La logica prestazionale dalla progettazione alla valutazione: verso una condivisione di principi e pratiche valutative



Scaricare 123.99 Kb.
Pagina1/4
01.06.2018
Dimensione del file123.99 Kb.
  1   2   3   4

Rete Maglie - La logica prestazionale – 12 aprile – Rita Bortone

La logica prestazionale dalla progettazione alla valutazione: verso una condivisione di principi e pratiche valutative
Progettare per obiettivi o per risultati

Ricordiamo in premessa la necessità di una progettazione centrata non più sulla individuazione e definizione di obiettivi da perseguire, ma su risultati coerenti con ciascuno degli obiettivi indicati dalla norma



Ricordiamo anche la necessità che i risultati si configurino come comportamenti osservabili inclusivi di sapere, saper fare, saper essere

Ricordiamo infine la necessità, in una scuola delle competenze, che i risultati si identifichino non solo con il possesso di conoscenze e di abilità, ma anche con la capacità di svolgere autonome “prestazioni di realtà”, ovvero azioni o insiemi di azioni che, contestualizzate e finalizzate, costituiscano manifestazione di competenza


Cos’è una prestazione

Treccani
a. Il prestare la propria opera nell’esecuzione di un lavoro, nell’espletamento di una attività intellettuale o manuale: p. professionale; le sue p. sono state ben retribuite ….

b. Il modo in cui viene eseguito un lavoro, in cui viene espletata una attività, in relazione alle capacità, alla professionalità, all’impegno profuso, ai risultati ottenuti, e sim.: dare, fornire una buona p., una p. deludente; …

c. In senso generico, con riferimento a una macchina, a un motore, a un dispositivo, ecc., e a ciò che è in grado di dare : motore di notevoli prestazioni; …

La situazione professionale

Contesto Richiesta

Complessità (quantità, qualità, variabilità delle relazioni)
Quantità e variabilità delle situazioni occorrenti
Complessità della singola situazione occorrente (quantità e qualità degli elementi da gestire )

Corrispondenza della richiesta ad un sapere tecnico ben definito o a saperi integrati

Problematicità della richiesta e quantità delle possibili opzioni

Molecolarità o concatenamento delle richieste

Livello di coinvolgimento di abilità cognitive complesse

Livello di coinvolgimento della sfera affettivo- relazionale e valoriale

Padronanza del contesto (sistema valoriale, relazionale, tecnico)

Riconoscimento /padronanza delle situazioni

Possesso di competenze specifiche (sapere e saper fare tecnico)

Possesso di competenze trasversali/generali (abilità cognitive complesse, cultura generale)

Padronanza e controllo delle proprie dinamiche emotivo-affettive e relazionali

Possesso di un sistema etico di riferimento


Qualità prestazionale

Risposta Soggetto

Nella formazione dello studente, la conoscenza dei contesti professionali e dei relativi

modelli situazionali

Conoscenza del contesto professionale

Conoscenze e abilità tecnico- professionali

Abilità sociali, atteggiamenti, valori

Istruzione generale, competenze trasversali, visioni culturali

Funzioni dell’azienda e bisogni sociali connessi

Modelli strutture processi

Ruoli funzioni relazioni

Teorie di riferimento

concezioni principi

leggi norme
Ambienti Strumenti

Principi teorie concezioni

funzioni

Aspetti semantici e sintattici (concetti, regole, strutture, metodi di avanzamento)

Tecniche , processi e procedure, linguaggi

Relazionalità, cooperatività

Responsabilità, deontologia professionale

Pratica di sistema, visioni culturali, cittadinanza

Cultura generale, pratica dell’informazione, capacità di apprendere

Competenza comunicativa: italiano, lingue straniere, linguaggi non verbali e digitali


Competenze chiave di cittadinanza

(All. 2 Obbligo)



Modelli situazionali

Conoscenza delle situazioni professionali ricorrenti nel contesto lavorativo e delle relative richieste di prestazione


Bisogni del contesto

Tipologia richieste

Tecniche di risposta

(prestazioni professionali)



e relativi indicatori di qualità

La prestazione nella scuola
Il termine prestazione, mutuato dal mondo del lavoro, è stato introdotto nel lessico scolastico nel momento in cui il risultato d’apprendimento si è identificato con un sapere non parlato, ma agito e oggettivamente osservabile e misurabile.
Nei contesti di apprendimento, ci si imbatte in tipologie diverse di prestazioni:
prestazioni che manifestano conoscenze e abilità e prestazioni che manifestano competenze ; che manifestano competenze specifiche e/o competenze trasversali e/o competenze specifiche e trasversali insieme; che rispondono a scopi di realtà e che rispondono a scopi di studio; che sono richieste e osservate in situazioni di realtà o di realtà simulate….

Oggi ci interessa comprendere la prestazione come manifestazione di apprendimenti non relativi a conoscenze o ad abilità, ma a competenze.
La competenza si manifesta attraverso le prestazioni che le situazioni di realtà (o di studio) chiedono al soggetto. Tali prestazioni di realtà, legate al perseguimento di scopi (privati o sociali, ludici o lavorativi) sono generalmente prestazioni complesse, nel senso che richiedono l’utilizzo integrato di conoscenze e abilità molteplici (non hanno cioè la elementarità e la molecolarità delle prestazioni richieste a scopo esercitativo/scolastico)
La nuova progettazione dunque, se vuole essere una progettazione per competenze, dovrà definire e condividere, segmento per segmento, anno per anno, non più gli obiettivi (ce li ha già dati lo Stato), ma i risultati che (coerenti con gli obiettivi indicati) si vogliono raggiungere nei diversi ambiti della formazione, con indicazione della tipologia di “prestazioni in contesti” da esercitare prima ed accertare poi come “segno” del risultato raggiunto (competenza)

Nella nostra riflessione didattica abbiamo usato molte volte l’idea e le parole della prestazione
Le parole della competenza: un esempio

Competenza: Padroneggiare gli strumenti espressivi e argomentativi per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti…. (Asse linguaggi biennio obbligo)

Prestazioni attese

Contesti

(esempi)

Situazioni di realtà

.


Esempio di compiti di realtà

Sa pianificare ed esporre un testo parlato su argomento noto in funzione di scopi


In situazioni di dibattito sa comprendere il punto di vista degli altri e sostenere il proprio utilizzando dati a sostegno
Sa convincere gli interlocutori della positività di una propria tesi, utilizzando argomenti appropriati
Sa interpretare e commentare un’opera teatrale, letteraria o filmica secondo modelli appresi e sa sostenerne, nel dibattito, la propria interpretazione
Sa parlare di sé, per descriversi o raccontarsi




Scuola

Un’assemblea di classe ha valutato che è opportuno chiedere agli insegnanti una razionalizzazione dei compiti assegnati a casa ed ha designato te per la elaborazione e la esposizione della richiesta

Pianifica un testo parlato per convincere i tuoi insegnanti , sulla base di dati, a razionalizzare i compiti a casa

In fase di iscrizioni, i docenti propongono agli alunni la costruzione di un ipertesto che illustri l’offerta formativa della scuola ai compagni di III media

Divisi in gruppi di cinque, progettate un ipertesto che illustri l’offerta formativa della scuola ai compagni di III media e che li induca ad iscriversi in questa scuola

I docenti organizzatori dei viaggi d’istruzione chiedono agli alunni di elaborare articolate e motivate proposte

Elabora un’ipotesi di viaggio d’istruzione, confrontala con quella dei compagni, convincili con adeguati argomenti che la tua è l’ipotesi migliore anche se è la più dispendiosa

La classe ha assistito ad uno spettacolo teatrale, del quale intende verificare la comprensione e la valutazione

Commenta e valuta l’opera teatrale ….

Siete all’inizio dell’anno, in una nuova classe. Si avverte il bisogno di conoscersi

Dopo aver riflettuto per dieci minuti, presentati ai compagni

Famiglia

In prima serata TV, occorre decidere il programma da seguire

Convinci i tuoi familiari che è preferibile vedere Quark invece del Grande Fratello



Gruppo amici

E’ in corso un litigio fra amici poiché uno del gruppo si accinge a scrivere il verso di una poesia sul muro di una casa

Esprimi al tuo amico Paolo la tua disapprovazione relativa alla sua idea di divertirvi a scrivere versi sui muri

Si è assistito ad uno spettacolo teatrale ed ora lo si commenta.


Elabora, sulla base dei modelli appresi, un commento dello spettacolo (o del libro) X e discutilo con i compagni. per ottenerne una recensione da pubblicare sul foglio di classe



Prestazioni a livello diverso di specificità e di contestualizzazione

Traguardi di sviluppo Indicazioni

Prima contestualizzazione e possibili prestazioni

(di realtà o di studio)



Interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative

Interagisce in situazioni comunicative

finalizzate a scopi diversi pubblici o privati

che coinvolgono interlocutori noti e non noti, pari e adulti

su argomenti noti (di studio o di esperienza) e/o non noti (di attualità o di esperienza) anche a carattere personale (autonarrazione, valutazione di soggetti, eventi, fenomeni)

ascoltando, comprendendo e utilizzando nella interlocuzione il punto di vista degli altri (per confutarlo o per servirsene come rinforzo)

esplicitando il proprio anche con argomentazioni supportate da dati o da citazioni utili….

Ascolta e comprende testi di vario tipo, diretti e trasmessi da media, riconoscendone la fonte, il tema, le informazioni e la loro gerarchia, l’intenzione dell’emittente

testi narrativi di genere….di lunghezza….di matrice cognitiva….di contenuto…..di lessico……

Comprendendo ….interpretando ….commentando ….utilizzando ….

Testi descrittivi …(contenuto, lessico, lunghezza, complessità…)

Testi regolativi…. Testi argomentativi …..

Testi filmici ….

Documentari….

Cronache e telegiornali …..

Usa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui, misti) nelle attività di studio personale per ricercare, raccogliere e rielaborare dati,…

Usa manuali scolastici noti e non noti … portatori di strutture informative e testuali diverse … per studiare e ricercare …. producendo:

sintesi di capitoli o parti del testo

relazioni su temi dati, finalizzate a scopi diversi e a diversi destinatari , …elaborazione di informazioni per costruire proprie tesi di studio….

Legge testi letterari di vario tipo e comincia a costruirne una interpretazione, collaborando con compagni e insegnanti

ne comprende: …. sistema dei personaggi…intreccio e trama…..informazioni esplicite e implicite …. funzioni comunicative ….formula ipotesi sul rapporto testo/autore/contesto….decodifica i linguaggi figurati e ...fa derivare la interpretazione dei significati da semplici analisi formali….ne elabora sintesi….parafrasi …..commenti….

Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinat.

Sintesi? Parafrasi? Autonarrazioni? Descrizioni? Diari? Lettere? Saggi? Istruzioni per usi? Dimostrazioni? Ideazioni? Scalette? Elenchi puntati? Progettazioni? …….

Per ogni competenza, prestazioni di realtà e di studio


Traguardi di sviluppo

Possibili prestazioni

(di realtà o di studio)

Interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative



Dato un lavoro di gruppo assegnato per studiare in gruppo un nuovo argomento di studio, l’allievo è in grado di interagire per il raggiungimento del risultato da parte di ciascuno, rispettando i punti di vista altrui ed affermando il proprio …

In situazione di dibattito pubblico per l’interpretazione di un film (o di uno spettacolo) l’allievo è in grado di proporre la propria interpretazione e di discutere i punti di vista altrui…

Ascolta e comprende testi di vario tipo, diretti e trasmessi da media, riconoscendone la fonte, il tema, le informazioni e la loro gerarchia, l’intenzione dell’emittente

Di fronte ad un evento di rilevanza mediatica, l’allievo è in grado di comparare le diverse modalità con cui l’evento è affrontato in programmi televisivi diversi, e di formulare una propria motivata opinione critica sull’evento stesso e sui diversi approcci dei programmi televisivi analizzati

- Dati due testi di matrice cognitiva e linguistica diversa, l’allievo è in grado di individuare le analogie e le differenze relative alle informazioni riportate ed alle intenzioni comunicative degli autori..……

Usa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui, misti) nelle attività di studio personale per ricercare, raccogliere e rielaborare dati,…

Dato un tema assegnato su cui ricercare/relazionare in funzione di uno scopo dato, l’allievo è in grado di orientarsi nel manuale di …., di individuare in esso informazioni pertinenti presenti in più capitoli, di progettarne e realizzarne forme di esposizione con l’utilizzo di linguaggi verbali e non verbali (o: di testi continui e non continui)…

Dato un tema assegnato su cui ricercare/relazionare in funzione di uno scopo dato, l’allievo è in grado di consultare più manuali, di confrontarne le informazioni, di selezionarle e aggregarle in funzione dello scopo…

Legge testi letterari di vario tipo e comincia a costruirne una interpretazione, collaborando con compagni e insegnanti

Dato un testo letterario (…) non noto di autore noto, l’allievo è in grado di elaborarne un’analisi utilizzando modelli e strategie appresi, di costruire una personale semplice interpretazione, di produrre un personale commento …

Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario

Data la necessità di favorire una partecipazione ordinata e produttiva alle assemblee di classe, l’allievo è in grado di progettare ed elaborare un regolamento funzionale allo scopo

In situazioni di lavoro cooperativo a distanza, l’allievo è in grado di contribuire alla progettazione dei lavori comuni ed alla stesura a più mani dei prodotti intermedi e finali, e di argomentare per iscritto a sostegno di decisioni comuni

Dopo aver partecipato alla visione di film, spettacoli teatrali, mostre d’arte, l’allievo è in grado di commentare e recensire in funzione di scopi dati ….

In situazioni di studio e ricerca l’allievo è in grado di utilizzare strategie di scrittura funzionale (sintesi, appunti, schemi, mappe) come strumenti di elaborazione ….



Il contesto come categoria interpretativa degli ambiti di spendibilità del sapere

e come criterio di scelta dell’azione didattica

Contesti/spazi

uomo/ cittadino

Funzioni

uomo/ cittadino

Contesti/spazi

affettivo -

relazionali

Contesti/spazi

pragmatico –

funzionali

Contesti/spazi

di studio e

conoscenza

Contesti/spazi

di comunicazione

mediatica

Contesti/spazi

di cittadinanza

Contesti/spazi

esistenziali

Entrare in relazione,

Comunicare,

Partecipare


Situazioni di realtà

In cui “contestualizzare” le prestazioni di realtà

Agire, fare, costruire

(progettare, scegliere,

Risolvere problemi, …)

Conoscere

(il mondo, se stessi, gli altri, studiare, informarsi,…)

Interrogarsi

(farsi domande di senso, conoscersi, capirsi)



Per ogni competenza chiave, prestazioni, strategie e verifiche trasversali
Un esempio: La competenza digitale

Prestazioni attese

Metodologie didattiche

Modalità di verifica

L’alunno è in grado di utilizzare criticamente le nuove tecnologie per scopi informativi, partecipativi, di studio e in particolare:

sa utilizzare in maniera funzionale i motori di ricerca per reperire dati e informazioni;

sa distinguere i siti web e le informazioni in essi contenute secondo criteri di affidabilità e attendibilità;

sa interagire e comunicare con soggetti diversi per scopi di studio e di svago, anche partecipando ai social network secondo i suoi interessi ed evitando i rischi legati all’uso del web;

sa produrre e presentare adeguatamente ad altri il proprio lavoro utilizzando gli strumenti informatici;

nell’utilizzo delle TIC sa utilizzare le proprie competenze in lingua inglese per orientarsi di fronte a problemi informatici.




Ciascun insegnamento promuove l’utilizzo intenzionale e consapevole delle nuove tecnologie per studiare, per presentare i prodotti del proprio studio, per comunicare, per rispondere ai bisogni pratici, intellettuali e sociali della quotidianità
In particolare ciascun insegnamento propone agli alunni modalità di reperimento delle informazioni attraverso l’utilizzo di siti attendibili; promuove l’acquisizione di criteri di selezione e di organizzazione delle informazioni relative alla disciplina specifica; promuove la elaborazione e la presentazione di prodotti multimediali legati allo studio compiuto; promuove la pratica della comunicazione a distanza e della partecipazione finalizzata ai social network

L’insegnante, anche d’intesa con i colleghi, stilerà una chek list delle prestazioni che l’allievo dovrà essere in grado di svolgere, utilizzando le nuove tecnologie su contenuti disciplinari e culturali diversi.

Tali prestazioni potranno essere oggetto di apposite verifiche trasversali o di osservazioni sistematiche e strutturate di processi e prodotti





Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale