La storia e’ IL regno dell’inesatto



Scaricare 12.85 Kb.
02.06.2018
Dimensione del file12.85 Kb.



LA STORIA E’ IL REGNO DELL’INESATTO

1

«La storia non è storia se non nella misura in cui essa non ha avuto accesso né al discorso assoluto, né alla singolarità assoluta; nella misura in cui il senso ne resta confuso, mescolato…la storia è essenzialmente equivoca, nel senso che essa è virtualmente événementielle e virtualmente strutturale.



La storia è veramente il regno dell’inesatto. Questa scoperta non è inutile; giustifica lo storico. Lo giustifica di tutte le sue incertezze. Il metodo non può essere che un metodo inesatto. La storia vuole essere obiettiva e non può esserlo. Vuol far rivivere e non può che ricostruire. Vuol rendere le cose contemporanee, ma al tempo stesso le occorre restituire la distanza e la profondità della lontananza storica. Alla fine, questa riflessione tende a giustificare tutte le aporie del mestiere dello storico (…)».
(P. Ricoeur, Histoire de la philosophie et historicité [1961], p. 226)

2
I) «La storia deve essere considerata una scienza inesatta per eccellenza».

Ogni storico ha a che fare con infinite variabili indipendenti, imprendibili e ignote; quindi interpreta e ricapitola grandi complessi non ancora risolti, non in virtù di esperimento e di calcolo, ma in base alla sua filosofia personale, alla sua capacità di vedere e alla sua conoscenza umana. Una rappresentazione storica varia in ogni spirito che la fa propria.


II) «L’avvenimento storico non è mai isolabile da quel più ampio contesto di dati in cui diviene per noi riconoscibile».

E’ lo storico a selezionare i dati e a rendere l’evento conoscibile.


III) «Le leggi storiche non sono conoscibili, quindi sono impossibili».

Le cosiddette leggi non sono altro che vaghe constatazione di una presunta regolarità osservate in un numero ristretto di casi.


IV) «Il concetto di causalità non ha nella storia che un valore molto limitato».

Al massimo si può ammettere la probabilità.


V) «Il concetto di evoluzione è poco utilizzabile, nella scienza storica, e talvolta è nocivo».

Anche se è stato impiegato per primo proprio in campo storico (secc. XVII-XVIII) troppi sono gli elementi di disturbo e le interferenze: la storia non un organismo.


(J. Huizinga, La scienza storica[1929] )


DALLO SCHEMA ALL’INDAGINE


(La xilografia e l’acquarello)

“Avete studiato un fenomeno storico, non importa di che genere, se concreto o piuttosto astratto, in un manuale o in una monografia, e così vi siete formati un’idea più o meno schematica dell’argomento. Ora vi accostate alle fonti perché, con la conoscenza di queste, la vostra idea divenga veramente viva. Probabilmente l’impressione iniziale non sarà scevra da un misto di delusione e disorientamento. Non ritrovate nelle fonti il vostro schema, ma vi imbattete in un gran numero di dati che, almeno in apparenza, non concordano affatto con esso. Invece di vedere il fenomeno delinearsi nitidamente, lo vedete, per così dire, nascondersi in una nebbia di immagini oscure e confuse. Stentate a ritrovare nelle fonti le vostre nozioni storiche precedenti. Quale sarà ora la vera storia? L’idea precisa e schematica ricavata dal manuale, o la visione confusa e complessa fornita dalla tradizione diretta?

In ogni succinta esposizione di un processo storico si ha un’abbreviazione e semplificazione che non può accordarsi con la variopinta complessità del vivo passato. Ogni schema storico è insufficiente. Il ricercatore scientifico fa di continuo un’esperienza analoga a quella dello studioso ancora un po’ inesperto, cui abbiamo accennato. Ha l’impressione che ogni sua indagine nuova smentisca, in misura maggiore o minore, i risultati degli studi precedenti. Ma forse per questo rinuncia a descrivere in un certo modo il fenomeno storico? Niente affatto. Egli tenterà e ritenterà di correggere il vecchio schema, troppo semplicistico, rielaborando aspetti che prima erano stati trascurati (…). Connessioni, rapporti, situazioni che prima lo storico vedeva dinnanzi a sé tanto nitidi e semplici, come una primitiva xilografia, d’ora in poi si presenteranno piuttosto come un’acquaforte impressionistica o come un acquerello».
(J. Huizinga, La scienza storica, pp. 50-51)




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale