La preistoria



Scaricare 0.88 Mb.
Pagina46/46
17.12.2019
Dimensione del file0.88 Mb.
1   ...   38   39   40   41   42   43   44   45   46
GLI ETRUSCHI
La civiltà degli etruschi fiorisce tra l'VIII e il I secolo a.C. e si sviluppa tra Toscana, Umbria, Lazio e parte della Pianura Padana e della Campania. Si tratta di una civiltà enigmatica, la cui origine si fa risalire al Mediterraneo orientale Il culto dei morti è il motivo dominante dell'ispirazione artistica etrusca, come si può notare negli affreschi che ornano le tombe rinvenute nelle numerose necropoli (Cerveteri, Tarquinia, Populonia). Gli elementi decorativi sono fortemente ispirati all'arte greca e minoica, facendo proprio il linguaggio ornamentale delle anfore a figure nere, alle quali però viene aggiunto il colore.

La maggior parte dei dipinti tombali sono eseguiti ad affresco. La base è costituita da un sottile strato di argilla mescolata con paglia, su cui viene steso un fondo di latte di calce. I colori erano spesso usati in miscela, dando vita ad una notevole gamma di colori, tra cui dominano le tonalità rosse e azzurre. La tavolozza è analoga a quella egiziana, con grande impiego di ocre e blu Egiziano.


I ROMANI
Dopo il declino dell’Impero Ellenico inizia lo sviluppo della civiltà Romana, che basò tutta la sua arte e cultura sui resti di quella Greca Dal punto di vista dell’arte pittorica, come si è detto, i Romani non sono noti per avere introdotto sviluppi significativi, a differenza del loro contributo alla civiltà in altri settori come l’ingegneria civile, l’architettura e l’organizzazione della società. Peraltro la forma più comune di arte era la scultura. Piuttosto, è interessante il fatto che i Romani usavano l’arte anche a scopo di propaganda: molte conquiste e campagne militari degli imperatori erano registrate in incisioni o rilievi in modo da agire da corrispondenza di guerra ante litteram.

Condividi con i tuoi amici:
1   ...   38   39   40   41   42   43   44   45   46


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale