La natura dello spazio nella costruzione simmelliana



Scaricare 47.96 Kb.
22.12.2017
Dimensione del file47.96 Kb.




Letture e approfondimenti 1

Simmel


Gli ordinamenti spaziali della società


Lo spazio, è un elemento importante attraverso il quale capire quei processi di “addensamento” del fluire incessante della vita in forme sociali, che costituisce il motivo di base della sociologia simmelliana1. Lo spazio non è, “di per se”, una forma, ma produce forme nello strutturare i rapporti di interazione. Qualunque sia il contenuto di questi rapporti (economico, affettivo, politico) a partire dallo spazio si definisce una specificità del rapporto di interazione. Le forme spaziali sono quindi quelle configurazioni di relazioni sociali che trovano nello spazio la loro concretizzazione.

La dimensione spaziale ha però uno statuto particolare nella sociologia di Simmel, costituisce, infatti, un apriori logico e percettivo. In questo il sociologo tedesco si ricollega a Kant. Per il filosofo spazio e tempo sono forme dell’intuizione, cioè modi a priori con cui noi abbiamo accesso al mondo sensibile. Nello stesso modo, per Simmel, lo spazio è “un’attività dell’anima”, è un modo di “collegare in visioni unitarie affezioni sensibili in se slegate” (p. 524) 2. Per quanto riguarda in particolare l’apriori spaziale questa contingenza si dispiega a partire da una serie di caratteristiche dello spazio che si configurano come costanti antropologiche3.

In primo luogo la qualità fondamentale dello spazio in quanto apriori viene individuata da Simmel, seguendo Kant, nella capacità relazionale. Questa qualità generale viene poi specificata da Simmel considerando diverse caratteristiche dello spazio: esclusività, esistenza di confini, fissazione, vicinanza e lontananza, mobilità sono altrettanti modi di fare esperienza dello spazio che poi si “rapprendono” in configurazioni spaziali specifiche (Ex. lo stato, il nomadismo). Nel saggio sugli Ordinamenti spaziali Simmel ci fa vedere come a partire da queste qualità costanti dello spazio, in seguito alle trasformazioni legate alla modernità, varino le forme e si modifichi la stessa esperienza spaziale.

Questo è possibile per il modo in cui Simmel disegna la natura della dimensione spaziale, insieme condizione e simbolo dei rapporti sociali. Lo spazio è una condizione perchè le modalità spaziali di esperienza in qualche modo indirizzano il configurarsi delle forme sociali, ma assume un significato sociologico in quanto simbolo della relazione sociale.

Caratteristiche dello spazio e forme dell’interazione.


Simmel individua una serie di attributi diversi dello spazio come apriori logico e percettivo che di volta in volta ci aiutano a mettere in evidenza forme diverse. Il nomadismo e lo straniero, il "centro" come fulcro di una serie di rapporti sociali, l'appuntamento, sono forme che si sviluppano a partire da particolari qualità dello spazio come modo di fare esperienza: (in questo caso la mobilità, la fissazione). Le relazioni spaziali si svolgono e prendono forma sulla base di queste proprietà fondamentali dello spazio.

L’esclusività. La prima caratteristica che Simmel considera è l’esclusività, cioè il fatto che ogni punto dello spazio non può che essere considerato unico per chi vi accede. Questa proprietà, apparentemente banale, costituisce per Simmel un aspetto importante del modo in cui percepiamo i fenomeni; essa ci permette ad esempio di identificare oggetti simili attraverso la loro collocazione nello spazio.

Sulla base della caratteristica dell’esclusività (cioè dell’unicità di ogni punto spaziale) si realizzano diversi modi di entrare in relazione con lo spazio. Simmel individua due tipi puri di formazioni sociali definibili attraverso la loro relazione con lo spazio sulla base dell’esclusività. Il primo tipo è costituito dalle formazioni spaziali, cioè le forme sociali che si identificano con un particolare pezzo di territorio. In questo caso caso, la relazione con lo spazio non si pone come semplice possibilità, ma come solidarietà concreta e dichiarata con lo spazio. Sono i tipi di relazioni che possono realizzarsi in tutta la loro forma sociologica solo quando entro il campo da loro riempito non vi è posto per un altro elemento.. Il tipo puro per eccellenza di formazione spaziale è lo stato.

Il secondo tipo è quello delle formazioni sovra-spaziali che per il loro senso interno non hanno alcuna relazione con lo spazio, ma proprio per questo hanno una relazione uniforme in tutti i suoi punti particolari. Il caso più esemplificativo è quello della chiesa che si estende al di là di ogni spazio e non ne esclude nessuno.

Secondo Simmel la differenza tra i due tipi richiama l’antitesi temporale tra eterno e atemporale: il primo è un concetto di tempo (senza fine e ininterrotto), il secondo, invece, non è toccato per sua essenza dal problema dell’adesso del prima o del dopo ed è quindi accessibile o presente ad ogni momento temporale.

Tra i due tipi puri della chiesa e dello stato si inseriscono fenomeni intermedi, come la città. L’esclusività che anche la città rivendica rispetto al territorio che la costituisce non è così assoluta come quella dello stato. L’ambito di importanza e di efficacia di una città non termina al suo confine geografico, ma si estende, in maniera più o meno percepibile, con riflessi spirituali, economici, politici a tutto il paese. Come Simmel mette in evidenza anche nel saggio Le metropoli e la vita dello spirito, la sua vita interiore si espande in onde concentriche su di un’ampia area nazionale o internazionale”....L’essenza più significativa della metropoli sta in questa grandezza funzionale che trascende le sue frontiere fisiche.....Come un uomo non si esaurisce nei confini del suo corpo” (p. 50).

Un livello successivo è quello rappresentato dalle corporazioni che si dividevano l’estensione della città non già quantitativamente ma funzionalmente e non si urtavano nello spazio, perchè come formazioni sociologiche non erano determinate spazialmente anche se lo erano localmente.


Confini. La questione del confine ha una valenza più generale nella sociologia Simmelliana (Desideri, 1993) Certamente perchè l’opposizione fondamentale del pensiero Simmelliano, quella tra vita e forme, è riconfigurabile come una questione di confini4. Ne Gli ordinamenti spaziali Simmel spiega come la delimitazione spaziale del gruppo sociale contribuisce per Simmel a definire l’interazione al suo interno in modo specifico. Per spiegare questo ruolo del confine l’autore utilizza il concetto di cornice: la delimitazione dello spazio ha per un gruppo sociale un’importanza molto simile a quella che la cornice ha per un’opera d’arte. La cornice delimita l’opera d’arte rispetto al mondo circostante e la chiude in se stessa; nello stesso modo, in una società la relazione degli elementi che la compongono, l’unità dell’azione reciproca, acquista la sua espressione spaziale nel confine che la incornicia: il confine costituisce un modo di “ritagliare” lo spazio attraverso il quale si da senso alle attività sociali. Il concetto Simmelliano di confine, ha quindi un significato simile a quello di “frames” in Goffman5. Il “frame” è un principio di organizzazione dell’esperienza, è un modo di ritagliare la realtà per interpretare il senso degli avvenimenti. Nello stesso modo il confine contribuisce a dare senso a ciò che racchiude, attraverso la delimitazione dello spazio.

Il confine, quindi, non è un fatto spaziale, ma un fatto sociologico formato spazialmente6. Simmel mette più volte in evidenza la “potenza formativa della connessione sociale”, cioè la natura sociale delle delimitazioni spaziali. Proprio perchè lo spazio, di per se è continuo, non contiene mai confini assoluti, è possibile invece fissarli soggettivamente. E’ molto più forte, ad esempio, dice Simmel, la consapevolezza dei confini meramente politici rispetto ai confini naturali (montagne, fiumi, mari deserti). Il confine spaziale è quindi la “cristallizzazione”,o spazializzazione dei processi di delimitazione psichica che sono i soli reali. Questo non significa che a volte anche i confini naturali del territorio non influiscano sulle relazioni degli abitanti tra di loro e con l’esterno. A volte succede che questi “colorino in maniera singolare le relazioni degli abitanti tra di loro e con i soggetti che stanno al di fuori”. L’esempio più noto è quello degli abitanti delle montagne che costruiscono un legame eccezionalmente forte con la loro terra e congiungono caratteristicamente senso della libertà e conservatorismo.

L’individuazione dei confini costituisce un caso particolare dei processi di limitazione sociale, cioè di quei processi attraverso i quali si segnano delle linee di demarcazione che regolano le relazioni tra gli individui o definiscono le apprtenenze. Simmel porta l’esempio del limite tra due sfere di personalità e del carattere limitato o non limitato dell’appartenenza7. Egli mette in evidenza come i processi di limitazione sociale acquistino, in virtù della loro spazializzazione un carattere incomparabilmente stabile ed evidente. Quando invece il limite non assume qualità sensibili, come nel caso del limite tra due sfere di personalità, esso è meno chiaro e più fragile.

Fissazione. Il terzo significato sociologico dello spazio che Simmel considera è quello legato alla fissazione, cioè il modo in cui le forme e le relazioni sociali trovano nello spazio un punto di riferimento. Diversi sono gli aspetti della fissazione che l’autore considera.

In primo luogo il fatto che un gruppo o un insieme di individui possano essere completamente fissati o indeterminabili rispetto allo spazio influenza la struttura delle loro relazioni. Un esempio è quello dei gruppi nomadi o stabilmente insediati, che Simmel riprenderà nel trattare la mobilità; la fissazioni sostituisce in un certo senso regolamenti e controlli legali. Tanto più è primitiva la costituzione spiritituale, tanto più l’appartenenza ha bisogno di essere legata ad una presenza locale. Al contrario l’imporsi dell’economia monetaria e la divisione del lavoro rende possibile a un sempre più vasto numero di relazioni “per le quali è superflua la presenza degli individui.

Un secondo significato sociologico della fissazione spaziale è quello di centro di rotazione. L’ancorarsi nello spazio di un oggetto produce specifiche forme di relazione che si raggruppano intorno ad esso. Simmel porta l’esempio della chiesa, che soprattutto nei periodi di diaspora, costituisce una stazione che possa funzionare come punto verso il quale convergono e intorno al quale si organizzano le relazioni tra i fedeli. Anche le città agiscono come centri di rotazione del traffico.

Ancora una volta, però, la forma spaziale è la traduzione della forma sociologica: il centro di rotazione spaziale è la forma spaziale che talvolta assume “il centro di rotazione sociologico”, cioè quella configurazione delle relazioni che necessità di un punto di riferimento stabile . Vi sono infatti relazioni sociali che hanno bosogno di un centro stabile intorno al quale circolano interessi o discorsi, altre che, invece, “si ordinano” semplicemente attraverso la successione temporale. Simmel porta l’esempio del rendez-vous, dell’appuntamento, come una delle forme sociologiche che si incarnano spazialmente: lo stesso termine che lo definisce contiene la doppia natura della forma, definisce infatti tanto l’incontro che il luogo.

Il terzo aspetto della fissazione che Simmel considera è quello dell’individualizzazione del luogo. In alcuni casi lo spazio viene designato per la sua qualità specifica. Ad esempio quando nel Medioevo le case cittadine venivano indicate con un nome proprio. In altri casi l’individuazione, invece, viene condotta sulla base criteri astratti, ad esempio sulla base del numero.

Questa differenza nei modi di denominazione, manifesta nella sfera spaziale una completa antitesi di posizione sociologica del singolo. “L’uomo individualista privilegia la sua fissazione qualitativa e l’assenza di interscambiabilità dei contenutio della sua vita; viceversa, dove l’organizzazione del tutto regola la prestazione dell’individuo, la sua posizione deve venir fissata sulla base di un sistema esterno a se stesso”. Simmel lega lo sviluppo di criteri astratti nell’individualizzazione dello spazio allo svilupparsi delle dimensioni oggettive della società e allo sviluppo del razionalismo.



Vicinanza e distanza. Le categorie della vicinanza e distanza elaborate da Simmel sono forse quelle più immediatamente legate alla natura relazionale dello spazio. Vicinanza e distanza definiscono modalità di relazione nello spazio che influiscono sul carattere delle associazioni: le relazioni in assenza e in presenza8. Due unioni, tenute insieme in linea di principio dai medesimi interessi, dalle medesime forze, dai medesimi modi di sentire, muteranno il loro carattere a seconda che i loro partecipanti siano in contatto spaziale o separati tra di loro.

La vicinanza è tra le caratteristiche individuate da Simmel, quella maggiormente legata alla percezione. Nel descrivere infatti il carattere sociologico della vicinanza, Simmel ne evidenzia il carattere “più sensibile”, i rapporti sulla base della vicinanza sono fortemente connotati dal punto di vista emotivo: con le persone assai vicine si è di solito in termini amichevoli od ostili9. La vicinanza, è dunque un modo di entrare in relazione con gli altri mediato soprattutto dalla percezione, dalla sensorialità. Nell’Excursus sulla sociologia dei sensi, Simmel analizza con molta precisione il modo in cui i singoli sensi attraverso i quali gli individui si percepiscono reciprocamente, determinano le conseguenze della vicinanza. I sentimenti di piacere o dispiacere, di eccitazione ed acquietamento che la percezione sensibile del nostro prossimo implicata dalla vicinanza provoca, sono diversi e specifici se consideriamo l’effetto dei diversi sensi. Il guardarsi negli occhi, che considera la forma più perfetta di reciprocità, l’espressione del volto, il suono della voce, l’invasione degli odori, sono tutti elementi che segnano gli esiti delle nostre relazioni con gli altri10.

Il significato, invece, della distanza è quello di escludere gli stimoli, gli attriti, attrazioni e repulsioni che la vicinanza sensibile provoca e di produrre quindi la prevalenza dei processi intellettuali. La distanza spaziale favorisce quindi lo svilupparsi della distanza sociale tra gli uomini che l’intellettualità, di per sè, interpone. Distanza e intellettualità, nel discorso di Simmel, si rinforzano a vicenda. Se infatti la distanza predispone all’intellettualità, l’intellettualità rende possibile la distanza. Infatti le soglie di distanza spaziale che gli individui sono disposti a sopportare variano in relazione alle diverse capacità che le relazioni tra gli uomini hanno. Le relazioni basate sull’intellettualità rendono possibile la distanza, l’astrazione ci permette di entrare in relazione con individui che non sono compresenti fisicamente.

Simmel avvisa subito, però, che la differenza tra vicinanza e distanza è più relativa di quanto faccia supporre la netta antitesi logica tra l’essere insieme e l’essere separati: le condizioni spaziali della vicinanza e della distanza non hanno infatti sempre lo stesso significato sociologico. Ad esempio il legame tra vicinanza e polarità affettiva viene meno nel caso di un livello di cultura molto elevato e nel caso della vita nella grande città moderna. In entrambi i casi prevale l’indifferenza e l’esclusione di ogni relazione affettiva reciproca anche con le persone vicine. Nel primo caso a causa dell’intellettualità, che abbassa le relazioni impulsive e da luogo ad una oggettività fredda e spesso estraniante. Nel secondo perchè i contatti incessanti con innumerevoli persone provocano il medesimo effetto per ottundimento. L’indifferenza verso chi è spazialmente vicino costituisce, in questo caso, un dispositivo di protezione

Ancora Simmel mette in evidenza l’importanza del tempo nel definire la qualità dei processi spaziali: la subitaneità della vicinanza corporea o durevole ci può illudere sulla lentezza con cui la vicinanza psichica le tiene dietro. L’avvicinamento fisico non è sempre la conseguenza di quello interiore. Simmel riprenderà l’argomento nell’excursus sullo straniero che ritroviamo nel paragrafo da Simmel dedicato alla mobilità.

Mobilità. La descrizione dell’esperienza spaziale per la possibilità che gli uomini si muovano da luogo a luogo, costituisce senza dubbio una delle pagine più riuscite del saggio di Simmel.

D’altra parte la mobilità costituisce per questo autore la vera essenza della società moderna (Frisby 1992). La descrizione simmelliana dell’esperienza moderna è strettamente intrecciata all’idea di movimento: Il mondo moderno è ridotto ad un flusso incessante11. Ad esempio nella Filosofia del denaro Simmel mette in evidenza il carattere dinamico del mondo del denaro “veicolo di un movimento in cui tutto ciò che non è moto si estingue completamente”.

Nel mettere in evidenza le profonde interconnessioni tra movimento nello spazio e differenziazione dei contenuti dell’esistenza sociale Simmel ci fa vedere come lo straordinario aumento del bisogno di differenza dell’uomo moderno ricorre contemporaneamente a due forme, al mutamento di luogo e alla differenziazione. Generalmente, invece, movimento e differenziazione si sostituiscono a vicenda: società stabili si differenziano internamente in forte misura, società che migrano, avendo già soddisfatto i sentimenti di differenza necessari alla loro costituzione hanno bisogno di livellamento sociale.

Proprio per questa centralità sostanziale della mobilità sono particolarmente importanti le considerazioni che Simmel fa in relazione alla specificità dell’esperienza del migrare dove ritroviamo, infatti, molti aspetti tipici della modernità Simmelliana, in cui la dimensione temporale è essenziale. I membri di una società che migra dipendono in maniera particolarmente stretta gli uni dagli altri, gli interessi comuni hanno la forma della momentaneità e “coprono con l’energia specifica del presente, che così spesso trionfa su ciò che è oggettivamente più essenziale, le differenze individuali” (p. 569). L’integrazione dei singoli avviene proprio sulla base dell’instabilità che caratterizza il migrare. Ancora Simmel analizza l’aspetto temporale della durata delle relazioni, come nel caso della conoscenza di viaggio. Questa sviluppa spesso un’intimità ed un grado di apertura che non sarebbero giustificate dal suo contenuto. Questa specificità è legata a tre motivi: il distacco dall’ambiente abituale, comunanza di impressioni ed eventi momentanei, consapevolezza del prossimo e definitivo separarsi12.

Infine nell’excursus sullo straniero la mobilità muta la qualità della vicinanza. Lo straniero è, secondo Simmel, fissato in un determinato ambito spaziale, ma la sua posizione in quest’ambito è determina essenzialmente dal fatto che egli non vi appartiene sin dall’inizio. Egli è insieme vicino e lontano. Proprio questa sua caratteristica di essere membro del gruppo e nello stesso tempo di esserne fuori, determina la sua particolare personalità sociale13. Ancora la personalità dello straniero si traduce in una sua “oggettività” che deriva dalla sua capacità connaturata di prendere le distanze di essere appunto, contemporaneamente vicino e lontano. L’uomo oggettivo è più libero, non è vincolato da pregiudizi o da tradizioni. Infine il rapporto che si instaura con lo straniero è di tipo più astratto rispetto agli altri; lo straiero viene considerato per le sue qualità più generali.

Simmel è interessato anche a capire la specificità delle forme di relazione legate alla mobilità e considera i suoi effetti in un gruppo che migra e le conseguenze che coloro che emigrano producono nei sedentari.

Nel caso del nomadismo ad es. il migrare appartiene alla sostanza della vita e si rivela nella circolarità del ritorno nei medesimi luoghi, mentre nel caso delle migrazioni dei popoli il migrare viene sentito come lo stato intermedio tra due forme di vita eterogenee. In entrambi i casi, però produce lo stesso effetto sulla forma della società:cioè in primo luogo l’abbassamento della differenziazione interna del gruppo.

Simmel analizza anche il modo in cui il migrare di una parte influsice sull’altra. Anche in questo caso la stessa precondizione può produrre effetti diversi: verso l’unificazione del gruppo o verso al sua separazione. Per quanto riguarda il primo caso, Simmel descrive il ruolo di unificazione che gli spostamenti spaziali di singoli elementi rivestono nelle società primitive. Nelle società in cui non si sono sviluppati altri elementi di unificazione, quelli che Simmel chiama mezzi sovra-locali (la scrittura, le istituzioni, le uniformità oggettive) lo spostamento degli individui diventa un mezzo importante per unificare la società. “Il mercante, il dotto, il funzionario e l’artigiano, il monaco e l’artista, le punte e gli elementi più depravati della società erano nel Medioevo e all’inzio dell’età moderna, sovente più mobili di adesso. Ciò che noi otteniamo in consapevolezza della comune appartenenza attraverso le lettere e i libri, mediante la partita di giro e le filiali, mediante la riproduzione meccanica del medesimo modello e la fotografia, doveva allora essere raggiunto facendo viaggiare delle persone..”(p. 573)



Nel caso in cui, invece, una parte del gruppo è in linea di principio sedentaria, mentre un’altra di caratterizza proprio per la sua mobilità, allora questa differenza nel comportamento spaziale diventa sostegno per una ostilità già esistente. Il tipo sociale cui Simmel si riferisce è quello del vagabondo e dell’avventurero, “il cui continuo girovagare proietta nello spazio l’inquietudine, il carattere rubato del loro interiore ritmo di vita” (576)14. Simmel descrive molto efficacemente le tensioni tra nature sedentarie e vaganti che vedono l’una nell’altra il proprio nemico naturale e inconciliabile e che entrambe sono generate dallo stesso bisogno di autoconservazione.
Chi voglia leggere l’articolo completo http://spol.unica.it/sitodres/quasoc9496.htm

1 Secondo molti sudiosi lo spazio costituisce uno dei principi strutturali che sono alla base della sociologia Simmelliana, intendendo con questo termine le categorie di base del pensiero di questo autore. Cavalli (1989), ad esempio, individua quattro concetti fondamentali nella sociologia di Simmel: la dimensione dualistica, per cui ogni forma sociale nasce dall’incontro di tendenze opposte; la dimensione spaziale, la dimensione temporale e la dimensione numerica. Dal Lago (1994) mette in evidenza come questi principi siano piuttosto assiomi filosofici. Questo è in particolar modo vero per i concetti di spazio e tempo che non possono essere considerati principi ma apriori filosofici. B. Nedelmann (1993) sostiene che Simmel tratta lo spazio e il tempo come metafore, ovvero come costruzioni sociali con le quali gli individui si fanno un’immagine del loro mondo esterno ed un’immagine del loro mondo interno

2 Secondo Kant, spazio e tempo non sono nè proprietà oggettiva delle cose, nè concetti empirici ricavati dall’esperienza: noi non potremmo infatti in nessun modo rappresentarci le cose come esterne a noi e come esterne tra loro, quando non possedessimo già da prima la rappresentazione dello spazio. Spazio e tempo sono quindi condizioni apriori della nostra sensibilità, forme soggettive dei fenomeni” Il tempo non è altro che la forma del senso interno, cioè dell’intuizione di noi stessi e del nostro stato interno...Lo spazio non è altro che la forma dei sensi esterni, cioè la condizione soggettiva della sensibilità sotto la quale soltanto ci è possibile l’intuizione esterna”.

3 Dal Lago (1994) mette in evidenza come le difficoltà a trattare questi il tema dello spazio e del tempo che la sociologia istituzionale ha sempre incontrato, dipende proprio dal fatto che si tratta di universali antropologici.

4 Desideri mette in evidenza come lo stesso pensiero Simmelliano sia esplicabile come un processo di Abgrenzung, di delimitazione.

5 Sull’analogia tra la cornice Simmelliana e i frames di Goffman si veda Dal Lago (1994).

6 Per spiegare quali sono gli effetti del limite sulle relazioni sociali Simmel considera l’aspetto della ristrettezza o dell’ampiezza della cornice. Egli mette, ad esempio, in evidenza il rapporto tra l’impulsività delle folle nello spazio aperto, che da loro un senso di libertà, in contrasto con la tensione che si determina in uno spazio chiuso; o ancora come nel buio ristrettezza e ampiezza si fondono e lasciano campo alla fantasia.

7 Questo concetto richiama decisamente la pattern variable parsonsiana diffusione/specificità. Simmel spiega come la delimitazione attribuisca un carattere di oggettività alle relazioni e alle appartenenze.

8 Sulle assonanze tra le categorie di vicinanza e distanza in Simmel e i concetti di pesenza/assenza in Giddens, coesistenza/contemporaneità in Schutz e interazione/comunicazione in Luhmann si veda Mandich (1994).

9 Piaget e Inheler (1972) individuano nella vicinanza il rapporto più elementare. La vicinanza è definita come una “prossimità” degli elementi percepiti all’interno dello stesso campo.

10 Simmel costruisce un vero e proprio profilo sociologico dell’occhio e dell’orecchio. L’occhio è il senso spaziale per eccellenza, mentre l’udito è il senso temporale. Per il cieco, l’altro esiste solo nella successione, nella serie temporale delle sue manifestazioni. “La contemporaneità irrequieta e inquietante...delle tracce di tutti i passati sfugge al cieco” (p. 553). Colui che vede senza udire è molto più confuso, perplesso, inquieto di colui che ode senza vedere. Questo è un elemento significativo per la sociologia della grande città, dove il traffico che vi si svolge mostra una preponderanza smisurata del vedere sull’udire gli altri.

11 Frisby cita tra l’altro il saggio su Rodin nel quale Simmel individua nella dinamicità la vera essenza della modernità. La musica, ad esempio, è l’arte veramente moderna, perchè la più dinamica, così come l’arte di Rodin rappresenta una nuova monumentalità del divenire, del movimento.

12 Su questo punto cfr. Cavalli (1993).

13 Simmel mette ad esempio in evidenza il ruolo dello straniero nel commercio: l’attività di intermediazione e scambio con l’esterno può essere svolta al meglio da una figura che si colloca al di fuori di una cerchia economica in qualche modo chiusa, e in cui le posizioni sono definite. L’esempio classico è fornito dalla stria degli ebrei europei.

14 Nel saggio sull’avventura Simmel descrive il sentimento di esaltazione che caratterizza questa esperienza. Gli individui si sentono sradicati e vaganti ma proprio per questo liberi di realizzare le proprie possibilità. Sull’avventura come esperienza virtuale vedi Bodei (1993).




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale