto le è destinato dal patriarca nell’appartenenza del sesso.


(Carla Lonzi, pp.95-96)


Questo appare un passaggio abbastanza emblematico e riassuntivo del testo: c’è il superamento dell’idea di unità e di insostituibilità, l’accettazione serena della dualità intesa come presenza di due soggetti con funzionamenti e bisogni differenti, il superamento del matriarcato, inteso come “consolazione “ di un ruolo tutto procreativo del femminile. E c’è, di nuovo, l’importanza di un’esperienza piena della sessualità come condizione fondamentale per la costituzione della propria persona.

ALCUNE QUESTIONI

Come garantire uno spazio di indagine su se stessi, che permetta sempre di prendere coscienza di tutta una serie di elementi e passaggi che caratterizzano l’identità femminile? E quanto è necessario che questo percorso lo compia anche l’uomo, interrogandosi sul suo ruolo, la sua identità rispetto alla donna? Sarebbe per l’uomo solo una perdita dei propri privilegi? Come garantire ad ognuna uno spazio di osservazione condiviso, che consenta l’emergere di alcuni aspetti di sé e quindi la riflessione su di essi? E in che senso, praticare gruppi di autocoscienza oggi, può avere un significato politico? Si può recuperare una pratica nel suo complesso e nei suoi valori, o il fatto che il momento storico che l’ha prodotta è superato, le cambia il significato? E se è di nuovo necessaria oggi, questo, cosa significa, e come si traduce?

Alcune tra noi hanno ribadito l’importanza di non concentrarsi su una prospettiva di “azzeramento” delle relazioni: perché sarebbe scoraggiante, in quanto astratto, mentre più utile e possibile è decostruire. Altre invece tendono a leggere nel libro - al di là della loro condivisione personale di questa prospettiva - una forte istanza distruttiva e ricostruttiva insieme: una ” messa in discussione dalle fondamenta” di tutta la costruzione relazionale per come fino ad oggi è stata praticata, per poi ricostruire su basi nuove, e tutte da sperimentare, l’esperienza delle relazioni: tutte ancora da ridefinire appunto, e che solo l’esperienza nuova – quella che si costruisce, per la donna, attraverso il femminismo, in cui essa, attraverso l’autocoscienza, riuscirà a porre se stessa come soggetto - potrà delineare. In questo senso il testo avrebbe un carattere chiaro e netto nella pars destruens, e aperto e in divenire, (“imprevisto”, per usare un’espressione ricorrente), in quella costruens.

Un altro aspetto della discussione tra noi si è concentrato sull’esperienza dell’autocoscienza come momento insieme personale e politico, e sul fatto che la politicità di questa pratica, stava proprio, nel momento della sua nascita negli anni ’70, nel far emergere e portare alla luce esperienze che fino a quel momento non avevano avuto parola, all’interno di una società in movimento che iniziava ad interrogarsi su molti piani: oggi, è riproponibile questa esperienza? E assumerebbe lo stesso valore? Una tra noi anticipa allora la lettura di un brano da lei individuato, che dialoga con questi interrogativi: Questo è il passaggio storico del femminismo: intanto che la donna parla autenticamente di sé, delle sue esperienza screditate e qualsiasi, che non hanno mai trovato udienza in nessun angolo della cultura maschile, si scopre ogni giorno di più l’abisso millenario in cui affonda e si perde l’oppressione della donna e si scopre via via la struttura oppressiva del patriarcato in tutta la sua complessità di trama che non può essere districata senza il concorso di ognuna.


Negli sguardi amorosi l’uomo vuole portare in profondità la donna perché smarrisca se stessa. Vuole fiaccare la sua resistenza, la sua iniziativa, la sua autonomia. Vuole indagare fino a che punto sprofonda la sua dedizione e accertarsi che può sprofondarsi fino alla dimenticanza di sé. L’uomo sa che questo gli spetta di diritto e lo esige; si sente insicuro se non accade, poiché non gli è necessario per la reciprocità, ma per il senso di sé come uomo.

(C. Lonzi, p. 97)

In questo passaggio è centrale la condizione dello smarrimento nell’altro, che l’uomo esige dalla donna perché gli è necessario per il riconoscimento di se stesso, (un po’ come nella dialettica hegeliana di padrone-servo, in cui il signore ha bisogno di essere riconosciuto dal suo sottoposto, per sentirsi confermato nella sua condizione egemonica, mostrando così il bisogno vitale che ha di chi è da lui assoggettato).



ALCUNE QUESTIONI

Questo è quello che accade all’interno del fenomeno che porta all’annientamento della donna, al femminicidio?
Il prendere coscienza che la donna non è più soggiogata e dipendente dalla presenza e dall’amore per l’uomo, induce quest’ultimo ad essere lui a perdere il senso di sé, e per questo ad eliminare chi sarebbe responsabile della perdita della sua identità? E che ruolo ha la donna in questo meccanismo? Quanto vi partecipa, quanto vede in questa dedizione assoluta, in questo stato di ricettività, una sua prerogativa arcaica, che le fa avvertire di avere lei stessa un potere?


La donna vaginale tende a rimanere lontana dal vero erotismo che non è fusione con l’altro o perdita di coscienza legata a emozioni psichiche a loro volta collegate al sogno adolescenziale dell’innamoramento, ma gioco ed esaltazione. […]. Per godere pienamente dell’orgasmo clitorideo la donna deve trovare un’autonomia psichica dall’uomo. […] Ribellandosi, la donna svela l’archetipo della sopraffazione che è il coito come primo atto di violenza e di disparità gerarchica tra gli esseri. […]. Non essendo disposta ad erotizzarsi sui temi del possesso amoroso e della fusione con l’altro, essa manca di quella tragica esperienza della dedizione di sé che porta la donna vaginale ad uno spessore di umanità in cui l’uomo ha riconosciuto da sempre la sua compagna come colei che, con la sofferenza, implicitamente contrasta con la storia della sua supremazia, ma poiché non la impedisce, serve a convalidarla e ad arricchirla di pathos.

La garanzia della mancanza di aggressività biologica nella donna è la sua mancanza del pene. Essa appartiene ad una specie diversa da quella dell’uomo, con un’altra storia: per questo noi non crediamo nei valori femminili contrapposti a quelli maschili come un bene idealisticamente a disposizione di tutti, ma crediamo nelle donne e nei valori che appartengono all’esperienza di chi, anche volendo, finirebbe di morire di affaticamento e di alienazione nell’affrontare la vita con quello stimolo originario di aggressività che agisce nell’uomo e che egli giustifica nella sua cultura. ( Tra le scimmie delle specie più evolute infatti, l’esibizione dei genitali serve a dimostrare qual è la momentanea linea di demarcazione stabilita per il gruppo: i maschi fanno la sentinella con il pene molto sporgente, che ha di per sé un carattere dimostrativo).

La passività non è l’essenza della femminilità, ma l’effetto di un’oppressione che la rende inoperante nel mondo.
La donna clitoridea rappresenta il tramandarsi di una femminilità che non si riconosce nell’essenza passiva.


Questo è il passaggio storico del femminismo: intanto che la donna parla autenticamente di sé, delle sue esperienza scredidate e qualsiasi, che non hanno mai trovato udienza in nessun angolo della cultura maschile, si scopre ogni giorno di più l’abisso millenario in cui affonda e si perde l’oppressione della donna e si scopre via via la struttura oppressiva del patriarcato in tutta la sua complessità di trama che non può essere districata senza il concorso di ognuna.

(C. Lonzi, pp. 97.98)QQQ




Questi passaggi, uniti ad alcune riflessioni condivise insieme nello scorso incontro, mettono insieme, in una specie di crescendo, alcuni aspetti importanti, interessanti e, specie alcuni fortemente problematici, (particolarmente per la determinazione con cui chiamano in gioco anche certe caratteristiche “di specie”, a determinare l’intenzione e la natura di gesti e comportamenti):
- inizialmente, il superamento dell’idea della fusione e della suggestione del sentimento per uscire da uno stato di assoggettamento fisico e psichico, e il lavoro su di sé, come percorso di autoriconoscimento e distanziamento dall’orizzonte maschile, senza rifugiarsi in un ruolo passivo, di dedizione, la cui sofferenza, se accettata passivamente, finisce alla fine per glorificare quella stessa situazione; - poi, (e qui la riflessione ambisce quasi ad incontrarsi con una prospettiva biologica, con tutte le problematicità che questo comporta, ma che nel testo non vengono approfondite), il riconoscimento del coito come atto di violenza, così come è stato perpetuato nella società patriarcale, e l’attribuzione di una originalità biologica all’aggressività maschile, di cui l’esistenza e il funzionamento del pene sarebbero la causa e l’espressione primordiale; - infine, una riflessione di fondo, grande e generale, che tutto il libro sembrerebbe, implicitamente, voler suggerire come presa di consapevolezza: la condizione di passività esistenziale, così come è stata imposta e raccontata, non è affatto una condizione immanente ed immutabile, in cui le donne devono, passivamente e per sempre, riconoscersi.

L’ultimo frammento invece, sottolinea il valore rivoluzionario della pratica dell’autocoscienza in cui vengono illuminate e acquistano senso pieno, nella storia dell’umanità, voci e vissuti fino a quel momento repressi in primo luogo da chi li attraversava: senso pieno perché non producono solo una condivisione consolatoria, ma una condivisione che può diventare pensiero, e contribuire ad interpretare il mondo.



ALCUNE QUESTIONI

È possibile vivere il momento del rapporto sessuale al di fuori di uno schema di “aggressività subita”?
È possibile, in un rapporto eterosessuale, entrare in dialogo, ciascuno con le proprie specificità, con se stessi, con alcuni elementi della nostra fisiologia e insieme con quella dell’altro? Altrove Carla Lonzi parla di
scambievole erotismo: in che modo è possibile praticare una reciprocità che non sia dipendenza e rispecchiamento reciproca? Ed è possibile isolare tra loro tutti questi aspetti? E, se distaccarsi dal sentimento è necessario per prendere contatto con il funzionamento fisiologico della nostra fisicità come “fenomeno”, e distanziarsi da una dinamica di fusione è necessario per indagare se stessi senza il condizionamento fisico e culturale dell’altro, è possibile e come tornare all’altro in una relazione, fisica e amorosa, di autenticità? Nel testo Carla Lonzi sembra suggerire che l’aggressività appartiene all’uomo come fatto di natura, o almeno suggerisce questa lettura, (molto impegnativa nella sua radicalità, e su cui sarebbe da interrogarsi più a fondo): se fosse così, come può la sessualità maschile entrare in dialogo con quella femminile, mantenendo anch’essa una sua “spontaneità”, un proprio piano di naturalezza e di autenticità, senza che questo venga negato, riconosciuto immediatamente come violenza? Che ruolo ha, in questo, l’atteggiamento della donna?

FRAMMENTI DI LINGUAGGIO: PER RACCONTARE UNA COSTRUZIONE IN DIVENIRE

(in Donna Vaginale e Donna Clitoridea, di C. Lonzi).

(Sbocco, Espansione, Creatività, Imprevisto)….

Tutto il resto è imposizione di una sessuofobia riformata, paternalista, e scoraggiante per l’espansione della bambina. (p. 96).

La donna priva di una sua propria via alla sessualità, viene così neutralizzata della sua creatività…(p. 69).

L’esito imprevisto di questo processo esistenziale, è stato per la donna il costituirsi della sua autonomia (p. 102).

La presa di coscienza, sia come reazione al patriarcato, sia come sviluppo di potenzialità impreviste (p. 101).

Questa strada non offre la garanzia di alcuna normativa: essa sfocia nell’imprevisto, per quelle doti di fantasia che la donna assume fiduciosamente su di sé (p. 78).

Le donne portano alla luce oggi, momento per momento, i contenuti inconsci di un’operazione la cui avventurosità è ancora in piena fioritura. P. 73

La lotta, che la donna conduce al patriarcato, stando su un suo proprio terreno: il vuoto di umanità che si può scorgere in lei dal punto di vista patriarcale, diventa, sull’altro, bisogno di umanità come presenza di sé. (p.102)

La donna manifestava dei gusti di soggetto, possedeva pensiero, orgoglio, coraggio, dignità (p. 108)

Il cosiddetto rapporto umano è molto pubblicizzato, ma intanto appare scisso dall’erotismo ed è diventato un processo che si spegne nella sua formalità senza uno sbocco vivificante. P. 70



La donna che, in tutto l’intreccio di situazioni casuali e volontarie della sua vita ha assaporato momenti inebrianti della costituzione di sé come individuo a trovare nel femminismo il suo sbocco naturale p. 73

…rinunciando ad una sua propria esperienza di piacere, promettente e impegnativa come ogni sbocco di autonomia. (p. 78)



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale